×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156263

Guida turistica di Grosseto  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Grosseto

Superfice:
473 km2
Altitudine:
10 m
Abitanti:
81765 [2014-04-30]
Introduzione

È il capoluogo di provincia situato più a sud tra quelli della Toscana, e per superficie territoriale, Grosseto, risulta il più vasto comune della regione, nonché il terzo di tutta l'Italia Centrale e il decimo per la sua superficie.

La città di Grosseto si trova ubicato nel centro di una pianura denominata maremma grossetana, nel punto di confluenza della valle dell'Ombrone. In passato, al posto dell’area pianeggiante c’era un grosso lago noto con il nome di Lago di Prile la cui estensione arrivava quasi fino alla parte più a nord del comune. La parte costiera invece era costituita da dei bacini lacustri che oggi sono completamente scomparsi grazie ad un certosino lavoro di bonifica e di canalizzazione. Questo è avvenuto nel Settecento sotto l’impulso della famiglia Lorena. Questo processo è terminato definitivamente negli anni trenta durante il ventennio fascista.

Nelle vicinanze del Comune di Grosseto si trovano diverse aree e zone naturali visitabili, al cui interno si possono seguire numerosi percorsi di trekking davvero molto belli. Primo fra tutti c’è il Parco naturale della Maremma, un’area protetta istituita nel 1975. E’ uno dei parchi più importanti della regione e fa proprio parte del territorio comunale di Grosseto. Negli anni Novanta è stato anche insignito del Diploma europeo delle aree protette. I siti più interessanti sono la padule della Trappola, la Bocca d'Ombrone e la pineta Granducale. Poi c’è il Santuario per mammiferi marini, un’area protetta al livello europeo che parte dal Mar Ligure e scende fino al grossetano ed alle isole Formiche. La Riserva naturale Diaccia Botrona, area naturale provinciale istituita nel 1991 e caratterizzata da un ambiente palustre-salmastro. L'area costituisce l'ultimo esempio rimasto dell'antica palude prima che venisse completamente bonificata nel XX secolo. Il Parco nazionale dell'Arcipelago Toscano, area protetta nazionale, che include: le Formiche di Grosseto, gruppo di isole minori situate nel Mar Tirreno a ovest dei monti dell'Uccellina. In ultima la pineta del Tombolo, un grande bosco caratterizzato dalla tipica macchia mediterranea che si trova lungo il litorale grossetano a nord del fiume Ombrone. Qui sono presenti numerose specie floreali, in particolare esemplari di pino marittimo, tigli e di pino domestico. Dall’anno 2012 a seguito di un devastante incendio doloso è stato attivato un grande progetto di rimboschimento che ha l’intento di riportare la zona alla sua antica bellezza.

Questa città nota per essere situata tra situata tra Roma e Pisa, nel 1138 divenne sede vescovile acquisendo grande importanza nella zona della Maremma. Più tardi, passa agli Aldobrandeschi, per poi essere conquistata dai Senesi e dai Medici nel 1559.

La città, si adagia nella pianura solcata dal basso Ombrone, è composta da un centro storico racchiuso da una splendida cinta muraria esagonale.

Le città fiorenti d'epoca etrusca, come Vetulonia e Roselle, testimoniano la prosperità della zona che si mantenne tale anche sotto il dominio dell'Impero Romano. Grosseto iniziò a svilupparsi, intorno al 935, dopo che i Saraceni distrussero Roselle. Divenne civitas nel 1138 quando Innocenzo II vi trasferì, dall’antica città etrusca, anche la sede vescovile. Dal XI sec. fu feudo degli Aldobrandeschi, per passare poi sotto il dominio di Siena. La nobile famiglia dei Medici contribuì alla ripresa economica di Grosseto grazie anche ai faticosi lavori di bonifica e di costruzione della cinta muraria con edifici di pubblica utilità. Successivamente, con i Granduchi di Lorena, nel 1765, si abolirono i vincoli e privilegi feudali che frenavano lo sviluppo dell’economia e ricominciarono le attività di risanamento. Grosseto risorse del tutto grazie all'intervento di Leopoldo II e alle importanti opere di bonifica realizzate da illustri ingegneri idraulici come Fossombroni, Giorgini, e Manetti che contribuirno a rendere la Maremma una terra economicamente fertile.

Ad oggi Grosseto è il capoluogo della Maremma ed è un attivissimo centro industriale le cui principali attività si basano sul settore agricolo, ma negli ultimi anni in particolare sul turismo.

Molti sono gli eventi che si tengono a Grosseto, uno dei più importanti è sicuramente quello noto con il nome di Canti di Maggio. Di antichissima tradizione contadina, i canti sono dei riti che prevedevano la diffusione dei canti come augurio per un'ottima annata agricola. A cantare sono i cosiddetti maggiolatori o maggiaioli, che la notte tra il 30 aprile e il 1º maggio, rievocano la tradizione cantando poesie estemporanee. La più famosa di queste rappresentazioni di maggio si svolge nella frazione di Braccagni.

Prefisso:
0564
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
grossetani
Patrono:
San Lorenzo
Giorno Festivo:
10 agosto
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

26
Media
9
Buona
7
Ottimo
3
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
10
Coppie
7
Famiglie
7
Turisti maturi
7

Indicatori

mangiare e bere
Accessibilità
Servizi ai turisti
shopping
Accoglienza
Attrattive
Alloggio
Intrattenimento
Sicurezza
convenienza
Trasporti
attività
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Grosseto

Conosci Grosseto? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Le  Mura Medicee del  XVI sec.; il primo sistema murario, del quale non è rimasta traccia, risale già al 973 e subirà una lunga serie di distruzioni, ricostruzioni, modifiche, fino all’attuale costruzione, voluta da Cosimo I della famiglia dei Medici,... vedi tutto che inseriva così Grosseto nel suo sistema difensivo. Le mura abbracciano come una stella la parte antica della città e sono caratterizzate da 6 bastioni angolari; furono erette con lo scopo di proteggere Grosseto dalle possibili minacce del confinante Stato dei Presidi. Furono ultimate nel 1593, sotto l’egida di Ferdinando I de’ Medici .   La cattedrale, di S. Lorenzo situata in Piazza Dante ed intitolata a San Lorenzo, patrono di Grosseto, fu ricostruita nel 1190 sulle rovine della preesistente Chiesa di Santa Maria ed ebbe sistemazione definitiva nel XV sec. . La Cattedrale è il risultato di una lunga serie di modifiche, di cui le più pesanti sono senz’ altro una ristrutturazione cinquecentesca, e il restauro del secolo scorso, che ha tentato un recupero della originaria struttura trecentesca, togliendo e sostituendo alcune delle strutture poste nel ‘500. Al suo interno, segnaliamo due vetrate del ‘400 attribuite a Benvenuto di Giovanni, il Fonte battesimale (1470) e l’ Altare della Madonna (1473), di Antonio Ghini, l’ acquasantiera del 1506, la Madonna delle Grazie, frammento di una tavola d’ altare attribuita a Matteo Di Giovanni, e un crocifisso ligneo quattrocentesco, che proviene dalla chiesa di Montepescali. Il Campanile è  del XX sec.. Il Teatro degli Industri, edificato sulle rovine del precedente nel 1863, fu disegnato dall’ingegnere G. Passerini, ed utilizzava un’antica stanza di ricovero per i pellegrini. Nel dopoguerra fu usato come cinema. Il Monumento a Lepoldo II di Lorena, scolpito da Luigi Magi, fu inaugurato nel 1846, e rappresenta il Granduca (soprannominato Canapone per il colore dei capelli) che solleva una donna sofferente, la Maremma, che ha in braccio il figlioletto morente. Ultimo granduca, Leopoldo II fu particolarmente amato dai maremmani, per il grande interessamento e le imponenti bonifiche realizzate sul territorio. Il Palazzo della provincia fu realizzato in stile neogotico da Lorenzo Porciatti agli inizi del secolo, fu eretto dove sorgeva il Palazzo pubblico che ha inglobato e coperto. Tuttavia è riconoscibile l’ impianto medievale dell’intera piazza. La  Porta vecchia,  si presenta come un arco gotico in pietra, su cui si innesta un arco del XIV sec. E’ uno dei pochi resti della cinta trecentesca e per lungo tempo è stata l’ unico accesso alle mura medicee. Il Cassero Senese di origine medioevale, fu costruito per volontà della Repubblica senese e terminato nel 1345. E’ situato all’ interno del Bastione S. Lucia, e il Bastione della Vittoria che costituiscono il cosiddetto Bastione Fortezza. Il Cassero del Sale  si trova di fronte a Porta Vecchia; ha subito nel corso dei secoli pesanti interventi che hanno alterato la struttura originaria, pur rivelando la sua origine medievale. Potrebbe essere uno dei casseri che i Senesi avevano fatto edificare già dal ‘200. Durante il 1300 aveva la funzione di dogana del sale e regolamentava la produzione, la distribuzione e l’esportazione del sale. La Chiesa di S. Pietro è la più antica chiesa esistente a Grosseto, citata già dal 1188 è stata pesantemente rimaneggiata e soffocata dalle costruzioni successive. Sono visibili elementi lombardi e tardo-romanici. La pianta è ad aula unica e il suo interno è completamente spoglio. Il campanile visibile a lato della chiesa risale al 1625, in pietra e mattoni. La Chiesa di S. Francesco d’Assisi in stile francescano-goticizzante (XIII sec.) ad una sola navata, fu consacrata nel 1289 . Appartenuta ai Benedettini che abbandonarono Grosseto a causa della malaria, fu consegnata con il convento ai Francescani, che lo riadattarono secondo le norme dettate dalla loro regola. La copertura è a capriate lignee a vista; la pianta è costituita da un’ aula senza transetto, illuminata da otto finestroni a sesto acuto e dall’ occhio della facciata. Nel ‘600 fu aggiunta la cappella dedicata a S. Antonio da Padova. Al suo interno si trova la croce tardo duecentesca di pregevole fattura, forse opera del giovane Duccio di Buoninsegna. Il campanile è stato ricostruito in stile nel 1917, a causa di un fulmine che distrusse quello coevo.   Piazza Fratelli Rosselli:  vi sono situati il palazzo del Governo ed il palazzo delle Poste. Tra via Borghi e viale Matteotti si erige il complesso polifunzionale di Ludovico Quaroni. Dalla Porta Nuova infine, si accede a corso Carducci, via principale del centro storico. Il Duomo ideato da Sozzo di Rustichino,fu costruito dal 1294 al 1302 e fu più volte restaurato. Una visita al Museo Archeologico d’Arte è d’obbligo: situato in Piazza Baccarini accoglie numerosi reperti archeologici e preistorici della provincia grossetana, nonché dipinti di scuola senese dal sec. XIII al sec. XVII, statue in legno ceramiche e monete.
nadia raimondo
Livello 15     2 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Scansano, raggiungibile tramite la S.S. 322 Grosseto - Manciano si trova a circa 20 km. circa a Sud-Est di Grosseto. SP 159 - SP 9 Aione per loc. Mandorlaie podere Lucchese - AGRITURISMO IL MANDORLO Poche altre parti d’Italia hanno mantenuto il... vedi tutto loro territorio come la provincia di Grosseto e non e quindi un caso se l’ambiente naturale della Maremma , della sua fascia collinare e del Monte Amiata rappresenta oggi un vero tesoro per chi ama la Natura. I Comuni della provincia di Grosseto elencano , tesori d’arte di architettura, di storia, e possono essere mostrati ai visitatori e soffermarci in una panoramica di Parchi Naturali , di Riserve di Oasi Faunistiche, spiagge grandi e splendide scogliere. L’Agriturismo Il Mandorlo , sorge in una posizione più suggestiva di Scansano, adagiato su una collina panoramica , e attorniato da un meraviglioso paesaggio , poco distante dalle Spiagge di Talamone, da Porto Santo Stefano, da Monte Argentario, dal Parco dell’Uccellina, dalle Terme di Saturnia, dai borghi arroccati tra le mura, come Magliano in Toscana e Pitigliano scavata nel tufo, luoghi tra storia e realtà.
Voto complessivo 1
Guida generale : se ne fà un grande vanto .... (la pseudo) naturalezza e purezza dei posti che, a ben guardare, nascondono insidie e elementi inquinanti estremamente pericolosi per tutti ... L'estremo isolamento di questo territorio è causa di un grave tumore la... vedi tutto cui cura porterà inevitabilmente a drastiche e dolorose misure
valentina sheridan
Livello 14     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : Il posto che prediligo in assoluto in italia è punta ala, nella provincia di grosseto. è un posto rilassante, con un mare pulito. Raramente d'estate vi sono giornate di brutto tempo, il che rende possibile godersi il posto a pieno.... vedi tutto Per gli amanti dello sport vi sono corsi di equitazione, barca a vela, sci nautico, windsurf, etc. per chi vuole passare una vacanza all'insegna del divertimento, vi sono diversi bar e una discoteca, ed è vicino a Follonica e Castiglione, dove il divertimento non manca. Per dormire vi sono hotel abbastanza cari, ma in mancanza di soldi si può ripiegare in uno dei campeggi. Ogni estate vi si trovano pressochè le solite persone. Adatta per le famiglie, per i giovani e per gli anziani. Provare per credere!!!
mario santarelli
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Molto interessante il duomo, da non perdere le mura, vita tranquilla, clima primaverile buono. La città è piccola, ma ben servita dalla ferrovia e dalla super strada. I dintorni sono bellissimi e ricchi di storia antica. Gli scavi etruschi a... vedi tutto Roselle, e nella Maremma interna:Sovana, Sorano, Saturnia, Pitigliano sono molto interessanti e da non perdere. Le terme di Saturnia e di Sorano offrono un'ampia gamma di servizi nel settore del benessere. D'inverno non manca la possibilità di passare piacevoli giornate sulla neve in vetta al Monte Amiata.
Da non perdere Chiesa dei Bigi , Duomo , Pitigliano
Diemmegi Forniture Ufficio
Livello 28     4 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : Una bellissima cittadina, molto tranquilla e per niente caotica. Il centro storico è molto bello, con i suoi monumenti che richiamano alla storia. Da visitare le varie chiese come la Cattedrale di San Lorenzo situata nella principale piazza della città Chiesa... vedi tutto di San Pietro che è la più antica chiesa di Grosseto. Chiesa di San Francesco, Chiesa dei Bigi, Chiesa della Misericordia, Chiesa di San Giuseppe, Chiesa di San Giuseppe Benedetto Cottolengo, Basilica del Sacro Cuore di Gesù.
luca
Voto complessivo 7
Guida generale : Bellissima città con mare e montagna a poca distanza, bellissima zona storica etrusca, litorale balneare porti turistici porto santo stefano, porto ercole, castiglione della pescaia, follonica, parco naturale della maremma e delle colline metallifere; isole turistiche come isola del giglio,... vedi tutto giannutri.
Gabriele
Voto complessivo 6
Guida generale : Visitare Alberese e lo splendido e selvaggio Parco Naturale della Maremma, (evitare giugno per i temibili insetti "Serafiche" che pizzicano senza sosta). Nei dintorni da vedere Talamone, l'Argentario, le colline dei tufi con Sovana, Pitigliano, Sorano
cristina magi
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Ottimo mare, e la sera ottimi i ristoranti, la vita notturna e i servizi in spiaggia. Affascinanti piccoli borgi da assaporare la sera, in compagnia dell'ottimo cibo che si trova in Toscana con i vini che completano il tutto.
Da non perdere Dune dell'Uccellina
Emanuela
Livello 18     2 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Guida generale : Cittadina semplice ma contornata da un mare meraviglioso, colline maremmane e paesaggi d'incanto. Il parco dall'Uccellina offre uno spaccato selvaggio della natura ancora intatta. Le montagne sono vicine e in inverno è possibile sciare.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Altre Risorse

IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Grosseto

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Sole e Mare
Enogastronomia
Arte e cultura
Mete per la famiglia
Verde e natura
Mete romantiche
Sport
Cicloturismo
Montagna
Avventura
Terme e Benessere
Studenti
Giovani e single
Shopping
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0