×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,003003
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

Massa Martana: guida turistica e cosa vedere  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0050051
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0030026
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Info su Massa Martana

Superfice:
78 km2
Altitudine:
351 m
Abitanti:
3947 [2010-12-31]
Introduzione

Massa Martana si trova in una sorta di anfiteatro naturale protetto dai Monti Martani, e secondo alcuni studi era l’antico insediamento romano di Vicus ad Martis lungo la via Flaminia.

Proprio la costruzione di questa grande arteria rappresentò per la zona l’occasione per un grande sviluppo, e di qui si passava, partendo da Roma, per arrivare fino ai porti sull’Adriatico. Venne pertanto organizzata una “statio” per permettere ai viaggiatori di ristorarsi durante il viaggio, denominata “statio ad Martis” proprio per la sua vicinanza con un tempo di Marte, e poi progredita fino a “vicus”, vero a proprio villaggio.

Una testimonianza celebre dell’epoca romana è certamente il Ponte Fonnaia, restaurato in epoca augustea e costruito in grandi blocchi di travertino, che con un solo arco supera 15 metri, a un’altezza di 8 metri. Il Vicus Martis crebbe nei secoli, sempre grazie alla prosperità portata dalla via Flaminia, in quanto snodo fondamentale per raggiungere l’importantissima città di Todi. In molte zone è ancora possibile vedere lunghi tratti della via Flaminia che danno vita a suggestivi paesaggi.

Con la diffusione del Cristianesimo, nella futura Massa Martana passarono molti santi, tra cui Brizio, Felice, Fidenzio, Terenzio, Faustino, Illuminata e vari altri, gran parte dei quali destinati al martirio. Il più importante di tutti fu sicuramente il vescovo Felice, diventato poi santo e protettore della città. Invitato ad abiurare dal prefetto imperiale Tarquinio, Felice si rifiutò e fu condannato a morte sulla graticola. Per un miracolo si salvò dalle fiamme, e fu quindi immerso in un vaso di pece bollente, ancora una volta senza risultati. Alla fine venne decapitato, ma il suo corpo fu trafugato dalla comunità cristiana. La tomba di San Felice, come quella di tutti i santi che trovarono la morte in questi luoghi, divenne poi una chiesa tra la tante che caratterizzano questo territorio.

Con la caduta dell’impero romano, intanto, anche la via Flaminia perse d’importanza, e la zona andò incontro a un lungo periodo di decadenza; il Vicus Martis venne anche devastato dai Visigoti di Alarico. Qui si combatterono molte sanguinose battaglie tra Goti e Bizantini, e il Vicus Martis fu abbandonato in favore di località più sicure, in cima ai colli: i castelli medievali di Massa Martana e delle sue frazioni derivano proprio da questi spostamenti.

Il castello di Massa risale secondo alcune fonti all’epoca longobarda, mentre secondo altre è più tardi, del X-XI secolo, per opera degli Arnolfi. Varie cinte murarie cominciarono a proteggere il borgo, anche a causa dei numerosi attacchi che provenivano dalla vicina città di Todi, che voleva continuamente espandere i propri domini. Dal 1571 al 1860 Massa Martana (allora solo Massa) venne governata da un complesso statuto comunale, con la protezione del Collegio dei Cardinali.

Fu poi nel 1863, per regio decreto, che il paese assunse il nome che porta oggi, testimonianza al tempo stesso del suo passato romano e di quello medievale. Massa Martana oggi è un borgo che ha saputo reinventarsi dopo il sisma del 1997, di certo l’avvenimento più difficile del ventesimo secolo insieme ai bombardamenti della Seconda guerra mondiale, e dopo essere stato inserito tra i Borghi più belli d’Italia ha cominciato ad attirare un turismo attento alle particolarità del territorio, per coloro che vanno alla scoperta di luoghi suggestivi anche se meno noti di altri.

I prodotti tipici non mancano, ed è quindi possibile scegliere uno dei tanti agriturismi o delle trattorie che costellano questa zona naturalmente vocata per gustare il torrone umbro, la Nociata, salsicce, porchetta, prosciutti, prodotti di trra come tartufi, funghi e asparagi, ma anche l’ottimo olio extravergine d’oliva “Colli Martani”, premiato con la DOP, e il vino DOC “Colli Martani”.

Prefisso:
075
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
Massetani
Patrono:
Felice di Massa Martana
Giorno Festivo:
30 ottobre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0050047

Valutazione generale

4
Media
2
Buona

Chi c'è stato

Tutti
1

Indicatori

Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Servizi ai turisti
attività
Accessibilità
Sicurezza
convenienza
Attrattive
Intrattenimento
Trasporti
shopping
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0140137
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0020017

Recensioni Massa Martana

Conosci Massa Martana? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
carla biot
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 7
Guida generale : Assolutamente da vedere. Consiglio però la primavera tarda se non l'estate.. paesaggio un pò tetro altrimenti. Borgo medievale splendido in provincia di Perugia.. molto romantico. Ristoranti all'altezza delle aspettative.. nulla da eccepire.. ottima idea per un week end.
Donato
Voto complessivo 8
Guida generale : Bella e soprattutto ideale per chi vuol trascorrere qualche giorno o tutta la vita in completa tranquillità. Sei immerso nella natura e dimentichi il caos delle città. Per fortuna esistono questi splendidi posti dove rinfrancarsi dai mille stress quotidiani.
paola del mastro
Voto complessivo 6
Guida generale : Un bellissimo paese medioevale con una cornice di monti, i monti martani.al centro storico si accede da una porta medioevale ed è tutt'ora circondato dalle mura di un antico castello. molti i sentieri da percorrere, anche facili e adatti a... vedi tutto famiglie.
salvo depiscopo
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Bella e antica, possiede l'intea cinta muraria e vari edifici antichi. La gentge è molto gentile.
silvio taucci
Livello 18     3 Trofeo    Viaggia: Con amici
Voto complessivo 6
Guida generale : Ridente cittadina considerata uno dei borghi più belli d'Italia. Una bella porta medioevale, prodotti tipici ottimi come il torrone, le salsicce, i prosciutti e il vino Doc.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,02102
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0950922
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0080063
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
HotelSearch-GetPartialView = 0,0110111
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Mete romantiche
Verde e natura
Montagna
Mete per la famiglia
DestinationListExperience-GetPartialView = 0,0020017
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0220213
JoinUs-GetPartialView = 0,0010009
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0160149
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020022
AdvValica-GetPartialView = 0,0010017