×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020022
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

Austria per il ponte del 2 novembre  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
JORDANS
Scritto da: JORDANS
Durata: 4 giorni
Data partenza: dal 01/10/2012 al
Viaggiatori: 2
Nomi dei viaggiatori: J&I

Introduzione

Un viaggio in macchina da Milano a Innsbruck a Salisburgo.

Le Tappe del Viaggio

Qui parte il viaggio, fortuna che esistono i ponti come quello abbastanza fortunato dell'1 Novembre. Alle 8 in macchina verso Innsbruck, prima tappa del nostro viaggio.

Da Milano sono circa 400 km e se non fosse stato per un pò di coda all'altezza di Bolzano causa lavori, li avremmo fatti in meno di 4 ore.

Partendo da Milano si imbocca l'autostrada del Brennero all'altezza di Peschiera sul Garda. Ci fermiamo poco prima della frontiera (Vipiteno) per acquistare la vignetta di 8 euro indispensabile per circolare nelle autostrade Austriache. Superato il ben noto ponte Europa tra i monti e la nebbia arriviamo ad un casello a pagamento obbligatori (altri 8 euro) poco prima di raggiungere Innbruck. Da lì a poco la città tra le montagne si mostra ai nostri piedi siamo arrivati. Parcheggiata la macchia nel parking dell'Hotel Austrian Trend inizia la nostra visita di Innsbruck. Prima tappa: un bel bar del centro per assaggiare uno dei tanti strudel alle mele. Il centro storico è piccolo e stupendo, tutti i palazzi colorati ed il simpatico tettuccio d'oro il quale si ammira sopratutto nelle ore serali. La sera cena in una buonissima birreria con Canederli, kartoffeln e Speck ed altre specialità tirolesi.

Arrivata sera ed anche un poì di freddo (circa 5 gradi) rientriamo in hotel dopo una piacevole passeggiata lungo il fiume Inn, dal quale prende in parte il nome della cittadina Austriaca.

Partiamo la mattina intorno le 10 dopo un abbondante colazione. Attenzione, in molti bar i menù colazione comprendono quanto in Italia siamo abituati a mangiare in 2: 2 brioches, 2 panini, 2 tutto! 200 km esatti e poco più di 2 ore arriviamo a Saliburgo dopo aver oltreppassato i confini della Germania per poi rientrare in quello Austriaco.

Strada davvero bellissima e panoramica, bella anche per i meno amanti della guida come me. Alle 12:30 siamo a Salisburgo dove abbiamo soggiornato presso l'Hotel am Mirabellplatz: non male la posizione ma c'è di meglio. Subito ci catapultiamo in tutte le esperienze mozartiane: la casa natale e la casa in cui ha vissuto prima Mozart prima di girare le corti di tutta Europa.

Fondamentale: se oltre a queste 2 aggiungi ancora un attrazione come ad esempio la fortezza risulta più economico fare la Salburgcard che permette di accedere praticamente a tutti i monumenti e mezzi pubblici.

Il pomeriggio passeggiata lungo la Getreidegasse per poi ammirare tutte le bellissime chiese e campanili concentrati nel centro storico. Si fa tardi, i negozi chiudono tutti molto presto (intorno le 18) e con fatica troviamo un ristorante in cui mangiare. Decidiamo di prendere una salsiccia in un banchetto lungo una strada del centro.

La mattina inizia con una bella fetta di torta al Caffè Sacher: il posto giusto dove mandare giù 500 calorie in pochi bocconi. Decidiamo di dirigerci verso il castello di Hellbrunn con i mezzi pubblici (circa 15 min dal centro). Punto forte del castello è il magnifico giardino e la visita alla zona dedicata ai giochi d'acqua: tra una statua e l'altra, nonostante il freddo pungente, la guida del castello si è divertito a bagnarci tutti a sorpresa ;)

Tornati in centro facciamo visita alla fortezza con le sue indimenticabili viste su tutta la regione del salisburghese.

La sera ceniamo in un ristorante che serve solo pietanze tipiche austiache: tutte buonissime.

La mattina inizia con il sole e la riserviamo ad un pò di tranquillità nelle panchine dei giardini di Mirabellplatz. Con Mozart ancora in testa, e sui cioccolattini (le famose palle di Mozart) riprendiamo la strada del ritorno.

Da Salisburgo a Innsbruck, si procede per il ponte Europa, l'autostrada del brennero, e dopo una mezzoretta di coda nei dintorni del lago di Garda in circa 7 ore tra macchina e spuntino in autogrill siamo tornati a Milano, più che soddisfatti del nostro ponte di novembre passato in Austria.

Qui parte il viaggio, fortuna che esistono i ponti come quello abbastanza fortunato dell'1 Novembre. Alle 8 in macchina verso Innsbruck, prima tappa del nostro viaggio.

Da Milano sono circa 400 km e se non fosse stato per un pò di coda all'altezza di Bolzano causa lavori, li avremmo fatti in meno di 4 ore.

Partendo da Milano si imbocca l'autostrada del Brennero all'altezza di Peschiera sul Garda. Ci fermiamo poco prima della frontiera (Vipiteno) per acquistare la vignetta di 8 euro indispensabile per circolare nelle autostrade Austriache. Superato il ben noto ponte Europa tra i monti e la nebbia arriviamo ad un casello a pagamento obbligatori (altri 8 euro) poco prima di raggiungere Innbruck. Da lì a poco la città tra le montagne si mostra ai nostri piedi siamo arrivati. Parcheggiata la macchia nel parking dell'Hotel Austrian Trend inizia la nostra visita di Innsbruck. Prima tappa: un bel bar del centro per assaggiare uno dei tanti strudel alle mele. Il centro storico è piccolo e stupendo, tutti i palazzi colorati ed il simpatico tettuccio d'oro il quale si ammira sopratutto nelle ore serali. La sera cena in una buonissima birreria con Canederli, kartoffeln e Speck ed altre specialità tirolesi.

Arrivata sera ed anche un poì di freddo (circa 5 gradi) rientriamo in hotel dopo una piacevole passeggiata lungo il fiume Inn, dal quale prende in parte il nome della cittadina Austriaca.

Partiamo la mattina intorno le 10 dopo un abbondante colazione. Attenzione, in molti bar i menù colazione comprendono quanto in Italia siamo abituati a mangiare in 2: 2 brioches, 2 panini, 2 tutto! 200 km esatti e poco più di 2 ore arriviamo a Saliburgo dopo aver oltreppassato i confini della Germania per poi rientrare in quello Austriaco.

Strada davvero bellissima e panoramica, bella anche per i meno amanti della guida come me. Alle 12:30 siamo a Salisburgo dove abbiamo soggiornato presso l'Hotel am Mirabellplatz: non male la posizione ma c'è di meglio. Subito ci catapultiamo in tutte le esperienze mozartiane: la casa natale e la casa in cui ha vissuto prima Mozart prima di girare le corti di tutta Europa.

Fondamentale: se oltre a queste 2 aggiungi ancora un attrazione come ad esempio la fortezza risulta più economico fare la Salburgcard che permette di accedere praticamente a tutti i monumenti e mezzi pubblici.

Il pomeriggio passeggiata lungo la Getreidegasse per poi ammirare tutte le bellissime chiese e campanili concentrati nel centro storico. Si fa tardi, i negozi chiudono tutti molto presto (intorno le 18) e con fatica troviamo un ristorante in cui mangiare. Decidiamo di prendere una salsiccia in un banchetto lungo una strada del centro.

La mattina inizia con una bella fetta di torta al Caffè Sacher: il posto giusto dove mandare giù 500 calorie in pochi bocconi. Decidiamo di dirigerci verso il castello di Hellbrunn con i mezzi pubblici (circa 15 min dal centro). Punto forte del castello è il magnifico giardino e la visita alla zona dedicata ai giochi d'acqua: tra una statua e l'altra, nonostante il freddo pungente, la guida del castello si è divertito a bagnarci tutti a sorpresa ;)

Tornati in centro facciamo visita alla fortezza con le sue indimenticabili viste su tutta la regione del salisburghese.

La sera ceniamo in un ristorante che serve solo pietanze tipiche austiache: tutte buonissime.

La mattina inizia con il sole e la riserviamo ad un pò di tranquillità nelle panchine dei giardini di Mirabellplatz. Con Mozart ancora in testa, e sui cioccolattini (le famose palle di Mozart) riprendiamo la strada del ritorno.

Da Salisburgo a Innsbruck, si procede per il ponte Europa, l'autostrada del brennero, e dopo una mezzoretta di coda nei dintorni del lago di Garda in circa 7 ore tra macchina e spuntino in autogrill siamo tornati a Milano, più che soddisfatti del nostro ponte di novembre passato in Austria.

Qui parte il viaggio, fortuna che esistono i ponti come quello abbastanza fortunato dell'1 Novembre. Alle 8 in macchina verso Innsbruck, prima tappa del nostro viaggio.

Da Milano sono circa 400 km e se non fosse stato per un pò di coda all'altezza di Bolzano causa lavori, li avremmo fatti in meno di 4 ore.

Partendo da Milano si imbocca l'autostrada del Brennero all'altezza di Peschiera sul Garda. Ci fermiamo poco prima della frontiera (Vipiteno) per acquistare la vignetta di 8 euro indispensabile per circolare nelle autostrade Austriache. Superato il ben noto ponte Europa tra i monti e la nebbia arriviamo ad un casello a pagamento obbligatori (altri 8 euro) poco prima di raggiungere Innbruck. Da lì a poco la città tra le montagne si mostra ai nostri piedi siamo arrivati. Parcheggiata la macchia nel parking dell'Hotel Austrian Trend inizia la nostra visita di Innsbruck. Prima tappa: un bel bar del centro per assaggiare uno dei tanti strudel alle mele. Il centro storico è piccolo e stupendo, tutti i palazzi colorati ed il simpatico tettuccio d'oro il quale si ammira sopratutto nelle ore serali. La sera cena in una buonissima birreria con Canederli, kartoffeln e Speck ed altre specialità tirolesi.

Arrivata sera ed anche un poì di freddo (circa 5 gradi) rientriamo in hotel dopo una piacevole passeggiata lungo il fiume Inn, dal quale prende in parte il nome della cittadina Austriaca.

Partiamo la mattina intorno le 10 dopo un abbondante colazione. Attenzione, in molti bar i menù colazione comprendono quanto in Italia siamo abituati a mangiare in 2: 2 brioches, 2 panini, 2 tutto! 200 km esatti e poco più di 2 ore arriviamo a Saliburgo dopo aver oltreppassato i confini della Germania per poi rientrare in quello Austriaco.

Strada davvero bellissima e panoramica, bella anche per i meno amanti della guida come me. Alle 12:30 siamo a Salisburgo dove abbiamo soggiornato presso l'Hotel am Mirabellplatz: non male la posizione ma c'è di meglio. Subito ci catapultiamo in tutte le esperienze mozartiane: la casa natale e la casa in cui ha vissuto prima Mozart prima di girare le corti di tutta Europa.

Fondamentale: se oltre a queste 2 aggiungi ancora un attrazione come ad esempio la fortezza risulta più economico fare la Salburgcard che permette di accedere praticamente a tutti i monumenti e mezzi pubblici.

Il pomeriggio passeggiata lungo la Getreidegasse per poi ammirare tutte le bellissime chiese e campanili concentrati nel centro storico. Si fa tardi, i negozi chiudono tutti molto presto (intorno le 18) e con fatica troviamo un ristorante in cui mangiare. Decidiamo di prendere una salsiccia in un banchetto lungo una strada del centro.

La mattina inizia con una bella fetta di torta al Caffè Sacher: il posto giusto dove mandare giù 500 calorie in pochi bocconi. Decidiamo di dirigerci verso il castello di Hellbrunn con i mezzi pubblici (circa 15 min dal centro). Punto forte del castello è il magnifico giardino e la visita alla zona dedicata ai giochi d'acqua: tra una statua e l'altra, nonostante il freddo pungente, la guida del castello si è divertito a bagnarci tutti a sorpresa ;)

Tornati in centro facciamo visita alla fortezza con le sue indimenticabili viste su tutta la regione del salisburghese.

La sera ceniamo in un ristorante che serve solo pietanze tipiche austiache: tutte buonissime.

La mattina inizia con il sole e la riserviamo ad un pò di tranquillità nelle panchine dei giardini di Mirabellplatz. Con Mozart ancora in testa, e sui cioccolattini (le famose palle di Mozart) riprendiamo la strada del ritorno.

Da Salisburgo a Innsbruck, si procede per il ponte Europa, l'autostrada del brennero, e dopo una mezzoretta di coda nei dintorni del lago di Garda in circa 7 ore tra macchina e spuntino in autogrill siamo tornati a Milano, più che soddisfatti del nostro ponte di novembre passato in Austria.

Qui parte il viaggio, fortuna che esistono i ponti come quello abbastanza fortunato dell'1 Novembre. Alle 8 in macchina verso Innsbruck, prima tappa del nostro viaggio.

Da Milano sono circa 400 km e se non fosse stato per un pò di coda all'altezza di Bolzano causa lavori, li avremmo fatti in meno di 4 ore.

Partendo da Milano si imbocca l'autostrada del Brennero all'altezza di Peschiera sul Garda. Ci fermiamo poco prima della frontiera (Vipiteno) per acquistare la vignetta di 8 euro indispensabile per circolare nelle autostrade Austriache. Superato il ben noto ponte Europa tra i monti e la nebbia arriviamo ad un casello a pagamento obbligatori (altri 8 euro) poco prima di raggiungere Innbruck. Da lì a poco la città tra le montagne si mostra ai nostri piedi siamo arrivati. Parcheggiata la macchia nel parking dell'Hotel Austrian Trend inizia la nostra visita di Innsbruck. Prima tappa: un bel bar del centro per assaggiare uno dei tanti strudel alle mele. Il centro storico è piccolo e stupendo, tutti i palazzi colorati ed il simpatico tettuccio d'oro il quale si ammira sopratutto nelle ore serali. La sera cena in una buonissima birreria con Canederli, kartoffeln e Speck ed altre specialità tirolesi.

Arrivata sera ed anche un poì di freddo (circa 5 gradi) rientriamo in hotel dopo una piacevole passeggiata lungo il fiume Inn, dal quale prende in parte il nome della cittadina Austriaca.

Partiamo la mattina intorno le 10 dopo un abbondante colazione. Attenzione, in molti bar i menù colazione comprendono quanto in Italia siamo abituati a mangiare in 2: 2 brioches, 2 panini, 2 tutto! 200 km esatti e poco più di 2 ore arriviamo a Saliburgo dopo aver oltreppassato i confini della Germania per poi rientrare in quello Austriaco.

Strada davvero bellissima e panoramica, bella anche per i meno amanti della guida come me. Alle 12:30 siamo a Salisburgo dove abbiamo soggiornato presso l'Hotel am Mirabellplatz: non male la posizione ma c'è di meglio. Subito ci catapultiamo in tutte le esperienze mozartiane: la casa natale e la casa in cui ha vissuto prima Mozart prima di girare le corti di tutta Europa.

Fondamentale: se oltre a queste 2 aggiungi ancora un attrazione come ad esempio la fortezza risulta più economico fare la Salburgcard che permette di accedere praticamente a tutti i monumenti e mezzi pubblici.

Il pomeriggio passeggiata lungo la Getreidegasse per poi ammirare tutte le bellissime chiese e campanili concentrati nel centro storico. Si fa tardi, i negozi chiudono tutti molto presto (intorno le 18) e con fatica troviamo un ristorante in cui mangiare. Decidiamo di prendere una salsiccia in un banchetto lungo una strada del centro.

La mattina inizia con una bella fetta di torta al Caffè Sacher: il posto giusto dove mandare giù 500 calorie in pochi bocconi. Decidiamo di dirigerci verso il castello di Hellbrunn con i mezzi pubblici (circa 15 min dal centro). Punto forte del castello è il magnifico giardino e la visita alla zona dedicata ai giochi d'acqua: tra una statua e l'altra, nonostante il freddo pungente, la guida del castello si è divertito a bagnarci tutti a sorpresa ;)

Tornati in centro facciamo visita alla fortezza con le sue indimenticabili viste su tutta la regione del salisburghese.

La sera ceniamo in un ristorante che serve solo pietanze tipiche austiache: tutte buonissime.

La mattina inizia con il sole e la riserviamo ad un pò di tranquillità nelle panchine dei giardini di Mirabellplatz. Con Mozart ancora in testa, e sui cioccolattini (le famose palle di Mozart) riprendiamo la strada del ritorno.

Da Salisburgo a Innsbruck, si procede per il ponte Europa, l'autostrada del brennero, e dopo una mezzoretta di coda nei dintorni del lago di Garda in circa 7 ore tra macchina e spuntino in autogrill siamo tornati a Milano, più che soddisfatti del nostro ponte di novembre passato in Austria.

Qui parte il viaggio, fortuna che esistono i ponti come quello abbastanza fortunato dell'1 Novembre. Alle 8 in macchina verso Innsbruck, prima tappa del nostro viaggio.

Da Milano sono circa 400 km e se non fosse stato per un pò di coda all'altezza di Bolzano causa lavori, li avremmo fatti in meno di 4 ore.

Partendo da Milano si imbocca l'autostrada del Brennero all'altezza di Peschiera sul Garda. Ci fermiamo poco prima della frontiera (Vipiteno) per acquistare la vignetta di 8 euro indispensabile per circolare nelle autostrade Austriache. Superato il ben noto ponte Europa tra i monti e la nebbia arriviamo ad un casello a pagamento obbligatori (altri 8 euro) poco prima di raggiungere Innbruck. Da lì a poco la città tra le montagne si mostra ai nostri piedi siamo arrivati. Parcheggiata la macchia nel parking dell'Hotel Austrian Trend inizia la nostra visita di Innsbruck. Prima tappa: un bel bar del centro per assaggiare uno dei tanti strudel alle mele. Il centro storico è piccolo e stupendo, tutti i palazzi colorati ed il simpatico tettuccio d'oro il quale si ammira sopratutto nelle ore serali. La sera cena in una buonissima birreria con Canederli, kartoffeln e Speck ed altre specialità tirolesi.

Arrivata sera ed anche un poì di freddo (circa 5 gradi) rientriamo in hotel dopo una piacevole passeggiata lungo il fiume Inn, dal quale prende in parte il nome della cittadina Austriaca.

Partiamo la mattina intorno le 10 dopo un abbondante colazione. Attenzione, in molti bar i menù colazione comprendono quanto in Italia siamo abituati a mangiare in 2: 2 brioches, 2 panini, 2 tutto! 200 km esatti e poco più di 2 ore arriviamo a Saliburgo dopo aver oltreppassato i confini della Germania per poi rientrare in quello Austriaco.

Strada davvero bellissima e panoramica, bella anche per i meno amanti della guida come me. Alle 12:30 siamo a Salisburgo dove abbiamo soggiornato presso l'Hotel am Mirabellplatz: non male la posizione ma c'è di meglio. Subito ci catapultiamo in tutte le esperienze mozartiane: la casa natale e la casa in cui ha vissuto prima Mozart prima di girare le corti di tutta Europa.

Fondamentale: se oltre a queste 2 aggiungi ancora un attrazione come ad esempio la fortezza risulta più economico fare la Salburgcard che permette di accedere praticamente a tutti i monumenti e mezzi pubblici.

Il pomeriggio passeggiata lungo la Getreidegasse per poi ammirare tutte le bellissime chiese e campanili concentrati nel centro storico. Si fa tardi, i negozi chiudono tutti molto presto (intorno le 18) e con fatica troviamo un ristorante in cui mangiare. Decidiamo di prendere una salsiccia in un banchetto lungo una strada del centro.

La mattina inizia con una bella fetta di torta al Caffè Sacher: il posto giusto dove mandare giù 500 calorie in pochi bocconi. Decidiamo di dirigerci verso il castello di Hellbrunn con i mezzi pubblici (circa 15 min dal centro). Punto forte del castello è il magnifico giardino e la visita alla zona dedicata ai giochi d'acqua: tra una statua e l'altra, nonostante il freddo pungente, la guida del castello si è divertito a bagnarci tutti a sorpresa ;)

Tornati in centro facciamo visita alla fortezza con le sue indimenticabili viste su tutta la regione del salisburghese.

La sera ceniamo in un ristorante che serve solo pietanze tipiche austiache: tutte buonissime.

La mattina inizia con il sole e la riserviamo ad un pò di tranquillità nelle panchine dei giardini di Mirabellplatz. Con Mozart ancora in testa, e sui cioccolattini (le famose palle di Mozart) riprendiamo la strada del ritorno.

Da Salisburgo a Innsbruck, si procede per il ponte Europa, l'autostrada del brennero, e dopo una mezzoretta di coda nei dintorni del lago di Garda in circa 7 ore tra macchina e spuntino in autogrill siamo tornati a Milano, più che soddisfatti del nostro ponte di novembre passato in Austria.

Qui parte il viaggio, fortuna che esistono i ponti come quello abbastanza fortunato dell'1 Novembre. Alle 8 in macchina verso Innsbruck, prima tappa del nostro viaggio.

Da Milano sono circa 400 km e se non fosse stato per un pò di coda all'altezza di Bolzano causa lavori, li avremmo fatti in meno di 4 ore.

Partendo da Milano si imbocca l'autostrada del Brennero all'altezza di Peschiera sul Garda. Ci fermiamo poco prima della frontiera (Vipiteno) per acquistare la vignetta di 8 euro indispensabile per circolare nelle autostrade Austriache. Superato il ben noto ponte Europa tra i monti e la nebbia arriviamo ad un casello a pagamento obbligatori (altri 8 euro) poco prima di raggiungere Innbruck. Da lì a poco la città tra le montagne si mostra ai nostri piedi siamo arrivati. Parcheggiata la macchia nel parking dell'Hotel Austrian Trend inizia la nostra visita di Innsbruck. Prima tappa: un bel bar del centro per assaggiare uno dei tanti strudel alle mele. Il centro storico è piccolo e stupendo, tutti i palazzi colorati ed il simpatico tettuccio d'oro il quale si ammira sopratutto nelle ore serali. La sera cena in una buonissima birreria con Canederli, kartoffeln e Speck ed altre specialità tirolesi.

Arrivata sera ed anche un poì di freddo (circa 5 gradi) rientriamo in hotel dopo una piacevole passeggiata lungo il fiume Inn, dal quale prende in parte il nome della cittadina Austriaca.

Partiamo la mattina intorno le 10 dopo un abbondante colazione. Attenzione, in molti bar i menù colazione comprendono quanto in Italia siamo abituati a mangiare in 2: 2 brioches, 2 panini, 2 tutto! 200 km esatti e poco più di 2 ore arriviamo a Saliburgo dopo aver oltreppassato i confini della Germania per poi rientrare in quello Austriaco.

Strada davvero bellissima e panoramica, bella anche per i meno amanti della guida come me. Alle 12:30 siamo a Salisburgo dove abbiamo soggiornato presso l'Hotel am Mirabellplatz: non male la posizione ma c'è di meglio. Subito ci catapultiamo in tutte le esperienze mozartiane: la casa natale e la casa in cui ha vissuto prima Mozart prima di girare le corti di tutta Europa.

Fondamentale: se oltre a queste 2 aggiungi ancora un attrazione come ad esempio la fortezza risulta più economico fare la Salburgcard che permette di accedere praticamente a tutti i monumenti e mezzi pubblici.

Il pomeriggio passeggiata lungo la Getreidegasse per poi ammirare tutte le bellissime chiese e campanili concentrati nel centro storico. Si fa tardi, i negozi chiudono tutti molto presto (intorno le 18) e con fatica troviamo un ristorante in cui mangiare. Decidiamo di prendere una salsiccia in un banchetto lungo una strada del centro.

La mattina inizia con una bella fetta di torta al Caffè Sacher: il posto giusto dove mandare giù 500 calorie in pochi bocconi. Decidiamo di dirigerci verso il castello di Hellbrunn con i mezzi pubblici (circa 15 min dal centro). Punto forte del castello è il magnifico giardino e la visita alla zona dedicata ai giochi d'acqua: tra una statua e l'altra, nonostante il freddo pungente, la guida del castello si è divertito a bagnarci tutti a sorpresa ;)

Tornati in centro facciamo visita alla fortezza con le sue indimenticabili viste su tutta la regione del salisburghese.

La sera ceniamo in un ristorante che serve solo pietanze tipiche austiache: tutte buonissime.

La mattina inizia con il sole e la riserviamo ad un pò di tranquillità nelle panchine dei giardini di Mirabellplatz. Con Mozart ancora in testa, e sui cioccolattini (le famose palle di Mozart) riprendiamo la strada del ritorno.

Da Salisburgo a Innsbruck, si procede per il ponte Europa, l'autostrada del brennero, e dopo una mezzoretta di coda nei dintorni del lago di Garda in circa 7 ore tra macchina e spuntino in autogrill siamo tornati a Milano, più che soddisfatti del nostro ponte di novembre passato in Austria.

Qui parte il viaggio, fortuna che esistono i ponti come quello abbastanza fortunato dell'1 Novembre. Alle 8 in macchina verso Innsbruck, prima tappa del nostro viaggio.

Da Milano sono circa 400 km e se non fosse stato per un pò di coda all'altezza di Bolzano causa lavori, li avremmo fatti in meno di 4 ore.

Partendo da Milano si imbocca l'autostrada del Brennero all'altezza di Peschiera sul Garda. Ci fermiamo poco prima della frontiera (Vipiteno) per acquistare la vignetta di 8 euro indispensabile per circolare nelle autostrade Austriache. Superato il ben noto ponte Europa tra i monti e la nebbia arriviamo ad un casello a pagamento obbligatori (altri 8 euro) poco prima di raggiungere Innbruck. Da lì a poco la città tra le montagne si mostra ai nostri piedi siamo arrivati. Parcheggiata la macchia nel parking dell'Hotel Austrian Trend inizia la nostra visita di Innsbruck. Prima tappa: un bel bar del centro per assaggiare uno dei tanti strudel alle mele. Il centro storico è piccolo e stupendo, tutti i palazzi colorati ed il simpatico tettuccio d'oro il quale si ammira sopratutto nelle ore serali. La sera cena in una buonissima birreria con Canederli, kartoffeln e Speck ed altre specialità tirolesi.

Arrivata sera ed anche un poì di freddo (circa 5 gradi) rientriamo in hotel dopo una piacevole passeggiata lungo il fiume Inn, dal quale prende in parte il nome della cittadina Austriaca.

Partiamo la mattina intorno le 10 dopo un abbondante colazione. Attenzione, in molti bar i menù colazione comprendono quanto in Italia siamo abituati a mangiare in 2: 2 brioches, 2 panini, 2 tutto! 200 km esatti e poco più di 2 ore arriviamo a Saliburgo dopo aver oltreppassato i confini della Germania per poi rientrare in quello Austriaco.

Strada davvero bellissima e panoramica, bella anche per i meno amanti della guida come me. Alle 12:30 siamo a Salisburgo dove abbiamo soggiornato presso l'Hotel am Mirabellplatz: non male la posizione ma c'è di meglio. Subito ci catapultiamo in tutte le esperienze mozartiane: la casa natale e la casa in cui ha vissuto prima Mozart prima di girare le corti di tutta Europa.

Fondamentale: se oltre a queste 2 aggiungi ancora un attrazione come ad esempio la fortezza risulta più economico fare la Salburgcard che permette di accedere praticamente a tutti i monumenti e mezzi pubblici.

Il pomeriggio passeggiata lungo la Getreidegasse per poi ammirare tutte le bellissime chiese e campanili concentrati nel centro storico. Si fa tardi, i negozi chiudono tutti molto presto (intorno le 18) e con fatica troviamo un ristorante in cui mangiare. Decidiamo di prendere una salsiccia in un banchetto lungo una strada del centro.

La mattina inizia con una bella fetta di torta al Caffè Sacher: il posto giusto dove mandare giù 500 calorie in pochi bocconi. Decidiamo di dirigerci verso il castello di Hellbrunn con i mezzi pubblici (circa 15 min dal centro). Punto forte del castello è il magnifico giardino e la visita alla zona dedicata ai giochi d'acqua: tra una statua e l'altra, nonostante il freddo pungente, la guida del castello si è divertito a bagnarci tutti a sorpresa ;)

Tornati in centro facciamo visita alla fortezza con le sue indimenticabili viste su tutta la regione del salisburghese.

La sera ceniamo in un ristorante che serve solo pietanze tipiche austiache: tutte buonissime.

La mattina inizia con il sole e la riserviamo ad un pò di tranquillità nelle panchine dei giardini di Mirabellplatz. Con Mozart ancora in testa, e sui cioccolattini (le famose palle di Mozart) riprendiamo la strada del ritorno.

Da Salisburgo a Innsbruck, si procede per il ponte Europa, l'autostrada del brennero, e dopo una mezzoretta di coda nei dintorni del lago di Garda in circa 7 ore tra macchina e spuntino in autogrill siamo tornati a Milano, più che soddisfatti del nostro ponte di novembre passato in Austria.

Qui parte il viaggio, fortuna che esistono i ponti come quello abbastanza fortunato dell'1 Novembre. Alle 8 in macchina verso Innsbruck, prima tappa del nostro viaggio.

Da Milano sono circa 400 km e se non fosse stato per un pò di coda all'altezza di Bolzano causa lavori, li avremmo fatti in meno di 4 ore.

Partendo da Milano si imbocca l'autostrada del Brennero all'altezza di Peschiera sul Garda. Ci fermiamo poco prima della frontiera (Vipiteno) per acquistare la vignetta di 8 euro indispensabile per circolare nelle autostrade Austriache. Superato il ben noto ponte Europa tra i monti e la nebbia arriviamo ad un casello a pagamento obbligatori (altri 8 euro) poco prima di raggiungere Innbruck. Da lì a poco la città tra le montagne si mostra ai nostri piedi siamo arrivati. Parcheggiata la macchia nel parking dell'Hotel Austrian Trend inizia la nostra visita di Innsbruck. Prima tappa: un bel bar del centro per assaggiare uno dei tanti strudel alle mele. Il centro storico è piccolo e stupendo, tutti i palazzi colorati ed il simpatico tettuccio d'oro il quale si ammira sopratutto nelle ore serali. La sera cena in una buonissima birreria con Canederli, kartoffeln e Speck ed altre specialità tirolesi.

Arrivata sera ed anche un poì di freddo (circa 5 gradi) rientriamo in hotel dopo una piacevole passeggiata lungo il fiume Inn, dal quale prende in parte il nome della cittadina Austriaca.

Partiamo la mattina intorno le 10 dopo un abbondante colazione. Attenzione, in molti bar i menù colazione comprendono quanto in Italia siamo abituati a mangiare in 2: 2 brioches, 2 panini, 2 tutto! 200 km esatti e poco più di 2 ore arriviamo a Saliburgo dopo aver oltreppassato i confini della Germania per poi rientrare in quello Austriaco.

Strada davvero bellissima e panoramica, bella anche per i meno amanti della guida come me. Alle 12:30 siamo a Salisburgo dove abbiamo soggiornato presso l'Hotel am Mirabellplatz: non male la posizione ma c'è di meglio. Subito ci catapultiamo in tutte le esperienze mozartiane: la casa natale e la casa in cui ha vissuto prima Mozart prima di girare le corti di tutta Europa.

Fondamentale: se oltre a queste 2 aggiungi ancora un attrazione come ad esempio la fortezza risulta più economico fare la Salburgcard che permette di accedere praticamente a tutti i monumenti e mezzi pubblici.

Il pomeriggio passeggiata lungo la Getreidegasse per poi ammirare tutte le bellissime chiese e campanili concentrati nel centro storico. Si fa tardi, i negozi chiudono tutti molto presto (intorno le 18) e con fatica troviamo un ristorante in cui mangiare. Decidiamo di prendere una salsiccia in un banchetto lungo una strada del centro.

La mattina inizia con una bella fetta di torta al Caffè Sacher: il posto giusto dove mandare giù 500 calorie in pochi bocconi. Decidiamo di dirigerci verso il castello di Hellbrunn con i mezzi pubblici (circa 15 min dal centro). Punto forte del castello è il magnifico giardino e la visita alla zona dedicata ai giochi d'acqua: tra una statua e l'altra, nonostante il freddo pungente, la guida del castello si è divertito a bagnarci tutti a sorpresa ;)

Tornati in centro facciamo visita alla fortezza con le sue indimenticabili viste su tutta la regione del salisburghese.

La sera ceniamo in un ristorante che serve solo pietanze tipiche austiache: tutte buonissime.

La mattina inizia con il sole e la riserviamo ad un pò di tranquillità nelle panchine dei giardini di Mirabellplatz. Con Mozart ancora in testa, e sui cioccolattini (le famose palle di Mozart) riprendiamo la strada del ritorno.

Da Salisburgo a Innsbruck, si procede per il ponte Europa, l'autostrada del brennero, e dopo una mezzoretta di coda nei dintorni del lago di Garda in circa 7 ore tra macchina e spuntino in autogrill siamo tornati a Milano, più che soddisfatti del nostro ponte di novembre passato in Austria.

DiaryDetailTopContainer-GetPartialView = 0,2586119
AdvValica-GetPartialView = 0

Commenti

DiaryCommentList-GetPartialView = 0,0050042

Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori
I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!;
DiaryWriteDiary-GetPartialView = 0,0010013
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0010009
DiaryListRelated_2xN-GetPartialView = 0,0310299
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0070064
AdvValica-GetPartialView = 0

Scarica gratis

la guida pdf di Milano
La guida perfetta ovunque tu sia

Scarica gratis

la guida pdf di Salisburgo
La guida perfetta ovunque tu sia

Scarica gratis

la guida pdf di Innsbruck
La guida perfetta ovunque tu sia
DiaryGuideList-GetPartialView = 0,0050051
DiaryList_1xN-GetPartialView = 0,9890855
AdvValica-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0,0020021
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013