×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Venezia  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Venezia

Superfice:
415 km2
Altitudine:
254 m
Abitanti:
264785 [2014-07-31]
Introduzione

La città di Venezia, capoluogo regionale e di provincia, è sicuramente una delle più pittoresche, suggestive e belle città d’Italia e del mondo, sorge a quattro chilometri dalla terraferma, nella vasta laguna adriatica che ne porta il suo nome.

L’acqua presente in ogni angolo della città, i canali, gli edifici che sembravo venir fuori dal mare, i vaporetti, i motoscafi, le barche e le famosissime gondole la rendono davvero unica.

La città d’arte è un incomparabile centro culturale, artistico e turistico ed è inoltre sede universitaria.

Le sue origini risalgono all’epoca delle invasioni barbariche in epoca romana prendeva il nome di “Venetia” ed era abitata da pescatori, salinari (che lavoravano nelle saline), tutti esperti nella costruzione delle imbarcazioni per la navigazione lagunare e fluviale. Alla fine del VII secolo gli abitanti delle lagune vennero governati da un duce o duca, detto “doge” in dialetto veneto. Da questo momento prese vita la prima forma di stato veneziano, il Dogato, che contraddistinse Venezia per diversi secoli. In epoca medievale, Venezia diventò la regina indiscussa del Mediterraneo sia da un punto di vista militare che commerciale, avendo rapporti con quasi tutto il mondo allora conosciuto.

Inoltre già in quell’epoca l’industria del vetro a Venezia era sviluppata ed aveva numerosi compratori nel Levante e in Europa.

Tra i veneziani più famosi vi è Marco Polo e Ugo Foscolo, di Venezia si è scritto moltissimo basti ricordare Shakespeare che vi ha ambientanto l'Otello e il mercante di Venezia.

Ciò che la rende famosa in tutto il mondo è il suo meraviglioso Carnevale di Venezia che risale al X secolo e che è considerato la manifestazione di carnevale italiana più importante dell’anno e la Regata Storica, sfilata delle imbarcazioni – fra cui le splendide gondole – che hanno fatto la storia della città.

Estremamente nota è anche il famoso "Festival del Cinema di Venezia" che si svolge ogni anno nel mese di settembre che ha un valore nazionale e internazionale e richiama un grandissimo numero di visitatori e turisti.

Meta ideale anche per i buongustai e per gli amanti del turismo enogastronomico oltre a godere di una grande fama per il buon pescato molto interessanti sono i prodotti degli orti delle isole, e la polenta ma anche alcuni dolci come il "pan del pescatore" con mandorle e pistacchi, la crema fritta veneziana i "bussolai" dell'isola di Burano e le chiacchere o crostoli, le nostre comuni frappe.

Prefisso:
041
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
veneziani
Patrono:
Marco evangelista e altri 25 compatroni
Giorno Festivo:
21 novembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

553
Ottimo
141
Buona
42
Media
5
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
93
Coppie
49
Giovani e single
26
Turisti maturi
21
Famiglie
18

Indicatori

Intrattenimento
Sicurezza
Attrattive
shopping
Servizi ai turisti
attività
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Trasporti
convenienza
Accessibilità
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0

Recensioni Venezia

Conosci Venezia? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : La città di Venezia sorge nel cuore della splendida Laguna ed è divisa in quartieri, detti “sestieri”: San Marco, Santa Croce, San Paolo, Dorsoduro, Castello e Cannaregio. Il sestiere San Marco è il cuore della città ed è caratterizzato dalla... vedi tutto splendida Piazza San Marco. Possiamo visitare numerose bellezze: il Museo archeologico; il Museo Correr; il Palazzo Camerlenghi; il Palazzo Fortuny; il Palazzo Grassi; la Basilica di San Marco (costruita su modello della Basilica dei Santi Apostoli di Costantinopoli); il Campanile di San Marco; il Palazzo Ducale del XIV e XV secolo; la Chiesa di Santo Stefano e la Torre dell’Orologio. Il sestiere di Santa Croce, che era una zona paludosa, era meta di branchi di lupi che durante la bassa marea riuscivano a raggiungere questi luoghi ricchi di foreste. Oltre a Piazzale Roma, possiamo visitare numerose chiese: S. Simeone Profeta (X sec.); Sant'Andrea della Dirada (1475); l’antichissima Chiesa di San Giacomo dall'Orio (IX sec.) e Fontego dei Turchi della prima metà del XIII sec. Il sestiere di S. Paolo, che divenne, insieme a quello di San Marco, la sede economica e commerciale della città. Da visitare: la Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari; Cà Foscari, sede dell'omonima Università; il Ponte di Rialto; Casa Goldoni; Palazzo Albrizzi; Palazzo Mocenigo; la Chiesa di San Giacomo di Rialto; Cà Corner e la Chiesa di San Rocco. Il sestiere di Dorsoduro, anticamente denominato “Scopulo”, non era una zona molto sicura per le incursioni dei barbari. Qui ammiriamo: la Basilica della Salute (capolavoro di Baldassarre Longhena); Cà Rezzonico e le Gallerie dell'Accademia. Il sestiere di Castello, anticamente denominato Olivolo, per la presenza di oliveti, costituisce l'isola più grande sopra la quale sorge Venezia. Qui visitiamo: l'Arsenale di Venezia; il Museo storico navale; la cinquecentesca Pinacoteca Querini Stampalia; la medievale Basilica dei Santissimi Giovanni e Paolo; i Giardini della Biennale (dal 1895 sono sede della Biennale Internazionale dell’Arte); la cinquecentesca Scuola di San Giorgio degli Schiavoni. Il sestiere di Cannaregio, sorge a nord del Canal Grande e, per la presenza di fitti canneti, prese il nome di Canaleclo. Qui ammiriamo: il Palazzo gotico Cà d'oro; il neoclassico Palazzo Manfrin; il medievale Ponte delle Guglie; il seicentesco Ponte dei tre archi e la settecentesca Chiesa degli Scalzi. Nell’isola limitrofa alla città, Giudecca, che in passato era chiamata “Spina Longa”, per la sua struttura a spina di pesce, visitiamo: la Basilica del Redentore e la Chiesa di San Giorgio Maggiore. Una visita è d’obbligo alle splendide isole di Burano (dove si fanno i merletti con un’antica tecnica che si tramanda dal Cinquecento), di Murano (celebre in tutto il mondo per la lavorazione del vetro) e Torcello (abitata già dal I secolo d.C.).
Paulo Rato
Livello 31     5 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 10
Guida generale : Venezia è senza pari. È vecchia, è vero, l'età marca sgarbatamente il suo viso, ma essa la porta con orgoglio ed eleganza. Ci sono quelli che vedono solo il suo decadimento superficiale, i muri scrostati, la pietra corrosa da secoli... vedi tutto di umidità, del contatto con la laguna ed i canali: sono distratti turisti di crociera che non sanno ritardare loro sguardo sulla superficie e scoprire quello che ne sussiste dal passato, che ne persiste al di là. Dobbiamo assumere l’attenzione del viaggiatore errante, che guarda e vede. Ocorre deviare il nostro percorso del gran flusso turistico e, spesso dopo qualche passo, ascoltare il silenzio delle stradine, realizzare la natura unica di ogni edificio, palazzo nobiliare - oggigiorno Hotel, università, ufficio pubblico che sia - o casa umile; lasciare che ci sia incrostata questa atmosfera unica della città che, chiusa per i suoi canali, in se stessa detiene una storia che si conosce, un segreto che è sospettato, i veneziani che ancora si aggrappano alla loro città minacciata, coloro che sono nati lì e quelli che, dal di fuori, hanno trovato la sua città, il suo nuovo posto: quelli che si rivelano nella biancheria estesa su stringhe che uniscono i due lati di una cale, un rio terà, un campielo, l'altro lato di un sotoportego dove, da qualche parte, si nasconde una uscita per un altro percorso, un ponte, un canale - inaspettati. Oppure il piccolo molo, che c’è bisogno scoprire, dove il Canal Grande ci offre angoli di visione che le cartoline non mostrano mai, dove con la nostra macchina fotografica, troviamo la nostra cartolina soltanto da noi. Naturalmente, quelli chi lì arrivano per la prima volta, non dovrebbero mancare di visitare i luoghi in cui la grande arte, creato in secoli di grandezza, ci attende: dai musei (Accademia, Corrier, Guggenheim, tanti altri), il Palazzo Ducale, la Basilica, le "Scuole Grandi", ai piccole o meno appariscente ma non meno splendide chiese dove grandi architetti, pittori e scultori hanno lasciato un segno indelebile; né - anche se non possono andare dal La Fenice (attenzione, qui ci sono pochi posti dove la vista e l'ascolto compensano il prezzo dei biglietti) - di frequentare uno qualsiasi dei concerti e ottimi adattamenti di opere dai pregevoli musicisti e cantanti che la città guardia. Ma a volte su un vecchio muro, all'interno di un piccolo giardino quasi nascosto, alla fine di una cale stretta e buia, ci decifrono i segnali di un sentiero che non finisce mai, figurine di bellezza abbagliante, canali che spariscono improvvisamente su una chiesa, ponti che non sembrano arrivare da nulla parte, iscrizione che ci parlano di gradimenti a un santo o alla Madona per la peste che si fermò sulla soglia di quel campielo o cortile, un icone bello anche quasi sfumato, pezzi di storia raccontati dalla devozione popolare... Venezia è come un libro la cui lettura è senza fine, che non si riusce mai a chiudere in modo permanente. Trascorrere del tempo a Venezia, con lentezza e attento sguardo è guadagnare secoli di vita, di cultura, di saggezza, sfrutare di una meditazione calma, un romanticismo che i depliant turistici proclamano, ma che non risiede nel passaggio frettoloso, nei occhi distratti o guidati da altri.
Da non perdere Gallerie Accademia , Il Ghetto
daniela benazzo
Livello 34     3 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Ogni luogo di Venezia è splendido. Da non perdere il quartire ebraico vicino alla stazione, zona Canareggio, e il quartiere della Giudecca nei dintorni della Chiesa della Salute. Deliziose campo San Tommaso e i vari campielli che si incontrano passeggiando... vedi tutto nelle zone meno turistiche; molto belle anche le zone Arsenale e Accademia. I souvenirs più convenienti sono in zona mercato e ponte Rialto. Da evitare gli innumerevoli bar dove se vi sedete pagate un coperto costosissimo. Meglio comprare un panino e mangiarselo su una panchina. Se volete fare una gita in laguna consiglio Burano con le sue casette colorate. Murano delude. A Burano conviene comprare un fazzoletto ricamato, sono specializzati nella produzione di merletti e ricami e un fazzoletto ricamato con l'iniziale del nome mi sembra un ottimo souvenir. Godetevi le notti magiche a Venezia, il fascino delle sue strade e dei piccoli canali illuminati dalla luna. Girovagate senza cartina. A Venezia è bello perdersi. Facile imbattersi in qualche festa all'aperto o in concerti dentro le chiese. Penso che Venezia sia la città più bella del mondo, anche se l'ho vista molte volte, ogni volta si scopre sempre qualcosa di nuovo, una piazzetta nascosta, un canale suggestivo, un ponticello romantico. Non occorrono locali o ristoranti di lusso, Venezia è splendida mangiando un panino seduti sullo scalino di un ponticello a curiosare sul via vai delle barchette e a respirare la sua atmosfera magica. Imperdibile!
Maria Tortima
Livello 14     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Venezia è ancora una città unica nel mondo, ma per poter scoprire la sua vera bellezza bisona evitare i periodi di affollamento, i fine-settimana primaverili ed estivi, i ponti e le feste pasquali; particolarmente emozionante è perdersi nelle sue calli... vedi tutto allontanandosi dai percorsi turistici. Le zone circostanti la via Garibaldi e l'isola di Sant'Elena o l'Arsenale sono meno affollate dai turisti e più "genuine". Molto suggestive e "romantiche", inoltre, sono le isole della laguna, Murano, Burano, Torcello, Malamocco..., ma occorre soggiornare più a lungo. I vaporetti sono piuttosto cari; infatti conviene l'abbonamento a chi voglia spostarsi spesso da un punto all'altro di Venezia, senza metterci troppo tempo. Anche i ristoranti e gli alberghi sono piuttosto cari; i proprietari e il personale, soprattutto quelli dei ristoranti, sono generalmente scortesi: sembra addirittura che ti stiano facendo un favore, permettendoti di pranzare o soggiornare a Venezia; probabilmente l'atteggiamento migliora andando nelle zone più lontane dai percorsi conosciuti, io personalmente mi sono mai trovata bene solo in un ristorante sull'isola della Maddalena e in un altro vicino all'Arsenale. Comunque è bello soggiornare a Venezia per poter passeggiare verso sera nelle calli, lungo le rive o in Piazza San Marco, quando c'è meno gente in giro; Venezia inoltre, di sera, è molto più suggestiva!
loriana cirillo
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici, Con la famiglia
Voto complessivo 10
Guida generale : Se pensate di andare a Venezia e di divertirvi da matti.. SCORDATEVELO... Venezia è una Signora elegante, un po' soft ma soprattutto snob. Per frequentare le Sig.re snob ci vuole un portafoglio a "organetto". Però dopo anni di frequentazioni sono... vedi tutto riuscita a farmi una bella vacanza senza tagliarmi le vene. La prima cosa da fare è arrivare a Venezia con il treno o con l'aereo (quest'ultimo da prendere solo se ci sono occasioni perché il traghetto dall'aereoporto alla città costa caro). Dalla ferrovia, raggiungere la destinazione a piedi. Difatti Venezia si può girare tranquillamente senza l'ausilio dei traghetti... dove pernottare??? Di solito prendo in affitto una casa, ma non tramite l'agenzia, tramite privati... ultimamente ho alloggiato a Casa Ausonia, dista a pochi metri da San Marco ed è comoda anche se non modernissima... Quando avrete poi sistemato armi e bagagli, informatevi sui prezzi dei traghetti e sui vari sconti in base alla vostra età (c'è un servizio informazioni per il turista vicino ai giardini a pz. san marco). I biglietti fateli all'ultimo e fateli orari tipo 24/72 ore e dedicate gli ultimi giorni alle isole (murano burano e torcello)... invece di andare in gondola, usate il biglietto del traghetto per farvi una bella gita notturna sul canal grande.... e se proprio volete provare l'ebbrezza della gondola a soli 1 euro prendete la gondola dalla fermata rialto alla fermata s. lucia (taglia il canale da una sponda all'altra).... per mangiare oltre a farvi una bella caprese a casa, non andate nei ristoranti e in particolar modo non frequentate i ristoranti che sono a piazza san marco.... eviterete così di farvi cucinare un fegato alla veneta da un cuoco indiano, preferite invece i bacari, sono piccole osterie frequentate perlopiù da locali, oltre a deliziarvi del loro dialetto sicuramente mangerete bene senza spendere una fortuna.... e per finire dopo un giro di musei, la sera godetevi la piazza e la musica dal vivo che i vari locali offrono però in piedi e senza consumazione...oppure potete mettervi seduti comodamente al florian o al quadri, consapevoli però che tutto quello che siete riusciti a risparmiare nella giornata li spenderete tutti in una volta sola.
Martina Gardiolo
Livello 27     4 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Guida generale : La città è meravigliosa proprio per la sua particolarità unica nel suo genere. Essendo tutta interamente pedonale ha, però i suoi pro e i suoi contro. È esente da qualunque tipo di "ordinario " inquinamento acustico, il rumore dei clacson... vedi tutto e del traffico tipico di ogni città è rimpiazzato da il rumore delle barche, delle onde che provocano e dai gondolieri che intrattengono come possono i loro passeggeri. La nota negativa del fatto di essere un'isola pedonale, è che, se non si vogliono prendere i vaporetti (diventati ormai carissimi), l'unica soluzione che si prospetta per visitare la città è quello di muoversi a piedi che, con le folle di turisti e le varie calli labirintiche, può risultare un problema. Nonostante ciò, a Venezia è quasi bello perdersi, perché sono proprio le calli meno frequentate a rivelarsi le più suggestive. Consiglio di pranzare o fare aperitivo in uno dei numerosi bacari che incontrate per strada, bevete uno spritz (a soli 2,50/3 euro) di ottima qualità e assaggiate i buonissimi cicchetti tipici del locale. Per quanto riguarda le vere e proprie attrazioni turistiche, valgono la pena una visita Piazza San Marco, con Basilica e Palazzo del Doge annessi, l'adiacente Biblioteca Marciana, il Ponte di Rialto, la Punta della dogana dalla quale si gode di una vista particolare su san Marco, l'isola di Burano con le sue case colorate, l'isola di Torcello, la nascosta ma bellissima libreria Acqua Alta in Santa Maria Formosa, il Ponte dell'Accademia assaltato sempre da turisti per la particolare vista che offre sul canal grande. Oltre a queste attrazioni turistiche sono presenti, a seconda del periodo dell'anno, varie mostre di arte e architettura, le quali vengono ospitate all'interno dei palazzi storici veneziani, solitamente sfarzosamente affrescati. Gli alberghi a Venezia isola sono solitamente cari, per questo, alloggiare nei dintorni può essere una buona soluzione alternativa, poiché l'isola è ben collegata ai paesi circostanti sia di giorno che di notte.
marco
Voto complessivo 8
Guida generale : In piazzale Roma ce l'ufficio per riservare una camera di hotel che parte dalla 1 alla 5 categoria con i prezzi per cui andate sul sicuro, vicino alla stazione a 100 metri ce' la pensione roma con 50 euro si... vedi tutto dorme dignitosamente, sempre sulla stessa calle della pensione roma diciamo 300 metri oltre ci sono una miriade di bettole a cicchetti non belle a vedere esternamente ma internamente si mangia divinamente, certo se volete mangiare o fare aperitivo o caffe a piazza s.marco lo pagate carissimo, quindi entrate nelle bottegucce che ci state bene e fanno cucina casalinga, altre zone con il popolino giardini/o zona marina militare ci sono tante trattorie gelaterie a poco prezzo dai 20/30 euro mangiate come a casa, zona biennale carissima solo quando ce' la biennale, insomma dipende anche da cosa volete mangiare come da tutte le parti del mondo, centro carissimo periferia per tutte le tasche, alla fine per queste cose tutto mondo e paese, se volete arrivare da piazzale roma a s.marco a piedi mettete dai 30/40 minuti vedete davvero venezia e ci saranno mille posti per bere e mangiare, se usate il vaporetto vi perdete tutto il fascino di venezia.
SONIA ATZORI
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 10
Guida generale : Venezia è "un teatro a cielo aperto" dove il tempo si è fermato. Se si arriva in treno, difronte alla stazione,non prendere mai una gondola perché ha dei prezzi esagerati,ma prendere la linea 1 del vaporetto. Permette, con solo qualche... vedi tutto Euro, di attraversare tutto il Canal Grande e si ferma proprio a San Marco.Per visitare Murano,Burano e Torcello recarsi presso le Fondamenta Nuove al mattino dove parte il vaporetto per visitare le isole. Delle tre, sicuramente la piu' bella è Burano con le case dei pescatori colorate.Consiglio di fare tappa diretta a Burano e di fermarsi al ritorno a Torcello e Murano. Cosi' facendo si evita il flusso dei turisti e si visita Burano in tutta tranquillità. Nel quartiere di Cannaregio (dalla Stazione in direzione Ponte del Rialto)si trovano molti locali con ottimi piatti tipici della cucina veneta a prezzi contenuti.
stefano
Livello 14     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Sono nato a Mestre, classe '60, da sempre amo Venezia e possiedo un'imbarcazione cabinato, lunga 7 mt. del 1984. Da anni faccio le ferie in barca nella vicina Croazia. Quest'anno decido di ascoltare Michela, mia moglie, e si resta in... vedi tutto laguna con budget ridosso all'osso. 8 giorni a cavallo del Ferragosto. Siamo due coppie nella mia barca, le più belle ferie trascorse in barca da sempre. Laguna sud il litorale di San Piero, Pellestrina e Alberoni. La sera man mano che il sole tramonta accentua i colori delle case, ti giri verso il sole e lo vedi tramontare dietro i colli euganei restando a bocca aperta. Angoli di laguna deserti, 3-4 barche al massimo, il meteo da Bora ma la Laguna ti ripara benissimo e si continua ad andare a cozze o vongole per fare la pasta o l'impepata di cozze la sera, dopo il tramonto. Ci sono posti per trascorrere la notte ormeggiati a costo zero, ne trovi sempre. Ci si sveglia presto al mattino, colazione al bar più tappa in edicola per il quotidiano (non abbiamo la tv), che bello andiamo a fare la passeggiata in spiaggia e con calma pianifichiamo la giornata. Non avete una barca? Si noleggia, in Laguna ci sono delle vere case galleggianti per tutte le tasche. Mi scuso se ho infastidito con questo racconto ma voglio dire grazie a mia moglie per questa stupenda esperienza!
Da non perdere Crociera al tramonto , Laguna di Venezia in barca , Isola degli Armeni
Giulietta Luise
Livello 24     3 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 10
Guida generale : Venezia città unica al mondo e merita almeno una visita, ci puoi andare da solo, con la famiglia, con gli amici o in compagnia di una macchina fotografica. Ogni periodo dell'anno è buono per visitarla: a febbraio per il carnevale,... vedi tutto splendida in primavera ma più frequentata, a luglio in occasione della festa del Redentore, in settembre per la regata storica. Abbigliamento pratico, scarpe comode, un piccolo ombrello in caso di pioggia e una bottiglietta d'acqua e l'immancabile macchina fotografica. Offre opere monumentali uniche, come la scala Contarini del Bovolo poco conosciuta e anche non facile da trovare, mostre di ogni tipo in ogni periodo dell'anno, l'immancabile giro in gondola ad un costo di circa 80€, ma per chi vuole provare solo a salirci per attraversare il Canal Grande basta prendere il traghetto (cioè una gondola che trasporta una decina di persone alla volta) alla modica cifra di 1€. Negozi per tutti i gusti, per non parlare dei tanti ristoranti, ma io consiglio di fermarsi presso uno dei tanti Bacari dove bere il classico spriz accompagnato dai gustosi cicchetti. Non dimenticate di visitare anche il ghetto ebraico e i giardini di sant'Elena, un'oasi di pace immersi nel verde...consiglio di visitare la serra dei giardini..una serra di fiori e piante in stile liberty. Venite a Venezia non ne rimarrete delusi!
Da non perdere Ghetto ebraico , Piazza San Marco
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0
IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0

Destinazioni vicine a Venezia

DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Venezia

HotelSearch-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Mete romantiche
Enogastronomia
Mete per la famiglia
Shopping
Studenti
Giovani e single
Sole e Mare
Casino'
Avventura
Sport
Montagna
Verde e natura
Terme e Benessere
Pellegrinaggi
Cicloturismo
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0