×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020021
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

Dove Mangiare a Palermo, Ristoranti consigliati  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008

Una città magica come Palermo, con la sua storia araba e normanna, è sicuramente una meta d’elezione per molti soggiorni turistici. Complice il mare e le bellezze artistiche come la Cattedrale, le bellissime chiese e catacombe, ma soprattutto lo street food, Palermo si presta a un excursus di sapori tutti siciliani e unici persino all'interna della stessa isola.

Palermo, una storia in tavola

Pare strano prendere sul serio una cosa come il mangiare. Si pensa solitamente sia una cosa essenziale, che alcuni individui particolarmente vezzosi possono prendere come un lusso, un capriccio che vuole essere a tutti i costi reso serioso. La cucina palermitana, invece, rispecchia la sua città: le dominazioni greche, normanne, arabe, angioine... tutto si mescola e si riassume all'interno di un cous cous, un'arancina, uno sfincione, una pasta con le sarde, una cassata. Il percorso per arrivare all'attuale cucina "palermitana" è uno che s'intreccia strettamente con la cultura e i sapori durante le varie ere.

Se quindi l'obiettivo della visita è vivere la città a tutto tondo, bisogna armarsi di una buona lista di posti dove mangiare a Palermo e andare alla scoperta.

Palermo street food

Prima d'imbarcarci nell'elenco, però, è giusto dare un'idea generale di cosa aspettarsi dal capoluogo siciliano. La scelta è vastissima, con un focus particolare sullo street food e il pret-a-manger, ma è ovviamente necessario far notare come vi siano trattorie con cucina tipica palermitana in grado di regalare vere e proprie emozioni, con fritturine di pesce, piatti elaborati di pesce spada o altri, il mitico cacio all'argentiera e ancora pasta alla norma, pasta con sarde, anellini al forno... la scelta è ampissima e, come la scelta, sono ampie le fasce di prezzo. Generalmente è difficile che in città il costo non corrisponda alla qualità del cibo. La concorrenza sul settore alimentare è ovviamente altissima e anche i posti più costosi riescono a rimanere nel reame del possibile. Quindi, nel caso un posto v'ispiri molto o qualcuno ve lo suggerisca, andateci senza troppe remore: dopotutto è un evento.

Dove mangiare a Palermo: i quartieri migliori

Vucciria e Ballarò, gli storici mercati palermitani, sono il centro della movida cittadina e ospitano alcuni dei locali più apprezzati del capoluogo siciliano. Il Borgo Vecchio, altra zona dove si trovano alcuni dei locali migliori e ovviamente, immancabile, la zona del Teatro Politeama, vero e proprio "hub" cittadino insieme quello di Teatro Massimo.

Sarebbe inoltre un vero e proprio affronto non considerare l'area marina di Palermo, sia nella zona di Mondello, la cui movida estiva pare un incrocio fra Ibiza e un raduno di mangiatori professionisti e dove si trova qualsiasi piatto di pesce possa sfiorare la mente, ma anche la zona dell'Arenella, più intima e meno adatta ai turisti "per caso", ma che merita la sua menzione d'onore. Se quindi il desiderio d'avventura e dell'andare alla cieca fa parte dell'esperienza, basta scegliere una di queste zone e scegliete: i locali sono tanti e basta solo puntare dritti per uno di questi. Attenzione, ovviamente, a non perdersi.

I 5 migliori ristoranti di Palermo

Come vuole la tradizione palermitana, includiamo nella lista anche "ristoranti" che fanno unicamente street food o quello che alcuni chiamano "fast-food", è molto importante considerare quanto sia importante per la cucina palermitana questo aspetto e quindi, di conseguenza, concedersi questi peccati.

Antica Focacceria San Francesco

Vero e proprio franchising ormai, presente a Roma, Milano e Palermo, ovviamente nasce in quest'ultima. Nonostante il nome della loro focaccia, il locale è ovviamente aperto a tutta una serie di cucina tipica di vario genere. I già citati piatti tipici come la norma o gli involtini di melanzane ripieni, assieme a "pane e cazzilli" assicurano un vero e proprio range di scelte. Il famoso "panino câ meusa" è qui presente come must del menù ed è rinomato abbastanza da essere considerato uno dei migliori della città. Nonostante negli anni abbia acquistato fama e quell'appeal turistico tipico dei locali molto famosi, rimane sempre una scelta sicura per avere una bella esperienza culinaria.
I prezzi sono in un range abbastanza buono e il rapporto qualità-prezzo è alto.

Lo Strascino

Trattoria-Pizzeria nel mezzo del Viale Regione Siciliana, questo storico locale palermitano è forse uno dei più indicati per la Vera Esperienza Palermitana. Un menù tipico, un'atmosfera classica e il prezzo contenuto fanno di questo locale una scelta perfetta per il palermitano DOC e per il turista per caso. Difficile rimanerne delusi.

'nni Franco 'u vastiddaru

Street food d'eccellenza nel cuore di Palermo, appena fuori Piazza Marina, con prezzi bassi ma qualità di un altro mondo. Se l'obiettivo dell'iter gastronomico è mangiare bene e mangiare tipico, questo locale offre tutto. Davvero tutto. Compreso una full immersion nella vita palermitana.

Meat Shop Macelleria e Fornelli

Un peccato se il sogno della comitiva di gruppo è quello di far contenti tutti, perché qui i vegetariani non saranno di certo molto soddisfatti. Per tutti i restanti, invece, il Meat Shop è uno dei locali che in assoluto si sono guadagnati il podio della brace e della carne.
Con prezzi in linea con il resto del mercato, il Meat Shop si presenta giovanile, non troppo turistico e sicuramente una scelta certa per la ricerca di un piatto di carne.

Bistrot Cuor di Caffè

Chiudiamo questa carrellata con l'immancabile Cuor di Caffè. Una qualità eccellente degli ingredienti, la collocazione vicino al Teatro Massimo e la scelta pensata per tutti (anche vegani) fanno del bistrot Cuor di Caffè un posto da considerare assolutamente come tappa culinaria. I prezzi sono assolutamente in linea con la concorrenza ed è ottimo anche per un boccone e via e tornare a girare per la città.

ThreadPageIntroText-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0010013
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Recensioni Palermo

francesco sangiorgi
Livello 16     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Dove mangiare : A Palermo si mangia abbastanza bene sia con il cosiddetto "mangiare di strada" sia quello consumato nelle trattorie o nei ristoranti i cui chef sono quasi tutti molto apprezzati in una città dove il cibo non è solo un fatto... vedi tutto fisiologicamente quotidiano ma anche e, soprattutto, appagamento del gusto. Le specialità da non perdere sono infinite ma ne citerò solo alcune tra le più rinomate. Comincio con il cibo di strada:in mattinata ci si può sbizzarrire con pane e panelle, "cazzilli" (crocchette di patate), sfincionello. In tarda mattinata non guasta una bella brioche calda col soffice gelato in una delle numerosissime gelaterie sparse per la città. Nel pomeriggio si possono gustare deliziose "stigghiole" (budella infilzate in uno spiedo ed arrostite alla brace (si trovano dagli stigghiolari di via E. Basile, via San Lorenzo 269, ecc). In tutte le ore, invece, va gustato il pane con la milza presso la Focacceria San Francesco di via A. Paternotro o nelle friggitorie della "Vucciria", del "Capo" e di "Ballarò" - mercati tipici palermitani. Tutto il cibo di strada si trova proprio per le strade palermitane da venditori fissi o ambulanti, oppure nelle friggitorie (dove gustare anche sarde a beccafico, arancine, melenzane fritte, timballi di riso e di pasta al forno. Una capatina dai "Cuochini" di via Ruggero Settimo avrete una panoramica in versione mignon di quasi tutto il cibo di strada siciliano: davvero una delizia. Passiamo ora ai pasti tradizionali. Per prima cosa vi suggerisco un piatto completo con pasta, pesce e verdura: "la pasta con le sarde", un'esperienza da non perdere quale primo piatto "mare e monti" della storia. Come primi piatti consiglio: Pasta con i broccoli arriminati (sontuoso piatto mescolato di pasta, cavolfiore e formaggio); Spaghetti con i ricci o con il nero di seppia. Passiamo ai secondi piatti: la carne non è una specialtà palermitana ma la sua cucina onora il capretto e l'agnello al forno, le braciole di maiale arrosto, la salsiccia senza dimenticare le cotolette panate alla palermitana e gli involtini di vitello. Il pesce la fa da padrone con: involtini di pesce spada o tonno; pesce spada alla palermitana; polpette di sarda o di altro pesce di stagione; polpo ad insalata o bollito; frittura mista di paranza; qualunque pesce azzurro di stagione. Si possono trovar tutte queste prelibatezze presso il "Covo dei Beati Paoli" in piazza Marina; il "Mirto e la rosa" in via P.pe Granatelli; "Ci voleva" in piazza Generale Cascino; le "Tre sorelle" in via Volturno ed il "Charleston" a Mondello in via Regina Elena, solo per citarne qualcuno. Chi viene a Palermo, poi non può fare a meno di assaggiare i numerosi dolci da potere acquitare presso la Pasticceria Magrì di via Isidoro Carini, l'Antico Caffè di via Principe Belmonte e la pasticceria Costa di via G. D'Annunzio: in questi locali assaggiate un po' di tutto, ma in partiolare i cannoli, la cassata e la "frutta di martorana" (Pasta reale). Buono soggiorno e buon divertimento con tutti e cinque i sensi
roberto pennini
Livello 17     2 Trofeo   
Voto complessivo 8
Dove mangiare : Un mio conoscente sostiene giustamente che mangiare sia un piacere e che quindi bisogna mangiare non per sopravvivere ma esclusivamente ciò che ci piace. A volte però il sublime deriva dall’abbinamento tra il cibo che preferiamo e il posto dove... vedi tutto viene preparato e/o consumato. Diversamente non è la stessa cosa… Faccio qualche esempio, poi se vi va continuate voi nei commenti. ;) Nei mercati di grascia, Ballarò, Vucciria e Borgo i buffittieri non sono scomparsi. Tra un acquisto e l'altro potrete stuzzicare (o fare un vero e proprio pasto) e assaggiare il miglior cibo di strada siculo. Distese di arancine invitanti e panelle dorate fanno capolino dai banconi dei venditori. Alla Vucciria andate dal purparo. Vende polipo fresco appena pescato. Alcuni li cuoce in una pentola con acqua salata e in pochi minuti il polpo è in bella mostra sul bancone a disposizione di chi vuole assaggiare questa prelibatezza. Da mangiare sul momento con limone e prezzemolo. I meno schizzinosi potranno apprezzare una specialità che a detta di tanti è imbattibile. E' il pani ca’meusa, milza, oppure polmoni o scannarozzato (trachea) di vitello, ripassati nella saimi (strutto) e mangiati nella vastedda (tipico panino tondo spolverato con semi di sesamo). Ordinatelo maritato se lo volete con l'aggiunta di ricotta e caciocavallo, schietto se lo preferite semplicemente bagnato da gocce di limone. Il miglior pani ca’meusa lo fa la Focacceria di San Francesco, dal 1843. Franco 'U Vastiddaru, consigliato dalla nostra Sabri70, è un altro mago del panino con la milza e specializzato nei fritti di ogni tipo. E siamo arrivati al grande vanto della cucina palermitana, le arancine. In Piazza Don Bosco, 7 corvy ci suggerisce il Bar Alba dove sono eccezionali. Non possiamo dimenticare di citare il mitico sfinciuni, pizza alta e soffice, condita con pomodoro, cipolla, acciughe e caciocavallo, e la squisita panella forse la regina della cucina da strada palermitana. Questi deliziosi rettangoli di farina di ceci fritti a volte si accompagnano con i cazzilli, conosciuti anche come crocchè, crocchette di patate. QUI trovate la ricetta, passo dopo passo, per preparare i cazzilli palermitani.
Da non perdere i mercati Ballarò e Vucciria , La Cattedrale , Palazzo dei Normanni
giovanni
Voto complessivo 5
Dove mangiare : A Palermo si può mangiare come si vuole ed a qualsiasi ora del giorno. Si va dal cibo di strada delle svariate friggitorie (panelle, crocchè, arancine ecc. ecc.) ai menù più raffinati. Io consiglio "al ferro di cavallo" trattoria tipica su... vedi tutto via Roma.Per il pece in località Sferracavallo non c'è che l'imbarazzo della scelta con con abbuffate che si aggirano intorno ai 27 euro. E poi dolci e gelati a profusione di ottima qualità in quasi tutti i bar. Per i dolci suggerisco le pasticcerie Oscar e Dolcissimo, invece per i gelati bar Recupero e Stancampiano. Per chi vuole tuffarsi nei cibi più tipici consiglio di ricorrere alle frattaglie: pane con la milza, frittola, musso ecc. ecc.
Roberta SCHILLACI
Livello 27     2 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 7
Dove mangiare : Cucina varia , colorata e speziate grazie alla dominazione araba che ci ha lasciatà una varietà di aromi e tradizioni fedelmente riprese o spesso rivisitate creando delle vere novità creative. Non si possono certo perdere di assaggiare determinati piatti ma la... vedi tutto lista vi assicuro è veramente lunga!!! Iniziamo con pasta con le sarde o le sarde a "beccafico" ottimo antipasto.. la pasta al forno quella estiva meno conosciuta con le melanzana oppura la grande melanzana tunisina ripiena di pasta ...una delizia!! e poi non si non possono assaggiare i nostri Arancini al burro ,alla carne, alle verdure ecc. sostare in uno dei tanti chioschetti della città per prendere un "coppitello di panelle e crocchè" calde calde e poi che dire dei gelati???? Assolutamente il migliore artigianale quello di un famoso chioschetto sulla spiaggia di Mondello Valdesi... Comunque questo è solo l'inizio perchè oggi a Palermo ci sono tantissime trattorie che della tradizione hanno fatto un must rivisitando le antiche ricette in chiave moderna ....anche in location davvero suggestive in uno dei centri storici più grandi di Europa.....venite per credere!!!
Elena
Livello 20     2 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Dove mangiare : Palermo è nota soprattutto per il suo street food. Offre una varietà di cibi da strada capace di conquistare qualsiasi tipo di palato. Da non perdere è sicuramente il panino con la milza da gustare presso il chiosco "da Rocky"... vedi tutto al mercato della vucciria, o presso "L'antica focacceria San Francesco". Poi ci sono le panelle fatte con farina di ceci fritta, ottima alternativa per i vegetariani e la rosticceria tipica del capoluogo siciliano che vede come sua più nota rappresentante l'arancina. Se invece amate i sapori ricercati ed una cucina tradizionale ma rivisitata secondi i moderni canoni dell'enogastronomia è tappa obbligata "Badalamenti cucina e bottega" dove freschezza e sapore la fanno da padroni. Se invece volete qualcosa di "esotico" potete gustare il miglior sushi della città al ristorante "Chan sushi bar".
Giuseppe Seminara
Livello 8     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Dove mangiare : Infinite e varie delizie del palato! A Palermo tutto è possibile, tranne che restar digiuni. L'offerta varia dalle specialità uniche dello street food ai piatti da gourmet, che si possono "godere" in tanti ristoranti sparsi per la città, senza dimenticare le... vedi tutto specialità della pasticceria Palermitana! Lo street food o cibo da strada, trova la sua migliore espressione nelle friggitorie dove potrete assaporare le "Panelle e cazzilli", frittelline schiacciate di farina di ceci le prime e crocchette di patate aromatizzate con prezzemolo le seconde, poi ancora il panino "ca' mieusa" , le stigghiole, per non parlare del famoso "Spincionello" che non è altro che una pizza/focaccia dal sapore unico ed inimitabile! Le specialità sopra menzionate e tante altre ancora, possono essere gustate presso l'Antica Focacceria San Francesco, nell'omonima piazza, luogo ideale per fare una pausa durante le visite del centro storico, immergendosi in un locale dove le mura raccontano la storia ed i sapori più genuini della città. Invece, per chi volesse sedersi ed assaporare i sapori e gli aromi della cucina tipica palermitana, è consigliato un salto alla trattoria "Re Ferdinando III" in via Zisa 1 angolo Piazza 'Ingastone, dove dagli antipasti al dolce è un rincorrersi di sensazioni uniche per il palato, accompagnate dagli ottimi vini locali che vi sapranno sapientemente consigliare ! E "dulcis in fundo", la pasticceria !!!!!!!! La scelta è mostruosamente varia, da Sua Maestà la Cassata Siciliana ai Signori Cannoli con la ricotta passando per l'artistica frutta di Martorana, tutte specialità che nei sapori, profumi, forme e colori, Vi racconteranno ad ogni morso la storia di Palermo e la Sicilia degli ultimi duemila anni!!!!! Vi aspettiamo a Palermo!!!!!!!
Lucia
Voto complessivo 7
Dove mangiare : A Palermo si mangia veramente bene e si può spendere quanto si vuole. Consiglio due ristoranti. Se volete spendere poco con menù fisso abbondante e tipicamente siciliano vi consiglio il ristorante ai vecchietti si trova a piazza Sant'Oliva e si può... vedi tutto mangiare un menù completo di carne a 20 euro di pesce a 25. Se invece volete un ristorante molto particolare e menù alla carta e vini raffinati vi consiglio Gagini restaurant vicino al porto ma non sul mare. Si mangia veramente bene, servizio eccezionale e vini fantastici. Potete mangiare un secondo di pesce con contorno dolce e vino con circa 30 euro.
eros
Voto complessivo 8
Dove mangiare : A Palermo il cibo è alla base dell'attrazione turistica, oltre infatti le meraviglie monumentali che variano dalle dominazioni spagnole a quelle arabe, dai normanni ai greci; il cibo rappresenta il cuore della città. Cibo da strada in primis, con la... vedi tutto sua ricchezza di sapori, dalle arancine al famoso pane ca meusa (milza), per passare poi alle panelle o alle crocchè. Poi ovviamente per palati più fini tanti i ristoranti e sopratutto quelli a base di pesce fresco sui lungomare dei vari paesini della costa palermitana. Insomma venite a gustare Palermo.
gabriele sapio
Livello 17     2 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Dove mangiare : Da non perdere lo Street food e in particolare pani ca meusa (schietto o maritato): particolarmente rinomati quelli della "focacceria S.Francesco" (una dei pochi locali che lo propongono "maritato", cioé "sposato" con la ricotta) della "focacceria Porta Carbone" (credo l'unica che... vedi tutto aggiunga il cosiddetto "scannarozzato" (senza scendere in particolari raccapriccianti, credo si tratti di croccanti cartilagini varie) e di "Nino u ballerino" che usa una tecnica originale per evitare un eccesso di grasso di cottura. Pane, panelle e crocché (cazzilli), sfincione, stigghiola, quarume e frittola.
Da non perdere Chiese , La cripta dei cappuccini , Festa di Santa Rosalia , Festa di Santa Rosalia
Ferdinando Vitamia
Livello 19     2 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Dove mangiare : Tanti piccoli ristorantini per la città e sopratutto il "cibo da strada" ad esempio il pane con le panelle fatte con farina di ceci ed altro, il pane con la meusa che sta per milza, magari può sembrare una cosa... vedi tutto orribile ed invece per i più è una prelibatezza. La stigghiola, cioè interiora di agnello alla brace, tutto il pesce piccolo fritto che può essere mangiato anche con il panino oppure lo sfincione, una specie di pizza condita con molta cipolla. Poi si passa ai primi con pesce, dal pesce spada allo spaghetto con il nero di seppie o, per i buongustai, con i ricci di mare.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0010009
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0