×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

Magnifiche Marche  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
Claudia
Scritto da: Claudia
Durata: 2 GIORNI
Data partenza: dal 08/07/2012 al
Viaggiatori: 2
Nomi dei viaggiatori: CLAUDIA E DANIELE

Introduzione

Due giorni nel cuore delle Marche, alla scoperta di perle di rara bellezza.

Descrizione

Nonostante questo fine settimana sia partito un po' con difficoltà, a causa di una precedente cancellazione per colpa di un problema di salute, trascorriamo due giorni meravigliosi nel cuore dell'Italia, nelle vicine Marche. Vicine geograficamente, ma di certo non meno affascinanti.

Prenotiamo un agriturismo a Montemonaco, non distante da Ascoli Piceno, nel cuore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini ma, prima di goderci questa bella struttura, passiamo parte della domenica a visitare alcuni dei borghi piu' belli d'Italia. Partiamo da Corinaldo. Un sogno. Consiglio vivamente a chiunque di fermarsi, anche per una breve visita, in questo splendido borgo arroccato sulle colline anconetane. Circondato da mura perfettamente conservate, è piacevole salire sui bastioni per godersi il bel panorama soleggiato. Passeggiando lungo le vie del centro, godiamo appieno della bellezza dei palazzi gentilizi e religiosi. In particolare ci fermiamo per una visita al Santuario dedicato a Santa Maria Goretti, essendo domenica non riusciamo ad entare in molti edifici, soprattutto per non disturbare le funzioni. Il santuario incorpora la chiesa dedicata a San Nicolò, in stile barocco. Centro principale del borgo è la Piaggia, una lunga scalinata sulla quale si affacciano splendidi edifici e dalla quale si diramano vicoli tutti da scoprire. Da qui, ci imbattiamo in una casa alquanto particolare, che ci fa molto sorridere, in realtà: la Casa di Scuretto. Questi altri non era altri che un calzolaio di nome Gaetano, definito "eccellente bevitore", il cui figlio si trasferì in America e spediva regolarmente dei soldi al padre, per permettergli di costruire una casa. Ma i soldi sparivano nelle osterie. Il figlio, un bel giorno, chiese di vedere una foto della nuova casa e, il furbo Scuretto, non avendo abbastanza denaro, fece costruire solo una facciata, con tanto di numero civico e, tanto per calarsi meglio nel ruolo, si fece fotografare affacciato ad una delle finestre, in modo da chetare i sospetti dell'ignaro figlio. Questa facciata è ancora visibile. Corinaldo è tutta da godere. I vicoli ben curati, le piazze vissute dagli abitanti che vi trascorrono la domeinca mattina in attesa del pranzo, le belle mura ed i panorami mozzafiato sulla vallata.

Ma il nostro programma è ancora piuttosto lungo, pertanto ripartiamo alla volta di Cingoli, attraverso colori splendenti e distese di campi di girasole. Cingoli è, per definizione, il Balcone delle Marche. Non ci servono più di due minuti per capirne il motivo: gli affacci sul mare di Ancona sono dei dipinti a cielo aperto, valgono da soli una visita al borgo. E, se a questo, aggiungiamo anche la possibilitàdi fare una bella passeggiata lungo le vie del paese, otterremo un ottimo mix. Peccato ci siano tanti lavori di ristrutturazione: ovvio che i danni causati dalle recenti, intense nevicate, non hanno lasciato altra soluzione, comunque ci accontentiamo di muoverci fra le vie principali e la bella piazza Vittorio Emanuele, sulla quale sorgono il Municipio e la cattedrale di Santa Maria Assunta. Ci inoltriamo, senza una meta precisa, attraverso i vicoli attorno alla cattedrale, ammirandone la bellezza e la tranquillità, accompagnati ogni tanto da una panoramica sul territorio. Mentre la potenza calorifera di Minosse, l'attuale anticiclone che tormenta l'Italia, aumenta con l'arrivo delle ore centrali della giornata (in effetti, questo breve viaggio, verrà ricordato come "quel fine settimana che abbiamo trascorso insieme a Minosse"), decidiamo di visitare anche Treia.

Treia fa parte, come già i precedenti, dei borghi più belli d'Italia. È una piccola, elegante cittadina, il cui centro principale e' Piazza della Repubblica, dalla quale partono bei vicoli tutti da scoprire. La piazza è affacciata sul rigoglioso territorio e, su di essa, sorgono il Palazzo Comunale, la Cattedrale e la palazzina dell'Accademia. L'agglomerato urbano si dipana su vicoli e scalette, dove perdersi passeggiando. Attorno a noi c'è la classica sonnolenza di un primo pomeriggio di luglio, perciò possiamo goderci con serenità gli ameni scorci da cartolina, perdendoci fra un vicolo e l'altro. L'ultima tappa di questa giornata è una vera e propria scoperta: Montecassiano.

Questo borgo è una perla. Anche qui la carattersitica principale sono i bei vicoli e le scalette che collegano veri e propri tesori da scoprire: cortiletti interni, piccole chiese e palazzetti. Ci fermiamo nel cuore del borgo, la piazza principale, splendidamente medievale, dove ci concediamo un gelato, dato che non siamo riusciti a trovare nessuno che vendesse panini con la porchetta marchigiana. Partiamo ora alla volta di Montemonaco, per raggiungere La Cittadella, l'agriturismo dove pernotteremo. Il percorso che ci porta fino a questo piccolo luogo di pace, è meraviglioso: si costeggia il Parco Nazionale dei Monti Sibillini, attraversando i vari comuni del Parco stesso, un'idea meravigliosa per un prossimo breve viaggio! Prendo appunti per pianificare il prossimo itinerario, la zona è davvero suggestiva e sempre molto affascinante, sia per ciò che riguarda i borghi, sia per un discorso naturalistico. La Cittadella è un bell'agriturismo affacciato proprio sui Sibillini, dove possiamo trascorrere il resto del pomeriggio in piscina con vista sul Monte Vettore: un panorama unico, caratterizzato da giochi di luce tipici di questa zona. Prima di cena, decidiamo di fare una passeggiata a Montemonaco.

È un piccolo comune dei Sibillini, dove piccoli vicoli si incunenano fra loro come una ragnatela, carino e, soprattutto, ideale per la partenza con le escursioni paesaggistiche ai Monti Sibillini.La cena in agriturismo è molto piacevole, molto familiare e anche di ottima qualità, un bell'ambiente molto godibile. Dopo un antipasto a base di polentina con cinghiale, ci propongono dei ravioli fatti in casa, quindi della carne mista e un bel dolce, il tutto annaffiato da un corposo litro di rosso: meno male che non dobbiamo rimetterci subito in marcia, altrimenti sarebbe un bel problema! 

Questa mattina, dopo la colazione con la marmellate fatte in casa, partiamo alla volta della bella Ascoli Piceno: provincia, città ma, prima di tutto, una piacevole scoperta. Ascoli è di una bellezza incredibile, consiglio di non fare il nostro stesso errore, ossia calcolare poco più di un'ora per la visita e pagare il parcheggio di conseguenza. Se possibile è meglio fermarsi almeno una mattinata, per scoprire con calma ogni scorcio della città, le torri, le numerose chiese, le piazze che sono dei veri salotti, senza nulla da invidiare alle piazze più famose del nostro paese, come Piazza del Popolo, meraviglioso luogo di ritrovo cittadino. Per non parlare, poi, della grandiosa bellezza del Duomo, la cattedrale di Sant'Emidio, in Piazza Arringo, sulla quale sorgono anche la pinacoteca civica ed il Battistero di San Giovanni. 

Partiamo alla volta di Offida, dal cui centro si diramano vari vicoli che attraversano il paese. Vero gioiello è la piazza principale, scenario naturale di rievocazioni storiche, sulla quale sorge il Palazzo Comunale, il Teatro Serpente Aureo e la meravigliosa chiesa collegiata, dove e' stata anche ricostruita la grotta di Lourdes. Ultima tappa della nostra due giorni fra i borghi più belli d'Italia è Grottammare, che visitiamo con grande piacere. Piccolo delizioso borgo a ridosso del mare, sorge attorno ad un ricercato dedalo di viuzze che convergono tutte in piazza Peretti. È possibile passeggiare fino al castello, godendo di una bella panormica, anche se questa è una verità applicabile ad ogni sorcio del borgo. Si può salire al Torrione della Battaglia, sempre per ammirare il mare. È un borgo da cartolina assolutamente da visitare! Dopo questi due caldissimi giorni di visite e tanti nuovi appunti, non mi resta che orgnaizzare presto un nuovo itinerario, per scoprire in maniera piùapprofondita queste Magnifiche Marche.

DiaryDetailTopContainer-GetPartialView = 0,1560717
AdvValica-GetPartialView = 0

Commenti

DiaryCommentList-GetPartialView = 0,0050051

Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori
I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!;
DiaryWriteDiary-GetPartialView = 0,0010009
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
DiaryListRelated_2xN-GetPartialView = 0,0150145
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0070064
AdvValica-GetPartialView = 0,0010012

Scarica gratis

la guida pdf di Ascoli Piceno
La guida perfetta ovunque tu sia

Scarica gratis

la guida pdf di Grottammare
La guida perfetta ovunque tu sia

Scarica gratis

la guida pdf di Cingoli
La guida perfetta ovunque tu sia
DiaryGuideList-GetPartialView = 0,0040039
DiaryList_1xN-GetPartialView = 1,0298215
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
JoinUs-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020021
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009