×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Bomarzo: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0156263

Bomarzo, una particolare cittadina che si trova nel cuore pulsante della Tuscia, nel verde Lazio nella provincia di Viterbo. La città è famosa soprattutto per il Parco dei Mostri, che ha ispirato anche l’omonimo gioco di società che appassiona ancora oggi tante persone.

Tanti i punti d’interesse della città. Il Palazzo Orsini, oggi sede comunale: nella sala del consiglio troviamo una volta mirabilmente affrescata dal pittore barocco Lorenzo Berrettini da Cortona, raffigurante "Il Trionfo della pace sulla guerra". Dalle terrazze e dalle finestre si spazia con lo sguardo su di un panorama di rara bellezza e sul sottostante "Sacro Bosco". In un magazzino di palazzo Orsini troviamo inoltre il museo delle sculture che accoglie più di 100 sculture iperspaziali di Attilio Pierelli, realizzate dal 1960 sino ad oggi, fra cui: l'"Ipercubo", la "Superficie a cuspide" e "T.E.S.T.", opera, quest'ultima, che da anni viene consegnata ogni tre anni all'autore di maggior rilievo nel campo della ricerca dell'astrofisica durante il "Marcel Grossmann Meeting". Nella vicina parrocchiale, il Duomo, la cui attuale costruzione risale al '500, nonostante alcune successive modifiche, si conserva un sarcofago longobardo-paleocristiano, utilizzato come altare, alcuni affreschi cinquecenteschi d'impronta fiorentina ed un'urna con le reliquie di Sant'Anselmo. Il campanile, che poggia su blocchi di tufo di taglio tipicamente etrusco testimonia le antiche origini del sito. La chiesa del Cristo Risorto (situata nella parte nuova del paese), presenta un ciclo di pitture, olio su tela, dell'artista contemporaneo, viterbese, Felice Ludovisi.

Il "Sacro Bosco", meglio conosciuto come "parco dei Mostri", dista 1 km dall'abitato ed è situato nel pendio sottostante il castello, in un ampio parco dai confini irregolari. L'autore di questa inconsueta creazione, fatta di un originale insieme di statue, giardini, edifici e sculture, realizzata nella seconda metà del Cinquecento (1552-1580), è Pier Francesco Orsini, letterato, condottiero ed eclettico personaggio del Rinascimento italiano. Il complesso rientra in quelle frequenti e stupefacenti realizzazioni protobarocche e per il visitatore arrivare ad interpretare il parco è ancora oggi una vera e propria sfida. L'ideatore del parco volle essere polemico con le leziose impostazioni manieristiche di tutti i giardini dell'epoca. I "mostri" (al suo tempo attribuiti dalla fantasia popolare all'opera di prigionieri turchi catturati nella battaglia di Lepanto), sono ricavati da massi di pietra vulcanica e vengono sparsi per tutto il parco senza un preciso ordine logico ma solo secondo gli spunti offerti dagli elementi fisici e naturali del luogo. Nonostante ciò, il tutto ha una sua unità d'insieme, assicurata dall'inquieta ricerca dello stravagante e dal costante raffronto tra artificiale e natura circostante. Il complesso mostra la predilezione per Vicino Orsini delle forme aperte, dove l'occhio incontra delle visuali che all'apparenza sembrano casuali, non ricercate, e ciò conferma la passione per espressioni artistiche di diversa provenienza, non ancora sperimentate per la cultura italiana del '500, ma che sono indubbiamente più vicine ad una concezione tipicamente barocca; d'altronde è noto che le prime espressioni barocche si rivelano proprio nell'ars topiaria prima ancora che nell'architettura.

Passeggiando per il parco le manifestazioni figurative che impegnano maggiormente il visitatore sono: il Tempietto, di stile dorico e di forma ottagonale, dedicato alla moglie Giulia Farnese, con un portale ornato da un grande timpano vuoto; il Mascherone, il mostro più emblematico, con il naso rincagnato, la bocca spalancata (indicata come bocca dell'Ade), al cui interno è collocata una stanza, e dei grandi occhi vuoti; un enorme vaso, elemento tipico dell'iconografia manierista; un Elefante in battaglia, riferimento all'arte orientale, com'è probabile che lo sia anche il "Drago in lotta coi veltri" (di sicuro influsso asiatico); la Donna opulenta, che sorregge un vaso sulla testa; Nettuno, che si appoggia col dorso nudo ad un ciclopico muro; la Casetta inclinata (dov'è evidente il disprezzo per limiti e regole); la Tartaruga, gigantesca e sormontata da un'armoniosa figura musicale; il Gigante che squarcia una donna, dove sono evidenti le forzature anatomiche e metriche; la Maschera demoniaca, quasi infernale che è sormontata da un globo decorato con i simboli araldici degli Orsini da Castello; ed ancora cerberi infernali, una rozza balena, una sfinge, un'arpia, degli orsi, una serpe bifida, sirene, il pegaso, una lotta tra poderosi bruti, un orco.

Per chi ama lo shopping, Bomarzo è famosa soprattutto per i suoi prodotti d’artigianato, infatti qui si producono diversi prodotti in rame, oltre che oggetti in paglia e vimini. Il centro di Bomarzo non è particolarmente grande e la maggior parte dei negozi si trovano lungo via Monte Rosa, Corso Cavour e Piazza Buozzi. Qui non mancano anche negozi dove acquistare prodotti low cost.

La vita notturna di Bomarzo scorre per lo più tranquilla. Infatti nel piccolo centro, in particolare lungo corso Cavour, si trovano la maggior parte dei locali e dei pub. In particolare, per chi è amante della birra, sono presenti numerosi pub dove poter provare birre tipiche.

Vicino a Bomarzo sono presenti diverse aree naturali in cui praticare trekking o per muoversi in MBT, sicuramente i percorsi più belli sono quelli presenti all’interno del Parco di Monte Casoli di Bomarzo davvero un percorso bellissimo in cui è possibile vedere numerosi esemplari di fauna e flora.

Si può raggiungere Bomarzo comodamente prendendo la A1 per Orte. Sicuramente arrivare a Bomarzo in macchina è molto più comodo. E’ consigliabile però muoversi a piedi per il centro date le sue ridotte dimensioni che farebbero della macchina solo un mezzo ingombrante. Oltre a questo, Bomarzo è ben collegata con l’esterno attraverso la stazione di Orte e la stazione di Attigliano-Bomarzo.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

AttractionFilter-GetPartialView = 0,0156253
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



4 risultati filtrati per:
Rank 1# di 4
Image not found
Rank 2# di 4

Parco Dei Mostri Societa' Giardino Bomarzo

4 Voti
Indirizzo: Localita' Giardino
Telefono: 0761924029
Rank 3# di 4
2 Voti
Image not found
Rank 4# di 4
AttractionList-GetPartialView = 0,1724196

Conosci Bomarzo? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0156267
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0781311
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionListMapMultiplePin-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0156258

Cerca offerte a Bomarzo

HotelSearch-GetPartialView = 0
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Bomarzo
GuideList-GetPartialView = 0,0156266
JoinUs-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0