×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Aquileia: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156262

Il territorio di Aquileia si trova in provincia di Udine, città da cui dista circa 35 km, sito nella regione del Friuli-Venezia Giulia, posto a 6 metri sul livello del mare ed è profondamente legato al fiume Natissa. Quest’ultimo, essendo di natura sorgiva, ha senz’altro costituito un punto di riferimento per la popolazione che si è stanziata in zona. Una risorgiva, infatti, detta anche fontanile, è costituita da una sorgente di acqua dolce naturale, per la maggior parte presente nelle regioni di tipo alluvionale.

In effetti, la città di Aquileia è posta, per l’appunto, al centro della pianura friulana, nei pressi della laguna di Grado. Inizialmente, il Natissa nasceva in una selva, nel territorio dei Roncs, zona ubicata poco a nord di Aquileia, disboscata nel corso dell'800 e destinata poi alla coltivazione. In seguito all’opera di bonifica, il fiume trae oggi la sua origine dalla zona oltre i Roncs; la detta zona, un tempo boschiva, è ricca di acque. Per quanto concerne le strade, si può giungere da Palmanova ad Aquileia mediante la via Giulia Augusta, mentre le vie urbane sono incluse in un sistema ortogonale con al centro il foro.

Sotto il profilo storico va detto che Aquileia fu fondata dai Romani nel 181 a.C. per poi divenire municipio nel 90 a.C. A partire dal secolo IV, il comune fu capoluogo della Venetia et Histria per poi subire gli sfregi di Attila e l'invasione longobarda nel 568 che portò la città ad una fase di declino. Quest’ultima ebbe un importante ruolo nel commercio all’interno del bacino del Mediterraneo e della Germania. Nel 420 la zona fu presa da Venezia e in seguito vi furono le invasioni turche e il dominio degli Asburgo, per poi cedere il posto all’influenza austriaca fino alla prima guerra mondiale, finendo con l’annessione all'Italia nel 1923.

L’economia di Aquileia è essenzialmente basata sul turismo e sull’agricoltura, in particolar modo sui cereali e sulla frutta oltre che sull'allevamento bovino. Le industrie più sviluppate sono quelle relative al settore chimico, metallico e della distillazione dei liquori.

Tra gli eventi che si tengono ad Aquileia, non dovete perdere quello denominato Tempora in Aquileia dove circa 500 figuranti che impersonano Celti e Romani, sfilano e si esibiscono per ben tre giorni per le vie della città. Queste giornate, all’insegna della gastronomia, della cultura, della musica e del folklore, hanno lo scopo di rievocare la vita e i fasti di Aquileia antica, riportando gli spettatori nel passato, all’epoca della sua fondazione.

Sotto il profilo gastronomico, svariati sono i piatti che vale la pena assaggiare. Tra questi, menzioniamo le aringhe alle verdure preparate con peperoni, prezzemolo, pomodoro e servite con polenta; le lasagne ai semi di papavero realizzate con l’aggiunta di zucchero; le capesante al gratin preparate con pangrattato, trito, pepe, sale e olio.

Tra le curiosità, facciamo presente che Aquileia simboleggia uno dei limiti ad Occidente della zona in cui si parla il dialetto friulano-goriziano, diffuso nella parte sudorientale della Regione. Un’altra curiosità legata alla città riguarda l'invasione degli Unni e la conquista di Aquileia ad opera del famigerato Attila, personaggio che resta vivo nell’immaginario comune.Ricordiamo tre leggende legate alla figura di Attila, conosciuto nel mondo per la sua fama di distruttore ai massimi livelli, in particolare, ricordiamo l’episodio detto de "L'assedio", allorché la città resisteva agli invasori. Quando Attila stava per ritirarsi, vi fu la visione di alcune cicogne in volo, pertanto, una volta capito che la città di Aquileia non poteva sostenere a lungo la resistenza per mancanza di provviste alimentari, Attila continuò per qualche giorno ancora l’assedio, finendo per conquistare il luogo. Il secondo episodio, legato sempre alla figura di Attila, si intitola "Il colle": in quest’occasione la città fu incendiata e si narra che dall’alto di questo colle progettato ad hoc e costituito da zolle di terra portate sul luogo dai soldati negli elmi, Attila ebbe la possibilità di godere dello spettacolo macabro. Ancora, abbiamo il terzo episodio ovvero, "Il pozzo d'oro" dove, secondo la leggenda, gli abitanti di Aquileia, prima di rifugiarsi nell’isola di Grado, avrebbero sepolto i loro tesori. Tale leggenda è così forte nella memoria degli abitanti del luogo che si narra che, fino alla prima guerra mondiale, i contratti relativi all’acquisto di terreni presentassero la clausola "Ti vendo il campo, ma non il pozzo d'oro", nell’eventualità di ritrovare nella propria proprietà il famoso pozzo d’oro mai scovato senza doverlo cedere.

Sotto il profilo turistico, va detto che Aquileia gode soprattutto di un interesse di tipo culturale. Colonia romana, fondata nel 181 a.C., la città fu capitale della X regione augustea e importante centro cristiano. Inoltre, da sottolineare è la rilevanza del sito archeologico in loco che risulta, con Ravenna e Brescia, il più importante sito archeologico dell'Italia del Nord. Molti turisti arrivano in loco per visitare la famosa Basilica di Santa Maria Assunta che costituisce il monumento più grande e più ricco di significato di tutta Aquileia. In particolare, va segnalato il pavimento musivo policromo-figurato, di carattere gnostico-cristiano, ricongiungibile per simboli al trattato gnostico di Pistis Sophia. Davvero pregevole è il mosaico che è stato ritrovato sotto l’edificio religioso ma non è l’unico motivo che spinge ad Aquileia. Da menzionare sono anche il Museo Archeologico Nazionale ricco di reperti lapidei e numismatici disposto su due piani, e il Museo Paleocristiano che è ubicato nella frazione di Aquileia detta in gergo "Monastero" giacché sede dell’ex convento femminile benedettino chiuso alla fine del sec. XVIII. Qui troverete iscrizioni risalenti all’epoca paleocristiana ed i resti dei mosaici dell’abside della basilica Tullio.

Prefisso:
0431
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
aquileiesi
Patrono:
Santi Ermacora e Fortunato
Giorno Festivo:
12 luglio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0

Valutazione generale

9
Media
3
Ottimo
3
Buona

Chi c'è stato

Tutti
4
Famiglie
2
Turisti maturi
1
Giovani e single
1
Coppie
1

Indicatori

Servizi ai turisti
Accessibilità
Sicurezza
Attrattive
mangiare e bere
Accoglienza
Trasporti
attività
shopping
Intrattenimento
convenienza
Alloggio
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0156258
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Aquileia

Conosci Aquileia? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Aquileia fu una città importantissima dell'Impero romano. Dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell'Umanità, conserva un’area archeologica di straordinaria importanza. E nella basilica patriarcale riposa uno dei più straordinari complessi a mosaico esistenti al mondo. Notevoli sono: il museo Archeologico Nazionale, con un'imponente... vedi tutto raccolta artistica, la Basilica, la Via Sacra e il museo Paleocristiano. La gente di queste terre si è sempre sostentata con la pesca. E usava come rifugio i tipici casoni di canne che popolano ancora la laguna. La cucina di mare, perciò, elabora tradizioni antichissime ed è rappresentata dal piatto tipico più famoso: il boreto a la graisàna.
MASSIMO
Voto complessivo 7
Guida generale : Città che si riesce a visitare in una giornata, io l'ho abbinata alla visita di Trieste (esperienza anche questa molto positiva) da consigliare. Aquileia ha dei mosaici sia all'esterno che nella cattedrale che sono stupendi e conservati benissimo, anche i... vedi tutto resti della terza città romanica sono da visitare e consiglierei di farsi accompagnare dalle guide istituite dalla regione molto preparate e per averne informazioni basta collegarsi al sito FVG (friuli Venezia Giulia).
Veronica Sghedoni
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Aquileia è un gioiellino. Tranquilla, ricca di storia e di attività culturali interessanti (per esempio l'Aquileia Film Festival a Luglio, concerti di musica classica, Festa de L'Unità). Monumenti e musei magnifici. Gente incantevole. Cibo vario e buono. Collegamenti molto buoni... vedi tutto con le località attigue(in particolare, Palmanova e Grado).
MARCO PALMIERI
Livello 36     6 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 6
Guida generale : CITTADINA MOLTO TRANQUILLA CON OTTIMA AREA SOSTA ATTREZZATA PER CAMPER VICINISSIMA AL CENTRO, BELLISSIMI I RESTI ROMANI E LA BASILICA CON STUPENDI MOSAICI. OTTIMA LA PISTA CICLABILE CHE COLLEGA AQUILEIA A GRADO.
Tiziana Folla
Livello 12     1 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : la Basilica è sicuramente da vedere, a dir poco splendida! Peccato che non si sia voluto o potuto negli anni fargli rivivere l'antico splendore.... Vale sicuramente la pena di dedicarci almeno mezza giornata.
Salvatore Raugna
Livello 8     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici, Da solo
Voto complessivo 8
Guida generale : Aquileia era una 2a città (grande come il friuli) dell'impero romano dopo Roma, ora è un paese storico. È un paese piccolo, + che sufficiente da mezza a 1 giornata. Chiesa, dentro il campanile da ammirare il panorama del paese,... vedi tutto musei, sepolcreti e altre cose storiche.
Voto complessivo 10
Guida generale : Aquileia è una citta bellissima piena di resti romani sparsi un pò ovunque, da visitere la basilica romana con il prezioso pavimento a mosaico del IV secolo!
alessandra pasian
Livello 19     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : Una bella lezione di storia, anche per i bambini, magari da associare con una puntata di Superquark. Poi un giro a Grado in spiaggia o in barca.
Davide Moras
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Guida generale : La seconda Roma, da visitare a piedi o in bicicletta, per riscoprire la storia e per lasciarsi incantare dalla campagna circostante e dalla vicina Laguna.
Margherita Barbieri
Livello 1     0 Trofeo    Viaggia: Da solo
Voto complessivo 8
Guida generale : Interessantissima culturalmente e dintorni pieni di ottime trattorie a prezzi onesti
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156262
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0625049
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Aquileia

HotelSearch-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Mete per la famiglia
Mete romantiche
Sole e Mare
Verde e natura
Studenti
Cicloturismo
Terme e Benessere
Avventura
Casino'
Pellegrinaggi
Shopping
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156263
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Aquileia

Temporale
18 °
Min 20° Max 1997°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0