×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0030039
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,001
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Sampeyre: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009

Scrigno della cultura occitana, Sampeyre si trova in Val Varaita, in provincia di Cuneo. È un centro turistico attrezzato sia per la villeggiatura invernale che per quella estiva, con 6 alberghi e circa 12.000 posti letto in case turistiche, in una valla che ha come simbolo indiscusso il Monviso.

Da vedere a Sampeyre ci sono monumenti come la chiesa parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo, romanica e poi trasformata durante il gotico, con uno dei più importanti portali romanici della zona. Notevole, all’interno, il dipinto dei pittori Tommaso e Matteo Biazaci. Interessanti sono anche la chiesa parrocchiale di Villar, con portali romanici in pietra verde di Brossasco, e il santuario di N.S. del Becetto. Quest’ultimo ospita la Madonna Nera ed è da molti secoli una delle mete di pellegrinaggio più note di tutto il Piemonte. Tutta l’architettura locale, comunque, presenta motivi di interesse, ancora con molti tratti tipicamente medievali. Un esempio è casa Clary, residenza nobiliare quattrocentesca.

Per gli amanti del trekking montano, sono diverse le cime che si possono raggiungere avendo Sampeyre come base, con itinerari per ogni difficoltà. Tra queste la cima delle Lobbie, la punta delle Guglie, la cima di Crosa, il monte Ricordone, la punta Rasciassa, la testa di Garitta Nuova, il monte Nebin, il monte Birrone e il monte Rastcias. Spingendosi più avanti è possibile regalarsi grandi emozioni con il tour escursionistico intorno al Monviso, il ben noto giro di Viso, oltre all’ascesa alla vetta e alle cime satelliti. Una vasta rete di rifugi e punti di ristoro permette di soggiornare e concedersi una pausa tra un’ascensione e l’altra.

Una delle maggiori attrazioni di tutta la Val Varaita, in gran parte nel territorio di Sampeyre, è il Bosco dell’Alevé: si tratta della più grande estensione di pino cembro di tutta Italia, con 825 ettari tra i 1.500 e i 2.500 metri sul livello del mare. Si tratta di un bosco antichissimo, il più antico del cuneese, già citato perfino nell’Eneide virgiliana. Al suo interno si trovano diversi esemplari molto antichi di pino cembro, anche di 600 anni.

Tra gli altri sentieri interessanti a Sampeyre c’è da ricordare l’escursione alla Tumpi la Pisso, dedicata alla leggenda locale degli spiriti dei boschi, i sarvanot; si trovano anche diversi cartelli che spiegano i dettagli più interessanti da un punto di vista culturale e paesaggistico. Sampeyre vanta anche un lago artificiale dove è possibile praticare la pesca sportiva e un centro sportivo polifunzionale dove dedicarsi a tennis, calcetto, ping-pong, beach volley. Qui è possibile anche noleggiare le biciclette per mountain bike e downhill, mentre in alcune frazioni del paese si organizzano escursioni a cavallo.

D’inverno, Sampeyre ospita alcune piste da sci che fanno parte del comprensorio Monvisoneve, nel grande vallone di Sant’Anna; si tratta di due seggiovie biposto e di due skilift. Altri centri attrezzati per la pratica dello sci si trovano a Bellino e a Pontechianale. Qui si trova anche una pista per sci di fondo e una di pattinaggio su ghiaccio naturale, di 650 metri quadrati. Non mancano nemmeno le possibilità per praticare lo sci alpinismo sugli itinerari estivi, e Sampeyre da sempre è una delle capitali dell’arrampicata sulle cascate di ghiaccio.

Per arrivare a Sampeyre in auto si segue l’autostrada A6, Torino-Savona, fino all’uscita di Marene; da lì la provinciale 662 fino a Saluzzo, poi la 589 fino a Verzuolo e infine la provinciale 8 fino a Sampeyre. Le stazioni ferroviarie più vicine sono quelle di Saluzzo e di Savigliano. In autobus si può prendere uno dei mezzi in partenza sempre da Saluzzo, mentre gli aeroporti di riferimento per chi arriva in aereo sono quello di Cuneo-Levaldigi e di Torino-Caselle.

 

 

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

Mangiare e bere

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0010008

Cosa vedere secondo voi



12 risultati filtrati per:
Rank 1# di 12
2 Voti
Rank 2# di 12
2 Voti
Rank 3# di 12
2 Voti
Rank 4# di 12
1 Voto
Rank 5# di 12
1 Voto
Rank 6# di 12
1 Voto
Rank 7# di 12
1 Voto
Rank 8# di 12
1 Voto
Rank 9# di 12
Rank 10# di 12
AttractionList-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0010009

Cosa vedere vicino a Sampeyre

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008

Cerca offerte a Sampeyre

HotelSearch-GetPartialView = 0
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Sampeyre
GuideList-GetPartialView = 0,0010009
JoinUs-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010012
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009