×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Prato  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Prato

Superfice:
97 km2
Altitudine:
61 m
Abitanti:
187159 [2012-12-31]
Introduzione

È collocata sullo stesso lago antico ora scomparso poiché colmato dai sedimenti fluviali, in cui sorgono Firenze e Pistoia: la città di Prato, allo sbocco della Valle del Bisenzio, affluente dell’Arno.

Prato è uno dei comuni più abitati della Toscana, dista da Firenze appena 18 km. Non è particolarmente lontano dalle città d’arte toscane più note in assoluto, come Lucca, a 50 km, Siena a 79km e Pisa a 82 km.

Un punto di partenza ideale per arricchirsi del patrimonio artistico, dunque, ma anche per godere di numerose escursioni, tra le colline del Monteferrato o i monti dell’Alta Valle del Bisenzio, conoscendo anche vasti terreni coltivati e insediamenti industriali. Per una visitaa Prato è interessante sapere che il clima di questa località è caldo e temperato, con inverni piovosi ed estati non particolarmente secche. La temperatura media si aggira sui 15° C.

La storia di Prato, come testimoniano reperti archeologici, inizia già nel Paleolitico e sicuramente era un centro di grande importanza per gli Etruschi che abitavano la zona fin dal VI secolo a.C., come mostrano i resti rinvenuti nella zona di Gonfienti, a ridosso del comune di Campi Bisenzio, con prove di una discreta attività di tessitura e filatura, per cui Prato diventerà famosa molto dopo. E qualche studioso ha avanzato l’idea che qui fosse la patria del mitico re Porsenna. Non sono mancati ovviamente i Romani, per i quali la località era uno snodo importante sulla via Cassia. Vari a tal proposito i ritrovamenti dalla parte di Galceti, l'area archeologica intorno ad Artimino.

Si comincia a parlare stringatamente di una vera e propria città di Prato nel VI secolo d.C., con l'invasione dei Longobardi che prendono possesso della Val di Bisenzio e della zona di Montemurlo. È nell’XI secolo che nasce ufficialmente l'aggregato urbano, con l’unione di due località, il Borgo al Cornio, che corrisponde più o meno all’attuale piazza del duomo, e il vicino castello di Pratum dei Conti Alberti, che poi diede il nome a tutta la città. Diventa libero comune, governandosi in autonomia con forme piuttosto democratiche per i tempi poiché la gestione delle cose pubbliche è ad opera di consoli e podestà, che rimangono in carica per sei mesi.

Intanto, il commercio della lana diventa molto importante e si costruisce una doppia imponente cinta muraria difensiva, tra il XII e il XIII secolo. La vicinanza di Firenze influenza non poco la politica cittadina e anche qui ci sono intense lotte tra guelfi e ghibellini, tanto è vero che, per dare una lezione ai Medici di Firenze, Prato viene messa a ferro e a fuoco dal sacco di truppe spagnole nel 1512. Anno importante il 1653: si istituisce la Diocesi e Prato passa da "terra" a "città". Con la politica del Granducato di Toscana retto dai Lorena, l'attività tessile conosce una grande impennata e un deciso successo, tanto che viene costituita la Camera di Commercio.

Con l'Ottocento e la meccanizzazione dell'industria, Prato conquista i mercati mondiali con l’attività di fabbricazione della lana rigenerata, ricavata dai residuati tessili. Anche il paesaggio urbano cambia, con la presenza di numerosi opifici, tanto che si parla de la "città dalle 100 ciminiere". Nel 1900, durante la seconda guerra mondiale, Prato viene coinvolta da grossi bombardamenti, tra il settembre 1943 e il marzo 1944 e, proprio il 4 marzo di questo anno, prende il via uno sciopero generale degli operai tessili contro l’occupazione tedesca. Tra gli scioperanti vengono individuate dai fascisti 360 persone da deportare in Germania: solo 20 torneranno a casa. Per questo motivo, e non solo, Prato è una delle città decorate al Valor Militare per la guerra di Liberazione ed è stata anche insignita della Medaglia d'Argento al Valor Militare per i sacrifici subiti durante il conflitto.

L’attività tessile ha sempre dato una precisa identità alla città di Prato, ma le attrattive artistiche-storiche-culturali ne sottolineano anche lo spirito turistico. Buono il comparto dell’artigianato con la produzione di oggetti in marmo e onice, nonché le coltivazioni varie tra cui uliveti e vigneti in tutto il territorio. Resiste l’industria della produzione di mobili.

Tra gli eventi, da menzionare una grande festa che caratterizza la città di Prato, l’8 settembre, ovvero l'ostensione pubblica della Cintola, cioè la sacra cintura conservata a Bisanzio che, secondo una tradizione del IV secolo, avrebbe avvolto il ventre della Madre di Dio e che sarebbe stata portata qui dalla Terrasanta nel 1141. Le manifestazioni riguardano anche il cosiddetto Corteggio storico, una processione in costume lungo le vie del centro per omaggiare la Sacra Cintola. In genere il tutto si svolge in tre giorni, in cui, al contempo, vi sono vari avvenimenti, come la gara di tiro con l’arco, il mercato medievale che rievoca tradizioni e mestieri antichi, le esibizioni degli sbandieratori, spettacoli musicali, fuochi d’artificio. Il momento clou è l’esibizione della Sacra Cintola, che talvolta viene ripetuta sino a tre volte lo stesso giorno.

Saporito e genuino la cucina di Prato, in cui si rispecchiano spesso gusti tipici di tutta la Toscana. Tra le particolarità, la mortadella di Prato nel cui impasto c’è l’Alkermès, usata spesso per il ripieno di tortellini e mangiata a tocchetti, anche leggermente tiepida, da assaggiare magari con i fichi secchi di Carmignano o assieme a una fetta di bozza pratese, ovvero il pane di Prato senza sale. Raffermo si usa per la celebre minestra di pane, famosa come la pappa al pomodoro. Da assaggiare, le polpette di carnevale, con la carne della mucca Calvana, uvetta, pinoli, parmigiano; e ancora, il cavolo nero rifatto con le salsicce, l’arista arrosto, i crostini di fegatini, lo stracotto di carne e i sedani ripieni. Tra i dolci, i Carmignanini, pasta frolla con i fichi secchi, le pesche, nate nel 1861 per festeggiare l’Unità d’Italia, gli zuccherini di Vernio, i biscotti di Prato con le mandorle e il castagnaccio. Da non dimenticare l'olio extravergine d'oliva e i vini della zona di Carmignano: da provare il Pinot Nero di Bagnolo.

Pietra simbolo della città, il marmo verde di Prato, anche detto "pietra ranocchiaia" per via delle sue venature, usate per tanti decori nei suoi monumenti. A proposito, l'arte qui ha grandi campioni, come Filippo Landi, pittore famoso per la leggerezza e l’espressività delle sue pennellate, vissuto tra il 1406 e il 1469, padre di Filippino Lippi, avuto, lui che era frate carmelitano, dalla monaca Lucrezia Buti, fuggita per amore dal Convento di Santa Margherita di Prato. Storie d’arte e d’amore.

Prato è una città da visitare perché presenta offerte turistiche variegate, non solo arte e interessanti visioni di archeologia industriale, ma tanta natura tra monti, colline, campi, boschi. Una variegata possibilità di escursioni, in percorsi più o meno impegnativi, passando tra atmosfere etrusche e medievali per arrivare ai giorni nostri, con deliziose soste attorno alle ricette tradizionali.

Prefisso:
0574
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
pratesi
Patrono:
Santo Stefano
Giorno Festivo:
26 dicembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

16
Media
7
Bassa
6
Buona
3
Ottimo

Chi c'è stato

Tutti
5
Famiglie
3
Turisti maturi
2
Giovani e single
1
Coppie
1

Indicatori

mangiare e bere
Alloggio
attività
shopping
Accoglienza
Accessibilità
Intrattenimento
Trasporti
Sicurezza
convenienza
Attrattive
Servizi ai turisti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Prato

Conosci Prato? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Molti sono i monumenti da visitare ed ammirare a Prato. Consigliamo di iniziare la visita della città partendo dalle mura trecentesche, all’interno delle quali sono riuniti quasi tutti i principali edifici storici. Il circuito esagonale delle mura racchiude l'originario nucleo... vedi tutto urbano di Prato, costellato di antiche case-torri, il cui centro ideale è la Piazza del Comune, creata alla fine del 1200 all'incrocio dei principali assi viari.La piazza è chiusa su due lati dal trecentesco Palazzo Comunale, la cui facciata è stata ristrutturata nel 1700 su disegno di G. Valentini; nel maestoso Salone del Consiglio è custodita la Quadreria, una collezione di dipinti (soprattutto ritratti) risalenti al XVI secolo. Al piano terra dello stesso Palazzo Comunale si trova il Museo del Tessuto, nel quale sono conservati pregiati frammenti di tessuto dal Medioevo a oggi; tra di essi, vi sono anche le stoffe con cui sono stati "vestiti" il Papa e i Cardinali nelle cerimonie per il Giubileo del 2000.Sull'altro lato della piazza si staglia l'imponente mole del Palazzo Pretorio: di ristrutturazione trecentesca, con merlature e campaniletto del XVI secolo, fu sede del governo repubblicano e del tribunale. Nei suoi vasti saloni ha sede il Museo Civico, ricca collezione di dipinti (Filippo e Filippino Lippi, Giovanni da Milano, Gaddi, Battistello e altri) e gessi di Lorenzo Bartolini. Il Palazzo Pretorio è attualmente in restauro: le opere più importanti sono esposte nel Museo di Pittura Murale, dove è stata allestita la mostra I Tesori della Città e dalla quale è stata tratta una splendida e interessante Galleria Virtuale. Lasciando Piazza del Comune e percorrendo il Corso Mazzoni si raggiunge l'ampia Piazza del Duomo, dove sorge la Basilica Cattedrale di Santo Stefano. Splendido esempio di romanico – gotico toscano, il Duomo è caratterizzato dal sapiente uso della bicromia data dall'alberese chiaro e dal serpentino, il marmo verde di Prato, materiali tipici dell'architettura cittadina fino al 1400. Sul lato destro della facciata si trova il celeberrimo Pulpito, costruito fra il 1433 e il 1438 da Michelozzo e decorato da Donatello; il pulipito venne pensato appositamente per l'Ostensione della Sacra Cintola della Madonna, conservata nell'omonima Cappella posta all'interno della Basilica.Splendidi e preziosi sono anche gli affreschi di Filippo Lippi nella Cappella Maggiore, con la celebre danza di Salomè. Adiacente al Duomo vi è il Palazzo Vescovile (XIV-XVII secolo), una parte del quale è occupato dal Museo dell'Opera del Duomo.Si può completare la visita di Prato arrivando in Piazza Santa Maria delle Carceri, ove si erge il Castello dell'Imperatore; costruito su espressa richiesta dell'imperatore Federico II, è l' unico esempio di arte sveva nell'Italia centro-settentrionale. La straordinaria coreografia della Piazza è completata dalla Basilica di Santa Maria delle Carceri, edificata da Giuliano da Sangallo fra il 1485 e il 1492 per volere di Lorenzo il Magnifico. Uno sguardo all’arte contemporanea in Piazza San Marco, dove troviamo una delle tante opere d'arte contemporanea che la città ospita: la "Forma squadrata con taglio" del celebre scultore contemporaneo Henry Moore.Se scegliete di visitare Prato l'8 settembre, giorno della più importante festa della città, potrete assistere all'Ostensione della Sacra Cintola della Madonna e al Corteggio Storico (vedi Storia e Turismo). Altre manifestazioni interessanti sono il Palio dei Ciuchi di Carmignano e il Corteggio Storico Rinascimentale di Oste. Dal 24 giugno al 15 luglio vi capiterà di assistere al Festival delle Colline. Da aprile a dicembre invece, ogni anno, ha luogo la Mostra del Tessuto, un’esposizione di 6.000 campioni di tessuti provenienti da diverse aree geografiche, sia europee che extraeuropee e databili dal V secolo d. C. ad oggi, e di macchinari per la tessitura manuale, come filatoi, roccatrici e trespoli per la gramolatura della canapa. Caratteristiche sono alcune antiche sagre come la Polentina di Vernio e il Carnevalino di S. Ippolito. Numerose poi sono le sagre legate alle tradizioni enogastronomiche locali organizzate dalle varie Pro-loco.
Alessandro Ferrelli
Livello 29     4 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Prato è un piccolo centro (non piccola città) a 15 min da Firenze ma che non ne subisce affatto la vicinanza.in centro c'è di tutto e di più per lo shopping,la buona cucina e gli happy hour più divertenti..!!due stazioni... vedi tutto grandi delle quali una proprio a due passi dal Duomo la rendono accessibilissima e rendono agevoli gite nelle vicinanze come ad esempio nelle colline vicine..!!la periferia tranquilla la rendono una città non pericolosa,nonostante la forte presenza multietnica..!!Detto questo Prato è da scoprire,e ne rimarrete sorpresi nello scoprire che non è solo una realtà ex-tessile..!!venite a scoprire il centro per l'arte contemporanea della Toscana e a scoprire le piccole botteghe artigiane lungo i vicoli del centro storico.
Nina
Voto complessivo 9
Guida generale : Prato è da visitare sicuramente e io ho avuto la fortuna, avendo amici in città, di poter visitare altri luoghi oltre al già conosciuto Centro Storico.Da visitare e da percorre in bici, tutti i Km di ciclabile, che, correndo nella... vedi tutto campagna o lungo fiume, ti fanno scoprire come si possa coniugare una città industriale con un bel verde da vivere e che, soprattutto in primavera ed estate, viene vissuto dai cittadini.Se ci sposta dal centro ci sono innumerevoli chiese storiche e frazioni che raccontano la storia di una città che ha dato i Natali a molti personaggi famosi e che riserva grandi sorprese culinarie. Provare per credere.
Marco
Voto complessivo 4
Guida generale : La seconda città della Toscana, molto meno conosciuta di altri capoluoghi toscani, ha un centro abbastanza piccolo ma molto carino. Movida molto vivace (Via Settesoldi, Via S. Trinita, Corso Mazzoni, Via Garibaldi), molto belle in centro Piazza del Comune, Piazza... vedi tutto S.Agostino, Piazza delle Carceri, il Castello dell'Imperatore e le colline circostanti. Ottima qualità della vita, città tranquilla e sicura (non date retta ai soliti razzisti paranoici), contrassegnata da una grande e pacifica comunità cinese (fate una visita a Via Pistoiese, cuore di Chinatown). Ben collegata con Firenze e Pistoia.
maria grazia massi
Livello 40     5 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 7
Guida generale : Non è una grande città, perciò è vivibile e abbastanza tranquilla. I locali di ritrovo per i giovani sono in crescita e il verde non manca con lunghi percorsi pedonabili e ciclabili che portano da un lato all'altro della città. La... vedi tutto parte storica è raccolta nel centro e ci sono itinerai per visitarla. Ci sono grandi e piccole strutture alberghiere che accolgono i turisti che normalmente soggiornano a Prato per visitare la bellissima e vicina Firenze.
Da non perdere Il Duomo e il museo , Castello dell'Imperatore , Centro Pecci
VANIA PACINI
Livello 25     4 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Guida generale : Quando si visita Prato non puo' mancare una visita al famoso "Pulpito di Donatello" in piazza Duomo ma soprattutto passate dalla via del Corso direzione piazza S. Francesco e fate acquisti nel mitico negozio "Mattonella" qui troverete i VERI ed... vedi tutto UNICI biscotti di Prato!!! Una bontà! Per un'immersione nella Prato cosmopolita non perdete un giro nella parte "cinese" c'è anche TIMES SQUARE! Per finire un bella bistecca al ristorante "Tonio"! Buona visita!
Da non perdere Il Duomo e il museo , Museo del tessuto
Sandra conti
Voto complessivo 7
Guida generale : Prato è la mia città, ci sono nata e penso che ci rimarrò tutta la vita, negli ultimi anni ha subito un processo di degrado, con arrivo di etnie da tutto il mondo. Il centro storico e' molto bello, ci... vedi tutto sono tante cose da vedere come il Duomo palazzo pretorio il Castello dell'imperatore, è piccolo e si gira molto bene a piedi...
renza
Voto complessivo 9
Guida generale : prato e' piena di tesori da vedere, musei, chiese, pitture, monumenti, parchi, ristoranti, la ciclabile, bei negozi, ritrovi per i giovani, andrebbero valorizzati gli ingressi in citta' questo sarebbe gia' un punto a favore e soprattutto ci dovrebbero essere piu'... vedi tutto controlli, questo invoglierebbe i cittadini a vivere la loro citta' giorno e notte perché prato e' proprio una bella citta'.
Da non perdere Duomo , piazza delle carceri
PAOLA BIGAGLI
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 8
Guida generale : Il centro con i negozi di prodotti tipici (cantuccini) è vistitabile a piedi, ma se hai la bici puoi fare belle pedalate lungo la ciclabile sul Bisenzio. Da visitare il Museo del Tessuto ed il Museo di Scienze Planetarie oltre... vedi tutto agli altri monumenti presenti in città. Il periodo estivo è pieno di manifestazioni e feste comunque l'8 settembre resta sempre la più bella con il corteggio storico e l'ostensione della Sacra Cintola.
Da non perdere Il Duomo e il museo , Castello dell'Imperatore , Museo del tessuto
Alessandro Milani
Livello 31     2 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Molti locali interessanti basta informarsi. Prezzi molto convenienti. Trasporti un po' incasinati, ma comunque funzionanti. Per la città anche molte cose storiche da vedere e molti spazzi verdi. Luoghi di interesse: Duomo di Prato, Basilica di Santa Maria delle Carceri, Castello... vedi tutto dell'Imperatore, Chiesa di San Francesco.
Da non perdere Il Duomo e il museo , Castello dell'Imperatore , Teatro Metastasio
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Prato

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Enogastronomia
Arte e cultura
Mete per la famiglia
Verde e natura
Shopping
Giovani e single
Avventura
Mete romantiche
Montagna
Sport
Cicloturismo
Studenti
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156267
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0