×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Todi  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0156263

Info su Todi

Superfice:
222 km2
Altitudine:
400 m
Abitanti:
17399 [2010-12-31]
Introduzione

Todi è uno dei comuni più vasti della provincia di Perugia, diviso in 38 frazioni. La città sorge su un colle alto circa 400 metri e dà sulla valle del fiume Tevere. Il territorio, in prevalenza di tipo collinare, faceva un tempo parte della Comunità Montana Monte Peglia e Selva di Meana nella quale rientravano 15 comuni compresi nella provincia di Terni e nella provincia di Perugia. Todi fa parte dello S.T.I.N.A., ovvero Sistema Territoriale di Interesse Naturalistico del Monte Peglia e Selva di Meana, un’area naturale nata nel 2000, estesa per circa 48.000 ettari di cui più di 4000 costituiscono l’area protetta sotto il profilo della flora e della fauna. Le aree protette sono tre, vale a dire: quella più grande della Selva di Meana, quella dell'Elmo Melonta non troppo accessibile, quella di San Venanzo, la più piccola con una parte di origine vulcanica. Todi ha la particolarità di essere l’unico comune della provincia di Perugia a farne parte.

A circa 50 minuti di auto, c’è il lago Piediluco sito al confine con la regione Lazio, di origine alluvionale, che è il più grande dell’Umbria, dopo il lago Trasimeno il cui emissario è il fiume Velino, lo stesso che, insieme al fiume Nera, dà vita alla famosa cascata delle Marmore,anch’essa raggiungibile da Todi in circa 50 minuti d’auto. Sotto il profilo geografico ma anche storico, è importante sottolineare che Todi fu fondata dagli Umbri tra il secolo VIII ed il VII a.C. nell’area collinare posta sulla riva sinistra del Tevere. La sua posizione al confine con il territorio etrusco, le conferì il nome di Tutere ovvero "Città di confine".

Romani, Barbari, Bizantini e Longobardi hanno lasciato le proprie tracce nel territorio di Todi che fece parte del cosiddetto Corridoio Bizantino detto anche Provincia Castellorum, ovvero della zona montuosa e quindi non facilmente conquistabile dagli avversari, territorio che comprendeva aree di Lazio, Umbria e Marche. Tale ingegnosa via di collegamento tra Ravenna e Roma fu ad opera del popolo bizantino nel 570.

Sotto il profilo economico, oltre agli introiti derivanti dal turismo inerente il circuito delle località della zona, va menzionato l’artigianato che occupa una grande fetta e che si divide tra ceramica, oreficeria, intarsio e restauro. Importante in zona è anche l’agricoltura, favorita dalla presenza del fiume Tevere. Già nel Medioevo, periodo di cui oggi la città conserva molto, per lo stesso motivo, le popolazioni si stanziavano nel territorio di Todi, costruendo mulini ad acqua, concerie, laboratori.

Tra gli eventi a Todi, va di sicuro citato il Todi Festival che raggruppa l’arte intesa nel senso ampio del termine, comprendendo manifestazioni inerenti la danza, la prosa, la lirica, le arti visive e la letteratura che si tiene verso la fine dell’estate. Da citare è anche l’evento in onore di Santa Maria della Consolazione, davanti al Santuario, attribuito a Bramante, ogni 8 settembre. Ancora, se siete appassionati di arte antica, non perdete la Rassegna Antiquaria d'Italia, tra le più antiche del settore che si svolge nel periodo pasquale. Inoltre, se proprio non riuscite a viaggiare nelle vacanze pasquali, tenete presente che ogni seconda domenica del mese c’è un mercatino d’antiquariato molto caratteristico che potrete ritrovare nella piazza principale di Todi. Tante sono le bancarelle che riempiono la città anche a novembre, quando si festeggia San Martino. Da non perdere, poi, è il Gran Premio delle Mongolfiere che vi delizierà se solo vorrete puntare gli occhi al cielo nel caldo mese di luglio.

La cucina tuderte rientra, per la maggior parte dei piatti, nella tradizione tipica umbra fatta di ingredienti semplici cucinati in modo semplice quali ortaggi, verdure, carne e prodotti dei boschi come tartufi e asparagi. Da assaggiare sono gli insaccati, da mangiare magari con un contorno a base di cicoria selvatica, concludendo con tozzetti intrisi nel vino oppure con biscotti all’anice.

Una curiosità: la leggenda vuole che Todi sia stata costruita su in collina per volere del capo degli Umbri. Sua figlia, mentre faceva il bagno nel Tevere, fu derubata della veste da un’aquila che la portò in cima alla collina dove oggi sorge la città. Per recuperarla, il re si spinse fin lassù e, una volta goduto dello stupendo panorama, decise di erigervi Todi.

Tra i monumenti da visitare a Todi troviamo il Duomo dell'Annunziata all’interno del quale vi è Il Giudizio universale, di scuola michelangiolesca. Nella Pinacoteca Civica e nel Museo etrusco-romano sono conservati reperti archeologici e dipinti di alto calibro. Entrambi gli edifici ospitanti le due realtà culturali, ovvero Palazzo del Capitano e Palazzo del Popolo, sono in stile lombardo-gotico: le costruzioni sono unite tra loro mediante una scalinata.

Tra i personaggi legati a Todi va citato Jacopone De Benedetti ovvero Jacopone da Todi, famoso poeta del Duecento, autore di numerose laudi in onore del quale, nel 2007, in città, si sono tenuti grandi festeggiamenti per il VII centenario della morte (1306-2006). Ritenuto beato dalla Chiesa Cattolica, il poeta è una personalità inscindibile dal suo paese natio. Ancora, vanno citati il papa Martino I, 74º Papa della Chiesa cattolica, nato a Todi, e Bonifacio VIII che in città studiò. Ancora, tra i religiosi ma non solo, troviamo Nicola Cusano, che a Todi morì nel 1464: fu cardinale, ma anche filosofo e matematico. Insomma, sia grazie alla sua storia che ai personaggi ad essa legati, Todi fa parlare di sé, dimostrando che da offrire ha davvero tanto sotto il profilo turistico, anche per la posizione in cui si trova, inclusa in un circuito storico-artistico-naturale-religioso di rilevanza.

Potete giungere a Todi in auto, tramite l’autostrada del Sole o l’autostrada Adriatica, a seconda della provenienza. Ancora, arrivando in treno da nord, la fermata è quella di Fontivegge-Perugia per poi proseguire e prendere la Ferrovia Centrale Umbra e scendere a Todi. Chi viene da sud, invece, deve scendere alla Stazione di Terni e prendere il treno in direzione Perugia. L’aeroporto più vicino, invece, è quello di S.Egidio-Perugia.

Prefisso:
075
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
tuderti
Patrono:
San Fortunato
Giorno Festivo:
14 ottobre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

24
Media
17
Ottimo
7
Buona
2
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
12
Coppie
5
Famiglie
3
Turisti maturi
3

Indicatori

Sicurezza
convenienza
Attrattive
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Intrattenimento
Trasporti
Servizi ai turisti
attività
shopping
Accessibilità
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0156266
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Todi

Conosci Todi? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ENRICO GIANI
Livello 11     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici, Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : Per ammirare meglio le bellezze della città, si consiglia di iniziare il cammino dal meraviglioso Tempio di Santa Maria della Consolazione, sito alle porte di Todi. Salendo l'alberato Viale della Consolazione, dopo i Giardini Pubblici, sulla destra si incontra il... vedi tutto Tempio di San Fortunato. Dietro al Tempio si trova un sentiero che porta all'interno del Parco della Rocca. Tornando ai piedi della scalinata di San Fortunato e proseguendo per Via Mazzini si nota, sulla destra, il Teatro Comunale. Proseguendo lungo la via, si arriva nella splendida Piazza del Popolo dove si ammirano: Palazzo del Popolo, Palazzo del Capitano, Palazzo dei Priori, il Duomo. Sotto la Piazza del Popolo è inoltre possibile ammirare le Cisterne Romane: oltre 5 chilometri di cunicoli e gallerie, più di 30 cisterne, preromane, romane e medievali, 500 pozzi di varie epoche formano il ricchissimo patrimonio sotterraneo della città. Accanto alla Piazza del Popolo ve ne è un'altra che prende il nome dalla statua dell'illustre personaggio che vi troneggia: Piazza Garibaldi. Da qui, scendendo per Corso Cavour, troviamo sulla destra la Fontana Cesia. Proseguendo si arriva alla Porta Marzia. Dopo pochi metri, svoltando a sinistra, si possono ammirare i Nicchioni Romani. Procedendo lungo questa via si arriva alla Chiesa di S.Carlo. Poco oltre si trova la Fontana di Scarnabecco e più avanti si può ammirare la Chiesa di Santa Prassede. Tornando indietro per riprendere Corso Cavour, si scende ancora e si svolta a destra per arrivare alla Chiesa di Santa Maria in Cammuccia. Alla fine della discesa troviamo Porta Amerina; da qui, percorrendo Via della Circonvallazione verso sinistra, si giunge a Porta Romana. Fuori dalle mura, a 300 metri da Porta Romana, si vede il Tempio del Crocifisso. Da Porta Romana, continuando a percorrere la Circonvallazione, si trova Porta Perugina e, ancora oltre, i resti di Porta Orvietana. Da qui un lungo viale alberato conduce al Convento di Montesanto.
Da non perdere TEMPIO DI S. MARIA DELLA CONSOLAZIONE
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : L’abitato di Todi è circoscritto tra tre cerchia di mura (etrusche, romane e medievali) e innumerevoli sono i tesori che vi sono racchiusi.Tra le tante bellezze che si possono ammirare ricordiamo:la splendida Piazza del Popolo, salotto della Todi bene e... vedi tutto cuore pulsante della cittadina, su cui si affacciano alcuni degli edifici più importanti del centro storico;il complesso del Palazzo Comunale, nato dall’unione del Palazzo del Popolo (in cui sono ospitati il Museo lapidario, la Pinacoteca Civica e il Museo Etrusco Romano), del Palazzo del Capitano (di origine duecentesca) e del Palazzo dei Priori (che è il più bello dei tre e che fu terminato nel XIV secolo);il Duomo, eretto nel XII secolo sui resti di un tempio dedicato al dio Apollo, che è caratterizzato da una lunga scalinata d’accesso e dalla bella facciata romanica;la Chiesa di san Fortunato, edificata nel XIII secolo, conserva nella cripta la tomba del poeta umanista Jacopone da Todi e presenta una decorazione simile a quella del coevo Duomo di Orvieto ed un pregevole affresco di Masolino da Panicale;la Chiesa di santa Maria della Consolazione, eseguita nel XVI secolo su disegno di Bramante, presenta una struttura a pianta centrale sormontata da una bella cupola.
cinzia
Voto complessivo 9
Guida generale : Graziosa cittadina medievale ricca di storia, monumenti, tranquilla meta per un week and romantico e rilassante. Da vedere anche i paesi intorno e la campagna bellissima. Per non parlare delle ricercatezze gastronomiche e della ampia scelta degli agriturismi presenti. Un' attenzione particolare alle... vedi tutto civili abitazioni tutte quasi in tufo, bellissime con rifiniture di pregio e adornate di coloratissimi fiori.
Giovanni
Voto complessivo 6
Guida generale : Bellissima città ma troppo invasa dalle macchine che attorniano i bellissimi monumenti e camminando per le piccole vie si rischia di essere investiti, il traffico dovrebbe essere chiuso dalle ore 9 alle 18. Io viaggio in camper, trovato comodissimo parcheggio... vedi tutto con funicolare, gratuita, che ti porta in centro: comodissima
m.graziella buconi
Livello 46     5 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 10
Guida generale : Da non perdere la visita alle chiese: il Duomo romanico, la Consolazione su progetto del Bramante, San Fortunato splendido gotico. Conviene lasciare la macchina al parcheggio della circonvallazione (porta Orvietana) e salire al centro con l'ascensore (attenzione non perdere il biglietto... vedi tutto del parcheggio altrimenti si pagano 25,00 euro. Si mangia bene ovunque da non perdere il pasticcio di Jacopone Da Peppino in Piazza Jacopone
Alessandro alloni
Livello 89     9 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Todi è una città che bisogna visitare senza cartina, perdendosi nei vicoli e assaporando ogni più piccolo scorcio. Il caratteristico impianto medievale della città, in unione al paesaggio circostante permette a Todi di diventare una vera meraviglia agli occhi dei... vedi tutto turisti. La cosa che mi è piaciuta di più infatti della città, è l'armonia col territorio circostante.
Da non perdere Il Duomo , Palazzo del Popolo
Voto complessivo 7
Guida generale : È una città stupenda e bellissima. La consiglio per chi è stressato e vuole fare una vacanza utile (opere d'arte in giro ce ne è da vedere) e al contempo molto rilassante. Inoltre e' una citta' a misura d'uomo nel vero... vedi tutto senso del termine e molto ben collegata lungo tutta la via flaminia. Andate a Todi.
Alessandra Austeri
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 8
Guida generale : Todi città di arte natura e gastronomia. Immersa nel verde della campagna umbra, sarete affascinati nel passaggiare tra i vicoli del centro storico ammirando un panorama mozzafiato dal colle. Da visitare: Tempio della Consolazione di Bramante, Piazza del Duomo, Chiesa di... vedi tutto San Fortunato e la rocca
Barbara Oggero
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Todi è una piacevole passeggiata serale nei vicoli illuminati, dietro le piazze principali, dove il tempo s'è fermato e i muri delle case traspirano un'aria secolare. Da non perdere durante l'annuale Tango Festival, quando la cittadina si anima di musica... vedi tutto e dell'"alma" argentina.
Da non perdere Il Duomo , Palazzo del Popolo
Stefano Marini
Livello 14     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Citta tipica dell'Umbria, ben organizzata per l'interscambio gomma-mezzi-gambe... ottima per i visitatori delle città storiche, dei luoghi di culto e dell'architettura: è possibile visitarla in una giornata! Vi sono ristoranti da tutti prezzi a partire da 20 euro per un... vedi tutto antipasto ed un primo... la consiglio!
Da non perdere Tempio Santa Maria della Consolazione , Il teatro Comunale , Cisterne Romane
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0312521
IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0,0156262
DestinationListNear-GetPartialView = 0,078214
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Todi

HotelSearch-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Mete romantiche
Mete per la famiglia
Verde e natura
Avventura
Montagna
Pellegrinaggi
Sport
Cicloturismo
Studenti
DestinationListExperience-GetPartialView = 0

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156267
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0,0156262

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156258
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Todi

Pioggia debole
12 °
Min 104° Max 1903°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156284
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0