×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0156263
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Blera: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Anticamente veniva chiamata Phlera, nel periodo romano e nell'alto Medioevo divenne Blera che è poi il nome attuale dal 1952.

Il paese si trova in una delle zone più aspre dell'Etruria meridionale, un autentico far west caratterizzato da macchie, colline, vallate adibite al pascolo dove fare lunghe galoppate durante le quali non è improbabile imbattersi in antichi sepolcreti rupestri etruschi dal colore dorato del tufo.

La cittadina si presenta come un paese-fortezza tra i due torrenti Biedano e Rio Canale che si incrociano sotto al ponte etrusco-romano, sopravvissuto a duemila anni di storia, che si staglia contro il paesaggio.

Per un panorama a tutto campo del paese e dei pianori circostanti, occorre raggiungere il grande viadotto sul Biedano: da qui attraverso la fontana di San Sezia si scende al tracciato dell'antica Clodia, fino al ponte del Diavolo.

Blera fu un importante insediamento fin dall'età del Bronzo, ma raggiunse una posizione di rilievo solo durante la civiltà etrusca e le necropoli sono a testimonianza della vitalità dell'antico centro. In seguito all'assimilazione a Roma il tracciato viario etrusco divenne via consolare. La via Clodia infatti attraversava la cittadina e proseguiva fino a Tuscania.

Dell'antico percorso restano ancora porzioni di "tagliate" nel tufo oltre ai due ponti ancora percorribili, realizzati in opera quadrata: il Ponte del Diavolo e il ponte della Rocca.

Prefisso:
0761
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
blerani
Patrono:
Vivenzio di Blera
Giorno Festivo:
11 dicembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0156266
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Blera

Mattia
Voto complessivo 9
Guida generale : Natura rigogliosa e selvaggia, storia, un tuffo nel passato. Cucina tradizionale autentica ed eccellente. Possibilità di svariati trekking e percorsi a cavallo in una delle zone più belle della Tuscia viterbese tra gole selvagge, macchie e boschi quasi impenetrabili, torrenti... vedi tutto e uliveti e dolci pendii. Merita davvero!
Voto complessivo 8
Guida generale : una delle poche oasi di vivibilità nelle vicinanze di Roma. Peccato che è poco collegata nei giorni festivi con Viterbo.
Voto complessivo 10
Guida generale : Uno dei posti più belli della Tuscia.. Da vedere!
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156258

Destinazioni vicine a Blera

DestinationListNear-GetPartialView = 0,062505
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0156263
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0313117
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0