×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156263
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Il canto della cicala  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Massimo
Scritto da: Massimo
Durata: 10 giorni
Data partenza: dal 06/08/2010 al
Viaggiatori: 2
Nomi dei viaggiatori: Massimo e Silvia

Introduzione

In giro per Provenza e Camargue

Descrizione

La luce entra con prepotenza dalla persiana socchiusa e gli oggetti nella stanza prendono vita. La stampa di Van Gogh appesa alla parete di fronte a me si illumina come per magia, ma è solo guardando i caschi sulla sedia che realizzo di essere sveglia.

Fuori c’è ancora un gran silenzio, il paese non si è ancora svegliato in questo nuovo giorno d’agosto, proprio come Max qui accanto a me. Il color lavanda della persiana si riflette nello specchio antico ed io ripercorro le giornate trascorse in sella alla nostra moto rapiti dagli splendidi paesaggi della Provenza, ora su strade panoramiche, ora su canyon suggestivi.

Mi rivedo intenta a far foto alle case color pastello, ai campi di girasole ormai reclinati su se stessi e alla lavanda raccolta a mazzetti e venduta sui banchi al mercato. Non riesco più a stare a letto, apro la persiana e respiro profondamente, l’aria del mattino è fresca sul mio viso, il cielo di un azzurro abbagliante incornicia le gole del Verdon, il fiume là in fondo è un nastro color smeraldo, guardare giù dà un senso di leggerezza e benessere.

Affacciata al davanzale fiorito, con i gomiti ormai doloranti, continuo a rivivere i bei momenti nei mercati colorati, pieni di gente di ogni etnia, bancarelle di pesce fresco, salumi e formaggi locali, montagne di olive e di saponi, tovaglie e ceramiche, e poi spezie, tantissime spezie.

Anche io avrei voluto riempire le cesta con tutti quei prodotti fino a farla traboccare, e sorrido ripensando a quelle signore che usano le borse di paglia intrecciata per portare a giro il proprio cane. Un po’ a malincuore riordino i bagagli, anche Max raccoglie le ultime cose, dalla finestra si comincia a sentire il vocio della gente operosa, le serrande delle botteghe di chincaglierie si aprono per accogliere i nuovi turisti, il canto insistente della cicala sembra volerci dire… è presto per tornare a casa.

Silvia

DiaryDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0156257
AdvValica-GetPartialView = 0

Commenti

DiaryCommentList-GetPartialView = 0

Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori
I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!;
DiaryWriteDiary-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Altri diari sulle destinazioni vicine

DiaryListRelated_2xN-GetPartialView = 0,0156263
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0

Scarica gratis

la guida pdf di Nizza
La guida perfetta ovunque tu sia

Scarica gratis

la guida pdf di Arles
La guida perfetta ovunque tu sia

Scarica gratis

la guida pdf di Aix en Provence
La guida perfetta ovunque tu sia
DiaryGuideList-GetPartialView = 0
DiaryList_1xN-GetPartialView = 0,8125632
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156267