×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Ispica: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0156262
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Ispica è un comune italiano in provincia di Ragusa in Sicilia, situato esattamente sulla costa sud-orientale dell’isola il suo territorio include anche geograficamente il Parco Archeologico della Forza, e Cava Ispica una riserva naturali prossima che appartiene al Parco Nazionale degli Iblei. Inoltre fanno parte dello stesso comune le riserve naturali dei Pantani, del Maccone Bianco e dell’Isola dei Porri meta d'immersioni subacquee.

L’etimologia del nome Ispica è molto incerto, secondo alcuni deriverebbe dal latino gypsum “calce” o dalla frase greca gupsike kaminos ovvero fornace calda che si ricollegherebbe poi al nome di “spaccaforno”, altri invece sostengono che il nome derivi da quello del fiume Hypsa. Tantissime e diverse accezioni ed ipotesi anche se in generale la più accreditata in assoluto sembri poi alla fine derivare dalla corruzione della latina Hyspicaefundus ovvero fondo di Cava Ispica.

Questa graziosa e meravigliosa città si estende per circa 7 Km e gode di un clima meraviglioso, caldo in estate e mite in inverno che permette una piacevole vacanza ai visitatori e turisti durante tutto l’anno.

L’economia si basa fondamentalmente sul turismo e sull’agricoltura che sono la fonte di sostentamento per eccellenza.

La storia è molto antica e diverse fonti testimoniano il fatto che molto probabilmente erano presenti persone e popoli fin dall’epoca tardo romana, secondo un’antica legenda poi Sant’Ilarione da Gaza pare che avrebbe soggiornato proprio in questi luoghi, in una grotta di Cava Ispica. Durante il Medioevo si succedettero diversi popoli e ci furono la dominazione sicula, greca, romana e bizantina, determinante fu poi il grave terremoto che colpì la città l’11 gennaio del 1693 che devastò l’intera Sicilia radendo completamente al suolo Ispica stessa. Nonostante l’ingente danno i pochi sopravvissuti ebbero la forza e furono in grado di ricostruire l’intera città che in pratica si “trasferì” nella zona pianeggiante adiacente alla città stessa.

Ad Ispica sopravvivono tradizioni  molto antiche e legata alle vecchie tradizioni, le feste religiose in particolare assumono una particolare rilevanza grazie al fatto che sono presenti numerose confraternite in particolar modo quella della Santissima Annunziata e di Santa Maria Maggiore. La Settimana Santa è molto importante ed estremamente sentita, ci sono processioni di tutti i tipi che coinvolgono l’intera popolazione, sono presenti inoltre anche altri tipi di feste quali sagre ed eventi folkloristici ricordiamo in particolar modo la “Carotispica” ovvero la festa dedicata alla carota novella prodotto principe della città, la Zagara e Rais una manifestazione culturale di scambio tra le popolazioni, la notte dei sapori con particolare riferimento ai prodotti enogastronomici locali e genuini altamente saporiti e il festival musicale della provincia di Ragusa stessa.

Nel 1960 nella città si girò il famoso film “Divorzio all’italiana” di Pietro Germi e a questo seguirono altri film o serie televisive con attori estremamente importanti e degni di nota come Vittorio De Sica, Sophia Loren, e Richard Burton. Tra il 2005 e il 2008 si girarono anche alcune scene del noto Commissario Montalbano, nel 2007 la serie televisiva di Totò “il capo dei capi” sulla vita di Totò Riina e nel 2014 alcune scene di Ficarra e Picone di “Andiamo a quel paese”.

Il turismo in generale rappresenta un elemento davvero molto distintivo, oltre ad avere alcuni edifici storici e artistici che sono riconosciuti come patrimonio dell’umanità dell’ UNESCO tra le città-tardo barocche della Val di Noto, ha ottenuto con il tempo la Bandiera Blu come segno distintivo di località balneare con un mare limpido azzurro e cristallino estremamente pulito e curato.  Da non perdere inoltre la sua cucina, genuina e di qualità che racchiude in se un esplosione di sapori e di odori da assaggiare ad ogni occasione.

 

 

 

Prefisso:
0932
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
Ispicesi
Patrono:
Madonna del Carmelo
Giorno Festivo:
16 luglio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0156272

Valutazione generale

3
Ottimo
2
Media
1
Buona

Chi c'è stato

Tutti
2
Giovani e single
1
Coppie
1
Famiglie
1
Turisti maturi
1

Indicatori

Sicurezza
Intrattenimento
Trasporti
Attrattive
Alloggio
mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Servizi ai turisti
attività
shopping
convenienza
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Ispica

Conosci Ispica? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
MaryAntonio Di Martino
Livello 26     4 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Ispica è un comune in provincia di Ragusa ed è sito sulla costa sud orientale dell’isola. L’etimologia del nome Ispica è incerta, per alcuni deriva dal latino gypsum (“calce”) o dalla frase greca gupsike kaminos (“fornace calda”), che si ricollegherebbe... vedi tutto al toponimo “Spaccaforno”. Altri sostengono che il nome derivi da quello delfiume Hypsa, che un tempo scorreva nella vallata. Il toponimo “Spaccaforno” potrebbe derivare dall'unione dei termini "Spacca", derivazione fonetica di "Ispica" e quindi dal latino "speca" ("grotta") e "forno", indicante le sepolture a forma di forno rinvenute nei pressi dell'abitato. Altri ancora sostengono la tesi che il toponimo deriverebbe invece dalla deformazione della locuzione greca "eis pegas", "verso le fonti".Tante diverse versioni ma la più accreditata è quella di una corruzione della locuzione latina Hyspicaefundus ("fondo di Cava Ispica"). Questa graziosa città si estende su una collina a sette chilometri dal mare. Il suo clima è di tipo mediterraneo, con inverni miti ed estati molto calde. Molto importanti sono l’agricoltura e il turismo, primi settori dell’economia ispicese Storia di IspicaDiversi resti archeologici testimoniano che Ispica era abitata sin da epoca tardo romana. Secondo una leggenda, Sant’Ilarione di Gaza avrebbe soggiornato in questi territori, in una grotta di Cava Ispica tra il III e il IV secolo e avrebbe frequentato la piccola chiesa di Santa Maria della Cava. L’antichità di questa chiesa è testimoniata dalla scritta presente su uno scudo dipinto sul portico, “Antiquam terra fieret ego sum”, cioè “Prima che la terra (il paese) fosse io sono”. In epoca romana la città ha avuto il nome di Hyspicaefundu per poi cambiare in Spaccaforno fino al 1934. Anche in questo territorio, come avvenne per tutta la Sicilia, si sono succedute diverse dominazioni che hanno visto l’avvicendarsi di greci, romani e bizantini.Furono gli arabi, che dominarono la regione dal IX all’ XI secolo, a costruire il primo centro abitato. Il primo documento che menziona Ispica risale al 1093, in una bolla che Papa Urbano II emanò subito dopo la fine della dominazione araba. Dopo gli arabi, gli svevi e gli angioini, arrivò, all’inizio del XIV secolo, il viceconte berengario di Monterosso, tesoriere del regno, che donò la città alla Regina Eleonora d’Angiò, moglie di Federico III. Pietro II la concesse poi in feudo al fratello Guglielmo Duca di Atene dal quale passò in eredità al suo maggiordomo Manfredi Lancia che la lasciò ai suoi eredi ai quali fu confiscata poiché si ribellarono a Federico III. Nel 1367 Ispica fu occupata da Francesco Perfoglio al quale fu concessa in feudo nel 1375. Da quel momento il territorio seguì le vicende della Corte di Modica e fu in possesso di Andrea Chiaramonte. Dopo la ribellione di quest’ultimo Ispica fu assegnata a Bernardo Cabrera. Nel 1453 passo sotto il dominio di Antonio Caruso di Noto e portata in dote dalla figlia a Francesco II Statella.L’11 gennaio del 1693 il violento terremoto che devastò l’intera Sicilia rase al suolo Ispica. Nonostante l’ingente danno i pochi sopravvissuti ebbero la forza di ricostruire la città, non senza l’aiuto dei territori vicini. La città “si trasferì” nella zona pianeggiate, al di fuori della cava. Alcuni quartieri furono ricostruiti attorno alle chiese rimaste in piedi, mentre altri sorsero ex novo. Il nuovo territorio vide nascere chiese di immane bellezza come quella di Santa Maria Maggiore, la Chiesa di San Bartolomeo e quella della SS. Annunziata. Con l’avvento dello stile liberty furono costruiti Palazzo Bruno e Palazzo Bruno di Belmonte. Nel 1812 la città fu incorporata nel distretto di Modica e nella provincia di Siracusa e dal 1927 passò alla provincia di Ragusa. Nel 1935 il nome di Spaccaforno fu cambiato in Ispica e nel 1987 ha ottenuto il titolo di città.Monumenti e luoghi di interesse di IspicaDopo il violento terremoto del 1963 Ispica fu ricostruita con un’area a impianto settecentesco, con una maglia stradale a scacchiera a strade larghe e diritte, e un’area di impianto medievale con tracciati irregolari. L’area medievale è adiacente alla rupe, dove si trovano i ruderi di una fortezza e dell’antica città di Spaccaforno. Grazie alle meravigliose opere che furono costruite dopo il terremoto Ispica è entrata a far parte delle Città tardo barocche del Val di Noto.Basilica di Santa Maria MaggioreLa bellezza di Ispica si mostra anche attraverso le sue incantevoli chiese e la Basilica di Santa Maria Maggiore è una di queste. In stile settecentesco fu progettata dall’architetto Sinatra. Al progetto iniziale venne aggiunto un porticato con 23 passaggi che delimita la piazza.L’interno ha tre navate con meravigliose decorazioni e affreschi del 1765 ed ospita una statua di un Cristo flagellato alla colla. Nel 1908 questa basilica è stata dichiarata monumento nazionale.Basilica della Santissima AnnunziataLa Basilica della Santissima Annunziata fu costruita nel 1704. All’interno custodisce decorazioni a stucco stile rococò ed alcune opere sopravissute al sisma. Importanti sono il Cristo con la croce, un gruppo scultoreo in legno con Cristo e due Giudei.Chiesa madre di San BartolomeoLa chiesa madre di San Bartolomeo fu ricostruita dopo il terremoto, dal 1750 e terminata nel corso di un secolo e mezzo. All’esterno è preceduta da doppia scalinata e la facciata presenta elementi tardo – barocchi e neoclassici. L’interno è diviso in tre navate e l’unica opera di rilievo è un dipinto di San Bartolomeo durante il Martirio.Chiesa Madonna del monte CarmeloLa chiesa della madonna del Carmelo risale al 1534 e fu rasa al suolo completamente con l’annesso convento. Fu ricostruita nel ‘700 ed oggi presenta bassorilievi in stile rinascimentale e un putto sull’arco di ingresso. L’aspetto attuale è definito sul finire dell’Ottocento con la realizzazione della cella campanaria. Il risultato è dato dalle continue integrazioni col riutilizzo di frammenti architettonici legati al momento tardo-rinascimentale. La chiesa ospita il simulacro della Beata Vergine Maria del monte Carmelo, patrona della città.Palazzo Bruno di BelmonteIl palazzo Bruno di Belmonte è in stile liberty ed è il più importante di tutta la provincia. Fu edificato nel 1906 per volere della famiglia Bruno di Belmonte ma non divenne mai la loro dimora, poiché il palazzo non fu completato a causa dello scoppio della prima guerra mondiale. Una sola parte fu resa abitabile nel 1921. Nel 1975, dopo la vendita dei primi tre piani da parte degli eredi al comune, il palazzo è diventatao sede municipale.L’acquisto è stato completato nel 1978 con l’acquisto da parte del comune del quarto piano. Altre chiese e palazzi molto interessanti sono la Chiesa della Madonna delle Grazie, la Chiesa di San Giuseppe, Convento e Chiesa di Sanata Maria del Gesù dei Minori Osservanti di San Francesco, la Chiesa di Sant’Antonio Abate, il Palazzo Bruno, la Torre dell’Orologio, l’ex casa Statella, il Palazzo Modica, il Palazzo Latino, il Palazzo Gambuzza e il Palazzo Zuccaro.Siti archeologici di IspicaTra i siti archeologici molto importanti ci sono la Cava di Ispica, dove si trovano una serie di abitazioni rupestri ed è stata abitata dalla preistoria all’Ottocento, e il Parco Archeologico della Forza, dove sorgeva la dimora fortificata della famiglia Statella.Ai piedi del castello si trovava l’antico centro abitato di Spaccaforno, distrutto con il terremoto del 1693. In questa zona sono state rinvenute tracce di frequentazione a partire dalla prima età del bronzo. Molto importanti sono anche le catacombe di San Marco, testimonianza della presenza cristiana nel territorio. Questo è il secondo cimitero dell’isola per dimensioni.Aree naturali di IspicaTra le aree naturali più importanti c’è senza dubbio la zona costiera, che si estende per 13 chilometri, e si divide tra spiagge a sabbia fine e dune. Diverse sono le località balneari di ispica, tra le quali Santa Maria del Focallo e Punta Ciriga. Oltre la costa un’altra importante area naturale sono iPantani Bruno e Longarini, dei laghi di acqua salmastra separati dal mare da alcune dune di sabbia.Qui termina il nostro viaggio sul territorio di Ispica, una città bellissima, che ha saputo rimettersi in piedi dopo il violentissimo terremoto. Fu distrutta ed è risorta, diventando più bella ed affascinate. Oggi Ispica è tra le città più importanti della Sicilia orientale, capace di attirare per il suo mare, la sua storia e la sua arte.
Da non perdere Le spiagge , La settimana santa
Carmelo Calabrese
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Una tranquilla citta' di 15000 abitanti situata nella zona sud orientale della Sicilia. Ricca di monumenti artistici e soprattutto chiese. Lo stile artistico predominante e' lo stile Liberty. Da visitare assolutamente e' Cava Ispica, il luogo dove per tantissimi anni... vedi tutto hanno vissuto i nostri avi.Il mare dista da Ispica 7 km circa.Sicuramente e' l'attrazione piu' bella e importante di questa citta' con una spiaggia libera, lunga 12 km e di sabbia fine e dorata. Ci sarebbero altri luoghi da citare ma è opportuno li veniate a scoprire voi con una bella vacanza. Saluti da Ispica.
Da non perdere La settimana santa
Patrizia Armenia
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : È una bella città, ci sono molte chiese antiche e molto belle. Le strade sono piuttosto larghe e ben squadrate. La gente è simpatica, cordiale e socievole. Non ci sono molte attrattive per i giovani e pochi negozi. Ci sono... vedi tutto quasi tutte le scuole e pochi ristoranti.
Da non perdere Il territorio di Ispica
giuseppina mellace
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 10
Guida generale : E' semplicemente magica!
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156253
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0312524
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Ispica

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Sole e Mare
Mete per la famiglia
Sport
Verde e natura
Studenti
Mete romantiche
Giovani e single
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Ispica

Poco nuvoloso
24 °
Min 158° Max 2677°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156263
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0