×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020022
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010004
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

Alla scoperta di Firenze! a Firenze  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
Valutazione Generale
  
Rank 36# di 473
Numero votazioni 5
AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0,0160154
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0,0010009
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Alla scoperta di Firenze!

Scrivi una recensione su Alla scoperta di Firenze!
Livello 12     0 Trofeo   
Voto complessivo
Due giorni a Firenze, organizzati all'ultimo momento, anche grazie ad una buona offerta proposta da un delizioso hotel vicino alla stazione, Hotel Victoria. Si parte sabato 25 Aprile 09 alle sette e trenta, a Termini il caos è quasi scontato, il Freccia Rossa parte in... vedi tutto punto e altrettanto in punto ci ritroviamo a Santa Maria Novella, d'ora in poi per me è tutto nuovo! Il primo giorno visitiamo lo storico mercato di San Lorenzo, bellissimo e coloratissimo e soprattutto noto subito le innumerevoli bancarelle che vendono giubbotti, cinture, scarpe e borse in pelle. Da li passiamo alla Basilica di San Lorenzo e alla Biblioteca Medicea Laurenziana, per fortuna un unico biglietto, non immaginavo che a Firenze si pagasse per entrare nelle chiese. Proseguiamo attraverso le strade che brulicano di turisti, bancarelle e negozi aperti e ci avviamo verso lo straordinario scenario di Piazza del Duomo e della sua Cattedrale Santa Maria del Fiore. Ammiriamo il Battistero ed il Campanile dall'esterno, le file per entrare ci scoraggiano troppo, andiamo avanti per Piazza della Signoria, qui ammiriamo la splendida Fontana del Nettuno, la Loggia dei Lanzi e diamo un'occhiata al punto dove fu impiccato e poi arso al rogo Girolamo Savonarola. La fila alla Galleria degli Uffizi è sempre presente ma,....la fila per prenotare i biglietti per il giorno successivo non esiste ed oltretutto è pure gratis, stiamo nella settimana della cultura,...ok ci fiondiamo! Dopo aver preso i biglietti per gli Uffizi facciamo una passeggiata lungo l'Arno e passiamo per Ponte Vecchio, la leggenda narra che prima quel ponte era pieno di macellai, soppiantati poi dagli orafi per volere dei Medici in quanto una ragazza della loro famiglia, non so chi però, doveva passare da lì il giorno del suo matrimonio e non voleva che il suo corteo nuziale passasse in mezzo ai maiali esposti in bella vista! A pranzo abbiamo prenotato in una delle fraschetterie più famose, I Latini, si mangia benissimo, non si spende tanto e i camerieri sono tutti simpaticissimi, sembra che per i fiorentini questo locale sia “turistico” però io ne ho visti tanti seduti a pranzo li, comunque lo consiglio! Dopo pranzo altra passeggiata per digerire i prosciutti i formaggi i deliziosi crostini con fegatini di pollo la carne e lo stracotto...arriviamo alla Fontana del Maialino, in fila per strusciare la moneta sul naso, come si deve ad ogni turista, mi chiedo come mai in questi posti, come a Fontana di Trevi, ci sia sempre in mezzo il danaro da lasciare...vabbè. Dopo un giro a Santa Maria Novella e al Giardino dei Boboli torniamo in hotel. La sera usciamo per una tranquilla passeggiata al centro ed un delizioso waffel con gelato. L'indomani scatta l'ardua impresa di scalare il Campanile di Giotto, la torre campanaria di Santa Maria del Fiore, 400 scalini per godere di una vista panoramica senza eguali! Poi finalmente gli uffizi, consiglio vivamente di prendere l'audio guida, così da poter godere appieno delle opere esposte, entriamo nella galleria alle 12.15 per uscirne intorno alle 15.30, grazie all'audio guida seguiamo un percorso stabilito e ogni tanto sostiamo nel corridoio per riposarci. Usciti da li decidiamo di provare il famoso lampredotto!un panino tipico che si mangia solo a Firenze fatto con uno dei quattro stomaci di bovino, l'abomaso per l'esattezza, cotto in un brodo di verdure e insaporito con una salsa verde! Delizioso, ne mangio due in un chiosco caratteristico lungo la casa di Dante...assolutamente da provare se adorate trippa e cose del genere! Poi visitiamo la Casa di Dante, che di Dante ha poco, qui ammetto una nota di delusione, pago 4 euro per vedere poche cose e non troppo interessanti, visitiamo anche la vicina Chiesa di Santa Margherita dei Cerchi, anche detta Chiesa di Dante, sembra che qui lui sposò Gemma Donati, e che in questa chiesa conobbe Beatrice, questa chiesa è infatti il sepolcro della famiglia della ragazza, per cui si pensa che lei riposi qui, in realtà dovrebbe trovarsi, essendosi sposata con un Donati, nel chiostro di Santa Croce. Comunque all'interno della piccola chiesa vi è una lapide particolarmente illuminata e su cui sono deposti dei fiori, mi colpisce anche vedere un cesto pieno di letterine scritte da bambini, che carini! Altro giro altro gelato, devo ammettere che a Firenze non mancano i modi per viziarsi, acquistiamo i cantucci, tipici biscotti croccanti con mandorle da inzuppare nel vin santo, e acquistiamo anche il vin santo per amici e parenti...e per noi!. Poi ci avviamo verso la stazione, il nostro mini tour è finito e lasciamo Firenze con la promessa di tornare! Come consiglio posso inserire i link dell'hotel e della fraschetteria dove sono stata, ma l'hotel lo consiglio solo se non dovete fermarvi più di due notti, la posizione è ottima ed il personale gentilissimo ma è una zona molto rumorosa ed in più il bagno della stanza non aveva finestre! Sconsiglio di visitare la Casa di Dante, il resto dei monumenti toglie letteralmente il fiato! Firenze è relativamente piccola per cui ci si può spostare tranquillamente a piedi o affittare una bicicletta! Per chi invece arriva in macchina ricordate che per il Comune di Firenze le strisce bianche indicano i parcheggi per residenti, e non parcheggi liberi, per cui non parcheggiate la vostra auto li! Buon viaggio a tutti!
Livello 32     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo
A un primo approccio, Firenze può sembrare assopita nel suo glorioso passato. Il Rinascimento rivive nei musei e tra le vie della città e del nostro immaginario, con il suo fermento di idee materializzate nelle forme più geniali. Questo non... vedi tutto significa che manchi una Firenze di oggi. Conoscendola da vicino, prenderà corpo l’anima di una città che non ha smesso di innovare, lavorare, per l’artigianato o l’alta moda, proporre attività culturali, festival e spettacoli.  Passando a Firenze non di può che iniziare a parlare di cose belle, anche perché i disagi che normalmente vivono i turisti non dipendono tanto dalla città, quanto dal fatto che ci sono… troppi altri turisti. È tutto lì, in un chilometro quadrato! Da San Lorenzo in due minuti siete in piazza del Duomo, poi dritti in via de’ Calzolai e si apre piazza della Signoria. Con una piantina si arriva facilmente ovunque e ci si orienta semplicemente tenendo come riferimenti l’Arno e i monumenti che presto imparerete a riconoscere. Eppure la fatica si sente perché i luoghi sono sì vicini, ma sono tantissimi e si è tentati di inanellarli senza risparmiarsi, c’è chi paventa quel male misterioso che colpisce le persone sensibili a un’overdose di bellezza, la sindrome si Stendhal. Forse però si è troppo propensi a pensare subito alle esperienze di estasi estetica, indubbiamente fortissime, indotte dalla Venere di Botticelli e da altri innumerevoli capolavori e si sottovaluta un certo aspetto compensativo che affiora nell’arte stessa e nell’urbanistica di questa culla del Rinascimento. Restate qualche minuto a chiacchierare nei chiostri di Santa Croce o Santa Maria Novella, o guardata dalla finestra della Galleria dello Spedale degli Innocenti di piazza della Santissima Annunziata, o ancora perdetevi bei disegni del soffitto della biblioteca laurenziana, o in quelli dei delicatissimi affreschi del piccolo chiostro dello Scalzo. La purezza delle linee, la limpidezza concettuale e la ricerca di armonia, tanto care al Brunelleschi, hanno effetti universali anche a cinque o sei secoli di distanza, tanto che “mettono” armonia. Sebbene Firenze e l’arte siano una cosa sola, in città ci sono anche innumerevoli piacevoli distrazioni! Contrariamente a quello che può accadere in altre città d’arte, Firenze è generosa anche nell’offerta della tavola, e nel centro storico è facile imbattersi in ottime trattorie a gestione familiare con chef creativi così bravi da saziare gli aspetti più popolari. Un semplice piatto di pasta al ragù toscano o al burro del Chianti accompagnato da un buon vino della casa sono un’ottima alternativa ai soliti panini, e si gustano anche a poco prezzo. Se poi ci cercano esperienza più raffinate tanto nel menu quanto nell’ambiente, Firenze spazia dai ristoranti di qualità alle vere vetta d’eccellenza nel panorama nazionale. Non avendo molto tempo, le pause per mangiare vanno spesso ritagliate tra una visita e l’altra. E vi accorgerete di quanta strada avete fatto, da quanto sarete stanchi a fine serata. Per rifocillarvi potete prendere un gelato o una cioccolata al bar, sentire musica live nei locali notturni, assistere a un spettacolo, andare a teatro... E naturalmente, anche fare un giro dei negozi tipici, dai portabandiera della raffinatezza fiorentina a quelli più alla portata. Non esitate a “disturbare” quegli artigiani fieramente al lavoro nelle loro botteghe, eredi di sapere radicati nel Medioevo e tecniche imparate dai nonni, doratori, corniciai,  bronzisti, rilegatori, fabbricanti di scarpe, tessitori, artigiani del vetro o del cuoi… con quel carattere forse inizialmente un po’ diffidente che in cinque minuti si trasforma in affabile e esilarante. Spesso critici e polemici su tutto, compresa la città che tanto amano e ci la frequenta (ma attenzione a non andare nella loro direzione, perché altrimenti vi guardano storto), tra una battuta e l’altra non mancheranno di chiedervi sornioni ”È proprio bella Firenze, vero?”
Livello 4     0 Trofeo   
Voto complessivo
Questo è un binomio spesso difficile da coniugare. Anche se esistono sempre più Punti Sosta Camper nelle immediate vicinanze dei centri di interesse, e molti sono ben attrezzati e a costi spesso contenuti (mediamente per 24h la spesa si aggira intorno a... vedi tutto €15) a volte capita di non trovare, proprio nel senso letterale del termine, il posto indicato sulla mappa, e grazie a questo contrattempo, ieri, doppo molte ore di viaggio, stanchi e affamati, decidiamo di non rischiare con un parcheggio selvaggio (la tentazione era forte....!) e abbiamo puntato verso il Campeggio che si trova in Via Michelangiolo 38, sul famoso Piazzale Michelangelo con viata su tutta Firenze. Un po' rumoroso in verità, visto che tutt'intorno sorgono localini alla moda, discoteche all'aperto, ristoranti e gelaterie, oltre a richiamare un numero imprecisabile di turisti e Fiorentini che, sfuggendo all'afa del centro storico, trovano riparo nella bellissima e verdeggiante collina che sovrasta l'Arno e domina la città. Una volta spletati i rituali burocratici alla Reception, partiamo, con in mano la curiosa mappa fornitaci dall'indafarattissimo ma sempre cordiale Consierge, alla ricerca di uno spiazzo pianeggiante per sistemare il nostro camperino. Presto detto e fatto, mangiamo e dormiamo: stanchi morti si dorme bene anche sotto la discoteca all'aperto! Ma il bello arriva la mattina dopo: ci svegliamo in un oliveto, circondati da verde lussureggiante e dal canto di svariate razze diverse di uccellini. Facciamo colazione in questa atmosfera di campagna Toscana e poi partiamo alla ri-scoperta della città (ci siamo conosciuti e fidanzati qui, 23 anni fa...) e con gran piacere scopriamo delle scalette che scendono fino alla riva del Arno, a due passi dal centro, dal Ponte Vecchio, Piazza della Signoria, gli Ufizzi e quant'altro uno lo possa desiderare. Il tutto per €35 a notte... e per chi non avesse il camper e non ama dormire in tenda, ho visto dei bungalow molto graziosi...  Ciao a tutti da Lui, Valè e Perino (il nostro Cam...perino)
Livello 42     6 Trofeo   
Voto complessivo
Amo Firenze. E' la seconda volta che torno e ogni volta mi incanta con la sua arte e i suoi monumenti. Sono necessari 3-4 giorni per visitarla bene (Io ancora non sono riuscita a vedere tutto). A mio avviso i... vedi tutto must di Firenze per chi sta solo 1 giorno come me, sono: Santa Maria Novella Santa Croce La Cattedrale Il Campanile di Giotto Il Ponte Vecchio Gli Uffizi N.B. Rispetto alla mia prima visita, sono stata anche alla Casa di Dante. Interessanti sono un pugnale probabilmente appartenuto al Sommo Poeta e la riproduzione della sua stanza da letto
Livello 14     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo
Il centro storico di Firenze è colmo di elementi architettonici meravigliosi che si estendono per tutta la città. Da fare assolutamente tutto a piedi!
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0,0120119

Conosci Firenze? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0,0040034

Itinerari ed escursioni vicino a Alla scoperta di Firenze!

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0140146
AdvValica-GetPartialView = 0,001
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
ReviewLatestSmall-GetPartialView = 0,0070073

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Firenze
GuideList-GetPartialView = 0,0010008
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0,003003
Gallery_3xN_Small-GetPartialView = 0,0420401
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008