×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Basilica Sant'Ambrogio a Milano  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Valutazione Generale
  
Rank 9# di 1029
Numero votazioni 17
Piazza Sant'Ambrogio
39 02 86450895

Descrizione

Situata a poca distanza dalla movida dei Navigli, la Basilica di Sant’Ambrogio racchiude il misticismo del credo senza dissiparlo con il brio della festa a poca distanza.

Un atollo di pace nella frenesia della città, simbolo della fede ma anche di Milano: la chiesa è dedicata al santo patrono che si celebra ogni anno il 7 dicembre, ma veglia sempre il cuore dei milanesi assieme alla “Madonnina”.

“Dove c’è la fede, c’è la libertà – Ubi fede, ibi libertas”

Le parole di S. Ambrogio rivivono all’interno delle mura di questo monastero, immerso in un’atmosfera serena e nella storia millenaria. La Basilica Martyrum, il nome originario paleocristiano, diede a Milano l’alternativa all’arianesimo sin dalla sua fondazione, delineando il volto cristiano della città, all’epoca capitale dell’impero romano d’Occidente.

La basilica rappresenta non solo un prezioso monumento dell’epoca paleocristiana e medioevale ma anche un riferimento nella storia di Milano e della Chiesa ambrosiana

INDICE

  1. La storia della Basilica di Sant'Ambrogio
  2. Cosa vedere alla Basilica di Sant'Ambrogio
    - L'esterno
    - L'interno

La storia della Basilica di Sant’Ambrogio

Il complesso della Basilica di Sant'Ambrogio è uno dei più antichi di Milano. Venne fondata dal Vescovo Ambrogio tra il 379 e il 386, che la dedicò ai santi martiri Satiro, Vittore, Nabore, Vitale, Felice, Valeria, Gervasio e Protasio, dove sono tuttora sepolti. Prese il nome “Sant’Ambrogio” alla morte del vescovo difensore della fede cristiana, anch’egli nella cripta della chiesa.

Dall’VIII secolo vennero avviati lavori di ampliamento da parte dei monaci Benedettini. Nel IX secolo l’arcivescovo Ansperto eresse l’atrio a quadriportico, che venne poi ricostruito nel XII secolo. L’aspetto che oggi possiamo ammirare in tutta l’armonica composizione del complesso è quello dell’architettura romanico lombarda, e l’aspetto definitivo prese forma tra il 1088 e il 1099 per volere del vescovo Anselmo III da Rho.

Nel XII secolo si avviarono importanti modifiche di ristrutturazione e un ulteriore ampliamento della Basilica voluti dal vescovo Angilberto II. Il crollo della cupola nel 1196 impose il rifacimento delle volte, del pulpito e del tiburio.

Durante l’epoca altomedievale, la Basilica di Sant’Ambrogio fu il perno della cristianità dove si svolgeva anche il solenne rito dell’incoronazione a re d’Italia degli imperatori del Sacro Romano Impero. Il centro monastico fu punto di riferimento per secoli, amministrato sino alla fine del ‘400 dai Benedettini che si occuparono della conservazione e del restauro della struttura: nel 1492 affidarono a Bramante la progettazione della nuova canonica, la ricostruzione e la nuova disposizione delle cappelle della Basilica e la realizzazione dei Chiostri di Sant’Ambrogio.

Nel 1497 i Benedettini vennero sostituiti dai monaci Cistercensi dell’Abbazia di Chiaravalle, egregi fautori di cultura e conoscenza: si deve a loro l'apertura al pubblico della grande biblioteca monastica.

Il capitolo meno devoto alla fede fu quello della dominazione napoleonica, durante la quale nella struttura si organizzò un ospedale militare sospendendo il culto che venne ripreso solo con la restaurazione austriaca.

Nel ‘900 la Basilica di Sant’Ambrogio subì pesanti danni a seguito dei bombardamenti di Milano del 1943. Il quadriportico venne deturpato, la cupola e il mosaico alle spalle dell’altare vennero indelebilmente graffiati dalla storia. Come di consueto, i milanesi non temporeggiarono e riportarono la Basilica al suo antico splendore pochi anni dopo il conflitto.

La Basilica di Sant’Ambrogio: cosa vedere

Esterno

Quando entriamo nel complesso della Basilica, siamo accolti nel grande atrio rettangolare, un quadriportico ornato da singolari capitelli posti all’apice delle colonne, ornati con elementi vegetali e animali fantastici che simboleggiano la lotta tra il bene e il male. Nel passato, prima della costruzione delle mura cittadine, l’atrio fungeva da rifugio per la popolazione.

Questo spazio davanti alla chiesa, incornicia la sua facciata a capanna in stile romanico lombardo in mattoni rossi, alleggerita dalla presenza delle arcate e di un loggiato superiore e uno inferiore, e da due campanili.

Quello a destra della facciata, il più basso, è detto "dei Monaci" e risale all’XI secolo, mentre quello più alto a sinistra è noto come "dei Canonici” e venne edificato nel XII secolo. Spicca al vertice superiore della struttura la cupola ottagonale con due ordini di logge.

Interno

La nuova chiesa dell’ XI secolo ereditò dalla quella paleocristiana la pianta rettangolare, divisa in tre navate coperte da volte a crociera costolonate che terminano ciascuna con un'abside: le solenni proporzioni del romanico lombardo.

All’interno della Basilica si può ammirare il prezioso Altare d’Oro del magister phaber Volvinio del IX secolo, decorato con una minuziosa rappresentazione della Vita di Cristo nella parte anteriore e delle Storie di Sant’Ambrogio in quella posteriore. Un tempo l’altare ospitava le spoglie del Santo che oggi riposano nella cripta. Sopra l’altare spicca il Ciborio, un tempietto del IX secolo decorato da stucchi e sorretto da quattro colonne romane in porfido.

Da non perdere il Sacello di San Vittore in Ciel d’Oro, un’opera del V secolo decorata a mosaico dove è raffigurato Sant’Ambrogio. Questo antico cimelio prende il nome dalle tessere dorate della volta dove è rappresentato.

Nella navata centrale, sotto il pulpito, si trova il Sarcofago di Stilicone, un capolavoro del IV secolo splendidamente decorato con raffigurazioni teologiche. La tradizione lo attribuisce alla sepoltura del generale Stilicone ma secondo i dati storici pervenuti, con molta probabilità accolse le spoglie dell’imperatore Graziano. 

Prima di lasciare l’interno della chiesa, rivolgete lo sguardo verso l’abside dove si trova il mosaico superstite dei bombardamenti del ’43. Un’opera che risale al periodo compreso tra il IV e l’VIII secolo e raffigura Cristo in trono e gli Episodi della vita di Sant’Ambrogio, una splendente narrazione che resiste al tempo e ai suoi eventi. 


Foto laterale

Tour ed attività per Basilica Sant'Ambrogio

AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0,031249
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Basilica Sant'Ambrogio

Scrivi una recensione su Basilica Sant'Ambrogio
Livello 100     8 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
Sono stata nella Basilica di Sant’Ambrogio solo due volte, ma entrambe le volte mi è piaciuta tantissimo. E’ tra le chiese più antiche di Milano e considerata la più importante, ovviamente dopo il Duomo. L’esterno è molto semplice, fatto di... vedi tutto mattoni rossi, ma molto interessante e armonioso. Il cortile davanti all’ingresso mi fa sempre pensare ad un convento dei tempi antichi. Una volta sono arrivata quando un matrimonio stava finendo e gli invitati lanciavano il riso agli sposi proprio nel cortile: uno splendido quadretto. L’interno è chiaro e luminoso, soprattutto la navata centrale. Immagino che la Messa della domenica, con la chiesa piena e il coro al completo debba essere emozionante.
Livello 25     2 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo
Un'antica Basilica, tra i monumenti piu importanti della citta, e decisamente un must per turisti e non solo.                                            ... vedi tutto                                   Godetevi un tour guidato o semplicemente una visita veloce a questa affascinante struttura.
Livello 23     3 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
E’ una bellissima basilica, molto suggestiva. Inoltre Sant’Ambrogio è il patrono della città. Nel cortile interno si respira tutta l’atmosfera del periodo paleocristiano. Conserva infatti molti reperti archeologici e cose d'arte antica. Un turista che decide di visitare questa... vedi tutto famosa basilica può procurarsi una guida fotografica e storica.
Livello 33     6 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo
Splendida basilica, molti la ignorano a scapito di posti più famosi ma merita una visita. La basilica di Sant'Ambrogio, è una delle più antiche chiese di Milano e si trova in Piazza Sant'Ambrogio. Rappresenta ad oggi non solo un monumento... vedi tutto dell'epoca paleocristiana e medioevale, ma anche un punto fondamentale della storia milanese e della chiesa ambrosiana.
Livello 23     3 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici, Con la famiglia
Voto complessivo
La Chiesa di Sant’Ambrogio è la basilica romanica più bella e famosa di Milano, meravigliosa! L’esterno con il suo bel cortile conserva molti sarcofagi, elementi architettonici e decorativi di spoglio. L'atmosfera interna è magica! Corso Magenta è vicino, così pure... vedi tutto il Castello sforzesco. 
Livello 18     3 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
Livello 8     1 Trofeo    Viaggia: Da solo
Voto complessivo
Livello 33     6 Trofeo   
Voto complessivo
Livello 23     3 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
Livello 53     8 Trofeo   
Voto complessivo
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0,0156249

Conosci Milano? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Milano
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156253
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0