×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Faenza  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Faenza

Superfice:
215 km2
Altitudine:
35 m
Abitanti:
58815 [2014-08-16]
Introduzione

Città dell’Emilia Romagna in provincia di Ravenna, incentrata sul ponte con cui la Via Emilia attraversa il Fiume Lamone, Faenza sorge sulla via Emilia tra le città di Imola e Forlì. Si trova ad ovest di Reggio Emilia e più precisamente alle pendici dell'Appennino faentino ed è da secoli sede vescovile della diocesi di Faenza-Modigliana.

E nota in particolare per la produzione storica della ceramica con cui gli artigiani locali creano degli oggetti per la cucina e d’arredo davvero unici. Oltre che faentini, uno dei nomi con cui vengono chiamati i cittadini di Faenza è manfredi, dal nome della famiglia che per secoli governò la città e le cui vestigia sono tutt’oggi visibili. Faenza corrisponde alla Romana Faventia dove Metello nell’82 a.C. sconfisse i partigiani di Mario. Comune di parte Guelfa, nel Medioevo, passò successivamente ai Manfredi, a Cesare Borgia, ai Veneziani e allo stato Pontificio.

L’impianto urbanistico di origine romana subì successive modifiche nel corso dei secoli, adattandosi ai vari stili architettonici che si sono susseguiti; nel corso del XIII secolo, l’insediamento di comunità religiose ne determina l’accrescimento, e successivamente, durante il periodo di dominazione della signoria dei Manfredi vengono apportati alla struttura urbana importanti interventi architettonici ed urbanistici. Nel corso del XVIII secolo si diffonde un’architettura neoclassica che vede come protagonisti gli architetti Giuseppe Pistocchi e Giovanni Antolini, il pittore Felice Giano e lo scultore Antonio Trantanove.

Oggi la città, a causa degli ingenti danni subiti durante il secondo conflitto mondiale, si presenta nell’aspetto alquanto frammentata a causa dell’alternarsi di strutture artistiche con costruzioni moderne. Oltre ad essere una importante città artistica, Faenza è considerata la capitale della ceramica per la sua tradizionale manifattura della maiolica d’arte, largamente esportata fin dall’epoca rinascimentale in tutta Europa.

Nella provincia di Faenza sono presenti diverse aree naturali ed anche aree archeologiche: dopo il fiume Lamone c’è il Borgo Durbecco, un sito archeologico i cui insediamenti risalgono all'XI secolo. Qui si possono anche visitare la chiesa della Santissima Annunziata, la chiesa di Sant'Antonino, la chiesa della Commenda e la famosa porta delle Chiavi. Oltre a questo nella zona sono presenti due siti dove è possibile anche praticare trekking e arrampicata: il Parco carsico della grotta Tanaccia e il Parco naturale Carné. Quest’ultima è una vasta area verde dotata di vari punti di ristoro. I percorsi si svolgono tra boschi, ruderi di antiche fortificazioni medievali e mura rudimentali. Il sentiero principale porta da Croce San Daniele a Ca' Malanca, alta Valle del Sintria. A Cà Malanca si trova il Museo della Resistenza, nello stesso luogo dove si svolse un importante combattimento durante la Seconda Guerra Mondiale.

Gli eventi di Faenza sono particolarmente famosi: la quarta domenica di Giugno si tiene il Palio del Niballo. Una rievocazione storica che avviene fra i cinque rioni della città. Si tratta di un evento nato nel 1959 ed è accompagnato nelle settimane precedenti dalla Bigorda, cioè gare delle bandiere e dei musicanti. La settimana che precede la festa all’interno dei vari rioni vengono organizzate delle cene propiziatorie e altre attività culturali che mostrano la storia della cittadina. I cinque rioni che partecipano alla manifestazione sono: il rione Bianco, il rione Rosso, il rione Giallo, il rione Verde e il rione Nero. L’evento appartiene alla FIGS, Federazione Italiana Giochi Storici. Ogni 5 Gennaio invece si tiene la Nott de bisò, altro avvenimento legato al Palio durante il quale si beve il tradizionale Bisò, cioè il vin brulè. A sera nel centro della piazza viene dato alla fiamme un grande pupazzo che raffigura un saraceno vestito con i colori del rione che ha vinto nell’anno precedente. In questo modo si bandisce la sfortuna e si attiva la fortuna per l’anno venturo. L’ultimo sabato di Maggio invece si può partecipare alla maratona nota con il nome di 100 km del Passatore. La maratona è molto impegnativa e nonostante sia considerata un evento particolarmente folcloristico della città attira ogni anno più di 1000 partecipanti che si preparano tutto l’anno per correre. Si parte da Firenze percorrendo poi gli Appennini fino ai 900 metri del Passo della Colla di Casaglia e poi si scende nuovamente verso Faenza. Più volte è stata una gara di importanza europea nel 1991 anche come campionato del mondo. Un altro evento sportivo molto sentito è la corsa Coppi-Bartali. Il ricavato di questo evento sportivo viene ogni anno donato ad un ente di beneficenza diverso.

La cucina di Faenza è particolarmente gustosa, e nei vari ristoranti non mancano mai paste fatte a mano come: tagliolini, tagliatelle, quadrettini, maltagliati, gramigna, cappelletti ripieni di carne, strozzapreti e passatelli. Queste paste vengono poi abbinati con sughi freschi a base di pomodoro o verdure di stagione. La pasta tipica di Faenza sono i curzul, che prendono il loro nome dalla particolare somiglianza con i lacci delle scarpe (infatti curzul in dialetto vuol dire laccetti) e che vengono solitamente serviti conditi con il ragù di scalogno, realizzato con pomodoro, scalogno tritato, basilico e qualche spicchio d’aglio, un’altra specialità di Faenza.

Faenza fa parte del gruppo ristretto di città italiane che sono state decorate con la Croce di Guerra al Valor Militare per il Valore dimostrato durante la Guerra di Liberazione. Questo grazie al grande impegno della popolazione locale e per l’attività partigiana durante la Seconda Guerra Mondiale. Come altri combattenti decorati al Valore, è membro dell’Istituto Nazionale del Nastro Azzurro.

Prefisso:
0546
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
faentini
Patrono:
principale: Madonna delle Grazie;
Giorno Festivo:
sabato precedente la seconda domenica di maggio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

18
Media
11
Buona
5
Ottimo
2
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
25
Coppie
7
Famiglie
6
Turisti maturi
6
Giovani e single
4

Indicatori

mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
shopping
Attrattive
Alloggio
Intrattenimento
Trasporti
Sicurezza
convenienza
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Faenza

Conosci Faenza? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Nella parte centrale dell’abitato, si trovano le due principali Piazze, considerate il centro civile e religioso di Faenza ; Piazza della Libertà ospita l’imponente Cattedrale, edificata nel 1474 su progetto di Giuliano da Maiano ed ultimata nel 1511; la pianta... vedi tutto è a croce latina e a tre navate sormontata da volte a vela. All’interno nella 4° cappella troviamo Madonna con Bambino e Santi, mentre nella 5° l’arca di San Terenzio; notevole è la classica Arca di San Savino risalente al 1475 circa e attribuita a Benedetto da Maiano . Frontalmente alla Cattedrale si erge il Portico degli Orefici, mentre nella zona meridionale, La Fontana di Piazza, elegante costruzione del 1619, eseguita da Domenico Castelli. Piazza del Popolo, ospita due porticati del XVII e XVIII secolo, che si fronteggiano; tra le due piazze si trovano la Torre dell’Orologio del 1604, e il Palazzo del Podestà che fronteggia il Palazzo del Municipio, edificato nel XIII secolo ed antica dimora dei Manfredi. Percorrendo Via Mazzini, si incontrano numerosi edifici sette-ottocenteschi tra cui ricordiamo il Palazzo Conti, il Palazzo Zanelli del 1750 circa, Casa Morri del 1805, casa Matteucci, del !912 costruita in stile liberty e il Palazzo Gessi del 1786. Tra la metà e la fine del ‘500, i maestri della ceramica, elaborarono un particolare rivestimento per la terracotta, la cosiddetta “maiolica bianca”, che celebre nelle botteghe di Faenza, divenne ricercatissimo anche in Europa, tanto che il termine “Faience”, divenne il vocabolo più utilizzato per indicare la maiolica bianca. Oggi la documentazione della produzione della ceramica può essere ammirata nel Museo Internazionale delle Ceramiche, con copiose produzioni locali, le collezioni delle ceramiche delle regioni Italiane, la raccolta delle targhe devozionali e le selezioni del Medio ed Estremo Oriente e delle civiltà precolombiane. Tra gli altri edifici degni di nota ricordiamo Palazzo Bretoni del 1745, Palazzo Morri del 1500 circa, la Casa Valdesi del 1800, la Chiesa dei Ss. Ippolito e Lorenzo, la Chiesa della Commedia del XII secolo e più rimaneggiata, il fastoso Palazzo Bretoni del 1768 e l’imponente Palazzo Milzetti.
Edoardo
Livello 16     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 10
Guida generale : Faenza è una città meravigliosa ed economica. La sua piazza è davvero favolosa (11° posto tra le migliori piazze di piccole città) e il suo museo delle ceramiche INTERNAZIONALE è pieno di opere eccezionali, anche di scultori o pittori famosissimi.... vedi tutto Il duomo è molto molto bello, ma forse dentro poteva essere migliore. Il teatro è uno dei più belli che abbia mai visto (a parte quello di Milano o altre città grandi, ovviamente) con un lampadario straordinario e immenso al centro del soffitto che ruba la scena alle bellissime statue che vi si trovano all'interno, ma non ai bellissimi spettacoli che qui si svolgono. Un'altra cosa meravigliosa (PER ME LA PIU' BELLA) è Palazzo Milzetti, pieno di stanze decorate nel pavimento, nel soffitto e nei muri; questo palazzo è da non perdere: ve ne pentirete. In sostanza è praticamente "obbligatorio" visitare Faenza anche perchè vicino ad essa si trovano molte altre città belle: Cesena, nelle colline Brisighella (favolosa), Ravenna, Bertinoro e altre città nelle colline come Tredozio e molte altre. NON MANCATE A FAENZA! P.S. Vi consiglio di andarci nel primo di maggio perchè a Pieve Cesato (campagna di Faenza) c'è una sagra eccezionale piena di attrazioni con un cibo buonissimo e gustosissimo. Io ci sono stato l'anno scorso e quest'anno ci ritorno. La sagra dura dal 29 aprile al 4 maggio (2015). NON MANCATE!
Maura
Voto complessivo 8
Guida generale : Vivo a Fenza da quando sono nata e non la lascierei x niente al mondo. Consiglio di visitare la Chiesa della Commenda e il relativi Chiostro restaurato ove ha sede il Rione di Borgo D'Urbecco.Tutti gli anni a Giugno si... vedi tutto svolge il Palio del Niballo manifestazione medievale, il primo sabato c'e' La Bigorda Palio dei giovani cavalieri,poi ci sono le gare delle bandiere ove si scontrano i migliori sbandieranti dei cinque Rioni Faentini. Insomma Giugno e il mese piu bello
Ferretti Veleda
Voto complessivo 8
Guida generale : Non bisogna assolutamente perdere le piazze maggiori, la fontana, il duomo, Museo delle ceramiche (famoso in tutto il mondo) Palazzo Milzetti, la cripta di S. Ippolito, palazzi vari nei 4 corsi principali e nel forese la cripta di Pieve Corleto.... vedi tutto Abbiamo un meraviglioso parco BUCCI che i comuni limitrofi ci invidiano e tanto verde x tutta a città. Parco Tassinari con bellissime sculture in legno ecc. Ristoranti e trattorie abbondano con cucina prettamente romagnola, diversi hotel e pensioni con prezzi per tutte le tasche. Direi che Faenza si presta molto bene x turismo familiare.
Maria Grazia Melandri
Livello 36     1 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 9
Guida generale : Trovo Faenza una splendida città di provincia, quella provincia un po' sonnolenta che si trova solo nella bassa pianura. Ma sonnolenta solo superficialmente, perchè in realtà nasconde un cuore attivo, pulsante e alacre. La magnifica piazza principale della città coi... vedi tutto suoi colonnati e i tendaggi rossi, mille stradini che nascondono botteghe artigiane, in particolare quelle degli artisti della ceramica. Città unica al mondo in questo campo. I tantissimi studenti che arrivano da ogni parte del globo per frequentare i corsi dell'Istituto d'Arte per la Ceramica Ballardini. Popolata di numerosi ristorantini a volte posti nei sotterranei di Antiche mura o Palazzi storici, nella maggior parte dei quali si mangia bene e senza spendere delle follie. Persone cordiali i faentini, come la maggior parte dei romagnoli. Una città da conoscere e da vivere.
Pasquale D'Alessio
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici, Da solo, Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : I suoi abitanti son molto accoglienti e gentili. I servizi funzionano, specialmente quelli della sanità pubblica. I trasporti urbani son carenti, giacchè l'ultimo bus termina la sua corsa alle 19:00, e di Domenica non vi son trasporti alcuni. Molto cari... vedi tutto gli affitti, ed anche far la spesa in un centro commerciale. La stazione ferroviaria e nella media delle stazioni di altre città medie italiane. Non vi son locali particolarmente indicati per il divertimento notturno, poche pizzerie meritevoli di essere menzionate, ha un mercato che vale la pena visitare.
Da non perdere Parco Bucci
Ambra
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Faenza, la città delle ceramiche. Una città molto tranquilla dove vivere è molto gradevole.
Da non perdere Comune Di Faenza Teatro Comunale A. Masini , Museo internazionale delle ceramiche , Biblioteca Comunale Manfrediana
Jasmine
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : Beh... abbastanza bella... sopratutto il centro ci sono tante belle cose... c'è un po' di tutto! Non ci sto da molto ma quel poco che ci sto.. mi è davvero piaciuta! Da visitare...
Alessandro Catani
Livello 47     4 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : Splendida: da visitare tutto l'anno. Ci sono sempre manifestazioni di qualsiasi genere: musicali, sportive, culturali, rievocative, scientifiche ecc.Da ricordare il Museo Internazionale delle Ceramiche, Palazzo Milzetti, il centro storico, il Teatro Masini e tanto altro ancora.
Julio Vilca Niebles
Livello 100     7 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Da non perdere: Museo Internazionale delle Ceramiche, Palazzo Milzetti, una passeggiata tra piazze e palazzi neoclassici, le manifestazioni estiveche animano il centro e i colli circostanti. E nei dintorni Ravenna e i suoi mosaici e Brisighella con la via degli... vedi tutto asini
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0,0156263
DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Faenza

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Enogastronomia
Arte e cultura
Mete romantiche
Cicloturismo
Shopping
Terme e Benessere
Studenti
Sport
Mete per la famiglia
Sole e Mare
Montagna
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0