×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020017
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010004
AdvValica-GetPartialView = 0

Frabosa Soprana: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0010008

Frabosa Soprana (anche nota come Frabosa Dzora o Sovrana in piemontese e Frabouza Soubrana in occitano) è un comune italiano che, dal punto di vista amministrativo, appartiene alla provincia di Cuneo e che conta poco meno di 1000 abitanti distribuiti all'interno di una superficie di 47,14 chilometri quadrati. Sorge alle pendici del Monte Moro, in una zona individuabile tra la val Maudagna e la val Corsaglia, ad un'altitudine media di quasi 900 metri al di sopra del livello del mare: non a caso fa parte della Comunità montana Alto Tanaro Cebano Monregalese, che si estende per quasi 1.000 chilometri quadrati accorpando decine di comuni. Nonostante la sua posizione lasci immaginare tutt'altro, Dozza dal punto di vista climatico presenta temperature tendenzialmente miti, nonostante vada segnalata la presenza di piovosità abbastanza significativa anche durante la stagione di solito più secca: a tal proposito il mese più caldo dell'anno è luglio, durante il quale si registra una media di 18.9° C; al contrario il mese più freddo dell'anno è gennaio, durante il quale si registra una media di 2.5° C.

Raccontare la storia di Frabosa Soprana è tutt'altro che semplice: dal punto di vista dell'appartenenza politica ha seguito in gran parte quella del proprio capoluogo Cuneo, che però è sia quasi sconosciuta per quello che riguarda il periodo più antico, sia difficile da riassumere in poche righe. Volendo parlare della provincia possiamo invece dire che venne istituita il 23 ottobre del 1859 dal Decreto Rattazzi (celebre legge del Regno di Sardegna, utilizzata anche a seguito dell'unità d'Italia) e che si arricchì di comuni precedentemente appartenenti alla provincia di Nizza (poi ceduta alla Francia) l'anno successivo. A seguito della fine della seconda guerra mondiale e del trattato di pace di Parigi, la provincia di Cuneo avrebbe perso altri comuni quali Vievola e Briga Marittima, oltre che alcune trazioni dei comuni di Valdieri e Vinadio, che sarebbero ancora una volta passare alla Francia.

La storia specifica di Frabosa Soprana si sviluppa soprattutto nel periodo a cavallo tra gli anni '60 e gli anni '70 del Novecento, periodo durante il quale la cittadina si inizia a distinguere come località sciistica, arrivando a diventare la seconda stazione di tutta la provincia per importanza (dopo Limone Piemonte), grazie alla presenza di una delle prime cabinovie italiane con agganciamento automatico (le cosiddette "malanotte"), di due seggiovie e di numerosi skilift. Gli impianti locali vivono un periodo di crisi in concomitanza con l'affermazione delle vicine stazioni di Artesina e Prato Nevoso: crisi comprensibile se aggiungiamo che le piste di Frabosa Soprana sono tecnicamente piuttosto difficili da affrontare e che la neve naturale a disposizione scarseggiava spesso e volentieri.
Negli ultimi anni l'impianto locale è però tornato a crescere, grazie all'ammodernamento dei propri impianti e grazie alla costruzione di una nuova seggiovia di collegamento con il già citato Prato Nevoso: questo ha permesso a Frabosa Soprana di venire inserita in "Mondolè Ski", ovvero il più esteso comprensorio sciistico della provincia di Cuneo, che dispone di oltre 30 impianti di risalita su oltre 130 chilometri di piste di discesa.

Come è facile intuire dalla sua posizione, Frabosa Soprana non ha a disposizione le risorse economiche tipiche della provincia di Cuneo: quest'ultima infatti è tradizionalmente forte in settori quali agricoltura e zootecnia, ed è particolarmente nota a livello sia nazionale che internazionale, per la presenza di diverse industrie degne di nota. La fortuna del comune è stata fatta innanzitutto dalla sua storica scuola sciistica, che oggi come un tempo continua a sfornare atleti professionisti di tutto rispetto a livello agonistico; a ciò si aggiunga un'attività turistica crescente, concentrata soprattutto durante la stagione estiva e rivolta sia agli appassionati degli sport di montagna che, più in generale, agli amanti del bosco e della natura.

Prefisso:
0174
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
frabosani
Patrono:
Maria (madre di Gesù)
Giorno Festivo:
17 settembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010013

Recensioni Frabosa Soprana

Mariacarla
Voto complessivo 10
Guida generale : Semplicemente un posto fantastico. D'inverno sei subito sulle piste da sci. il panorama è incantevole! In estate c'è un verde che non ha nulla da invidiare ad altri posti molto più nominati. Passeggiate stupende nei boschi e una tranquillità! Incredibile.... vedi tutto Inoltre c'e un clima stupendo.
Voto complessivo 6
Guida generale : un paesino d'altri tempi;non adatto ai giovani d'oggi. Relax e tranquillità.Non è comoda per chi non ha la macchina e deve spostarsi per la spesa etc.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Destinazioni vicine a Frabosa Soprana

DestinationListNear-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008

Cosa visitare

AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009