×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Pirenei da fiaba a Barcellona  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
Valutazione Generale
  
Rank 61# di 232
Numero votazioni 2
AttractionDetailTopContainer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
MapSinglePin-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Pirenei da fiaba

Scrivi una recensione su Pirenei da fiaba
Livello 100     3 Trofeo   
Voto complessivo
La Catalunya include una lunga fascia dei Pirenei spagnoli, non particolarmente degni di nota per l’altezza delle loro cime ma senz’altro molto belli e suggestivi per le loro bellezze paesaggistiche ed i loro pittoreschi villaggi con interessanti chiese romaniche. Il... vedi tutto Parco Nazionale d’Aiguestortes e la Valle d’Aran sono veri paradisi naturalistici ma anche il Parc Natural de la zona Vulcanica de la Garrotxa, con il vicino lago di Banoles e la bellissima cittadina medievale di Besalù (da visitare assolutamente le chiese Romaniche di Sant Vicenc e Sant Pere) con il suo ponte romano che attraversa il Riu Fluvia, rappresentano delle vere piccole gemme incastonate nel verde intenso delle vallate. Più a ovest di Besalù, dopo aver passato la piccola Olot, famosa per la sua Scuola di Disegno fondata nel 1783 e Ripoll, conosciuta per il Monastero di Santa Maria fondato nel 888 (splendido il suo maestoso portale costruito nel 1032), salendo verso la Francia, incontriamo Camprodon (Campo Rotondo), dalla fisionomia tipica di un piccolo, delizioso paese di montagna con il suo ponte ad arco ed i suoi golosi negozi di salumi e formaggi e le sue antiche pasticcerie dai dolci tipici e buonissimi. Spesso, dopo aver fatto acquisti nelle gastronomie della zona, mi sono fermata per fare un pic nic nelle attrezzate zone verdi appena fuori il paese, magari davanti al piccolo lago artificiale. Proseguite ancora verso nord , inoltrandovi attraverso il bosco, per la piccola stradina che, dopo una lunga serie di curve, vi porta sino al piccolo paese di Mollò e poi, salendo ancora, dove non è più pensabile incontrare un centro abitato, si apre in un’ampia radura dove, chiusa tra vallate incontaminate, trovate il paesino delle fiabe, talmente bello, talmente ben conservato, da sembrare irreale: Beget. Difficile scoprirlo se non sai che esiste, io l’ho trovato seguendo le indicazioni di amici di Girona che vengono qui da anni e, da allora, non manco di passarci qualche giorno,nel mese di agosto, per isolarmi dal mondo (qui non prendono neppure i cellulari e l’unico telefono pubblico in paese si trova dentro il ristorante dell’Hostal El Forn…) e godere di questa pace totale, nello chalet che affittiamo alla fine del paese, di fronte ad un ruscello che, con il suo lento scorrere, ci concilia dei sonni fantastici. La casa è di proprietà dell’Hostal El Forn, una struttura a conduzione familiare che offre, oltre all’alloggio, anche un vitto fantastico e sin troppo abbondante a mezza o completa pensione, ottimo vino compreso. Impossibile non andarsene da qui completamente soddisfatti ed in pace con il mondo. In questo paese non ci sono negozi, tranne uno solo, di artigianato locale, due ristoranti, e chiaramente nessuna vita notturna, tranne ad agosto per qualche giorno, la Fiesta Mayor con concerti e danze tradizionali. C’è l’atelier di un pittore e, soprattutto, una chiesa romanica con un bel campanile, tenuta egregiamente dall’amministrazione locale. Le case, tutte costruite in pietra e fiorite di gerani coloratissimi, sono estremamente curate nei minimi dettagli, nei giardini coi prati all’inglese e nei piccoli animali di marmo (gatti ed uccelli) che si vedono affacciati ai davanzali, davanti agli strapiombi verdissimi. è un piccolo paradiso nel nulla, dove si diventa presto tutti amici e si riscopre una dimensione dimenticata, quella delle interminabili partite a carte davanti ad una birra fresca, oppure quella delle lunghe passeggiate per i camminamenti che portano verso Mollò o Camprodon. E che dire poi delle conversazioni fiume con il pittore del luogo o le interminabili letture al fresco, sulla terrazza? E le serate di pioggia, tutti insieme nelle sale dell’Hostal a commentare il tempo e le notizie del giorno? Se capitate da queste parti, magari provenendo dalla affollata Costa Brava o da Barcellona alla ricerca di un pò di fresco e tranquilità, non esitate a fermarvi qui, anche solo per una breve visita; sono sicura che ci tornerete ancora……….
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo
AttractionDetailReviewList-GetPartialView = 0

Conosci Barcellona? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Barcellona
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0