×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Caserta  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Caserta

Superfice:
54 km2
Altitudine:
68 m
Abitanti:
76968 [2014-07-31]
Introduzione

Caserta è il capoluogo dell'omonima provincia in Campania. La città è situata al centro della via Sannitica, la strada voluta ai tempi dai Borbone e comprende oltre al capoluogo, anche ben 23 frazioni tra cui ricordiamo San Leucio, comune assorbito da Caserta sotto il periodo mussoliniano, rinomato per il Real Belvedere e i setifici, e Casertavecchia, con il suo borgo medievale, il castello e il Duomo.

La provincia di Caserta rappresenta la zona pianeggiante più estesa della Campania e perciò anche il clima è adeguato a questa caratteristica. Il territorio che si estende dalla costa sino ai primi monti che circondano il capoluogo risente dei benefici influssi del mare, che si riflettono soprattutto in inverno con temperature decisamente miti. Durante la stagione estiva, invece, questa zona risulta una delle più calde della regione, con punte di 36º-38º C . L'indice di nevosità è comunque uno dei più bassi d'Italia e persino d'Europa, molto meno evidente che in città italiane situate alla medesima latitudine, come ad esempio Bari.

Il nome Caserta deriva dal latino Casa Irta, toponimo che viene attributo all'antico centro urbano (l'attuale Casertavecchia) che sorse fino al XVIII secolo in posizione elevata rispetto alla pianura circostante. La città ha comunque origini tanto antiche quanto incerte: fa parte di un territorio di importanza archeologica dove sono state rinvenute parecchie testimonianze della dominazione etrusca, sannita e romana.

Nel 1990 furono infatti ritrovate alcune tombe di epoca Sannita nei sotterranei della Reggia: si trattava di una importante necropoli del V secolo a.C. Intorno al 423 a.C. essa infatti venne annessa dai Sanniti col nome di Calatia e più tardi si schierò contro i Romani e a favore di Annibale nel 211 a.C.

In età medievale, la città fu a lungo motivo di lotta dei principati vicini di Napoli, Salerno e Capua e osservò un notevole incremento della sua popolazione fino al IX secolo: le continue incursioni saracene spingevano, infatti, gli abitanti della pianura a cercare rifugio in luoghi collinari più sicuri e difendibili. In epoca moderna, il feudo passò nelle mani dei Caetani che, indebitatisi enormemente, furono obbligati a vendere i possedimenti ai Borbone di Napoli e questi, in particolare nella persona del Re Carlo III, decisero di costruirvi la celebre reggia nel 1750.

Caserta, a cavallo tra la fine dell'ottocento e l'inizio del novecento, si presentava pertanto come una cittadina sviluppata intorno alla Reggia. Durante la Seconda guerra mondiale, dopo la resa incondizionata, la città esce dilaniata nel suo cuore antico e completamente da ricostruire.

Negli ultimi anni, il tessuto industriale casertano ha subito il ridimensionamento o la chiusura di molte fabbriche "storiche" dell'area. La maggior parte di queste era legata alla famosa seta di San Leucio, anche se oggi sono ancora pochi i setifici che continuano a lavorare questo pregiato tessuto. Negli ultimi anni, si è vista anche la nascita nel suo territorio di diversi alberghi importanti che hanno aumentato di molto la capacità ricettiva del capoluogo e hanno permesso il moltiplicarsi delle visite presso la Reggia e lo sviluppo anche turistico della provincia. Importante è anche l’industria casearia, essendo il casertano la zona per eccellenza della produzione della famosa mozzarella di bufala che viene esportata in tutto il mondo.

A Caserta vi è la sede infine del Banco delle opere di carità, un'istituzione benefica diffusasi poi in gran parte d'Italia. Tra gli eventi degni di nota citiamo il Premio internazionale di giornalismo "Le Buone Notizie - Civitas Casertana", noto anche come "Premio Buone Notizie", la stagione teatrale (da ottobre a maggio in più di dieci teatri cittadini), i Premi Nazionali letterari, il Torneo Internazionale Femminile di Tennis presso il Tennis Club Caserta (maggio), Settembre al borgo (manifestazione culturale di rilievo nazionale nel borgo vecchio a settembre) e il Festival del Cinema Indipendente (maggio).

La cucina casertana è caratterizzata da piatti legati alla mozzarella di bufala, visto che la provincia di Caserta è la zona dove è presente il maggior numero di bufale d'Italia. Tipiche sono anche le salsicce di polmone, condite con i piccanti peperoncini locali. Tradizionali sono i fagioli "alla carrettiera", le zite ripiene e le acciughe sotto sale in vasetto sott'olio. Tra i dolci troviamo il Casatiello (tradizionalmente salato, ma servito anche in una versione dolce), torta rustica tramandata da generazioni e preparata nel periodo pasquale. Tra i vini da ricordare il Conca Mondragone, il vino dei Campi Flegrei, il Pallagrello e il Bianco d'Alife.

La città ha ospitato diverse produzioni cinematografiche, specialmente nelle sue location della Reggia e del parco: tra le più importanti ricordiamo Io speriamo che me la cavo nel 1992, Angeli e Demoni nel 2009, Mission: impossible 3 nel 2006, Star Wars: episodio I – La minaccia fantasma ed episodio II- L’attacco dei cloni ( nel 1999 e nel 2002).

Negli ultimi anni molti scrittori e giornalisti casertani hanno inoltre avuto successo a livello nazionale e talvolta internazionale facendo meritare a Caserta l'appellativo di città culla di scrittori contemporanei. Fra questi si possono citare Francesco Piccolo, Antonio Pascale, Rosaria Capacchione e Roberto Saviano, quest'ultimo nativo di Napoli, ma cresciuto a Caserta. A Caserta è nata nel 2002 anche l'associazione culturale Liberalibri, considerata la maggiore associazione di bookcrossing in Italia senza fini di lucro.

Caserta è famosa a livello internazionale per la meravigliosa Reggia Borbonica, detta anche la Versailles d'Italia, che, insieme al Belvedere Reale di San Leucio e all'Acquedotto Carolino, fanno parte del patrimonio dell'umanità dell'Unesco dal 1997. Da non dimenticare inoltre il borgo medievale di Casatevecchia, i monumenti storici, le piazze, i musei, il planetario di recente costruzione, le aree naturali intorno alla città e la necropoli nella quale nel 1990 vennero ritrovate sette tombe a cassa di tufo di epoca sannitica, della seconda metà del IV secolo a.C.

Prefisso:
0823
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
Casertani
Patrono:
san Sebastiano e sant'Anna
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0156249
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

34
Media
12
Ottimo
7
Buona
5
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
15
Famiglie
8
Turisti maturi
3
Giovani e single
1
Coppie
1

Indicatori

mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Intrattenimento
Sicurezza
Attrattive
attività
shopping
Alloggio
convenienza
Servizi ai turisti
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0156254
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Caserta

Conosci Caserta? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Il nome di Caserta è giustamente associato alla sua famosissima Reggia o per meglio dire al Palazzo Reale, splendido esempio di neoclassicismo italiano conosciuto in tutto il mondo.Il Palazzo Reale è stato eretto per volere di Carlo Borbone a metà... vedi tutto del XVIII secolo, il quale chiamò per realizzare il grandioso progetto Luigi Vanvitelli che iniziò i lavori nel 1750.La Reggia venne completata un secolo più tardi a causa delle vicissitudini storico politiche. Il prospetto della Reggia è a pianta rettangolare che da su quattro cortili, vi si accede tramite un grandioso viale che forma un emiciclo.In tutta la reggia ci sono circa 1.200 stanze sfarzosamente decorata secondo il gusto dell'epoca. Il grande Scalone porta al primo piano e la volta è decorata con affreschi raffiguranti le quattro Stagioni e la Reggia di Apollo.Oltre alle bellissime stanze nella reggia è possibile ammirare la Cappella Palatina, realizzata dal Vanvitelli, dove venivano celebrate le cerimonie della famiglia reale. Ferdinando I volle la costruzione della grandiosa Biblioteca dove sono conservati numerosissimi volumi antichi.Ricordiamo il Teatro di Corte, costruito a forma di ferro di cavallo e decorato in alabastro. Tra le sale da non perdere segnaliamo, in ordine di visita: la Sala degli Alabardieri, la Sala delle Guardie, la Sala di Alessandro, la Sala di Marte, la Sala di Astrea, la Sala del Trono, la Sala del Consiglio, la Camera di Francesco, la Camera di Murat, la Sala Ellittica, le Sale della Pinacoteca. Seguono la Sala delle Cacce Reali, la Sala degli Spolverini, la Sala dei Porti di Campania, la Sala dei Porti di Calabria e Sicilia, la Sala dei Porti di Puglia, la Sala delle Allegorie e le quattro Sale dei Ritratti del Re. Una delle parti più famose della Reggia è il maestoso Parco che comprende oltre 100 ettari di terreno ed è interamente decorato da fontane e giochi d'acqua. Famose sono le fontane Margherita e quella dei Delfini. Oltre troviamo la suggestiva Grotta dei Venti con la fontana di Eolo, la fontana di Cerere e la Fontana di Venere e Adone.La visita di Caserta prosegue alla scoperta della cosiddetta "Casertavecchia": nella splendida Piazza del Vescovo sorge la bellissima Cattedrale romanica, accanto vi è il Campanile di forma quadrata. Nel centro storico di Caserta segnaliamo inoltre il Palazzo Vecchio che fu prima degli Acquaviva e poi dei Borbone. La Cattedrale ha una struttura medievale anche se fu terminata nel 1837, conserva la pianta a croce latina. 
Gianni Zacchia
Livello 15     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : Il Borgo Medievale di Casertavecchia è una perla dimenticata dal turismo di massa. Il Real sito ospita convention culturali e congressi medici di alto livello internazionale. Il Parco della reggia è semplicemente favoloso e visto dall'alto della Cascata offre uno... vedi tutto spettacolo mozzafiato. Lo shopping a Via Mazzini, Piazza Vanvitelli, Corso Trieste e zone limitrofe appaga i desideri dei modaioli e le esigenze della classe impiegatizia e operaia. Il caffè al Contemporaneo, al Marziale, al Buffolano , alla Veneziana è un momento di relax e di buon gusto.Le offerte gastronomiche notevoli appagano i palati più esigenti, grande la Pizza della loggetta, del Solito Posto, di Pepe Nero e di molti altri specialisti. Caserta è da visitare e da vivere.
Da non perdere Il Parco della Reggia in bicicletta , Cattedrale di Caserta Vecchia , Lo shopping a Via Mazzini
Roberta
Voto complessivo 7
Guida generale : Città moderna, viva,universitaria, ma anche caotica. A dimensione d'uomo, piacevole da scoprire a piedi, piena di negozi e locali. La reggia è fantastica, ricca di tesori: bellissimo è il vivaio con fiori e piante di ogni specie, provenienti da lontani... vedi tutto Paesi anche esotici. Il teatro di corte come la cappella sono delle bomboniere! Immaginatevi che vita piacevole facessero i Borbone! C'è una mostra permanente del presepe dell'800... Da vedere anche Caserta vecchia, con le sue strette viuzze e cibo di altri tempi!
Da non perdere Cattedrale di Caserta Vecchia , visita al centro storico , La reggia e i suoi giardini.
Floriana Iacobelli
Livello 28     3 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : La visita alla reggia di caserta, gli appartamenti e il parco compreso il giardino inglese, la visita al borgo di casertavecchia e la visita al real sito di san leucio, il museo della seta. Da non perdere la visita a... vedi tutto qualche setificio della zona con possibilità di acquistare nello spaccio le pregiate sete. nel centro della città, via mazzini, ci sono molti localini dove è possibile mangiare oppure prendere aperitivo con musica. da non perdere: - il contemporaneo, via mazzini - vovo pacomio, via mazzini - ristorante massa, via mazzini
Da non perdere Vistare la Reggia , Cattedrale di Caserta Vecchia , San Leucio e i suoi setifici
Francesco De Filippo
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici, Da solo, Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : Al primo pensiero di Caserta balza in mente sicuramente la maestosa Reggia, con le sue 100 e più camere da visitare una ad una, oppure il suo immenso parco immerso nel verde, dove si può fare una passeggiata con l'altra... vedi tutto metà amorosa mano per la mano oppure una gita con amici dove immortalare, magari fotografando, ogni singolo angolo di prospettiva che può rivelarsi unico nel suo genere. Credo nel turismo italiano, dato che a mio parere non ha nulla da invidiare a Paesi esteri, ma anzi, ogni cittadino italiano ha il dovere civico e morale di invogliare altre persone a riscoprire determinate mete italiane, talvolta abbandonate nel loro semplice e solo ricordo.
elena Costantini
Livello 18     2 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 8
Guida generale : Al primo pensiero di Caserta balza in mente sicuramente la maestosa Reggia, con le sue 100 e più camere da visitare una ad una, oppure il suo immenso parco immerso nel verde, per una gita con amici dove immortalare, magari... vedi tutto fotografando, ogni singolo angolo di prospettiva che può rivelarsi unico nel suo genere. Credo nel turismo italiano, dato che a mio parere non ha nulla da invidiare a Paesi esteri, ma anzi, ogni cittadino italiano ha il dovere civico e morale di invogliare altre persone a riscoprire determinate mete italiane, talvolta abbandonate nel loro semplice e solo ricordo.
Da non perdere La reggia e i suoi giardini. , San Leucio e i suoi setifici , Il Borgo di Caserta Vecchia
Aurora
Voto complessivo 9
Guida generale : La reggia è magnifica..a mio parere molto più bella di quella di Versailles. La città offre non solo questo ma altre mete da visitare: Casertavecchia, San Leucio,l'Anfiteatro di S.Maria Capua Vetere e poi nelle zone intorno al centro, dopo S.Leucio... vedi tutto c'è tantissimo verde. Il centro della città offre tanti localini, negozi a portata di tutte le tasche ed è molto carino. Da visitare!
Arcangelo Pariso
Livello 14     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 6
Guida generale : Un grande paese perchè si attraversa in poco più di 20 minuti a piedi. La reggia (Patrimonio dell'Umanità UNESCO), ovviamente, ma anche il centro animato. Si trova a breve distanza dal borgo di Caserta Vecchia (il primo nucleo della città)... vedi tutto che si trova in collina (da cui Caserta "casa irta"). a soli 20 minuti da Napoli via autostrada).
Da non perdere La reggia e i suoi giardini. , Cattedrale di Caserta Vecchia
ELIO MAIELLO
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 4
Guida generale : DA VISITARE : REGGIA DI CASERTA - BELVEDERE DI SAN LEUCIO - CASERTAVECCHIA. LASCIARE L'AUTO IN UNO DEI PARCHEGGI CUSTODITI SITUATI A RIDOSSO DELLA CITTA'; IL CENTRO E A 10 MIN.A PIEDI E SI VISITA IN POCO TEMPO. UNICO RISTORANTE... vedi tutto DEGNO DI NOTA A BASE DI PESCE SEMPRE FRESCO: TAVERNA BATTISTI MAX 35 EURO (DA NON PERDERE LA MILLEFOGLIE ALLA CREMA CHANTILLES. DEDICARE 1/2 GIORNATA AL BORGO ANTICO DI CASERTAVECCHIA (IN COLLINA A 10 KM. DAL CENTRO; NE VALE LA PENA. DUE GIORNI SONO PIU' CHE SUFFICIENTI.
Da non perdere Cattedrale di Caserta Vecchia , San Leucio e i suoi setifici , La reggia e i suoi giardini.
Claudia Bertani
Livello 54     4 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Città caotica, ma accogliente. Si mangia molto bene. Magnifica la Reggia di Caserta: conviene andarci dalla mattina alla sera per godere di ogni angolo del parco e delle stanze. Ci siamo stati un solo giorno, ma siamo riusciti a vedere... vedi tutto praticamente tutto della città, anche se i paesini intorno a Caserta meritano una visita, ma noi eravamo al rientro del viaggio e non ci potevamo fermare di più. Da non perdere Reggia di Caserta e Casertavecchia.
Da non perdere Reggia di Caserta , Mangiara le mozzarelle , Casertavecchia
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0312503
IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0781246
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Caserta

HotelSearch-GetPartialView = 0,0156253
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Mete romantiche
Shopping
Mete per la famiglia
Verde e natura
Studenti
Montagna
Sport
Avventura
Giovani e single
Terme e Benessere
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0312499
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156244
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156254
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0