×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tour Wine e Castles del Chianti  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
LAVINIA
Scritto da: LAVINIA
Durata: 1 gg
Data partenza: dal 01/05/2011 al
Viaggiatori: 2
Nomi dei viaggiatori: lsvinia e antonio

Introduzione

assaggi di chianti classico del chianti senese

Descrizione

La provincia di Siena è molto varia per paesaggi e caratteristiche tipiche degli stessi, per cui abbiamo deciso di dividerla idealmente in 4 aree e dedicare ad ognuna una giornata per visitarle accuratamente tutte: Chianti, Val d'Elsa, Val d'Orcia e Amiatino, Crete Senesi.La prima tappa è stato il Chianti: una vera rivelazione!

1°tappa: Castelnuovo Berardenga-Castello di Brolio: il paese di Castelnuovo è noto soprattutto perchè recentemente vi si è sposato un famoso calciatore interista ma, poco distante, si trova il vero gioiello del comune: Il Castello di Brolio. Per visitare l'interno si paga un biglietto e, per interno, non si intendono le stanze bensì i giardini, la cappella, il cimitero e la cripta dove sono sepolti gli avi dei proprietari (Ricasoli), la cantina e il museo. L'enoteca si trova all'esterno e la nostra degustazione è cominciata qui provando sempre e dappertutto il Chianti Classico.

2°tappa: Gaiole in Chianti e Castello di Meleto: il paesino è carino ma niente di speciale a parte la chiesetta che è davvero particolare. Il castello....uno spettacolo! Principalmente si tratta di una residenza di Charme per cui la visita all'interno è riservata, ma l'enoteca è fornita e ben tenuta. Anche qui abbiamo assaggiato il loro vino più importante che è il Chianti Classico anche se c'era anche la Riserva, più corposa e maggiormente consigliata abbinata a un pasto. Ci siamo seduti nei tavoli che si trovano proprio fuori e goduti il panorama che è notevole.

3°tappa: Radda in Chianti e Castello d'Albola:in questo caso vale l'inverso, ovvero il castello ha un pò deluso anche perchè di castello c'è rimasto ben poco se non qualche rudere, e si tratta in realtà di vari casseri (comunque bellissimi) sparsi nei numerosi vigneti che, abbiamo scoperto da una mappa presente nell'enoteca, essere di proprietà di Zonin (Veneto) che ha vigneti in ogni dove....anche in America! Anche qui c'è stata offerta una degustazione di vari vini (non solo Chianti) compresi bianco maremmano, vinsanto e grappa. Il paese di Radda in Chianti invece, è un gioiello medievale senza paragoni: piccolo, tenuto in modo eccellente e piacevole da visitare. Abbiamo parcheggiato ai giardini comunali e già stavamo dicendo di quanto fosse bello ma, una volta entrati dentro le mura, ci siamo letteralmente innamorati: vicoli lastricati in pietra con negozietti di artigianato locale alternati, ovviamente, a locande, osterie ed enoteche, che conducano alla piccola piazzetta centrale su cui si affaccia il palazzo comunale una bella fontana a muro e, sopra quest'ultima, la chiesa a cui si accede attraverso scalinate laterali la fonte. Tutte i locali hanno all'esterno tavolini dove poter degustare il vanto della zona: il Chianti...ovviamente! Vi consiglio assolutamente l'albergo/ristorante/enoteca "Da Giovannino tutto genuino: vino prosciutto e cacio pecorino!" dove ci siamo fermati per l'ennesima degustazione.

4°tappa: Castellina in Chianti e la Necropoli Etrusca di Fonterutoli: il paese è molto più grande degli altri ma mantiene comunque le caratteristiche del borgo medievale con rocca, chiese e vicoletti vari. Lungo la strada che porta a Vagliagli, fuori il paese, si trova la Necropoli: resti di una tomba etrusca risalenti al VI sec a.c. mentre gli arredi della tomba sono nella Rocca di Castellina.

5° tappa Vagliagli e Villa Dievole: il Dievole credo sia uno dei Chianti più buoni che ho mai assaggiato anche se la qualità varia da vendemmia a tipo di imbottigliamento e invecchiamento e Villa Dievole è un posto veramente raffinato. Ultimo bicchiere di vino nella terrazza panoramica del relais e poi ritorno a casa.

DiaryDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0156254
AdvValica-GetPartialView = 0

Commenti

DiaryCommentList-GetPartialView = 0,0156263

Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori
I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!;
DiaryWriteDiary-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Altri diari sulle destinazioni vicine

DiaryListRelated_2xN-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0197151
AdvValica-GetPartialView = 0

Scarica gratis

la guida pdf di Radda in Chianti
La guida perfetta ovunque tu sia

Scarica gratis

la guida pdf di Gaiole in Chianti
La guida perfetta ovunque tu sia

Scarica gratis

la guida pdf di Castelnuovo Berardenga
La guida perfetta ovunque tu sia
DiaryGuideList-GetPartialView = 0
DiaryList_1xN-GetPartialView = 0,9059788
AdvValica-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0