×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156266

I Girovaghi dell'Appennino Centrale  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Chiara
Scritto da: Chiara
Località: Talamello
Durata: variabile
Data partenza: dal 05/10/2007 al
Viaggiatori: 4
Nomi dei viaggiatori: Chiara, Stefano, Raffaella, Ada

Introduzione

Il diario racconta viaggi in località poco conosciute dell'Appennino Centrale. Durante i nostri giri, organizzati direttamente “on the road”, ci immergiamo in paesaggi di collina e campagna, alla ricerca di quiete, panorami rurali, prodotti genuini, gente cordiale, perché non corrotta dalla vita frenetica delle città.  L'Appennino è ricco di borghi caratteristici, immersi nella natura, dove ancora oggi è possibile intrattenere una conversazione con gli abitanti, fermarsi nei negozietti che, nelle città invase dagli ipermercati, sono sempre più rari. Questo ci permette di riappropriarci del nostro tempo e di non lasciarci ingrigire dalla quotidianità troppo veloce della città.

Descrizione

TALAMELLO, la Regina del Formaggio di Fossa del Montefeltro

Il freddo è arrivato bruscamente anche quest'anno….siamo passati in poche ore da 20 a 5 gradi, bello sbalzo, eh?! Comunque le giornate sono assolate quindi basta coprirsi bene e partire per nuove avventure.
Quest'oggi andremo a Talamello, nel Montefeltro.

Viene con noi anche mia mamma, l'Ada. Lei è nata da queste parti, a Perticara, ed abbiamo ancora la casetta della sua gioventù, dove ogni anno trascorriamo una settimana di vacanza, solitamente a Ferragosto. Negli anni Sessanta tutta la famiglia si è trasferita a Cesena, in seguito alla chiusura delle miniere di zolfo. Infatti mio nonno era minatore e tutti i giorni scendeva nelle profondità della terra per mandare avanti la sua famiglia di 6 figli….beh, erano altri tempi.

A Talamello in queste domeniche di novembre c'è la Sagra del Formaggio di Fossa Ambra di Talamello.
Tutte le strade del borgo sono affollate di stands gastronomici e bancarelle che vendono ogni genere di prodotto tipico, dal formaggio di fossa ai prodotti gemellati con Talamello (cito i più importanti, perché ormai sono tanti: Aceto balsamico di Modena, Lardo di Colonnata, Lenticchie di Castelluccio di Norcia). Ogni anno, in occasione della sagra, viene effettuato un nuovo gemellaggio con un altro prodotto tipico di qualità.
Quest'anno tocca alla Cipolla di Cannara (Umbria) e l'evento è accompagnato da una conferenza pubblica nella cappella della piazza a cui partecipano i sindaci delle città coinvolte, i presidenti di regione e delle camere di commercio.

Ma a noi per il momento non interessa. Siamo arrivati per l'ora di pranzo e il profumo che arriva dallo stand gastronomico in piazza ci intriga troppo, quindi ci mettiamo in fila e ordiniamo polenta al sugo con formaggio di fossa accompagnata da un bel Rosso Piceno….non male, eh? Dopo pranzo visitiamo il paese che possiede una bellissima vista sulla Val Marecchia: dal terrazzo che c'è in piazza si vede bene l'alvo del Marecchia, San Leo, la rocca restaurata di Maioletto, Novafeltria e le montagne dietro, fra le quali spicca la lunga sagoma del Carpegna. Entriamo in chiesa e ammiriamo con devozione il Crocefisso trecentesco di Scuola giottesca. Si dice che sia stato ritrovato sotto terra, mentre un contadino arava un campo. Mia mamma mi racconta che era conteso fra gli abitanti di Talamello e quelli di Poggiolo, i quali ogni notte venivano a rubarlo e la mattina dopo quelli di Talamello andavano a riprenderselo. Naturalmente questa storia dette luogo anche a delle leggende di carattere mistico……del tipo che era il Crocefisso che si spostava da solo da un luogo all'altro e faceva gridare al miracolo la gente.

Percorriamo la strada principale ed entriamo nella grotta della fossa comunale, dove viene stagionato il formaggio di fossa. Un signore di Talamello ci racconta che tutte le case del paese hanno le fosse che risalgono al Medioevo. Oltre a stagionare il formaggio servivano anche come ghiacciaia per conservare i cibi oppure come granaio. Assaggiamo il formaggio: il misto e il pecorino e optiamo per il primo, saporito e pungente ma ancora abbastanza delicato rispetto al secondo. Questo formaggio viene messo nelle fosse sterilizzate all'inizio di agosto e ritirato in novembre. Il particolare materiale di cui sono costituite le fosse (tufo), conferisce al formaggio un sapore ed un profumo unici, tanto da renderlo rinomato in tutta Italia. Il metodo di infossatura ed il numero di infossature annuali (una) avviene attenendosi scrupolosamente alla tradizione, senza snaturare la procedura antica tramandata di generazione in generazione da più di sei secoli.

Dopo ci incamminiamo verso il Cimitero….mia mamma vuole visitare alcuni parenti. A lato del cimitero c'è una cappella solitaria, è aperta ed entriamo: una bella sorpresa….dentro è piena di affreschi che rappresentano la vita della Madonna e di Gesù Bambino, sono stati dipinti dall'Alberti di Ferrara, nel Quattrocento.

Torniamo indietro, ma invece di proseguire per la piazza costeggiamo il monte ed arriviamo fino ad una cappelletta con una Madonnina che si trova lungo la strada.

Da qui si può vedere tutto Talamello, la Valmarecchia e le montagne.

Sopra di noi c'è il Monte Pincio, famoso per i castagneti che ogni autunno vengono invasi da tanta gente in cerca di castagne.

Ritorniamo all'auto, ripassando un'altra volta per la piazza e percorrendo il ponte all'uscita del paese. Lasciamo Talamello percorrendo la strada di Piedimonte che ci regala un altro bel panorama: il paese visto dall'alto con lo sfondo di tutte le montagne circostanti.

DiaryDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0156254
AdvValica-GetPartialView = 0

Commenti

DiaryCommentList-GetPartialView = 0,0156266

Racconta il tuo viaggio

Condividi la tua esperienza con altri viaggiatori
I tuoi racconti di viaggio sono unici, raccontali con parole e immagini. In più, grazie alle tue storie accumuli sconti su vacanze e accessori per partire verso una nuova avventura!;
DiaryWriteDiary-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
DiaryListRelated_2xN-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0

Scarica gratis

la guida pdf di Talamello
La guida perfetta ovunque tu sia
DiaryGuideList-GetPartialView = 0
DiaryList_1xN-GetPartialView = 0,9063205
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0