×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020022
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

Isola di Lipari: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009

L’emozionante bellezza di Lipari investe subito e piacevolmente il visitatore per via di quell’insieme di voci, colori, profumi, di quel sole abbagliante che rende il mare più brillante e ogni casa illuminata di una luce speciale. Crocevia di antiche civiltà, Lipari oggi è una città a misura d’uomo che si gira facilmente, punteggiata da tutte le sue sorprese, da scoprire nell’entroterra e sul mare, o un po' lontano da esso.

Mare e ancora mare, protagonista indiscusso di una visita a Lipari e dintorni. Da visitare con escursioni ad hoc, come il giro dell’isola in barca per apprezzare al meglio le sculture che il passare del tempo ha creato sulla roccia vulcanica, doppiando i luoghi più tipici da conoscere poi a terra. Oppure raggiungere i posti più lontani dal centro, golette magiche e incantate a bordo del tipico gozzo liparota.

Un simbolo per tutti a rappresentare Lipari? Certamente la sua cattedrale, ovvero la Chiesa di San Bartolomeo, patrono dell'isola, che qui chiamano anche Bortolo. Costruita dai Normanni nel 1084, custodisce affreschi e stucchi del XVIII secolo e dipinti tra cui una tela attribuita a Polidoro da Caravaggio, del XVI secolo. Si chiama il "Transito della Vergine". Per tanto tempo svettante nel mezzo del groviglio di case dell'antico tessuto urbano, è sempre stata il centro della vita religiosa e non di Lipari. E non è un caso che i liparoti la chiamano "a Citàti", la città.

È la splendida natura a caratterizzare Lipari, un paesaggio in cui dominano, colorati e profumati a seconda delle stagioni, ginestra, erica, oleandro, rosmarino. Svelando qua e là macchie di vivide bouganville, i fiori rosa-rossi dell’ibisco o le prorompenti piante di cappero con le grandi corolle bianche: lo sguardo non sa dove posarsi davanti a tale grazia. Altre tonalità e ammalianti visioni ma sempre da 110 e lode per i monumenti che si incontrano nel centro, vicino alla Cattedrale, il chiostro Normanno, con i suoi capitelli e le decorazioni raffiguranti creature mitologiche ed animali. Ed è piacevolissimo soffermarsi nel vivace porticciolo dove approdano le imbarcazioni provenienti dalla Sicilia, a Marina Corta. Sul mare, la chiesa seicentesca di San Giuseppe: era costruita su una cripta che conservava le reliquie di San Bartolomeo. E poi, le pittoresche vie del centro con la principale, corso Vittorio Emanuele, e ancora, l’Acropoli che sovrasta l’abitato, in zona sud est, incorniciata da mura possenti cinquecentesche. Personalizzano tale luogo, la chiesa di Santa Caterina, costruita tra il XVII secolo e gli inizi del XVIII, quella dell’Addolorata della prima metà del XVI secolo, la settecentesca dell’Immacolata, mentre è del 1600 quella della Madonna delle Grazie.

A pochi chilometri dal centro di Lipari, ecco Canneto, in una insenatura tra il Monte Rosa e il Monte Pilato, da cui iniziare un percorso verso Rocche Rosse e il Campo Bianco, famose per le colate di ossidiana, le prime due, e per le distese di pomice, l'ultima. Poi, la spiaggia di Acquacalda, sovrastata dalle cave di pomice. Da non perdere la salita verso il paese di Quattropani e il borgo di Pianoconte con le sue bianche case: sta su un altopiano coltivato a vigneti. Un’occhiata anche alle Terme di San Calogero: qui l’acqua sgorga a una temperatura di 60 gradi, ideale per i trattamenti contro i reumatismi. Dal Belvedere di Quattrocchi si ammirano le strepitose insenature dalle coste alte, l'incantevole panorama dei Faraglioni e lo sfondo dell'isola di Vulcano. Verso il sentiero tra i vigneti del Monte Guardia, in alto, si trova l'osservatorio geofisico internazionale.

Il centro dell’isola propone una ampia gamma di negozi tra le stradine tutte attorno a corso Vittorio Emanuele. Cosa comprare? Sicuramente prodotti gastronomici come i famosi capperi, o il vino Malvasia. Per l’artigianato, pregevoli le ceramiche colorate di vario stile, nonché tessuti e merletti anche vintage: molti si richiamano al gusto bizantino.

E la vita notturna? Praticamente ogni sera, le chiacchiere e il passaggio si estendono a tutta la notte, sempre a ridosso del centro, dove di giorno pullula di negozi di souvenir. Locali dedicati offrono intrattenimenti di ogni sorta, anche verso Marina Corta. Mentre dalle parti dell’acropoli, una discoteca è pronta ad accogliere danzatori scatenati.

Anche per mangiare gustando le saporite ricette dell’isola o oziare davanti a un aperitivo, è la parte centrale di Lipari a dover essere gettonata, da piazza Ugo Sant’Onofrio a via Garibaldi, al corso Vittorio Emanuele, sempre molto frequentate.

Quando si decide di non occuparsi più delle escursioni, del trekking nei diversi sentieri, delle immersioni subacquee in un mare cristallino, ci si può interessare dei dintorni di Lipari, ovvero degli altri gioielli delle Eolie, ciascuna con la sua "personalità" e dunque da vedere. Filicudi ed Alicudi (dove non circolano automobili) sono particolarmente selvagge e ideali per chi ama le immersioni subacquee e il relax totale. A Panarea, la piccola del gruppo, ci si va per le sue spiagge bianche e le baie. Stromboli incanta con il suo "pauroso" fascino visto che la sua attività vulcanica è ancora in atto ed è molto suggestiva di notte quando gli sbuffi del suo vulcano si mostrano bene. Vulcano propone tra l’altro le sue acque sulfuree e le spiagge di sabbia nera. E Salina, ammalia per la Malvasia, i capperi, i suoi paesaggi unici.

Ma una visita imperdibile a Lipari è come accennato un giro in barca attorno al suo perimetro, tra rocce dalle varie forme, fondali meravigliosi, grotte, spiagge, coste alpi, irte e selvagge rupi, baie. La partenza è dal porto di Sottomonastero, da cui si doppia il promontorio del Castello incrociando Marina Corta. E poi, mano a mano, i tanti tesori, la chiesa di San Giuseppe, la cala di Portinente, la punta di Capistello. Quindi, la spiaggia di Vinci, chiusa da un promontorio davanti al quale si stagliano gli scogli di Pietralunga, pietra Menalda e il Brigghio. E la straordinaria punta del Perciato, il Faraglione e il gruppetto di scogli detto le Formiche. Continuando poi tra altre insenature, come la cala del fico o gli scogli e ripidi pendii dalle parti della punta del Legno Nero. A ogni metro, visioni variabili e suggestive.

E come ci si arriva? Ecco alcune indicazioni tra le meno farraginose, ricordando che ci si può arrivare anche da Palermo e Catania che sono però non vicinissime a Milazzo, dal cui porto ci sono corse più volte al giorno in nave o aliscafo. Si parte anche da Reggio Calabria e Messina ma in inverno c’è solo una corsa al giorno. Ci si giunge anche dal porto di Napoli. Si può anche imbarcare la propria auto. Da ricordare che l’aeroporto più vicino è quello di Reggio Calabria.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0090085

Attività

Attrattive

Divertimenti

Mangiare e bere

Shopping

AttractionFilter-GetPartialView = 0,0100103
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



22 risultati filtrati per:
Rank 1# di 22
12 Voti
Rank 3# di 22
7 Voti
Rank 4# di 22
5 Voti
Rank 5# di 22
Rank 7# di 22
2 Voti
Rank 9# di 22
2 Voti
Rank 10# di 22
AttractionList-GetPartialView = 0,3883721
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010008
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0090081
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0160153
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0,0010018
AdvValica-GetPartialView = 0,0010004
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008

Cerca offerte a Isola di Lipari

HotelSearch-GetPartialView = 0,0140141
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0,0020017

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Isola di Lipari
GuideList-GetPartialView = 0,0010008
JoinUs-GetPartialView = 0,0020022
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010004
Footer-GetPartialView = 0,0020021
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009