×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020021
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Cittadella: guida completa e cosa vedere  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0040038
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0030026
AdvValica-GetPartialView = 0,0010012

Cittadella, in gergo detta Sitadèa, si trova nella regione del Veneto, in provincia di Padova dalla quale è distante circa 31 km. Ubicata nella pianura della sua regione, la città è, di conseguenza, pianeggiante, un’area attraversata dal fiume Brenta, tredicesimo corso d’acqua italiano per dimensioni. Quest’ultimo, lungo circa 175 km, prende vita dal lago di Caldonazzo e di Levico nella regione del Trentino-Alto Adige, per poi sfociare nella zona dell’Alto Adriatico.

Il clima di Cittadella è temperato, piuttosto umido, con precipitazioni frequenti, in maniera particolare nei periodi compresi tra marzo e maggio e tra ottobre e novembre; i periodi estivi, inoltre, sono all’insegna delle alte temperature. D’inverno, la città diviene innevata.

Per quanto concerne la storia di Cittadella, va detto che il suo iter è indissolubilmente legato a quello di Padova, tant’è che, nel capoluogo, tra le tre porte medievali presenti, ve n’è una chiamata Porta della Cittadella Vecchia, visitabile tutt’oggi insieme alle altre due, rispettivamente quella di porta Molino e quella di porta Altinate, grandi testimonianze di natura medievale. Prima della fase medievale, la zona di Cittadella fu abitata dagli antichi Romani che occuparono il Veneto durante il III secolo a.C. e che divenne importante anche e, soprattutto, grazie alla via Postumia che univa le città di Aquileia e di Genova, attraversando buona parte della zona nord dell’Italia dove, tra l’altro, ancora oggi, sono visibili le centuriazioni del territorio. In seguito, con la caduta dell'Impero Romano, l’area fu assorbita dal Regno dei Longobardi. Fu così che Cittadella venne messa un po’ in secondo piano, mentre i centri dei dintorni ovvero Onara, Fontaniva, Tombolo, Galliera furono sedi di piccole signorie di tipo feudale.

Tra il XII ed il XIII secolo, Padova acquistò maggiore importanza, entrando in rivalità con le città di Vicenza e Treviso pertanto si pensò a Cittadella quale ad un luogo che doveva servire da salvaguardia e fortificazione, ragione che spinse a rafforzarne le mura e l’abitato secondo il progetto di Benvenuto da Carturo. Quest’ultimo aveva previsto la nascita di un agglomerato urbano con governo autonomo che doveva servire quale base per il dominio da espandersi sull’area compresa fra il fiume Brenta e il torrente del Musone, detto anche Muson. Il destino della città, per molto tempo, andò di pari passo con quello di Padova: la città, pertanto, fu sotto dominazione dei Carraresi e poi degli Scaligeri per poi ritornare nelle mani dei Carraresi. Dopo il 1406, e in seguito ai vari scontri avvenuti, Cittadella lega il suo destino a quello della città di Venezia, per diverso tempo, divenendone uno dei centri amministrativi ed economici. Nonostante questo, però, non sono tante le testimonianze che Venezia lascia a Cittadella sotto il profilo di palazzi e ville giacché il legame più importante si era costituito tra Venezia e Castelfranco Veneto. Di conseguenza, al declino di Venezia seguì quello di Cittadella, slittando in mano francese e poi austriaca per poi ritornare in mano ai Francesi. In seguito, Cittadella fu sotto il dominio di Vicenza e poi nuovamente di Padova, nel periodo del Regno lombardo-veneto. Dopo, con il concludersi del dominio ad opera degli Austriaci, nel corso dell’anno 1866, la Cctà entrò a far parte del Regno d’Italia.

Sotto il profilo economico, Cittadella si regge essenzialmente sull’agricoltura data la sua conformazione geografica favorevole, estendendosi in pianura, circondata com’è da corsi d’acqua, e sul turismo, incluso quello di tipo rurale.

Per quanto riguarda gli eventi, va senz’altro menzionata la Festa dei Veneti che si tiene a Cittadella dall’anno 2004, mentre nel mese di ottobre di ogni anno si svolge la cosiddetta Fiera Franca. La Festa dei Veneti, di natura esclusivamente culturale, mira a mettere in risalto le peculiarità della regione del Veneto, dai prodotti enogastronomici alle produzioni musicali in lingua veneta, non dimenticando la rievocazione storica ad opera di gruppi locali. La Fiera franca, invece, meglio conosciuta quale la Fiera di Cittadella ha scopi commerciali e vede la presenza di numerosi stand.

La cucina di Cittadella vede al suo centro gli "osei" ovvero, vari tipi di cacciagione, il radicchio, i secondi di carne e pesce, soprattutto il baccalà e quelli di acqua dolce. Famosi sono poi i vini veneti. Nell’area di Gazzo, radicata è la produzione del formaggio Grana Padano e dell’Asiago, oltre a quella della polenta, del riso, del formaggio Montasio, del radicchio, del torrone, della grappa e della cosiddetta Torta pinza.

Ancora, citiamo, per quanto concerne i piatti di carne, preparazioni tipiche quali quella del cappone alla canevera e i bolliti. Assaggiate l’ottimo pesce: sarà senza dubbio fresco poiché pescato nei laghi circostanti il fiume Brenta. Tra questi, in particolare, consigliamo lo storione e la trota. Anche dal punto di vista dei vini, la città di Cittadella non lascia delusi: tra i famosi vini della zona del padovano, troviamo quelli del Consorzio vini D.O.C. dei Colli Euganei e di Bagnoli, rinomati già ai tempi del Petrarca. Molto conosciuto è il Radicchio Variegato Castelfranco, non dimenticando l’Asparago Fontanivese De.C.O., mentre per i più golosi abbiamo il Torrone di San Martino di Lupari, completando il pasto con la grappa Brugnolaro.

Tra le curiosità ricordiamo che la città di Cittadella è tra quelle insignite del premio al Valor Militare per la Guerra di Liberazione, con tanto di medaglia d'Argento al Valor Militare.

Sotto il profilo turistico, va detto che di certo si arriva a Cittadella per le ottime produzioni enogastronomiche, ma anche per rilassarsi in tranquille strutture ricettive immerse nel verde, oltre che per visitare la città importante sotto il profilo storico, molto affascinante anche per il suo sistema di fortificazione.

Prefisso:
049
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
cittadellesi
Patrono:
santi Prosdocimo e Donato
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0070069

Valutazione generale

5
Ottimo
5
Buona
5
Media

Chi c'è stato

Tutti
6
Coppie
3
Famiglie
3
Turisti maturi
1

Indicatori

mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
Trasporti
Sicurezza
Alloggio
shopping
Intrattenimento
Attrattive
attività
convenienza
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0080072
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Cittadella

Conosci Cittadella? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Molto bella è la cerchia delle mura a forma di ellisse (una lunghezza complessiva di m 1416 che arriva sino ad un’altezza di 12-13 m) di epoca medievale. Pittoresche sono le porte della città in corrispondenza dei quattro punti cardinali... vedi tutto che conservano tutte tracce di affreschi di varie epoche. Notevoli sono la duecentesca parrocchiale dei Ss. Prosdocimo e Donato rifatta nel XIV sec. e la trecentesca loggia del Municipio ristrutturata agli inizi del Novecento. Da non perdere è la torre di Malta (1251) sorta come carcere politico per volontà di Ezzelino da Romano e rievocata da Dante nella Divina Commedia (canto IX del Paradiso). Di fronte alla torre si ammira la chiesa del Torresino sorta a ridosso delle mura nel XIII sec. Poco più avanti, subito fuori le mura, si vede la pieve di S. Donato (XII sec.) che ha costituito per secoli il principale centro religioso dell’abitato.
Ileana
Voto complessivo 7
Guida generale : E' una bella cittadina fortificata con ancora le mura intatte..locali carini e ristorantini tipici a buon prezzo. Serate estive rallegrate da musica dal vivo sulle piazze e negozi di marca aperti anche di sera in occasione di eventi. Il giro delle mura... vedi tutto è gratuito e si possono visitare qualche museo a tema. Fare colazione in qualche baretto all'interno delle mura magari nel dedehor estivo è molto carino. L'accoglienza delle strutture turistiche è ottima..ci sono hotel e locande accessibili appena fuori le mura. Dalle mura c'è una bellissima vista sull'arco alpino e le pianure limitrofe. La sua vicinanza a Padova e ad altri centri turistici la rende un ottima meta per un week-end fuoriporta un pò insolito. Cittadina medievale per eccellenza rimane tutta da scoprire al suo interno con viuzze ed angoli caratteristici. Molto bella.
roberta de rossi
Livello 14     2 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Guida generale : L'IDEALE E' VISITARLA IN OTTOBRE DURANTE LA SAGRA PAESANA; VEDERE TUTTI I COLORI E LE LUCI DELLE BANCARELLE DALL'ALTO DELLE SUE TORRI O DAL CAMMINAMENTO DI RONDA E' UNO SPETTACOLO MOLTO SUGGESTIVO. PER GLI APPASSIONATI DI FOTOGRAFIA ANCHE LA MANIFESTAZIONE "L'ARTE,... vedi tutto LE DAME E I CAVALIERI" IN PURO STILE MEDIEVALE E' OCCASIONE PER FARE DELLE BELLE FOTO-CARTOLINA.
Da non perdere TEATRO SOCIALE , CHIESA DEL TORRESINO , Camminata sulle mura
roberta de rossi
Livello 12     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Cittadella è sicuramente un piccolo centro che merita di essere visitato. La cerchia murata, ben conservata, custodisce ancora oggi il cuore del paese e rappresenta un bellissimo esempio di cittadella fortificata medievale. Lavori di restauro realizzati in questi ultimi anni... vedi tutto hanno permesso il recupero di tutti i camminamenti di ronda ed è molto suggestivo, soprattutto di sera illuminati da fiaccole, fare il giro delle mura ammirando il paese dall'alto. E' proprio: WALKING ON HISTORY.
Da non perdere Chiese del Torresino e di San Donato , Palazzo Pretorio , Camminata sulle mura
Vania
Livello 20     3 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Guida generale : DA VISITARE ASSOLUTAMENTE LE MURA CON LA CAMMINATA SOPRA. GIRARE PER IL PAESE PICCOLO MA CARINO CON TANTI NEGOZI E LOCALI. VISITARE LA CHIESA, IL TEATRO E LA CHIESA DEL CARMINE ADIBITA A MOSTRE. INOLTRE IL TORRIONE È STATO ADIBITO... vedi tutto A MUSEO STORICO. UN SERVIZIO DI PULLMAN VI PUÒ PORTARE A BASSANO DEL GRAPPA (KM 15) FAMOSA PER IL PONTE DEGLI ALPINI. NEI DINTORNI CI SONO ALTRI PAESI DA VISITARE ED I TRASPORTI FUNZIONANO BENE. AD OTTOBRE C'È LA FIERA PER TUTTO IL MESE CON MERCATO E FESTE TRADIZIONALI. LUNA PARK E BANCARELLE.
Da non perdere Camminata sulle mura , torrione , chiesa del carmine
Mariarosa Scapin
Livello 11     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Guida generale : È una splendida città d'Arte nel cuore del Veneto, in provincia di Padova. Con le sue maestose mura medioevali a forma eloidale, accessibili per il camminamento di ronda che permette il giro completo delle mura è un''attrattiva unica nel suo... vedi tutto genere. La bellissima passeggiata lungo il suo fossato permette di contemplare nella sua interezza la bellezza e la storicità di questo capolavoro.
Voto complessivo 6
Guida generale : Pur piccola,ma dalle mura maestose,ha moltissime opere d'arte importanti e da visitare con attenzione..piacevole per i portici con negozi moderni e per le stradine che richiamano i suoi tempi antichi pieni di storia.
monica
Voto complessivo 10
Guida generale : Cittadina curata, tranquilla, a misura d'uomo e dotata di servizi e intrattenimenti in qualsiasi stagione la si visiti
sergio
Voto complessivo 2
Guida generale : Cittadina bella e accogliente, da visitare più volte e scoprirai sempre qualcosa di nuovo e antico.
Da non perdere Il giro delle mura
daniel
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 10
Guida generale : Cinta muraria imponente appena restaurata da non perdere con camminamento di ronda che non ha eguali in europa! Anche il fossato di guardia da non perdere. Buon viaggio
Da non perdere palazzo pretorio , cinta muraria del 1200
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0240235
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0982565
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0080063
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Cittadella

HotelSearch-GetPartialView = 0,0100094
AdvValica-GetPartialView = 0,0010017





FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020013

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Mete romantiche
Verde e natura
Studenti
Shopping
Mete per la famiglia
DestinationListExperience-GetPartialView = 0,0020021
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,022021
JoinUs-GetPartialView = 0,0010008

Meteo Cittadella

Sereno
21 °
Min 1964° Max 3316°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0270261
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020021
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009