×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0030029
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010005
AdvValica-GetPartialView = 0,0010012

Arcidosso: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0040056
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0030017

Arcidosso si trova sulle pendici occidentali del monte Amiata. Il panorama è caratterizzato da aree anche molto diverse, dall’alta montagna vino alle vallate boscose con facci e castagni, e poi ancora più in basso le zone più pianeggianti con i vigneti.

Dalla cima del Monte Labbro, in particolare, è possibile godere di splendidi scorci che arrivano a comprendere l’Appennino Centrale, il lago di Bolsena, l’arcipelago toscano fino addirittura alla Corsica, Siena e le Crete senesi. Arcidosso ha diverse frazioni, come Bagnoli, Montelaterone, Salaiola, San Lorenzo, Stribugliano, Zancona e Le Macchie. Vi sono anche moltissime borgate che non hanno lo status di frazione ma costituiscono centri abitati veri e propri, come la località Fornaci (dove un tempo erano ospitati diversi opifici).

Arcidosso è molto legato alla Rocca aldobrandesca, come suggerisce lo stesso nome, che deriva da “arx”, “fortezza” in latino. Furono proprio gli Aldobrandeschi, infatti, a fortificare il paese, costruendo il castello su precedenti edifici di età longabarda e la torre maestra. Arcidosso passò poi nel quattordicesimo secolo alla Repubblica di Siena, fu sede di vicariato e passò ai Medici nel 1559.

Città di grande importanza nel periodo del Granducato di Toscana, di fatto il centro più importante intorno al monte Amiata, nel secondo dopoguerra del ventesimo secolo ha subito una netta riduzione demografica, in parte compensata dalle piste da sci sul Monte Amiata e dai tanti itinerari escursionistici in queste zone che hanno incentivato il turismo.

La figura storica più importante legata ad Arcidosso rimane comunque quella ottocentesca di David Lazzaretti, predicatore, visionario e fondatore della chiesa Giurisdavidica, caratterizzata da una sorta di socialismo mistico e utopistico, poi morto tragicamente. Lazzaretti costruì infatti sulle pendici del monte Labbro tre diversi istituti religiosi, ovvero la Santa Lega, la Società delle famiglie cristiane e il Pio Istituto degli eremiti penitenzieri e penitenti. Un Centro Studi oggi ne ricorda le vicende biografiche. Lazzaretti ha ispirato una vastissima letteratura e molte canzoni; dai Baustelle ai Gang passando a Simone Cristicchi hanno tradotto artisticamente l’esperienza umana e religiosa di Lazzaretti.

L’economia di Arcidosso si basa principalmente sull’agricoltura, in particolare con la coltivazione della frutta, e sul turismo, essendo a tutti gli effetti una stazione di villeggiatura estiva e di sport invernale. Altre attività riguardano aziende artigiane, nei settori meccanico, del legno e alimentare. Qui si trova anche la casa editrice Effigi, dedicata principalmente alla produzione di libri sul territorio della provincia di Grosseto.

Per quanto riguarda la cucina, ad Arcidosso l’ingrediente principe è la castagna IGP del Monte Amiata, che qui è molto diffusa grazie alle condizioni climatiche particolarmente favorevoli. Anche la festa più importante di Arcidosso è dedicata alla castagna: si chiama “Castagna in Festa” e si tiene ogni anno nel mese d’ottobre, attirando migliaia di visitatori da tutta Italia con stand gastronomici, apertura delle cantine, produzione e degustazione di prodotti tipici basati sulle castagne, compresa la birra, spettacoli all’interno della rocca e del borgo medievale, sfilate, convegni, dibattiti e mercatini di ogni tipo. La castagna è talmente centrale da queste parti che c’è anche un monumento in città ad essa dedicato, ad opera di Daniel Spoerri.

Altre specialità tipiche di Arcidosso sono da una parte la zuppa arcidossina (di origine medievale e a base di cipolle, sedano, strigoli o spinaci, pomodori pelati, olio, sale peperoncino e pane casalingo e raffermo, che veniva utilizzata soprattutto per integrare un’alimentazione povera e basata soprattutto sulla castagna) e dall’altra, per quanto riguarda il vino, il Montecucco, vino DOCG di queste parti molto noti.

Arcidosso fa parte, proprio per via di queste sue coltivazioni che includono anche l’olio extravergine di oliva, di organismi come l’Associazione Strada del Vino Montecucco e dei Sapori d'Amiata, l’Associazione Nazionale Città dell'Olio e l’Associazione Nazionale Città del Castagno.

Prefisso:
0564
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
arcidossìni o caperci
Patrono:
San Nicola
Giorno Festivo:
06 dicembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,02002
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010009

Recensioni Arcidosso

Meri Falchi
Livello 27     1 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : C'è un'antica canzone che si canta qui: ARCIDOSSO, NELLE MONTAGNE C'E' UN NIDO DI FATE, ecc... e fatati sembrano i magici boschi che la circondano. Senese, ho trascorso sempre il mese d'Agosto ad Arcidosso per tutta la mia infanzia e fanciullezza.... vedi tutto Dopo sposata, partivamo in tre -col nostro piccolo Alef- per godere di piscine come laghi che sbucavano dai boschi, la raccolta delle succose fragoline selvatiche, i cappelli e le borse fatte intrecciando le foglie di castagno, la scoperta d'un fungo, tutte gioie che mio figlio, ora trentenne, ricorda ancora. Tanto abbiamo amato Arcidosso che abbiamo deciso di trascorrere in pace qui gli anni della nostra pensione ed ormai sono 6 che ne godiamo appieno. Non vi stancherete mai dei tramonti infuocati, delle passeggiate fra i castagni e i faggi, dell'eccellente gastronomia che troverete ovunque, dei prodotti "filiera cortissima", cioè dall'orto e dal produttore al consumatore, della semplice cordialità mai invadente della sua gente.
Da non perdere Il castello , I boschi , I piccoli villaggi nel Comune
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : La possente Rocca degli Aldobrandeschi sita nel paese e costruita dall’omonima famiglia feudale Toscana di origine longobarda, affermatasi intorno al sec. IX nella maremmana Toscana. La Chiesa di S. Leonardo con all’interno ammirevoli altari di epoca tardo rinascimentale. “Parco Faunistico... vedi tutto del Monte Amiata”, ispirato al Wild Parks, si articola in una serie di sentieri e strutture che permettono l’avvistamento di moltissime specie animali che popolano gli Appennini Centrali tra cui ricordiamo il lupo Europeo presente nel territorio amiatino A pochi Km da Arcidosso è il Monte Labbro (m. 1193) dalla cui cima che ospita resti della chiesa dei GIUZIS DAVIDICI, si apre una veduta che spazia dalla maremma al mare.
Giulia
Voto complessivo 8
Guida generale : Dipende dal tipo di vacanza che si desidera! L'Amiata in generale non è un posto movimentato o alla moda ma offre spunti notevoli per chi ama la natura e cerca nella vacanza un momento da passare con le persone più... vedi tutto vicine e svolgendo le attività che vorremmo sempre fare durante l'anno ma che rimandiamo per mancanza di tempo. In poche parole è il miglior posto per ricordarsi quanto sia appagante divertirsi in modo genuino (per esempio passeggiando in bosco)! Da non perdere il parco faunistico, le terme di San Filippo e chiaramente la festa della Castagna in ottobre!
Claudio
Voto complessivo 9
Guida generale : Luogo ideale per dimenticarsi le cattive abitudini ed i malumori di tutti i giorni. Oltre a rappresentare di per sé, il classico paese medievale senz'altro da visitare, si trova altresì ubicato in posizione geografica strategica per escursioni ad altrettante località... vedi tutto limitrofe di alto interesse storico e, perché no, culinario; il che non guasta davvero.
Da non perdere Monte Labbro
Laura
Voto complessivo 4
Guida generale : Cittadina antica con molti palazzetti nobiliari e con stemmi delle medesime famiglie, il centro storico è affascinante con stradine scalinate e sottopassaggi tipici. Bellissima l'escursione al Monte Labro da dove si domina un panorama che giunge al mare verso Orbetello.... vedi tutto Interessante pure Merigar luogo destinato al Buddismo e alla meditazione.
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Castello Aldobrandesco con all'interno Museo Medievale e Centro Studi sul personaggio di Davide Lazzaretti; Chiesa della Madonna Incoronata, Chiesa di San Leonardo, Chiesa di San Niccolò; Eremo di Davide Lazzaretti, profeta del territorio,presso il Monte Labro, frazione di Arcidosso, luogo... vedi tutto suggestivo sia dal punto di vista naturalistico che storico. Parco Faunistico dove si possono ammirare varie specie animali locali, dove è possibile vedere il lupo amiatino. Comunità Tibetana Merigar, centro buddista, dove è possibile visitare il Gonpa e la biblioteca. Pieve de Lamula, pieve romanica del IX secolo, in località Montelaterone, frazione di Arcidosso.
Voto complessivo 6
Guida generale : Molto gradevole per abbandonare il caos della città senza dimenticare necessariamente il mondo
Voto complessivo 9
Guida generale : Conserva moli angoli pittoreschi per le soluzioni architettoniche antiche, conserva palazzetti nobiliari molti dei quali con stemmi di famiglia, chiese con tesori d'arte sia medioevali che rinascimentali. Da fare una passeggiata al Monte Labro, luogo sacro e di magnifico panorama.
antonio albertini
Livello 28     4 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Tranquillo luogo di partenza per escursioni in tutta l'Amiata. In torno ci sono molti posti "selvaggi" da gustare e scoprire. Tanti sentieri in mezzo alla natura per chi ama il trekking e la mountain bike o il cavallo. A poca... vedi tutto distanza c'è il M.Labro perla per gli astrofili.
Da non perdere Castagne , M.Labro , Parchi naturali
tiziano
Livello 8     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : Cosa dire, il mio è un voto di parte. Il paese di mio padre e delle mie origini. Ogni anno anche solo per un giorno torno, respiro, mi inebrio, mi ricarico, due fiori ai nonni e agli zii, un salto... vedi tutto a vedere il mio castagneto curato da un amico e poi riparto. Ed è sempre un arrivederci e mai un addio...
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0190183
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0730699
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Arcidosso

HotelSearch-GetPartialView = 0,0110107
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020008
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,023023
JoinUs-GetPartialView = 0,0010013

Meteo Arcidosso

Pioggia debole
8 °
Min 8° Max 11°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0200192
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020016
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009