×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0030021
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0

Crotone: guida turistica e cosa vedere  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010004
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0

Info su Crotone

Superfice:
182 km2
Altitudine:
8 m
Abitanti:
60884 [2014-07-31]
Introduzione

Crotone si trova sul mar Ionio, in prossimità delle foci del fiume Esaro, sul versante est della Calabria; qui si trova anche l'area marina protetta di Capo Rizzuto e il Tempio di Hera Lacinia, a Capo Colonna. Il clima, vista la sua posizione sul mare, è temperato e mite, apprezzato già dai fondatori greci, con ondate di calore durante l'estate solo quando soffiano lo scirocco il libeccio. La città di Crotone si può dividere in due zone di fondazione differente, la città vecchia con il suo centro storico fatto di minuscole viuzze e la città nuova. Tra le frazioni di Crotone sono da ricordare Apriglianello, Bucchi, Cannoniere, Carpentieri, Cipolla, Farina, Gabella Grande, Iannello, Maiorano, Margherita, Papanice, Salica, Villaggio Bucchi.

La storia di Crotone è una delle più lunghe e interessanti dei comuni calabri. La fondazione greca della città risale al 718 avanti Cristo, a opera di Achei, e il nome "Kroton" deriva dall'eroe figlio di Eaco che venne ucciso per sbaglio dal suo amico Ercole, che lo fece seppellire alla foce del fiume Esaro. Pochi secoli dopo la sua fondazione, Crotone si scontrò con un'altra importante città magnogreca, Locri, che vinse il conflitto, sostenuta da Sparta. Ma Crotone continuò comunque a espandersi e a diventare sempre più splendida; era nota soprattutto per la forza fisica dei suoi cittadini, tanto che fu in grado di superare qualsiasi altra città in quanto a numero di partecipanti e vincitori ai Giochi olimpici. Tra questi ci fu uno degli atleti più famosi di tutta l'antichità Milone di Crotone. Crotone è anche celebre perché qui vi si trasferì uno dei massimi filosofi e matematici dell'antichità, Pitagora di Samo, che diede vita alla fondamentale scuola pitagorica, sull'esempio delle comunità orfiche, la cui importanza per la matematica, l'astronomica, la musica e la filosofia fu incalcolabile. A Crotone nacque anche Alcmeone, importante scienziato magnogreco che fu lo scopritore del nervo ottico e della tromba di Eustachio. Un'altra guerra tra colonie greche avvenne quando Crotone si scontrò con Sibari, con una battaglia sul fiume Nika dove i crotoniati ebbero la meglio, anche grazie alla guida dell'atleta olimpico Milone. Il fiume Crati venne deviato per far sparire per sempre quello che restava di Sibari. Pitagora fu molto influente anche nella vita politica della città e alla guida di Crotone si susseguirono governi pitagorici, come anche in altre polis della magna greca.

La caduta del governo pitagorico (il filosofo si rifugiò a Metaponto) per opera della rivolta guidata dall'oligarca Cilone rappresentò un momento di decadenza per Crotone, che alla fine venne conquistata nel 277 avanti Cristo dai Romani. Oggi non sono più visibili gli elementi architettonici risalenti all'età greca di Crotone, ma sono state individuate alcune vestigia nella zona di Piazza Castello, che un tempo era il punto più alto dell'acropoli della Polis antica. Da notare anche il grande edificio con tanto di impianto termale sul versante nord-orientale del centro storico di Crotone, nato su una domus repubblicana. Crotone fu successivamente sede di presidio in epoca bizantina e durante la dominazione spagnola ebbe ampi privilegi dal re di Spagna Carlo V, che la fece potenziare ristrutturando il castello normanno preesistente, da quel giorno noto come "Castello di Carlo V". Crotone donò un totale di tremila scudi all'imperatore e questi la emancipò, promettendo di non costituirla più come feudo.

Per l'economia di Crotone oggi è fondamentale il porto, ma in passato la zona fu prevalentemente industriale grazie alla centrale idroelettrica di Calusia e gli stabilimenti di Pertusola Sud e Montedison, che però negli anni Novanta attraversarono un lungo periodo di crisi. L'espansione demografica della città dipese proprio da questi colossi, che fecero di Crotone il polo industriale per eccellenza della Calabria. Le aree industriali riconvertite tentano oggi di tornare al passato sviluppo, ma si è sempre di più affermato il turismo, specialmente dal punto di vista degli sport velici.

Gli eventi più importanti della città sono la festa per il Santo patrono San Dionigi l'Aeropagita, che si tiene il 9 ottobre, la manifestazione StraCrotone nel mese di aprile, la Festa della Madonna di Capo Colonna a maggio, il Festival della Magna Grecia a luglio e il carnevale Magno Greco ad agosto.

La cucina locale si basa su ricette sia di mare che di terra, in particolare carne di maiale, pesce spada, verdure come zucchine e melanzane, legumi, tonno, alici, sarde, con alcune celebri eccellenze del territorio quali la soppressata. Non mancano i formaggi (i tipici "butirri" ma anche il caciocavallo, senza dimenticare il delizioso pecorino crotonese) né i dolci a base di miele e di frutta secca. In genere la cucina crotonese è caratterizzata da gusti molto aromatici, per la presenza frequente di aromi come l'origano e l'alloro, il basilico e la cipolla, ma soprattutto il peperoncino, vero ingrediente immancabile della cucina del luogo. Da menzionare anche i frigulimiti, lardo aromatica, la testina di maiale marinata e speziata, la ngnelatina, il cinghiale al ginepro, la mustica, originale pasta di sardine neonate che vengono essiccate al sole con il peperoncino e poi utilizzate da spalmare sul pane. Tra le specialità del territorio sono da ricordare anche zzipuli o crispeddhi, maccarruni 'i casa, fragaglia, mustazzola e sangunazzu o sangieri.

Buonissima tra i dolci è la tipica pitta cudogliu, conosciuta anche, in altre zone, come pittanchiusa: si tratta di un goloso pasticcio che viene preparato usando come ingredienti principali il mosto, le mandorle, l'uvetta, la cannella, lo zucchero. La pasta così creata viene arrotolata per creare tante piccole rose. Da ricordare anche i biscotti preparati con il mosto, gli stricaturi.

Prefisso:
0962
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
crotonesi
Patrono:
Madonna di Capocolonna
Giorno Festivo:
09 ottobre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0

Valutazione generale

9
Media
6
Ottimo
4
Buona
2
Bassa

Chi c'è stato

Famiglie
2
Tutti
2

Indicatori

mangiare e bere
shopping
attività
Accoglienza
Attrattive
Alloggio
Intrattenimento
Sicurezza
convenienza
Servizi ai turisti
Trasporti
Accessibilità
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0010013
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Crotone

Conosci Crotone? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Nel centro storico di Crotone è possibile ammirare importanti testimonianze del glorioso passato di questa splendida città. Piazza Pitagora, è la più importante di Crotone, e centro di incontro per i cittadini. Circondata da portici costruiti nella seconda metà dell'800,... vedi tutto si erge sull'altura del colle Cavaliere. Proseguendo per Via Vittoria arriviamo in Piazza Duomo dove possiamo ammirare la splendida Cattedrale risalente al IX secolo. Essa venne costruita a più riprese utilizzando i materiali provenienti dal Tempio di Hera Lacinia.Questo comportò un eclettismo di stili che oggi è visibile nella singolare architettura di questa chiesa. Sormontata da cupola e campanile dalle forme orientaleggianti, mantiene una facciata prevalentemente barocca. All'interno è possibile notare alcuni blocchi in muratura relativi alla costruzione originaria, e alcune cappelle come quella principale dedicata alla Madonna nera di Capocolonna, eretta nell'800.Accanto alla cattedrale troviamo il Palazzo Vescovile, edificato nel XVI sec. nel quale sono conservati alcuni stemmi dei principali vescovi crotonesi. Proseguendo verso il Corso Vittorio Emanuele ci si imbatte nel palazzo dove aveva sede il vecchio Municipio.Antistante è la chiesa dell'Immacolata, la cui edificazione ebbe luogo nel 1554 e successivamente ampliata nel 1738. All'interno presenta una sola navata ed è decorata da un portale con fregi di epoca barocca.Non lontano dalla chiesa dell'Immacolata troviamo la Chiesa e Convento di S. Chiara, con impianto di fine '400 ma ricostruita nel '700. Segnaliamo all'interno la bellissima pavimentazione in maiolica napoletana, e il prezioso organo ligneo del 1753.Proseguendo verso Via Risorgimento troviamo il Palazzo Gallucci, costruito a fine '800. Non lontano vi è la settecentesca Chiesa di S. Giuseppe impreziosita da stucchi barocchi.Uno degli edifici più importanti di Crotone è il Castello, fortilizio a pianta poligonale, che ancora oggi mantiene intatto tutto il fascino dell'epoca medievale. Eretto per volere della nobile famiglia Ruffo, venne dotato di cinque torri a pianta circolare.Sotto il dominio di Carlo V, il castello assunse le forme attuali e nel 1541 la nuova struttura difensiva inglobava la vecchia. Vennero aggiunti nuovi bastioni e ingrandito l' assetto architettonico.Nel corso della Seconda Guerra Mondiale fu usato come postazione di contraerea e venne in parte danneggiato a causa dei numerosi terremoti. Dell'antico Santuario di Hera Lacinia oggi non rimane che una colonna del tempio costruito nel 470 a.C. circa. Tuttavia è possibile ritrovare gli elementi essenziali che rivelano la presenza di quello che era considerato il più importante santuario della Magna Grecia. Molti degli elementi rinvenuti nel corso degli scavi sono oggi conservati nel Museo Archeologico della città. Per completare la visita di Crotone ci si può recare presso il Museo Civico oppure visitare la Galleria Comunale, ricca di testimonianze storiche provenienti dal Castello.  
Raffaele
Voto complessivo 7
Guida generale : Da non perdere c'è: -il lungomare, dove si può ammirare la meravigliosa costa ionica crotonese e usufruire dei molti pub presenti il loco. -il castello di Carlo V di epoca medievale con il museo archeologico di Crotone e tutta la zona... vedi tutto antica con le sue vie caratteristiche -Capo Colonna, una zona della periferia crotonese dove ci sono degli scavi archeologici di epoca ellenica e la colonna dorica (ancora in piedi) dell'antico tempio di hera che sovrasta il promontorio e poi è il posto ideale dove fare il bagno in estate con il suo mare cristallino e incontaminato -Le Castella, paesino turistico vicino a Crotone dove sorge un castello medievale di grande importanza storica e con i suoi negozi molto caratteristici! E c'è tanto altro da visitare e godere a Crotone, il mare, il sole, la bella gente e tanto altro
Da non perdere passeggiata sul lungomare , Il Castello di Carlo V
luigi
Voto complessivo 7
Guida generale : La sua posizione geografica,permette di vivere una citta' accogliente e umile sotto tutti gli aspetti, il mare pulito dello jonio permette a tutti di tuffarsi, il suo basso fondale fa che i bambini e i non nuotatori possano rinfrescarsi, Crotone... vedi tutto città di origini greche, con una storia millenaria, offre una buona cucina, con i suoi sapori mediterranei e i prodotti che questa terra produce, dalla casearia, agli insaccati, e per chi, ama la storia antica la citta e sede del museo magnogreco con pezzi rari, e la scuola di Pitagora, e per chi ama la natura a 50 minuti d'auto , lo spettacolo unico della sila. con alberi millenari.e' carente del sistema ferroviario, ma un aeroporto funzionale,e via stradale si può raggiungere, con l'autostrada A1, oppure con l'autostrada A14 via Bologna-Taranto.
clem
Voto complessivo 10
Guida generale : Si mangia molto bene, la mattina vi raccomando il mercato del pesce e perché no! Fate un giro per visitare la riserva sottomarina. Ho alloggiato all'Hotel Residence Santa Monica vicino le Castella, mare bellissimo, ospitalità squisita. La piscina è stupenda... vedi tutto e la sera c'è un ottimo livello di animazione con spettacoli. Per i bimbi c'è un servizio di giochi e intrattenimento. Non dimenticate di visitare Botricello. Le pasticcerie e i forni sono spettacolari. Che dire, partite tranquilli e spendete sicuramente poco.
Da non perdere Le Castella
Tania
Livello 35     5 Trofeo    Viaggia: In coppia, Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : Crotone è una città che si affaccia su un mare stupendo. La costa è immensa e le spiagge libere sono tante. Il promontorio di Capocolonna con la chiesetta a picco sul mare e la colonna del Tempio di Hera Lacinia... vedi tutto sono spettacolari. Tutto intorno è pieno di luoghi turistici incantevoli, come Le Castella, Tropea, ect. L'aeroporto Pitagora dista solo 13 Km da Crotone. Intorno all?aeroporto esistono importanti strutture alberghiere e turistiche, in particolare tra la zona archeologica di Capo Colonna ed il promontorio di Capo Rizzuto, che delimita l?area marina protetta, uno dei principali parchi marini del mediterraneo. È una città incantevole, per non parlare della cucina semplicemente squisita e della gente sempre molto cordiale.
Da non perdere Capocolonna
Raffaele
Livello 21     2 Trofeo   
Voto complessivo 7
Guida generale : E' una cittadina che potrebbe dare molto di più in base alle grandi risorse turistiche che ha. Un lungomare bellissimo e un mare stupendo. Purtroppo per via della noncuranza della politica locale la città non è sfruttata quasi per niente!... vedi tutto Comunque è una città dove la bellezza non manca, basti pensare al promontorio di Capo Colonna con i suoi scavi archeologici di età ellenica e il museo, il castello Carlo V di età medievale e tutto il centro storico molto caratteristico e infine, ma non per ultimo, uno dei più bei lungomare d'italia associato al suo mare stupendo!
Rosanna Rugiero
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Guida generale : Splendidi scorci paesaggistici marini, Crotone è luogo di profondo interesse storico culturale. Colonia della Magna Grecia conserva ancora oggi i segni dell'antica civiltà greca che scelse e si stabilì nel territorio crotonese. Degno di nota è il promontorio di Hera Lacinia,... vedi tutto meglio conosciuto come Capocolonna, dove oltre ai resti del tempio si può ammirare quella che fu la casa di Pitagora e il caratteristico faro. Infine città natale di artisti quali Rino Gaetano e Sergio Cammariere.
anna rita marzano
Livello 12     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Guida generale : bellissimo mare, consiglio di spostarsi sotto i promontori e con maschera e pinne andare a visitare la riserva marina. le spiagge sono per la maggior parte libere. consiglio una visita turistica al Castello di Carlo V, Capo Colonna, ultima colonna... vedi tutto del tempio della Magna Grecia, Le Castella e, nei dintorni, la città di Santa Severina. per mangiare ottimi i locali ed i prezzi, meglio spostarsi in fondo al lungomare.
mario anselmo murano
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 10
Guida generale : Mare cristallino, spiaggia splendida, ottima per bambini e persone che non sanno nuotare. Al mercato si trova di tutto, dalle provole ai salumi e verdure sotto olio. Ho trascorso 15 giorni d'incanto con tanto sole. La sila è a 1... vedi tutto ora di macchina e vale la pena. Lì respirerete l'aria più pulita d'Europa!!!
nadia arnaldini
Livello 18     3 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Guida generale : Città e persone molto ospitali. Il villaggio dove siamo stati noi si chiama "Casarossa", molto carino, organizzato e con diversi intrattenimenti e direi economicamente non caro! L'unico lato negativo di questa bella città sono state le strade sporche invece le... vedi tutto spiagge e i locali erano molto puliti.
Da non perdere Escursione in Sila , passeggiata sul lungomare , Il Castello di Carlo V
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0010004
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010018
HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Sole e Mare
Enogastronomia
Arte e cultura
Mete per la famiglia
Montagna
Mete romantiche
Giovani e single
Studenti
Sport
Verde e natura
Avventura
Cicloturismo
Pellegrinaggi
Shopping
DestinationListExperience-GetPartialView = 0,0010008
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0