×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

San Michele al Tagliamento: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Situato in Veneto, ma al confine con il Friuli-Venezia Giulia, San Michele al Tagliamento costituisce l’estrema parte orientale della provincia di Venezia; è noto soprattutto per comprendere quella che è la seconda spiaggia d’Italia per numero di presenze dopo Rimini, ovvero Bibione.

Bibione , che di fatto è un’isola tra il Tagliamento, il canale di Lugugnana e la Litoranea Veneta, è sicuramente la principale attrazione di San Michele al Tagliamento. Fin dagli anni Cinquanta è una popolare meta per il turismo marittimo sull’Adriatico, con una spiaggia ampia e lunga di sabbia morbida e fine, in un contesto che si distingue per la presenza della laguna, tra le pinete e le valli da pesca, le tipiche aree dove si pratica la vallicoltura.

La spiaggia di Bibione è lunga ben 11,5 chilometri e larga in media 120 metri, quindi anche al massimo dell’affollamento c’è sempre spazio per tutti i villeggianti. È estremamente molto ben attrezzata in tutti i suoi lidi, e addirittura è stata la prima spiaggia italiana a offrire gratis a tutti il collegamento Wi-Fi gratuito. C’è anche una sezione riservata soltanto ai cani, con la Spiaggia di Pluto. In totale il lido di Bibione ha collezionato più di 10 Bandiere Blu per la qualità dei suoi servizi, e inoltre c’è una zona libera nei pressi del faro.

Per gli amanti della natura le zone più suggestive da esplorare sono la laguna e la foce del Tagliamento (quest’ultima ricchissima di diverse specie di orchidea, uno dei fiori simbolo di San Michele al Tagliamento e di Bibione), con i canali, i canneti, i terreni affioranti, i fiori e le caratteristiche antiche dimore dei pescatori, i casoni in canne e legno. Da queste parti si trova anche un interessante parco naturalistico, il Parco Zoo Punta Verde. Particolarmente suggestiva è la Valgrande di Bibione, una valle da pesca di grande valore ambientale, con 360 ettari tra canneti, specchi lacustri, boschi e bacini, da visitare a piedi o a cavallo o ancora in bicicletta, con i tipici ritmi “slow” che contraddistinguono queste zone a metà strada tra Venezia e Trieste.

Tra le attività sportive più popolari a Bibione, gli sport acquatici e da spiaggia (compresi lo spinning e lo zumba o l’acquagym direttamente in mare), il cicloturismo con una lunga serie di percorsi in bicicletta dai princpianti agli esperti, la vela con gli oltre 400 ormeggi a disposizione a Porto Baseleghe, il porto di Bibione, il beach volley, che vanta uno dei più grandi raduni internazionali a maggio, luglio e settembre, il kayak, il windsurf, particolarmente adatto per le brezze marine che portano verso la riva, con ben 5 scuole diverse.

In più Bibione è una località importante anche per il benessere: dal 1996 infatti esistono le terme di Bibione, con l’acqua ipertermeale alcalino-bicarbonato-soodica fluorata che sorge a una profondità di oltre 400 metri a una temperatura di 52 °C, indicata soprattutto per la fangobalneoterapia, per la riabilitazione vascolare, per le cure inalatorie. È stato costruito anche un reparto che si occupa di idrochinesi, ovvero la riabilitazione in acqua termale per diverse patologie ortopediche e neurologiche. Tra le altre attività delle terme di Bibione, l’idromassaggio a temperatura differenziata, il nuoto controcorrente e la cromoterapia.

Per arrivare a San Michele al Tagliamento e a Bibione in auto provenendo da ovest si percorre l’autostrada A4 sulla tratta Venezia-Trieste, con uscita al casello di Portogruaro; per chi arriva da est l’autostrada di riferimento è l’A23, sulla tratta Tarvisio-Udine, con uscita al casello di Latisana. Le stazioni ferroviarie più vicine sono Latisana e Portogruaro, ed è possibile raggiungere Bibione anche in pullman dalle autostazioni di Venezia, Treviso, Belluno o Udine.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156262

Attività

Attrattive

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



14 risultati filtrati per:
Rank 1# di 14
1 Voto
Rank 2# di 14
Rank 3# di 14
Rank 4# di 14
Rank 5# di 14
Rank 6# di 14
Image not found
Rank 7# di 14

COMUNE DI SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO CENTRO CULTURALE BIBLIOTECA

Indirizzo: 2, V. PIAVE
Telefono: 043150020
Rank 8# di 14
Rank 9# di 14
Rank 10# di 14
AttractionList-GetPartialView = 0,171888
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0156262
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di San Michele al Tagliamento
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0