×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Guida turistica di Viterbo  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Info su Viterbo

Superfice:
406 km2
Altitudine:
326 m
Abitanti:
66604 [2011-03-31]
Introduzione

Viterbo, capoluogo di provincia del Lazio, è una cittadina di media dimensione che si trova situata nella zona denominata Tuscia, cioè l'alto Lazio, e sorge al centro di una fitta rete di vie di comunicazione. È caratterizzata da rapporti molto stretti con i comuni vicini, come per esempio Vitorchiano e Montefiascone con cui intrattiene anche rapporti commerciali. La città copre una superficie di 500 metri quadri ed è posta su di un falsopiano alle pendici settentrionale dei Monti Cimini. Questi ultimi appartengono al gruppo dell'Antiappennino laziale, un gruppo di montagne di origine vulcanica. Questo piano è orientato verso ovest affacciandosi sulla pianura maremmana e la città è attraversata dal fosso Urcionio, che oggi però scorre quasi completamente nel sottosuolo cittadino.

Le origini della città di Viterbo si perdono nella notte dei tempi, ma si sa di sicuro che il nome derivi dal latino Vetus Urbs, cioè Città Vecchia, e che quindi discenda da un antico complesso romano. La città ha avuto importanza anche nei secoli successivi; presenta infatti ancora oggi un importante centro storico medioevale con tanto di cerchia muraria lungo la quale sono presenti zone archeologiche e termali, come la sorgente del Bullicame. Storicamente è nota come la Città dei Papi, infatti dall'XIII secolo fu sede pontificia e per circa 30 anni anche sede di elezione Papale. Questa decisione venne presa durante l'apostolato di Alessandro IV che a metà del 1200 a causa del clima ostile presente a Roma, scelse Viterbo come sede. Solo alla fine del 1200 con Papa Martino IV la sede principale tornò ad essere la capitale.

A seguito di recenti ritrovamenti si è scoperto che un primo insediamento era stato già costruito durante la dominazione etrusca; data la sua particolare posizione strategica, si trova infatti proprio nel centro dello stivale, la città è stata da sempre perno vitale dell'economia della zona. Dopo essere stata per moltissimo tempo contesa tra Impero e Papato, divenne un libero comune e fu sede di importanti avvenimenti storici. Tornata definitivamente sotto il dominio della Chiesa nel 1400, Viterbo visse un lungo periodo di prosperità, dovuta anche al fatto di essere stata città papale, dove si svolgevano i conclavi e dove i pontefici vivevano. Oggi Viterbo vive soprattutto grazie al turismo, in quanto la cittadina è ricca di monumenti ed edifici storici di grandissimo pregio.

Viterbo può vantare di essere sede di numerose Accademie e anche per essere sede dell'Università della Tuscia, ma anche del Comando Nazionale dell'Aviazione dell'Esercito, la Scuola Sottufficiali dell'Esercito e la Scuola Marescialli dell'Aeronautica Militare.

La regione ha una storia molto interessante anche dal punto di viste geologico. Pochi sanno che infatti sotto al centro sono presenti numerose gallerie sotterranee scavate nel tufo, che mettono in comunicazione gran parte degli edifici del centro storico, creando una rete di cunicoli e camminamenti, talvolta parzialmente sommersi. Oggi sono utilizzate come cantine e sono per lo più private, mentre durante la Seconda Guerra Mondiale vennero utilizzati come rifugi durante i raid aerei. Da Marzo a Settembre si organizzano numerosi tour che permettono di visitare questo universo sotterraneo.

Nei dintorni di Viterbo scorrono numerosi fiumi e torrenti. Uno dei più importanti è il Bullicame, la cui sorgente è composta da acqua dalle proprietà terapeutiche. Nell'omonima località viterbese sono presenti diverse stazioni termali dove concedersi dei momenti di relax. Le proprietà mediche delle acque del Bullicame erano note già ai tempi di Dante che lo cita anche nella Divina Commedia.

Viterbo negli anni ha iniziato a ospitare un gran numero di eventi culturali, religiosi e kermesse di vario genere, per questo in qualsiasi periodo dell'anno la si visiti c'è sempre qualcosa da fare. Il 25 Marzo si tiene la Fiera dell'Annunziata con sagra e balli, il ponte del 1º maggio c'è San Pellegrino in Fiore, mentre tra i mesi di Giugno e Luglio si tengono il Caffeina Festival, un piccolo festival letterario, e il Tuscia Film Fest. Sempre a Luglio si tiene dal 1500 una festa medievale con rievocazione storica in costume. Per quanto riguarda invece le tradizioni religiose, la seconda domenica di Maggio c'è la Processione del Santissimo Salvatore mentre il 2 e 3 Settembre la Processione con il trasporto della Macchina di Santa Rosa, evento molto evocativo al quale partecipano migliaia di visitatori. Sempre a Settembre c'è la famosa Festa dell'Uva, che si tiene nel quartiere di Pianoscarano.

Per quanto riguarda la cucina invece, la zona della Tuscia è famosa per le numerose pietanze e piatti tipici. Tra i dolci non si possono non citare le ciambelline al vino con nocciole, uno dei prodotti più diffusi che si basa sull'attività della coltivazione delle nocciole. Si chiamano comunemente nocchie e sono un vero classico della tradizione viterbese. I "brutti ma buoni", i famosi dolcetti che si regalano durante il periodo natalizio, realizzati sempre con una base di nocciole, piacciono a tutti e sono dei simil biscotti rustici, realizzati con una ricetta semplice e rimasta ancorata alla tradizione. Se vi piace il pane è da assaggiare quello preparato con farina di castagne. Oltre al pane si preparano anche biscotti, farinata di castagne e le piccole frittelle pasquali. Molto spesso le ricette sono arricchite con pinoli, noci e uvetta. Uno dei cavalli di battaglia della regione resta però il Bagnone, una ricetta a base di pane e baccalà, proveniente dall'antica tradizione contadina che veniva consumato durante la pausa mentre si faceva la raccolta.

Prefisso:
0761
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
viterbesi
Patrono:
Santa Rosa
Giorno Festivo:
04 settembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0156262
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Valutazione generale

27
Media
20
Ottimo
17
Buona
4
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
15
Coppie
5
Famiglie
3
Giovani e single
2
Turisti maturi
1

Indicatori

mangiare e bere
Accoglienza
Sicurezza
Attrattive
Alloggio
convenienza
Intrattenimento
Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
shopping
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0

Recensioni Viterbo

Conosci Viterbo? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Passeggiare nel centro storico di Viterbo equivale a fare un viaggio indietro nel tempo, in quanto la cittadina è ricca di monumenti ed edifici storici, la maggior parte riferibili all’età medievale. Tra le cose più importanti da vedere a Viterbo ricordiamo: il... vedi tutto Palazzo Comunale, edificato nel XV secolo per volere di Papa Sisto IV della Rovere, è caratterizzato da un ampio porticato  e da una fabbrica seicentesca che raddoppiò la volumetria dell’edificio; il Palazzo del Podestà, un grazioso edificio duecentesco che, nonostante i numerosi interventi di restauro conserva ancora oggi il fascino dell’antico;  Palazzo Farnese, una delle costruzioni più imponenti di tutto il centro storico di Viterbo, che fu edificato nel XV secolo e che ha ospitato nelle sue sale affrescate importanti personaggi che hanno segnato la storia; la centralissima Piazza san Lorenzo, cuore pulsante della città medievale e centro del potere ecclesiastico della città, con il complesso del Duomo, della Loggia e del Palazzo dei Papi; il Duomo di san Lorenzo, edificato nel XII secolo in stile romanico sul luogo in cui si pensa si trovasse un tempio dedicato ad Ercole, che conserva al suo interno pregevoli opere d’arte dei maggiori artisti dei secoli XV-XVIII; il Palazzo dei Papi, un bellissimo edificio dalle fogge gotiche eretto nel XIII secolo per ospitare i Papi durante i loro assidui soggiorni a Viterbo; la Loggia dei Papi, aggiunta nel XV secolo al Palazzo dei Papi, è caratterizzata da sette arcate sorrette da sottili colonnine che rendono l’insieme armonico e leggero e rappresenta una delle cartoline della città e uno dei punto più panoramici di tutta Viterbo; il Museo Civico, allestito nei locali dell’ex convento di santa Maria della Verità, che ospita numerose testimonianze del passato di Viterbo, dalle origini fino all’età moderna; il Santuario di santa Rosa, rifacimento ottocentesco di un precedente edificio religioso eretto per conservare la sacra reliquia del corpo della santa (visibile all’interno della chiesa), che è la tappa finale della caratteristica Processione di santa Rosa, che si svolge ogni anno il 3 settembre, in cui 90 facchini trasportano a spalla per le vie di Viterbo al Macchina di santa Rosa, un monumentale campanile posticcio alto oltre 30 m.; la Rocca, un complesso di edifici che fu eretto a partire dal XIV secolo e che ha subito numerosi interventi nei secoli successivi e che oggi ospita il Museo Nazionale Etrusco, ricco di reperti rinvenuti nelle terre del viterbese.
GUIDE TURISTICHE
Livello 10     1 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 10
Guida generale : Con le guide turistiche di Viterbo ho effettuato una visita guidata al PALAZZO DEI PAPI, a VITERBO SOTTERRANEA, al QUARTIERE MEDIEVALE DI SAN PELLEGRINO, alla CHIESA DI SANTA ROSA, alla Basilica di SANTA MARIA DELLA QUERCIA. Ho prenotato la visita... vedi tutto guidata di Viterbo presso l'ufficio informazioni turistiche di Viterbo Underground dove ho scoperto cosa vedere a Viterbo grazie ad una delle guide turistiche di Viterbo che mi ha fatto da guida turistica. Consiglio a tutti di effettuare il tour guidato per meglio godere delle meraviglie sopra e sotto la città (dalle antiche origini etrusche). Parlando con la guida turistica di Viterbo ho capito che può "sfuggire" che cosa vedere a Viterbo: attrattive da visitare molteplici e belle, una città tutta da scoprire con le guide turistiche di Viterbo. Mi hanno anche consigliato che cosa vedere a Civita di Bagnoregio, la città che muore, che cosa vedere a Tuscania, cosa vedere a Caprarola, con la visita guidata di Palazzo Farnese di Caprarola, giardini meravigliosi devo dire. La visita con la guida turistica a Palazzo Farnese, sito con orari di visita adeguati, è stata molto interessante. Con le guide turistiche di Viterbo consiglio anche di visitare il Parco dei Mostri di Bomarzo oltre ad una visita guidata a Villa Lante di Bagnaia ed al centro storico di Vitorchiano, vicino Viterbo.
Da non perdere Palazzo Papale , San Pellegrino
arduina
Voto complessivo 7
Guida generale : Viterbo è una cittadina di circa 60 mila abitanti. Ha un centro medievale molto bello e ben conservato. Pur essendo una città molto ricca di monumenti, musei e attrattive naturali non è molto turistica. A Viterbo ci sono anche delle... vedi tutto bellissime Terme dove è possibile fare ogni sorta di trattamento. È a pochi chilometri dal bellissimo lago di Bolsena e lago di Vico. La zona della Tuscia non ha niente da invidiare ai paesaggi toscani. Come evento segnalo la festa di santa Rosa dal 01 al 04 settembre, in particolare la sera del 03 settembre con il trasporto della macchina di Santa Rosa ora anche patrimonio dell'Unesco.
Teresa
Voto complessivo 8
Guida generale : Desideravo visitarla da anni e alla fine ci sono andata quest'anno. Ho fatto un giro solo in giornata, strutture ricettive ce ne sono diverse (alcune apparivano però chiuse) ma ho preferito non pernottare. Pur avendo due stazioni di treni e... vedi tutto una autostazione, da Roma è davvero lunga... 80km in 2 ore è tanto! Il centro storico è bellissimo ma rischia di morire, troppi negozi chiusi. È anche ben tenuto ma credevo stesse meglio. Da visitare sicuramente e da tornarci in altri momenti per apprezzarla ancora di più. Gli abitanti del luogo confermano che il grosso afflusso resta per la Festa di Santa Rosa (inizi Settembre) e il Festival Letterario- Caffeina Festival(in Giugno).
ROSSANA LEFONS
Livello 18     2 Trofeo    Viaggia: Con amici, Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Città medioevale particolarmente calda ed accogliente. Centro storico intatto e periferia molto estesa con paesetti tipici tutti da visitare e unici nel loro genere. Cibo ottimo. Da non perdere assolutamente: il 3 settembre, il Trasporto della macchina di Santa Rosa (da... vedi tutto brivido). META' GIUGNO-META' LUGLIO: CAFFEINA CULTURA (tutti i giorni dal pomeriggio alla notte spettacoli culturali e folkloristici)tutto nella splendida cornice del quartiere San Pellegrino; Pimo Maggio: Viterbo in fiore, rassegna dei migliri vivaisti della zona che addobbano piazze e città del centro storico. etc etc etc
Da non perdere Trasporto della macchina di Santa Rosa
Maria Elena Mataloni
Livello 27     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Guida generale : Viterbo è una piccola cittadina, quindi un abbastanza provinciale per il pensiero, ma molto sicura. Da visitare il suo centro storico assolutamente le rovine romane e da usare come base di partenza: il mare a mezz'ora i laghi vulcanici la... vedi tutto montagna a 5 minuti, con le testimoniane etrusche e il museo nazionale dove sono i famosi cavalli alati, Roma a 1 ora e mezza. Le Terme eccezionali, tra l'altro frequentate da star della tv.e cinema italiano, la piscina è veramente bella e piacevole oltre ai percorsi termali, insomma la vita è provinciale, ma le possibilità di passare un bel soggiorno anche prolungato così da visitare le altre bellezze italiane vale proprio! Poi intorno tra le campagne ci sono posti dove soggiornare curati in maniera esclusiva.
Da non perdere Palazzo Papale , San Pellegrino , Terme dei Papi
Voto complessivo 7
Guida generale : E' una città molto bella sotto tutti i punti di vista,ma chi ci abita spesso non si rende conto della ricchezza,specialmente culturale che ha a disposizione e su internet sono presenti davvero poche informazioni su questa città. Solo le manifestazioni,vie... vedi tutto e monumenti più importanti sono spiegate in modo approfondito mentre,in particolare modo le vie,altrettanto importanti, sono trascurate,come per esempio "Via S. Pellegrino" sul quale se si va a ricercare le origini non c'è la possibilità di saperne di più perché mancano informazioni..Comunque come città è veramente bellissima..
caterina
Voto complessivo 8
Guida generale : E' una città per persone acculturate amanti del popolo etrusco e del medioevo. Bellissima è la necropoli rupestre di Castel d'Asso, assai lontana per stile a quella famosa di Tarquinia.Bello il parco del Bullicame ed altri fenomeni di vulcanesimo secondario... vedi tutto presenti nel suo territorio. Numerose sono le bellezze naturalistiche relative ai vicini laghi vulcanici di Vico e Bolsena.Deve anche piacere la bellezza crepuscolare di alcuni borghi e castelli diroccati come Civita di Bagnoregio, Celleno, Pianiano ..
Paolo Capati
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Splendida e piccola città medievale, con un cuore ancora integro, ci si tuffa nel passato, sembra che dalle piccole viuzze del quartiere San Pellegrino possa uscire fuori gente in costume tanto l'atmosfera cattura, e poi la bellezza del palazzo dei... vedi tutto papi, del duomo delle 1000 fontane e ... delle immediate vicinanze, Villa Lante a Bagnaia, il teatro romano di Ferento e soprattutto le terme dei papi.... insomma c'è tutto x trascorrere uno splendido fine settimana.
laura Ghiringhelli
Livello 21     3 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con amici
Voto complessivo 8
Guida generale : È una citta da girare a piedi con la macchina fotografica sempre pronta il centro storico è di una bellezza unica il borgo medioevale sembra di tornare nel passato. La piazza della cattedrale è un insieme di emozioni di arte... vedi tutto e cultura, all'interno si trova la prima tomba di sepoltura del primo papa. Un unico difetto della citta vecchia dovrebbero impedire i parcheggi delle macchine che in un posto incantato non ci stanno proprio bene. La cucnia è ottima i prezzi molto ragionevoli. Consiglio visitate Viterbo città bellissima
Da non perdere quartiere medioevale , Centro storico , Cattedrale San Lorenzo
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0
IntroAdditionalLinkContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca Hotel a Viterbo

HotelSearch-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Mete romantiche
Mete per la famiglia
Sport
Studenti
Terme e Benessere
Shopping
Verde e natura
giovani e singole
Avventura
Montagna
Sole e Mare
Pellegrinaggi
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0

Zone turistiche

CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Viterbo

Sereno
8 °
Min 392° Max 1937°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0