×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Londra  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
ida
Scritto da: ida
Località: Londra
Durata: 4 GIORNI
Data partenza: dal 18/11/2012 al
Viaggiatori: 2
Nomi dei viaggiatori: IDA, LUCIA

Introduzione

Londra. Regale, attraente, multietnica...

Descrizione

18 NOVEMBRE 2012:

Sveglia presto questa mattina anche se l'aereo è alle 10,20 io non sono riuscita a chiudere occhio, capita sempre quando devo viaggiare, ma è solo un po' di sana ansia. Saluto Pino e Daniel che ancora mezzo addormentato mi da un bacio e mi ricorda di portargli un cappellino da Londra. Alle 8 puntuali arriva Lucia accompagnata da Sara e Paolo che ci porteranno all'aeroporto. Arriviamo a Caselle alle 8,15 e alle 10 siamo sull'aereo della Ryan Air che ci porterà a Londra.

Atterriamo a Stansted alle 11,30 circa, in realtà c'è un ora in meno in Gran Bretagna rispetto all'Italia, il cielo è nuvoloso ma non piove e non fa freddo. Prendiamo il bus della Terravision che con 11 €, biglietto acquistato a Caselle, ci porterà a Londra, alla Victoria Station proprio vicino all'Hotel che abbiamo prenotato, in circa 1 ora. Circa 40 km di autostrada e qui il primo cardiopalma perchè in Inghilterra, così come in tutti i paesi del Commonwealth, si guida tenendo la sinistra e ti sembra di andare in contromano... Giunti a Londra il traffico è intenso ma ordinato e già quasi subito appare Westminster e il London Eye... che emozione!

Il nostro albergo, il Blair & Tudor Inn, è situato in Warwick Street, lo troviamo quasi subito, è gestito da indiani ed il mio primo pensiero è stato “speriamo di capirli questi, faccio sempre un po' di fatica a capire l'inglese parlato dagli indiani, biascicano le parole”, invece nessun problema...

Primo intoppo però, le nostre carte di credito sono rifiutate, oh cavolo... lo invito a riprovarle di nuovo ma nulla... paghiamo in contanti, io rimango senza un penny e con la preoccupazione di non poter sapere cosa possa mai essere capitato alla mia carta!... Sono un po' preoccupata, Lucia è più tranquilla, decido di non pensarci, senza soldi non siamo e non ho voglia di rovinarmi la vacanza dopo averla attesa per tanto tempo.

La camera non è un granchè, le lenzuola sono pulite, la moquette che riveste l'intero albergo ad eccezione del tetto, un po' meno, il bagno è più piccolo di quello del mio camper ma è pulito, vabbè, tanto ci dobbiamo proprio solo dormire... Dopo una rapida sistemazione iniziamo il giro alla scoperta di Londra.

Prima tappa Buckingham Palace, il palazzo reale, ufficio e residenza della Regina. Molto sfarzoso, molto grande, indubbiamente molto bello. Non riusciamo a vedere il cambio della Guardia, c'è stato poco prima che arrivassimo, il palazzo è chiuso apre solo ad agosto e settembre o quando la Regina si reca in Scozia. Dopo le foto di rito procediamo verso la piazza antistante, entriamo nel St James' Park e, dopo una lunga passeggiata, arriviamo a Westminster. Tutti i monumenti ai caduti che incontriamo durante il percorso sono tappezzati di piccole croci di legno con sopra i nomi delle morti durante la 1° guerra mondiale e tutto intorno papaveri rossi di varie dimensioni, l'11 novembre c'è stato il Remembrance Day per commemorare il giorno della fine della 1° guerra mondiale nel 1918 e ricordarne i suoi caduti. Viene osservato in tutti i paesi del Commonwealth... anche il cortile antistante l'abbazia di Westminster è zeppa di croci e papaveri rossi... molto suggestivo.

Molto bella l'abbazia ma la ammiriamo solo esternamente, è molto caro l'ingresso, circa 18 sterline, visitiamo invece la cattedrale di Westminster, poco più avanti, il cui ingresso è gratuito. Continuiamo la nostra passeggiata ed ecco il Big Ben! Il grande campanile in stile neogotico così come anche l'intero complesso del palazzo di Westminster, lo fotografiamo in tutte le posizioni... e, dato che ormai è già buio, anche di notte, tutto illuminato... Camminando non ci siamo neanche accorte che sono già quasi le otto, decidiamo di andare a mangiare qualcosa così ci fermiamo in un locale a mangiare una Caesar Salad, proviamo a pagare con la carta di credito tanto per capire se davvero c'è qualche problema o se alla reception ci hanno prese in giro... la mia carta funziona, sono più sollevata, svelato il mistero, se pagavamo l'albergo con la carta ci dovevano rilasciare la ricevuta e pagarvi le tasse invece così la fanno franca, domani gliene dico quattro! Ora però andiamo in albergo a riposare, la prima giornata a Londra si è conclusa.

19 NOVEMBRE 2012:

Sveglia presto anche questa mattina, decidiamo di non dire nulla, non vogliamo grane, non ne vale la pena... ci prepariamo e andiamo a fare colazione, l'albergo offre la scelta tra latte, tè e caffè, corn flakes e burro e marmellata, niente male... ci rinfociliamo e, cartina alla mano, ci dirigiamo verso la Victoria Station per prendere la metropolitana, the “tube” come la chiamano i Londinesi. Il cielo è coperto e quindi non possiamo andare a Greenwich come ci eravamo ripromesse, vorrà dire che ci andremo domani o un altro giorno.

Acquistiamo l'All day ticket, con questo biglietto possiamo girare su tutte le linee della metropolitana e dei buses nella zona 1 e 2 di Londra, in pratica la zona più turistica, costa 7 sterline ed è molto conveniente se consideriamo che invece una semplice corsa costa 4,30 sterline. Londra è molto ben servita dalla metropolitana, ci sono molte linee, praticamente si può andare da una parte all'altra di Londra senza mai tornare in superficie, molto fruibile, veloce, pulita e cosa veramente strana i trenini non sono mai affollati e li attendi al massimo 3 minuti.

Per il momento però la metropolitana non ci serve perché la nostra prima meta è Regent Park, uno dei più grandi parchi di Londra, il parco reale che è poco distante. E' molto grande e pulito, c'è anche un lago con papere, oche, ecc...e poi ci sono gli scoiattoli, ovunque, ci vengono incontro forse perché hanno capito che gli abbiamo portato le noccioline, ne nutriamo e fotografiamo un sacco, si mettono in posa poco volentieri ma soprattutto non riusciamo ad accarezzarli... sono davvero molto belli.

Da Regent Park prendiamo la linea della metro per recarci a Baker Street, ricordo un bellissima canzone degli anni 80 di Gerry Rafferty ma questa strada è famosa soprattutto per Sherlock Holmes. Sir Conan Doyle, quando scrisse le storie di Sherlock Holmes, scelse il numero 221B per ambientarvi il quartier generale del suo personaggio più conosciuto sapendo che, ai suoi tempi, i numeri civici della via arrivavano solo fino a 100, poi negli anni 30 ci fu un riordino dei numeri civici ed il numero 221B venne assegnato ad un edificio sede di una società che cominciò a ricevere lettere indirizzate a Sherlock Holmes, decisero così di approfittarne aprendo una segreteria di Sherlock Holmes, apposero una targa in bronzo in corrispondenza del famoso numero civico e sponsorizzarono anche la sistemazione della statua di bronzo appena fuori della stazione metropolitana di Baker Street... foto di rito a Sherlock e di nuovo sulla tube per recarci a Camden Town. Poco distante da Baker Street incontriamo il museo delle cere di Madame Tussauds, l'ingresso è carissimo, 26 sterline... ci rinunciamo.

Camden Town è davvero un posto magnifico, quartiere popolare diviso in due dal Regent's Canal dove pullulano mercatini che vendono prodotti di tutti i tipi, abbigliamento, libri, antiquariato, oggetti bizzarri, mobili e cibo di ogni parte del mondo infatti man mano che ci addentriamo tra le bancarelle sentiamo odori e profumi tra i più disparati. È molto frequentato dai giovani, ci sono negozi che vendono abiti alternativi come il Cyberdog, qui compro un cappellino a Daniel, mi è piaciuto subito, raffigura un dj alieno. Alcuni di questi mercati sono famosi anche per lo spaccio di droghe come lecca lecca al gusto di cannabis...ma noi non ci facciamo tentare... Incontriamo persone di molte razze, è infatti un quartiere multietnico e anche molti punk o semplicemente personaggi un po' bizzarri in cerca di notorietà. Le facciate dei negozi sono molto particolari, troviamo negozi con enormi scarpe che spuntano dal muro ed altro... colori, odori tutt'intorno...molto suggestivo.

Da Camden Town ci spostiamo verso Covent Garden, poche fermate e arriviamo in un quartiere decisamente diverso. E' il centro della vita culturale ed artistica di Londra, il club Roxy ha visto nascere gruppi come i Clash, i Police, Paul Weller. C'è anche un famoso mercato ortofrutticolo che però data l'ora è già chiuso. Ci facciamo un giretto tutto intorno, ci sono locali molto caratteristici, bancarelle che vendono creazioni artistiche e la strada è addobbata per le festività natalizie.

È già molto tardi, decidiamo di ritornare in albergo ma prima però ci fermiamo a King's Cross, non possiamo non fare la foto al binario 9 e ¾!! Foto di rito con il carrellino di Harry Potter e ritorno in albergo...siamo stanchissime, io ho i muscoli indolenziti, oggi abbiamo preso vento ma ancora niente pioggia...speriamo che il tempo tenga anche domani. Ceniamo con parmigiano, crackers e mandarini... non abbiamo molto appetito, la stanchezza ha il sopravvento...

20 NOVEMBRE 2012:

Apro gli occhi alle 6,30, ho dormito di filato tutta la notte... mi sento benone... ma oggi, ahimè piove, pioggia sottile ma dobbiamo ancora rinunciare a Greenwich, vabbè pazienza, ci andremo quando ritorneremo a Londra. Colazione e poi di nuovo in strada, qualche fermata con la tube e piuttosto rapidamente arriviamo alla Tower of London, è un complesso medievale con vari edifici che furono adibiti con i secoli a fortezza, palazzo reale e prigione per nobili detenuti. La Torre è protetta dai beefeaters , guardie di Sua Maestà del Palazzo Reale e della Fortezza della Torre di Londra, detti anche Yeomen Warders, in origini dovevano tenere a bada ogni eventuale prigioniero rinchiuso nella Torre e salvaguardare i gioielli della Corona, oggi, dato che non svolgono più queste funzioni, vengono impiegati come guide turistiche.

Intorno alla Torre poi girano i famosi corvi neri, almeno 6, secondo la leggenda i corvi devono essere sempre presenti altrimenti l'intera fortezza potrebbe crollare, sono accuditi dal “Ravenmaster”, una delle Guardie della Torre al quale viene affidato questo specifico compito. Nella Torre vennero rinchiusi e giustiziati tra gli altri, Anna Bolena, Maria Stuarda e Tommaso Moro. Sarebbe stato molto bello ammirare i gioielli della Corona ma anche qui l'ingresso è carissimo, circa 20 sterline, ci rinunciamo... Dal complesso della Torre si può ammirare il bellissimo Tower Bridge (da non confondere con il London Bridge), che, con il Big Ben, è il simbolo di Londra. E' una costruzione piuttosto recente, fino 1800, ed è un ponte levatoio, purtroppo noi non siamo riuscite a vederlo in movimento. Ha smesso di piovere così ci sediamo su di una panchina e da qui possiamo ammirarlo in tutta la sua bellezza, mangiamo un muffin e qualche mandarino, foto di rito e poi ci avviamo per attraversarlo. Intanto ha ripreso a piovere ma l'ombrello non serve perché si è alzato anche un discreto vento che lo ribalta... never mind, proseguiamo...giunte dall'altra parte del ponte prendiamo la metropolitana perché la nostra prossima tappa è il quartiere di Whitechapel... Jack lo squartatore... brr ... ammetto di essere un po' morbosa da questo punto di vista, mi intriga molto questa storia ma credo sia solo perché l'ho sempre vissuta come una leggenda anche se purtroppo quell'individuo è veramente esistito e quelle povere donne sono state realmente e brutalmente assassinate.

Il quartiere è decisamente popolare e apparentemente anche un po' infimo... l'uscita della metro è tappezzata di avvisi che ti invitano a fare attenzione ai borseggiatori... ehm... vabbè, ormai ci siamo... passeggiamo un po' per il quartiere ma non c'è nulla che ricordi quei tristi eventi, il quartiere è stato rammodernato con gli anni, ho letto sulla guida che c'è la possibilità di fare un tour turistico notturno sui luoghi dei massacri, non ci sembra il caso, però... così riprendiamo la metropolitana per Highgate, il quartiere dove è situato il Cimitero Monumentale.

Arrivate ad Highgate scopriamo di aver sconfinato con il nostro All day ticket, infatti non è nelle zone 1 e 2 di Londra, l'addetto al servizio però gentilmente ci fa passare, non ci multa ma ci dice che dobbiamo acquistare i biglietti per il ritorno... appena fuori ci chiediamo dove possiamo dirigerci, non ci sono indicazioni ma un signore di mezz'età si ferma e ci chiede se abbiamo bisogno di aiuto, gli chiedo da che parte è il cimitero e lui ci preannuncia che il cimitero è sempre aperto ma il mausoleo di Carl Marx è aperto solo un paio di giorni alla settimana ma lui non sa quali, ma c'è l'ho scritto in faccia che sono comunista??!! A parte tutto è stato davvero gentile e ci indica la strada... il quartiere è decisamente diverso da Whitechapel, molto carino, casette basse con preingresso in legno e giardino antistante molto curato, luci soffuse all'interno e dato che non è propria di moda tra gli inglesi mettere le tende alle finestre, curiosando, vediamo anche due anziani che sorseggiano il tè... che teneri...

Sfortunatamente si sta facendo tardi, il cimitero è parecchio lontano e non siamo neppure sicure che sia aperto, decidiamo quindi i avviarci verso la metropolitana ripromettendoci di venirci la prossima volta che ritorneremo a Londra... ci fermiamo a bere un tè e mangiare un pasticcino presso una pasticceria molto caratteristica...tutto sommato, anche se non abbiamo raggiunto l'obbiettivo, siamo felici di aver scoperto un quartiere così bello...

La nostra prossima tappa è Harrods! Non possiamo venire a Londra e non fare shopping da Harrods... il grande magazzino occupa un'area molto vasta, è situato su 4 piani e ci puoi trovare davvero tutto, profumi, gioielli, abbigliamento, borse, scarpe, mobili, make up, ristoranti, c'è anche la bottega di Natale, molto ben fornita, troviamo anche il calendario dell'avvento per i gatti... alla bottega alimentare si può trovare proprio tutto, frutta, verdura tra le più disparate e prodotti da tutto il mondo, tra quelli italiani ci sono vini, tartufi di alba, burrate, marroni e nocciole piemontesi e quant'altro ancora... i prezzi sono molto alti, in certi casi proibitivi ma alla bottega delle leccornie acquistiamo del tè e altre cosine tipiche, sono le uniche cose che possiamo permetterci... usciamo da Harrods un po' frastornate... tutto quel lusso non fa per noi ma è stato comunque divertente... è già parecchio tardi, prima di andare in albergo facciamo un salto a Piccadilly Circus, bella tutta illuminata e con le vie addobbate per le feste natalizie... ritorniamo in albergo... domani sarà l'ultimo giorno a Londra... un po' mi dispiace....

21 NOVEMBRE 2012

Sveglia presto anche questa mattina, decidiamo che dopo colazione ci faremo un giretto nella zona perché poi ci dobbiamo trasferire ad Elsenham dove trascorreremo la notte.

Andiamo a Trafalgar Square dove al centro della piazza c'è il monumento con la statua in bronzo del generale Nelson, intanto inizia a piovere, procediamo verso la zona di Westminster, il Big Ben e siamo sotto la London Eye, la ruota panoramica che fu inaugurata nel 1999 è grandissima, avremmo voluto fare un giro per ammirare il panorama di Londra, ma con la pioggia è inutile avventurarsi, non si vedrebbe un granché quindi facciamo ritorno in albergo, prendiamo i nostri bagagli e ci dirigiamo verso la stazione di Liverpool Street dove prenderemo il treno diretto a Cambridge e ci fermeremo ad Elsenham, ultima tappa del nostro soggiorno londinese. Ci prendiamo prima un amaretto latte in un locale denominato “Caffè Nero” ne abbiamo visti molti in giro per Londra, la bevanda, a base di amaretto, è molto buona... non ci resta che andare alla stazione, qui compriamo i biglietti che ci costano 14 sterline e dopo aver atteso circa mezz'ora saliamo sul treno. Il treno è molto pulito, così come anche tutta la linea metropolitana comprese le vetture, ciò mi stupisce un po', ho sempre pensato che fosse molto difficile tenere pulite le grandi città e perciò ho sempre giustificato la sporcizia di Roma ma in fondo Londra è più grande di Roma ed anche più frequentata dai turisti, le mie certezze cominciano a vacillare... se può Londra perché no anche Roma??

Dopo tre quarti d'ora giungiamo ad Elsenham...piove a dirotto, l'ombrello non serve perché c'è anche il vento ed inoltre la stazione di questo paesino di campagna non ha con una sala d'aspetto, abbiamo un attimo di smarrimento, non ci sono indicazioni, non sappiamo dove dirigerci e siamo già parecchio bagnate... potremmo telefonare alla padrona del Bed and Breakfast ma sul foglio della prenotazione c'è scritto che ci verrà a prendere qualora fosse disponibile, vale la pena aspettare magari un'ora sotto la pioggia o tentare di cavarcela da sole? Optiamo per la seconda ipotesi e allora chiedo informazioni ed una signora molto gentile che ci da le indicazioni giuste così dopo circa 20 minuti eccoci davanti allo Stansted Lodge Avalon... ci viene ad aprire un ospite, ci fa accomodare in cucina e ci dice che la signora è andata a prendere un altro ospite alla stazione, non dovrebbe tardare ed infatti di lì a poco arriva la signora Margherita. È molto gentile e disponibile, paghiamo e ci si mette d'accordo per il transfer di domani mattina, ci dice inoltre che possiamo usare la cucina per la colazione di domani mattina, che forte sta cosa qui! Sembra di essere in casa di amici. Anche la nostra stanza è molto graziosa, letti con materassi molto comodi, piumone, tende colorate alle finestre, tavolo con fiori, bollitore per il tè ed il caffè... il bagno è pulitissimo con doccia, shampoo, bagnoschiuma e persino il balsamo, finalmente ci possiamo fare una decente doccia! Ci rilassiamo anche con un tè... è stata proprio una bellissima vacanza... ce la siamo cavate benone e mi sa proprio che ci ritorneremo magari anche con Daniel e Sara... Poco distante dalla locanda c'è un Pub caratteristico, lì ci rechiamo per la cena, prendiamo due fish and chips che consiste in un bel pezzo di merluzzo impanato, patatine, piselli bolliti il tutto accompagnato da una salsina... molto buono...

Non facciamo troppo tardi perché alle 4,30 domani mattina ci dobbiamo alzare...

22 NOVEMBRE 2012

È il giorno della nostra partenza... ci alziamo come programmato alle 4,30, facciamo colazione in cucina in compagnia di altri ospiti e alle 5,30 puntuale Margherita ci viene a prendere per portarci all'aeroporto... un po' di malinconia mi pervade... è già finita la vacanza, ma sono anche ansiosa di ritornare a casa.. .questo è solo il primo dei tanti viaggi che abbiamo in progetto di fare io e Lucia, in fondo la vita va vissuta fino in fondo... mi piacerebbe però ritornare a Londra il prossimo anno, magari a luglio quando saranno finite le scuole per portare anche Daniel con me... ne sarebbe felice.

Aspettiamo che annuncino il nostro volo e poi ci dirigiamo verso il gate, al mio passaggio il dispositivo di sicurezza suona, una poliziotta mi perquisisce, tutto a posto ovviamente, questo ancora non mi era mai capitato... è proprio vero che c'è sempre una prima volta... C'è molta gente al gate per Torino ma le operazioni di imbarco non durano molto, ho potuto constatare che la Ryan Air è si molto rigida ma anche molto efficiente... Alle 7 siamo già sull'aereo che ci porterà a casa... ho ancora negli occhi Londra... sono stata davvero bene... mi mancherà ma solo fino alla prossima volta che ci ritornerò! :-)

DiaryDetailTopContainer-GetPartialView = 0,1093739
AdvValica-GetPartialView = 0

Commenti

DiaryCommentList-GetPartialView = 0

Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori
I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!;
DiaryWriteDiary-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
DiaryListRelated_2xN-GetPartialView = 0,0625001
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156249
AdvValica-GetPartialView = 0

Scarica gratis

la guida pdf di Londra
La guida perfetta ovunque tu sia
DiaryGuideList-GetPartialView = 0
DiaryList_1xN-GetPartialView = 0,9531217
AdvValica-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0,0156249
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0