×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Lodi  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0156258
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0312521
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Lodi

Superfice:
41 km2
Altitudine:
87 m
Introduzione

Lodi è un comune italiano e capoluogo della provincia omonima in Lombardia. Il territorio di Lodi si sviluppa nella parte centro-sud della Lombardia, nella zona nota come «bassa pianura».

Il nucleo originario della cittadina si sviluppò sul colle Eghezzone, una piccola altura ubicata sulla riva destra del fiume Adda mentre il resto del centro abitato si ampliò nei secoli su un terreno formatosi con l’attività di erosione del fiume. Lodi fu fondata nell'89 avanti Cristo dal console Gneo Pompeo Strabone che la denominò appunto Laus Pompeia.

Il borgo divenne poco a poco uno snodo strategico in quanto sorgeva sulla confluenza delle strade che da Placentia (Piacenza) e da Acerrae (Pizzighettone) conducevano a Mediolanum (Milano), e perciò sviluppò una fiorente economia agricola e di scambi commerciali. Dopo la dominazione longobarda prima e franca poi, il ducato di Milano rase al suolo la cittadina che fu ricostruita solo mezzo secolo più tardi dall'imperatore Federico I detto Barbarossa lungo le rive dell'Adda, per permetterle una posizione di maggior difesa da ulteriori invasioni.

Durante il Rinascimento accaddero due rilevanti avvenimenti storici che diedero lustro alla cittadina: nel 1413 presso il Duomo fu convocato il Concilio di Costanza, per porre fine allo Scisma d'Occidente e il 9 aprile 1454 Milano e Venezia siglarono invece la pace di Lodi dopo una guerra durata tra di loro più di cinquant’anni.

Grazie all’inaugurazione della linea ferroviaria Milano–Piacenza nel 1861 e all'insediamento delle prime industrie (tra cui la celebre Polenghi Lombardo nel 1870), la cittadina iniziò un processo di urbanizzazione all'esterno delle antiche mura medievali che si è protratto fino al XX secolo. I lodigiani parteciparono attivamente durante la Resistenza lombarda: la città fu liberata dal CLN il 27 aprile 1945 ancora prima che giunsero gli Alleati dalla linea gotica.

L'agricoltura e l'allevamento in generale sono sempre stati sempre un settore di fondamentale rilevanza per l'economia della città fin dalle sue origini: ne sono la testimonianza la presenza di moltissime aziende agricole che producono soprattutto mais e foraggi. Per l’allevamento l’eccellenza è costituita da capi bovini e suini. Le industrie più importanti sono quella casearia (il lodigiano è una delle province riservate alla produzione del Grana Padano DOP) e quella artigianale, in particolare nella ceramica e nella cosmesi (L' Erbolario).

Particolarmente sviluppato è sempre stato il settore meccanico dove erano attive molte officine fin dai primi del Novecento. Lodi inoltre è stato il primo comune in assoluto a sfruttare il metano per usi domestici e industriali: al confine del territorio municipale di fatto esiste una delle più importanti centrali d'Italia alimentata a gas naturale. La tradizione bancaria è legata alla storia della cittadina: la Banca Popolare di Lodi, nata nel 1864, è stata la prima banca popolare fondata in Italia e dal 2007 appartiene al gruppo Banco Popolare, quarto gruppo bancario del Paese.

Tra gli eventi di Lodi spicca senz'altro la Festa patronale di San Bassiano (19 Gennaio) che prevede un corteo di figuranti in costume medievale che parte da palazzo Broletto e giunge sino alla cripta del Duomo, dove sono conservate le spoglie del santo. Da ricordare anche il «Palio dei rioni», una serie di antiche sfide fra i rioni storici della città: c’è la «gara degli anelli», in cui un fantino su un cavallo di ferro e legno cerca di infilare gli anelli collocati ai quattro lati di piazza della Vittoria e la cursa dei cavài, nella quale gli sfidanti devono spingere questo cavallo per tre giri della medesima piazza cercando di arrivare per primi al traguardo collocato dinanzi al sagrato del Duomo.

Da ottobre a novembre, si svolge la Rassegna Gastronomica del Lodigiano, l’evento più importante gastronomico della provincia con eventi, degustazioni e menù speciali nei ristoranti locali. Dal 2010 c’è il Festival della fotografia etica, una delle mostre di fotografia documentaria più famose a livello internazionale che generalmente ha luogo in autunno.

I prodotti caseari caratterizzano ovviamente la gastronomia locale. Il re dei formaggi è senza dubbio il Grana Padano DOP, che assume la denominazione di Granone Lodigiano PAT nella sua produzione d’eccellenza. Il Granone, nella fattispecie, viene reputato il «padre» di tutti i formaggi grana poiché molto tempo fa era prevalentemente di colore giallo vista l’aggiunta di zafferano; per di più, non essendo pressato, durante il periodo di stagionatura espello del siero, generando la celebre ‘lacrima’. Altra produzione casearia tipicamente lodigiana sono il mascarpone PAT e il pannerone PAT, entrambi prodotti con la panna.

Nel dopoguerra si iniziò a estrarre gas metano dai vicini pozzi di Caviaga mentre il locale centro studi di Agip si occupava delle sperimentazioni sugli usi. Una curiosità lega il lodigiano al logo della famosa compagnia: il cane a sei zampe sarebbe infatti ispirato alla leggenda del drago Tarantasio che avrebbe trovato rifugio presso il vicino lago Gerundo. Quando finalmente fu trovato il metano in quest’area, si vociferò che l'animale, un tempo a guardia delle acque e inabissatosi dopo la loro bonifica, fosse ritornato in vita sotto l’aspetto di gas.

Dal 1999 la cittadina è parte integrante del circuito delle Città d'arte della Pianura Padana: a partire da questa data il turismo ha avuto un grande impatto sul territorio: si registrano centinaia di migliaia di arrivi ogni anno, con un fortissimo incremento nei picchi degli eventi più importanti. Oltre al turismo culturale, particolarmente suggestivo è quello naturalistico: la capillare e moderna rete di piste ciclabili che dal capoluogo si apre per tutto il territorio circostante è un vanto di tutta la Bassa Padana. Il turismo enogastronomico ha il suo maggior afflusso invece in autunno, quando ha luogo la famosissima Rassegna Gastronomica del Lodigiano.

Prefisso:
0371
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
lodigiani o laudensi
Patrono:
Bassiano di Lodi
Giorno Festivo:
19 gennaio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

9
Media
5
Buona
3
Ottimo
1
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
3
Turisti maturi
2
Famiglie
1
Giovani e single
1

Indicatori

mangiare e bere
shopping
attività
Attrattive
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
Sicurezza
convenienza
Intrattenimento
Trasporti
Alloggio
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0156267

Recensioni Lodi

Conosci Lodi? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Tra le numerose bellezze di cui Lodi è ricca, va senza dubbio citato il Duomo, eretto in età medioevale e rimaneggiato in epoca rinascimentale. Particolarità del Duomo è la facciata realizzata in cotto; l’interno a tre navate è ricco di... vedi tutto opere affreschi, mentre nella cripta si conservano le reliquie di San Bassiano, patrono e primo vescovo della città. Nel vicino Museo Diocesano di Arte Sacra si conservano suppellettili e arredi originali provenienti dal Duomo. Nel Museo Civico invece si conserva una cospicua raccolta di ceramiche lodigiane, quale ricordo delle antiche botteghe che operarono in città nei secoli XVI-XIX. Piazza Maggiore (o della Vittoria) è una delle più belle d’Italia ed è stata completamente pavimentata nel corso del ‘700 con ciottoli di fiume. Come ultima tappa nella visita di Lodi non può mancate il Tempio dell’Incoronata, una chiesetta a pianta ottagonale di proprietà del comune ed edificata nel Rinascimento. L’interno è decorato con i toni del blu e dell’oro e vi si conserva un preziosissimo organo del ‘500.
Eros Zonzin
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Te l'ho detto: a Lodi ci ho passato il periodo del militare, e vuoi sapere come sono stato? te lo dico subito: è stato il periodo più bello della mia vita. Andato via da questa magnifica città, è incominciata... ma... vedi tutto fammetela dire dal poeta: (doman tristezza e noia, recheran l'ore ed al travaglio usato, ciascun farà ritorno.) In altre parole a Lodi è terminata la mia gioventù e di punto in bianco sono passato al "combattimento" vero e proprio, il combattimento per la vita.
Da non perdere Percorso del fiume ADDA nel tratto urbano
pinuccia MICHELINI
Livello 28     5 Trofeo    Viaggia: Da solo
Voto complessivo 10
Guida generale : VI SI TROVANO BELLE CHIESE E PIAZZE DA CARTOLINA (S.LORENZO - SAN FRANCESCO - P.ZZA BARZAGHI - BROLETTO - P.ZZA VITTORIA - PZZA MERCATO E LO SPLENDIDO TEMPIO DELL'INCORONATA.) POCHI DIVERTIMENTI SERALI COMPENSATI PERO' DALLA TRANQUILLITA' E DAL VERDE PANORAMA... vedi tutto CHE SI PUO' GODERE APPENA CI SI ALLONTANA DAL CENTRO.
Bernardi BERNARDI
Livello 22     2 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 8
Guida generale : Bel centro, Città non molto grande,tranquilla ma anche vivace e vivibile. I lodigiani si godono molto la "piazza". Bella la cattedrale, la chiesa di S.Francesco e soprattutto la Chiesa dell'Incoronata. Piazza della Vittoria con i suoi porticati è veramente un... vedi tutto gioiellino. Consigliabile uno spuntino a base di raspadura accompagnato da un bicchiere di prosecco. Molti e vari i piatti tipici della cucina lodigiana.
emi
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Da solo
Voto complessivo 6
Guida generale : Il MOVIMENTO dei LOCALI, CHIESA INCORONATA, il LUNGO ADDA, il FAGGIO PENDULO SECOLARE a VILLA BRAILA, il VECCHIO ASILO a San FEREOLO, il LABORATORIO di CERAMICA, l'APERITIVO al 5, la panineria FUORI LODI (il piatto PRATO VERDE), la RASPADURA (riccioli... vedi tutto di grana padano), l'AGNELLO PASQUALE di pasta sfoglia farcito.
Matteo Anobile
Livello 49     3 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Cittadina della bassa Lombardia, carina, una bellissima piazza con i porticati perimetrali. Le viette del centro storico sono molto carine. Città con tanto verde d'estate passeggiarci è bellissimo sopratutto girarla in bicicletta. Carina anche la chiesa dopo il ponte dell'Adda.
Voto complessivo 6
Guida generale : E'la citta' dove sono nata e dove vivo, non e' una meta turistica rinomata, ma a mio giudizio e molto carina. Percorrendo il centro storico a piedi si scoprono angoli molto piacevoli.
Voto complessivo 6
Guida generale : Una noia totale: pochissimi locali, pochi eventi, dopo le 22 la città è deserta. Costa tutto eccessivamente! È una città per famiglie che offre poco aspettative per i giovani...
Movida
Voto complessivo 5
Guida generale : Zero divertimento, zero locali e discoteche, l'unica superstite la voglio chiudere per farci un supermercato, pochi parchi, solo gente che si lamenta dei giovani, città noiosa e dormiente.... vedi tutto
Vera Perugini
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : La bellissima piazza e la Cattedrale romanica, la chiesa dell'Incoronata, piena di tesori, un assaggio di raspadura e di tortionata valgono già una visita.
Da non perdere Piazza della Vittoria , Tempio Civico dell'Incoronata
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156254

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0,0156267
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0937572
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Lodi

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Mete romantiche
Verde e natura
Studenti
Shopping
Mete per la famiglia
Cicloturismo
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,031253
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0,0312526
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Lodi

Poco nuvoloso
28 °
Min 298° Max 3043°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156267
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0