×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Artena: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Un paesino arroccato sul monte che di sera sembra un presepe: Artena sorge in provincia di Roma, nel cuore dei Monti Lepini, in una conca di composizione calcarea, circondata da una pianura di origine alluvionale. Poco distante dalla Capitale (30 km) vanta un centro storico unico e s’inserisce in un territorio adiacente a quello dei Castelli Romani e vicino a numerose attrazioni come l’Outlet Fashion District di Valmontone e il parco divertimento Rainbow Magicland. Ma cosa vedere ad Artena?

Cosa vedere ad Artena: 5 cose assolutamente da non perdere

  1. Centro storico. Definito il centro non carrozzabile più vasto d’Europa, è stato realizzato tra il 1557 e il 1559, subito dopo la distruzione voluta da Papa Paolo IV. Del periodo medievale non è infatti rimasto nulla ma la scenografia che si pone davanti agli occhi è comunque suggestiva ed affascinate, grazie alle stradine tortuose, le scalinate piccole e le finestre strette adornate dai fiori. Anfratti e riseghe si susseguono e s’intrecciano attraverso archi, corti e stretti passaggi in verticale fin sopra La Rocca. Il passaggio è riservato solo a i pedoni e ai muli, animali che ancora oggi trasportano il materiale nelle varie zone del borgo, caratteristica a dir poco unica, come quella del dislivello (150 metri) tra la parte più bassa e quella più alta.
  2. Palazzo Borghese. Edificato nel XIII secolo dai Conti di Segni, passo poi ai Colonna, famiglia per anni in conflitto con il papato: questo determinò vari assalti delle truppe pontificie a Montefortino (nome di Artena fino al XIX secolo) che ne determinarono la distruzione. Quando il Papa morì i Colonna tornarono in possesso del feudo ma dovettero venderlo, per problemi finanziari, al Cardinale Scipione Borghese, nipote di papa V: a lui si deve l’ampliamento e la sistemazione definitiva che possiamo ammirare oggi, di quello che è un vero complesso monumentale. Le due strutture originarie sono state unite in un edificio unico con una galleria a tre piani e sono visibili la doppia scala circolare, il grande camino decorato con una testa di Medusa (attribuita al Bernini) e gli affreschi di Paul Bril. Di fronte la pizza principale del paese con una spettacolare terrazza panoramica. Palazzo Borghese è visitabile dietro autorizzazione della famiglia, che ancora ne detiene la proprietà.
  3. Chiesa Collegiata di Santa Croce. Domina dall’alto della Rocca tutto il territorio circostante ed è infatti visibile anche da molto lontano. La struttura imponente della Chiesa Collegiata di santa Croce è assolutamente tra le cose da vedere ad Artena: si raggiunge solo a piedi attraverso la strada che s’inerpica attraverso il borgo, la Via Maggiore. Con quella del Rosario è tra gli edifici sacri più antichi del paese. Costruita nel 1100 venne poi distrutta e ricostruita dal principe Don Giovanni Battista Borghese in stile barocco, ma senza eccessi decorativi all’interno, nel quale dominano anzi sobrietà e calore. La facciata guarda verso nord e l’architettura comprende anche due campanili a torre.
  4. Museo Archeologico “Roger Lambrechts”. Intitolato all’archeologo belga che per 25 anni ha diretto gli scavi all’interno dell’ex Granaio Borghese, è stato recentemente restaurato ed è aperto al pubblico dal 2014: qui è possibile ammirare reperti rinvenuti nel territorio, come ceramiche, decorazioni, ornamenti, utensili, armi, iscrizioni, monete, vetri etc., per cogliere la storia di questa terra in modo completo.
  5. Convento dei Padri Francescani. Sorto ai piedi del Monte Foresta nel 1629 per volontà del Cardinale Scipione Borghese, è composto dal convento e da una chiesa con cinque altari. Il convento è oggi sede di due scuole (teologia e filosofia) e custodisce una ricca biblioteca. Caratteristico il chiostro con sette archi, decorato nelle nicchie con pitture del 1640; al centro si può ammirare una grande cisterna ornamentale.

Cosa vedere ad Artena

Cosa vedere ad Artena: gli eventi

Storica la Processione della Madonna delle Grazie e suggestiva a dir poco: ogni anno dal 1731 porta più di 5 mila persone con i ceri tra i vicoli stretti del borgo, anche scalze, nel sabato antecedente la terza domenica di maggio. Da non perdere tra gli eventi ad Artena il “Palio delle Contrade” che rievoca le tradizioni e i giochi popolari di un tempo, con 20 gare di abilità nelle quali si contrappongono le 10 contrade locali. A far da cornice stand gastronomici dove assaporare le specialità locali.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156263

Attrattive

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



7 risultati filtrati per:
Rank 1# di 7
2 Voti
Rank 2# di 7
2 Voti
Image not found
Rank 3# di 7

Museo Archeologico Del Comune Di Artena

2 Voti
Indirizzo: Viale I Maggio
Telefono: 0695199051
Image not found
Rank 4# di 7
1 Voto
Image not found
Rank 5# di 7
Rank 6# di 7
Rank 7# di 7
AttractionList-GetPartialView = 0,1718884
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Artena
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0