×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Montaldo di Mondovì: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

Intorno al X-XI secolo a. C., all’inizio dell’età del Ferro, si insediò, in quello che è oggi Comune di Montaldo, un popolo di pastori e agricoltori del ceppo dei “Ligures Montani”. Scavi archeologici in località Castello hanno riportato alla luce pietre con incisioni coppelliformi e resti preistorici di un’area sacra legata a forme rituali e culturali.
Lo storico Tito Livio narra della campagna di invasione dei Romani che si insediarono in un luogo posto lungo la via per il mare (l’attuale Roà Marenca); due lapidi, ora murate nella cappella di San Rocco, testimoniano tale insediamento.
Il nome Montaldo compare per la prima volta intorno all’anno 1000 su un documento dell’imperatore germanico Enrico III che cita il "Romitorio di S. Ambrogio detto di Montaldo".
Nel 1200 la “Villa di Montaldo” diviene proprietà del Vescovo di Asti e successivamente passerà ai Savoia.
Tra il 1680 e il 1699 Montaldo subisce gravi perdite durante la "Guerra del Sale", combattuta tra gli abitanti del Monregalese e Casa Savoia, che intendeva abolire l’antico privilegio del libero acquisto del sale imponendovi, come sul resto dei territori, una gabella.
La guerra si conclude con la vittoria dell’esercito sabaudo e la deportazione nella Baraggia Vercellese di oltre tremila persone (proveniente da varie zone del Monregalese).

Prefisso:
0174
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
montaldesi
Patrono:
Assunzione di Maria
Giorno Festivo:
15 agosto
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0156258
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Montaldo di Mondovì

Stefano P
Livello 100     1 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : Montaldo di Mondovì è un piccolo comune della provincia di Cuneo che fa parte della comunità montana Alto Tanaro Cebano Monregalese. Nel territorio è oggi possibile visitare la Chiesa parrocchiale dedicata alla Maria Vergine Assunta (santa patrona festeggiata ogni Ferragosto)... vedi tutto costruita nel 1500 sui resti di un precedente edificio del 1200. Altro luogo religioso di interesse turistico-culturale è la piccola cappella sorta sui resti dell’antichissimo Romitorio di Sant’ Ambrogio. Per gli amanti della cucina, consiglio di visitare il paese nel periodo della Sagra della Castagna che solitamente ha luogo in ottobre.
Da non perdere Chiesa di Sant'Ambrogio , Chiesa parrocchiale della Vergine Assunta
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156263

Destinazioni vicine a Montaldo di Mondovì

DestinationListNear-GetPartialView = 0,0468787
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0

Meteo Montaldo di Mondovì

Sereno
5 °
Min 3° Max 10°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0156263
AdvValica-GetPartialView = 0