×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0156262
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Sant'Agata di Militello: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Sant’Agata di Militello è un comune in provincia di Messina si trova in una zona particolarmente suggestiva del litorale tirrenico, quasi sospesa tra il mare e i Nebrodi, alle spalle, che influenzano anche il clima, a metà tra il classico mediterraneo e quello di media montagna, con inverni freddi ed estati calde ma senza afa. Man mano che l’altitudine aumenta compaiono anche paesaggi diversi rispetto a quelli classici marini di Sicilia; un esempio è il piccolo lago Spartà in contrada di Iria, tra Monte Fursi e Serra Quaranta, noto soprattutto per l’elevata quantità di specie vegetali e uccelli, nonché la testuggine di acqua dolce.

Secondo la leggenda, Sant’Agata di Militello venne fondata da alcuni pescatori catanesi, che durante una tempesta fecero qui naufragio ed edificarono per voto un nucleo dedicato alla loro patrona. “Militello” deriva probabilmente da “meleto”, cioè “campo di mele”, anche se l’etimologia è contestata; in ogni caso il paese rimase per lungo tempo legato alle sorti del suo vicino, Militello Valdemone (oggi conosciuto con il nome di Militello Rosmarino). Proprio per difendere quel centro, infatti, venne edificata intorno al tredicesimo secolo la “Torre della Marina”, in modo da avvistare i pirati e i predoni che allora infestavano le acque tirreniche. La baroni di Militello nel 1371 viene poi assegnata a Vinciguerra d’Aragona da Federico IV d’Aragona, anche il territorio faceva già parte dei possedimenti della famiglia da tempo.

Nel Cinquecento, la Torre della Marina venne giudicata insufficiente per i suoi scopi, e venne quindi aggiunto un fortino intorno al quale poi si sviluppò quello che oggi è Sant’Agata di Militello; quando poi i signori della città divennero i Gallego, anch’essi di origine aragonese, venne costruito il possente castello che anche ora è il simbolo indiscusso della cittadina. Nei secoli successivi il castello venne via via ampliato, con tanto di licenzia populandi concessa da re Filippo IV a Luigi Gallego, Principe di Sant’Agata, per promuovere l’insediamento urbano nascente. Con l’autonomia amministrativa ottenuta nel 1857, e soprattutto con la costruzione della strada rotabile Palermo-Messina, Sant’Agata di Militello andò incontro a un cospicuo incremento demografico.

Oggi la cittadina è un centro amministrativo di rilievo nella provincia di Messina nonché uno dei maggiori dei Nebrodi, utilizzato come base da numerosi escursionisti per visitare la zona del Parco. Sant’Agata di Militello è anche un centro molto attivo per la pesca e per il turismo balneare, e inoltre vi si pratica l’allevamento ovino, bovino e suino. La flotta peschereccia di Sant’Agata di Militello è formata da motopescherecci, motobarche “varcuna” per la pesca costiera, “vuzzareddi” per la pesca locale.

Qui nel 1933 è nato Vincenzo Consolo, uno dei maggiori scrittori italiani del secondo Novecento.

Gli avvenimenti più importanti legati a Sant’Agata di Militello durante l’anno sono la festa del santo patrono, San Giuseppe, il 19 marzo e la seconda domenica di agosto; la processione di Maria Santissima del Mare sulle barche, la prima domenica di agosto; la festa di Santa Lucia e quella del Sacro Cuore di Gesù. Molto importante è la fiera storica che si svolge a novembre e ad aprile, con centinaia di metri di bancarelle sul lungomare che vendono prodotti e articoli di ogni tipo.

Essendo un importante centro dei Nebrodi, Sant’Agata di Militello rappresenta un’ottima occasione per gustare i sapori tipici dei prodotti che arrivano dalle montagne dell’Appennino siciliano. In particolare sono molto rinomati i salumi e gli affettati ottenuti con le carni del famoso suino nero dei Nebrodi, ma hanno un notevole pregio anche le produzioni di olio d’oliva, miele, nocciole, pistacchio, frutti di bosco, conserve, funghi, melanzane, dolci di vario tipo come pasta reale, giammelle, ramette e crispelle.

Prefisso:
0941
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
santagatesi
Patrono:
San Giuseppe
Giorno Festivo:
19 marzo
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0

Valutazione generale

3
Media

Chi c'è stato

Nessun dato disponibile

Indicatori

Sicurezza
convenienza
Attrattive
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
shopping
Intrattenimento
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0156263
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Sant'Agata di Militello

Conosci Sant'Agata di Militello? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Matteo
Voto complessivo 7
Guida generale : Da non perdere la fiera storica she si svolge due volte l'anno sempre nelle stesse date il 14 e 15 aprile e il 14 e 15 novembre. Si definisce storica in quanto si svolge a partire dal 1700. Paese tranquillo, con... vedi tutto ottima cucina, belle spiagge, porto turistico per le isole eolie, non da meno ottime granite e dolci.Insomma un posto tranquillo ma confortevole.
Da non perdere Il castello , la matrice , Lungomare
elvira
Voto complessivo 6
Guida generale : Sant'Agata Militello è un paese con grosse potenzialità ma che si è perso. Non c'è nulla, le strade sono dissestate, le spiagge pressoché inaccessibili... da Santagatese non trovo nulla che possa interessare ai turisti.
Bruna
Voto complessivo 4
Guida generale : Bella, accogliente... vedi tutto
Gaia
Voto complessivo 6
Guida generale : no no io non la consglierei a nessuno ….
matteo
Livello 16     2 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 6
Guida generale : Nostalgica, tranquilla, ottimi dolci, fantastiche granite, bella spiaggia, gente accogliente, discreti servizi, ottimo clima, alcuni ristoranti sono veramente interessanti.
Da non perdere Lungomare
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156263
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0312525
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156258

Cerca offerte a Sant'Agata di Militello

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0





FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Enogastronomia
Mete per la famiglia
Sole e Mare
Verde e natura
Arte e cultura
Mete romantiche
Montagna
Giovani e single
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0312539
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Sant'Agata di Militello

Poco nuvoloso
25 °
Min 2324° Max 3073°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156254
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0