×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0080076
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010005
AdvValica-GetPartialView = 0

Deruta: guida turistica e cosa vedere  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010012
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0050047
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0030026
AdvValica-GetPartialView = 0

Info su Deruta

Superfice:
44 km2
Altitudine:
218 m
Abitanti:
9622 [2010-12-31]
Introduzione

Il borgo vecchio di Deruta si trova in cima a una collina a circa 15 chilometri di distanza da Perugia a 150 da Roma e fa parte del circuito dei Borghi più belli d’Italia. Le frazioni di Deruta sono Casalina, Castelleone, Fanciullata, Pontenuovo, Ripabianca, San Nicolò di Celle, Sant'Angelo di Celle, Viale. La zona è caratterizzata dalla presenza di diversi rilievi ricoperti da macchia mediterranea, che dividono la fertile pianura del Tevere con la valle umbra. Nel territorio comunale si va da 170 metri sul livello del mare fino a 650 metri in cima alla parte vecchia, con un bel panorama sulla vicina Perugia.

La città potrebbe essere stata fondata dai perugini in fuga dopo l’incendio di Perugia del 40 avanti Cristo: il nome deriverebbe quindi da “diruta”, distrutta, dal latino “diruo”. Di certo l’insediamento è di origine romana, come dimostrano i vari reperti che sono stati trovati nella zona (anfore, capitelli, epigrafi) e che ora possono essere ammirati nell’atrio del Municipio, Palazzo dei Consoli. L’aspetto di centro fortificato che si può ancora vedere nell’antico borgo, con le mura a protezione del nucleo storico, vanno ricondotte alla natura di Deruta come baluardo difensivo di Perugia verso Todi.  Un momento fondamentale della storia di Deruta è il passaggio di Perugia alla Chiesa: la lavorazione della maiolica artistica arrivò infatti in questi anni, da metà del Cinquecento in poi, al suo massimo livello artistico.

Secondo le più antiche testimonianze, già alla fine del tredicesimo secolo l’economia di Deruta si basava sulle maioliche, anche se in queste prime prove si trattava più che altro di oggetti d’uso comune, scarsamente decorati, di norma di colore verde e bruno, per l’uso di rame e di manganese. È nel Cinquecento che le ceramiche artistiche di Deruta cominciano a diventare famose in tutto il mondo conosciuto, con nomi di artisti che firmano opere di grande bellezza, come Giacomo Mancini, detto El Frate, e Francesco Urbini. Il repertorio delle maioliche diventa sempre più complesso e vario, con scene mitologiche, figure femminili, battaglie, immagini sacre che vanno a impreziosire grandi piatti, coppe, stemmi nobiliari, caratterizzati da una grande vivacità di colori (in particolare l’arancio, il giallo e il blu). In questi anni diventa popolare anche la cosiddetta tecnica del lustro, che conferisce dei riflessi d’oro alle opere più importanti, come la targa con il martirio di San Sebastiano oggi conservata al Victoria and Albert Museum a Londra.

Le ceramiche di Deruta vennero utilizzate anche per decorare pavimenti di diversi edifici, come la chiesa di San Francesco, la sacrestia di San Pietro a Perugia, la chiesa di Santa Maria Maggiore a Spello. Ancora oggi a Deruta si trovano importantissime scuole che permettono di apprendere quest’arte secolare che, insieme al turismo e all’agricoltura, è rappresenta il sostentamento della cittadina. Tra queste, l’Istituto Statale d’Arte Alpinolo Magnini e la Scuola d’Arte Ceramica Romano Ranieri, dal nome dei più insigni ceramisti.

Tra gli eventi più importanti di Deruta da ricordare il Palio della Brocca durante la prima domenica di settembre, che vede sfidarsi i tre rioni di Piazza, Valle e Borgo in competizioni che si ispirano proprio alla produzione delle ceramiche artistiche. Altra festa legata alle maioliche è quella di Santa Caterina d’Alessandria il 25 novembre, patrona appunto dei ceramisti, quando in chiesa vengono premiati i ceramisti più anziani di Deruta.

 

Prefisso:
075
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
derutesi
Patrono:
San Simplicio
Giorno Festivo:
25 novembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0050047

Valutazione generale

2
Ottimo
1
Media

Chi c'è stato

Turisti maturi
1
Coppie
1

Indicatori

Attrattive
Servizi ai turisti
attività
shopping
Trasporti
Sicurezza
Accessibilità
Intrattenimento
mangiare e bere
Accoglienza
convenienza
Alloggio
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0080081
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0020026

Recensioni Deruta

Conosci Deruta? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Shirley Davie
Voto complessivo 6
Guida generale : Interessante la cattedrale nel centro e più che mai sono interessanti le fabbriche di maioliche dove si possono vedere tutte le fasi della lavorazione dei diversi prodotti, dalla lavorazione dell'argilla fino alla decorazione a mano. Non perdete l'oppurtunità di vedere... vedi tutto queste opere d'arte e portare a casa o regalare almeno una di queste per impreziosire l'arredamento del vostro ambiente preferito!
Da non perdere Castello di Castelleone , Museo Regionale della Ceramica , Comune Di Deruta Sistema Museo Soc. Coop Arl Museo
Alessandra Tomassini
Livello 18     2 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 10
Guida generale : Paesino tipico umbro, famoso per le sue ceramiche conosciute in tutto il mondo (alcuni pezzi sono presenti anche al Louvre). A ridosso dell'antica cinta muraria si trova il borgo più vecchio da dove, salendo per tre porte dell'antico sistema difensivo,... vedi tutto si accede al bellissimo centro storico, da poco ristrutturato, dove svettano le due torri civiche ed il campanile della chiesa di San Francesco.
Da non perdere Comune Di Deruta Sistema Museo Soc. Coop Arl Museo , Castello di Castelleone , Cinema Deruta Di Visani Emilio & C. Snc
Armando Chiarini
Voto complessivo 3
Guida generale : Bellissimo il Castello di Castelleone, a 4,5 km. da Deruta vecchia, un luogo magico che, da solo, vale il viaggio. Armando Chiarini, guida turistica
Da non perdere Castello di Castelleone , Museo Internazionale della ceramica di Deruta , Paesaggio e Natura incontaminati
Toniaccini Michele
Voto complessivo 4
Guida generale : Una bella realtà umbra immersa nel verde da cui si può ammirare un paesaggio splendido. Visitare le botteghe artigiane da cui nascono le opere in ceramica che hanno reso famosa Deruta in tutto il mondo. Ammirare le straordinarie ceramiche e... vedi tutto vivere un'emozione utilizzando gli attrezzi del mestiere dei sapienti artigiani ceramisti derutesi.
Da non perdere Museo Regionale della Ceramica , Santuario della Madonna del Bagno , Centro Storico Deruta
Claudio Cocchi
Livello 23     4 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 9
Guida generale : Museo della ceramica. Centro storico. Antiche fornaci. Visita alle fabbriche di ceramica. Mattonelle votive della Chiesa di Madonna dei Bagni. Nella buona stagione escursioni in mountan bike.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0250234
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0930892
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0120119
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
HotelSearch-GetPartialView = 0,0080068
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Mete per la famiglia
Verde e natura
Studenti
Giovani e single
DestinationListExperience-GetPartialView = 0,0020017
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0220213
JoinUs-GetPartialView = 0,0020022
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0240239
AdvValica-GetPartialView = 0,0010004
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
Footer-GetPartialView = 0,003003
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009