×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

Francavilla al Mare: guida completa e cosa vedere  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0010008
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

In provincia di Chieti, Francavilla al Mare è lungo la costa adriatica abruzzese, con i suoi otto chilometri di spiagge alle cui spalle, in un alternarsi di dolci colline, ci sono i monti della Maiella e il massiccio del Gran Sasso.

Poco più di 25mila abitanti, immersa in sfumature di colori che vanno dal bianco dorato del suo arenile, all’azzurro del mare, ai toni pastello delle colline, al grigio e al verde delle montagne, Francavilla al Mare già dalla seconda metà dell’Ottocento è chiamata la ‘perla dell’Adriatico’, per il suo turismo balneare e le tante offerte di intrattenimento e svago. Il suo clima è temperato caldo, con inverni mai rigidissimi, si parla in genere di 6 °C come media, ed estati calde ma non bollenti, attorno ai 26-27 °C. Per le piogge, in un periodo in cui il tempo sta diventando molto diverso rispetto al passato, si può dire che esse siano concentrate in autunno e nella prima primavera.

Complessivamente, la città rappresenta uno di quei posti che hanno il privilegio di poter essere visitati ed apprezzati in ogni mese dell’anno. Secondo gli esperti, il luogo ha un passato antico, visto che nel territorio sono stati trovati reperti archeologici che vanno dall’età del ferro a quella Frentana e Romana. Ma solo durante il dominio longobardo la città ha un vero e proprio nucleo abitativo, contadini e pescatori che non hanno vincoli feudali, e per questo è chiamata Francavilla.

Già al tempo, viene disegnato il cuore cittadino, a spina di pesce, dalla zona più alta, la Civitella, al mare. Dal XIII secolo, il suo porto diventa importante per gli scambi commerciali con le vicine città, come Chieti. Sono secoli di diversi tipi di calamità, peste, assalti dei pirati, invasioni turche (nella seconda metà del 1500 è distrutta dall’ammiraglio ottomano Piali Bassà), nonostante ciò le diverse famiglie che si succedono al potere, d’Avalos d’Aquino, Caracciolo, Di Palma, di nuovo d’Avalos, riescono ad arricchire la città che diventa sempre più invitante anche come luogo di vacanza balneare.

Con il 1800 e l’apertura della linea ferroviaria Ancora-Pescara-Bari, ciò è più marcato e tanti illustri personaggi ne fanno luogo di elezione, anche grazie a Francesco Paolo Michetti, pittore, fotografo e artista a tutto tondo, nonché senatore del Regno d’Italia (proprio per via del suo lavoro), che stabilisce qui la sede del suo ‘Cenacolo’, centro di ritrovo e di incontro per molti esponenti della cultura abruzzese ed italiana. Parliamo di ‘gente’ come Gabriele D’Annunzio, Eduardo Scarfoglio, Matilde Serao.

La Seconda guerra mondiale ha lasciato pesantemente la sua impronta qui, visto che i tedeschi la radono al suolo nel dicembre 1943. Una storia lontana, per fortuna, e Francavilla al Mare è risorta dalle sue rovine, diventando sempre più vasta, fino a raggiungere lungo la costa la città di Pescara, con cui in pratica costituisce un unico grande agglomerato urbano verso nord.

Il turismo, in particolare quello balneare e soprattutto estivo, è voce rilevante dell’economia di Francavilla al Mare ma non certo la sola, poiché rimangono molto importanti le attività agricole, frutta, ortaggi, verdura in generale: qui è la zona ad esempio del pomodoro a pera francavillese e siamo inoltre nell’area di produzione di vini doc famosi, come il Montepulciano d'Abruzzo, il Trebbiano d'Abruzzo, il Cerasuolo d'Abruzzo. La pesca resiste così come l’artigianato con il comparto della maiolica e della ceramica in genere nonché della lavorazione di tessuti finalizzati alla realizzazione di tappeti, arazzi, coperte.

Uno degli eventi più seguiti di Francavilla al Mare è il suo Carnevale, il più antico della regione, con tanto di costruzione di carri affidata ad esperti maestri cartapestai del luogo, che partendo da modelli di argilla e usando pure la vetroresina, li realizzano in modo sopraffino. La sfilata è un appuntamento irrinunciabile per i francavillesi, in un insieme di maschere, gruppi folcloristici, bande musicali. E c’è pure una versione estiva, a luglio, sempre con il corteo di carri allegorici. In tempo di Pasqua, nella parte alta del paese, organizzata dalla Parrocchia di Santa Maria Maggiore, si svolge la Via Crucis Vivente, con oltre 50 figuranti.

Tra aprile a maggio si tiene la Festa di Santa Liberata, patrona dei marinai e delle attività connesse al mare, la cui statua, secondo una leggenda, fu trasportata dalle onde fin sulla spiaggia di Francavilla dove fu trovata da alcuni marinai: il culmine della festa è la processione in mare su barche particolarmente addobbate. Per consuetudine, è d'obbligo includere nel menù del pranzo pietanze a base di seppia.

All’inizio di maggio prende il via ‘Francavilla Fiori e Fragole’, in cui i prodotti d’eccellenza del territorio sono ammirati, con stand di artigianato locale, degustazioni, mostre. Attorno al 13 giugno si celebra la tradizionale Festa di Sant’Antonio di Padova, con spettacoli vari, teatrali, bandistici, sacri con la processione che porta la statua del santo. E non mancano i mercatini.

A luglio c’è il Premio Michetti, dedicato al celebre personaggio, durante il quale si premiano artisti di varie discipline. Ad agosto, dal 15 fino al 18 ci sono i Festeggiamenti in onore di San Franco, patrono della città, con processione e fuochi d’artificio. Il 16 tocca alla tradizionale Processione di San Rocco durante la quale viene portato il grano in conche di rame. Il 15 agosto è importante anche perché c’è l’Ostensorio dell’Assunta, tempietto ottagonale in oro, sorretto da un piedistallo da cui si innalza una colonnina tortile arricchita da un nodo centrale e chiuso da una copertura a piramide, conservato nella Parrocchia di Santa Maria Maggiore e realizzato nel 1413 da Nicola da Guardiagrele.

All’inizio di dicembre, si svolge la ‘Corsa del Panettone’, una gara di 8 chilometri sul lungomare, abbinata alla kermesse ‘Due cuori una staffetta-lei&lui’, la cui partecipazione è per le coppie, regolarmente sposate e non. Per Santa Lucia (13 dicembre) c’è il ‘ballo della Pupa’, originale spettacolo pirotecnico visto che la pupa è un grosso fantoccio di cartapesta dalle forme esageratamente femminili, realizzato su una struttura di canne. Un’ulteriore particolarità è che all’interno c’è un uomo che suona la fisarmonica e danza freneticamente. E non solo: sono accesi petardi fissati sull'abito della pupa con un fragore sempre crescente che si conclude con lo sparo della girandola, fissata sul capo. Davvero suggestivo! E alla fine, c’è per tutti il grande ballo della pupa. Per Natale, il commovente Presepe Vivente, con tanti personaggi reali in abiti storici che rievocano la Natività.

Tra i piatti tipici di Francavilla al Mare, dove si mangiano ricette di terra e di mare, da provare il classico brodetto di pesce, la zuppa che mette insieme il pesce di piccole dimensioni e (apparente) bassa qualità, dall’alto sapore. Poi ci sono i cavatielli con la ricotta, i maccheroni alla chitarra conditi con un sugo fatto di carne di castrato, la ciabotta, zuppa di verdure miste (senza dimenticare il basilico) cotta in pentola di coccio, il cardo in brodo in cui sono fatti cuocere polpettine di carne di maiale, uovo, parmigiano, e fegatini di pollo. Da assaggiare i calamaretti a crudo serviti con olio, aglio, succo di limone, aceto bianco, olio, sale e peperoncino. Sotto Natale si usa il capitone alla griglia, prima spellato, ridotto a pezzetti e marinato in aceto di vino, vino, alloro, sale e pepe, poi cotto alla griglia. Notevoli le bruschette di pane casareccio abbrustolito, con la salsiccia di fegato o la crema di fave, la farinata al rosmarino, la frittata di alici. Per le feste, i dolci hanno l’aspetto della cicerchiata e del croccante con le mandorle.

L’appuntamento più famoso di Francavilla al Mare, il suo Carnevale, ha un simbolo e cioè la maschera di Patanello, ispirata alla figura di un ciabattino reale, ‘zi' patane’ vissuto tra la fine dell'800 e i primi del ‘900. Ovviamente, era uno cui piaceva divertirsi e fare baldoria, gironzolando per le osterie e inventando scherzi ancora ricordati. Francavilla al Mare è nota per la sua lunga spiaggia ma parlare solo di bagni è riduttivo, poiché è luogo ideale da cui partire per andare alla scoperta delle colline e dei monti dell’interno, visto che è considerata la porta marina per accedere al Parco della Majella.

Certamente, un soggiorno a Francavilla al Mare dà la sicurezza di avere servizi di massimo livello, con tante offerte di svago per tutte le età, visto che le spiagge sono tranquille per i più oziosi, mentre è sempre presente l’effervescenza di tante attività sportive nonché di una vita notturna molto frizzante. Relax, divertimenti, bagni di sole, sport, escursioni naturaliste e artistiche, tutto ciò in una sola città.

Prefisso:
085
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
francavillesi
Patrono:
San Franco
Giorno Festivo:
18 agosto
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0010013

Valutazione generale

8
Media
3
Buona
2
Ottimo
2
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
3
Famiglie
2
Turisti maturi
1
Coppie
1

Indicatori

Sicurezza
mangiare e bere
Trasporti
Accessibilità
Accoglienza
Alloggio
Servizi ai turisti
attività
shopping
Intrattenimento
convenienza
Attrattive
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Francavilla al Mare

Conosci Francavilla al Mare? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
alessandro cini
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 4
Guida generale : Sono stato con la mia famiglia in vacanza a Francavilla per due anni di seguito. Quest'anno penso che non verrò ma mi sposterò nel marchigiano. Dopo il primo anno passato in maniera molto piacevole, abbiamo trovato l'estate dopo la città... vedi tutto dell'immondizia. Niente più cassonetti, neanche quelli per la differenziata come si usa da noi a Pisa ma una raccolta porta a porta che per noi turisti è veramente poco agevole in quanto lasciare per il fine settimana i rifiuti umidi in casa (con due bimbi piccoli) non è proprio il top della vita. Isole ecologiche lontane e aperte con gli orari ridotti che ti costringono a spostare la macchina senza poi avere la certezza di trovare un posto per parcheggiare una volta tornati, cumuli di buste di spazzatura lasciate in giro, gestore della raccolta dei rifiuti che non sempre passava... tralascio poi di parlare dei parcheggi a pagamanto, perchè se la vostra amministrazione pensa che il turista sia il classico pollo da spennare e con il quale fare cassa penso proprio che si stia sbagliando. una città come la vostra il turista lo dovrebbe tutelare non accanircisi contro con multe e disservizi. Per questo, quest'anno, nè io, nè i miei vicini di ombrellone ed altri che ho conosciuto in zona) trascorreremo le ns ferie nel vostro paese.
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Oltre al caratteristico centro storico, a Francavilla al Mare possiamo visitare: la Chiesa di san Francesco, edificata nel XIII secolo, rappresenta un bell'esempio di arte romanica nella zona; la Chiesa di san Franco, progettata da Ludovico Quaroni agli inizi del XX secolo,... vedi tutto sorge sui resti di un vecchio edificio di culto dedicato alla Vergine, ed oggi ospita le reliquie del patrono della città; il Convento Michetti, un'antico convento francescano acquistato sul finire del XIX secolo dal pittore Francesco Paolo Michetti per trasformarlo nella sua residenza; il Palazzo Municipale, che oggi ospita il Museo Michetti, in cui sono conservate numerose opere dell'artista.
lucia
Voto complessivo 6
Guida generale : E' due anni che passo le vacanze a Francavilla e questo sarà il terzo è una città fantastica gli abitanti molto ospitali hai il mare e la montagna a portata di mano relax e divertimento, lo consiglio vivamente a tutti... vedi tutto sia piccoli che grandi perchè si trova tutto ciò di cui hai bisogno per una vacanza al top, il mare poi e pulitissimo e le spiagge ben tenute.
paola lovisolo
Livello 31     3 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Le persone sono ospitali, i prezzi molto contenuti, tante le comodità, il mare pulito e sicuro anche per i bambini. La sera c'è allegria e movimento e in pochissimo tempo puoi vivere la montagna, il parco nazionale e bellissime città.
aldo manzo
Livello 29     5 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Andrebbero incrementati gli eventi estivi, tenuto conto dell'immenso litorale di cui è dotata la città. L'accoglienza è comunque calorosa e la popolazione locale semplice e genuina. Il cibo tipico è gustoso e ha un ottimo rapporto qualità-prezzo. La collocazione è... vedi tutto strategica perchè da là possibilità di spostarsi in breve tempo lungo tutto il litorale abbruzzese e ritrovarsi, in meno di un'ora, sulla Maiella (circa 2.300 metri s.l.m.) da dove si gode un panorama mozzafiato, tra i pochi. a quell'altezza, che consente di ammirare il mare.
max
Livello 8     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 3
Guida generale : Potenzialità infinite, sfruttate malissimo. Massima cementificazione, lungomare inesistente. Prezzi alti se confrontati ad altri litorali dell'adriatico. Nota positiva, molti ristorantini che offrono ottimo pesce o specialità del luogo tipo arrosticini. Mare pulito? Mah...
Da non perdere Mare ed alberghi
Nicola
Voto complessivo 5
Guida generale : Cittadina che in passato era considerata la perla d'abruzzo. Oggi non offre alcuna attrattiva per i turisti che sono sempre meno
Alain Delon
Livello 11     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 6
Guida generale : Paesino che figura nel top della lista delle colate di cemento. Spiaggia devastata da costruzioni sul lungomare. Da evitare.
Ciro Preziuso
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 8
Guida generale : Ottima località dove trascorrere una vacanza con la famiglia. A poca distanza c'e' anche la maiella da visitare. Ci sono tantissimi locali dove gustare il pesce e non solo.
Da non perdere Pontile Sirena
Raffaele D'Amario
Livello 36     2 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Stupenda stazione balneare, denominata "la perla d'Abruzzo" Nel 2013 ha conquistato la BANDIERA BLU, per le sue acque pulite e servizi offerti. Situata lungo la costiera Adriatica, a sud di Pescara.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0010009

Destinazioni vicine a Francavilla al Mare

DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Francavilla al Mare

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009





FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Sole e Mare
Enogastronomia
Mete per la famiglia
Montagna
Arte e cultura
Verde e natura
Sport
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0010013
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Francavilla al Mare

Poco nuvoloso
28 °
Min 207° Max 2932°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009