×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Ambiente Polinesia Francese e Territorio  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

La Polinesia Francese ha una superficie di circa 4.200 kmq e una popolazione di circa 270.000 abitanti, di cui circa un terzo vive nell’area della capitale Papete, che si trova sull’isola di Tahiti e che poco o niente ha della piccola cittadina che era pochi secoli.
La Polinesia Francese è un dipartimento francese d’oltremare che si trova nel Pacifico meridionale, a sud delle isole Hawaii (comunque molto distanti) e ad est delle Isole Cook, di Tonga e delle Samoa. Queste isole occupano una vasta fetta di oceano e sono costituite da cinque arcipelaghi, le Isole della Società (le più conosciute in quanto in esse si trovano Tahiti, la città di Papeete e Bora Bora), le Isole Marchesi, le Isole Tuamotu (dove si trova Mururoa, che a metà anni ’90 balzò agli onori della cronaca per la discutibile scelta dei francesi di compiervi esperimenti nucleari), le Isole Tubuai e le Isole Gambiers. La principale vetta è costituita dall’Orohena (alta quasi 2.300 mt)
 
Le più importanti risorse economiche del paese sono la pesca, l’esportazione delle perle e il turismo. Infatti la Polinesia Francese rappresenta oggi una delle mete turistiche più ambite e costose, a causa della lunghezza del viaggio e del costo molto elevato delle merce importata.
Queste isole dalle incantevoli lagune, dalle meravigliose barriere coralline e dalla popolazione semplice ed estremamente ospitale, come vuole la tradizione Ma’honi, hanno sempre esercitato un grande fascino sugli occidentali, a cominciare dal grande navigatore Cook, passando per il pittore francese Gauguin sino a Marlon Brando, che dopo aver girato qui uno dei suoi più celebri film, Gli ammutinati del Bounty, si comprò l’atollo di Tetiaroa.
La flora sulle isole è costituita prevalentemente da palme da cocco, mongrovie, alberi del Pane, banani e migliaia di fiori tropicali di grosse dimensioni, molto colorati, che vengono usati dalle donne locali, le vahine, per confezionare le caratteristiche collane.
La fauna è invece costituita da animali domestici importati dagli europei e dagli asiatici, da uccelli tropicali come i pappagalli e le fregate, ma la parte più interessante è sicuramente quella che si trova sott’acqua, dove pesci tropicali, squali (in alcune isole gli abitanti locali danno loro da mangiare..), mante, tartarughe marine e stupendi coralli offrono uno spettacolo indimenticabile agli amanti del mare.
Il clima è estremamente piacevole, con temperature che di giorno oscillano sempre tra i 25° e i 30° e precipitazioni concentrate nella stagione umida, quella che va da dicembre ad aprile. 

ContentInfoPageDetail-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156254
ContentListPageList-GetPartialView = 0

Le guide più popolari

4
ITINERARI ED ESCURSIONI
3
CUCINA E VINI
2
NATURA E SPORT
1
LOCALI E VITA NOTTURNA
1
CONSIGLI GENERICI
1
CUCINA E VINI
1
LOCALI E VITA NOTTURNA
1
PARCHI E GIARDINI
2
NATURA E SPORT
1
ALTRE ATTRAZIONI
1
CUCINA E VINI
1
LOCALI E VITA NOTTURNA
GuideListAggregateByDestination-GetPartialView = 0,2660806
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Gallery_3xN_Small-GetPartialView = 0,2812496
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0156253
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0