×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Crotone: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0156258

Crotone, di antica origine greca, è oggi uno dei più importanti centri della Calabria, nonché capoluogo dell'omonima provincia.

Antico e nuovo da sempre si mescolano a Crotone, che conta due nuclei cittadini di diversa origine. Da una parte c'è la città nuova, dal cuore della città, Piazza Pitagora, fino a Vescovatello, sull'asse viario di Via Cutro; questa zona ha avuto un vero e proprio boom edilizia negli anni Ottanta e anni Novanta del ventesimo secolo, dando origine a un'espansione che continua anno dopo anno. Dall'altra parte c'è la città vecchia, la più ricca di emergenze artistiche. Caratteristici del nucleo antico di Crotone sono i "vineddri" o "vichi", le viuzze molto strette che si dipartono dalla piazza del Castello di Carlo V e dagli altri palazzi nobiliari più famosi della città, come il Palazzo Barracco e il Palazzo Morelli, fino a Piazza Pitagora e al Duomo.

Il simbolo rimane comunque il Castello Normanno del XVI secolo, sul punto più elevato della città, con la sua pianta poligolane dominata da due torrioni cilindrici. Il centro storico, o pescheria, è molto ricco di attrazioni interessanti, a partire soprattutto dal duomo dell'undicesimo secolo e poi andato incontro a diverse ristrutturazioni nel Cinquecento e nel Settecento, noto anche per il suo bel fonte battesimale con base zoomorfa e il quadro della Madonna Nera ancora oggi oggetto di una forte devozione popolare. Notevoli sono anche la chiesa di Santa Chiara, con i suoi affreschi settecenteschi e il pavimento in maiolica napoletana, nonché la chiesa di San Giuseppe, conosciuta anche come chiesa dei nobili. Crotone vanta anche un'interessante zona cittadina all'insegna dello stile Liberty, orientata lungo via Vittorio Veneto, via Cutro, via Mario Nicoletta, viale Regina Margherita, via Reggio e via Poggioreale.

La storia di Crotone e la sua origine greca può essere approfondita presso il Museo Archeologico nazionale nei pressi del castello, che ospita la collezione Lucifero di monete della Magna Grecia e reperti della aree archeologiche circostanti.

Crotone è molto popolare anche per il suo turismo balneare, visto che ospita spiagge tra le più belle della costa ionica. La zona costiera, ma anche i vichi del centro storico, sono tra le parti di Crotone più interessanti e ricche di opportunità anche per quello che riguarda lo shopping e le occasioni enogastronomiche. Caratteristico il mercato che si svolge nei pressi di Via Vittoria e di Piazza Pitagora, vero centro del paese.

La zona "calda" per la vita notturna a Crotone è sicuramente viale Cristoforo Colombo, dove si concentra il maggior numero di locali e discoteche; isola pedonale chiusa al traffico di sera e di notte, è la strada principale con cui accedere al porticciolo turistico, ma la riqualificazione costiera ha anche fatto sorgere molte attività presso il Lungomare Gramsci.

I dintorni di Crotone presentano diverse attrattive, in una zona che è molto ricca anche dal punto di vista naturalistico. A poca distanza dalla città, infatti, si trovano moltissimi siti archeologici, ma anche il Parco Nazionale della Sila, il Lago Ampollino, i villaggi Palumbo. Nella provincia di Crotone le località balneari prese d'assalto ogni anno da migliaia di bagnanti sono molto numerose, come Le Castella, nel comune di Isola di Capo Rizzuto, con il suo grande castello aragonese in mezzo al mare che ancora oggi rappresenta uno degli scenari più suggestivi di tutto il crotonese, ma anche Cirò Marina con Punta Alice, una delle mete che vantano il mare più azzurro e trasparente della regione. Merita sicuramente una visita il promontorio di Capo Colonna, che ospita ancora oggi i resti e l'unica colonna del tempio dedicato ad Hera Lacinia. Ma per la particolare conformazione della Calabria, che al suo interno conta ancora vette di un certo rilievo e montagne aspre e selvagge, non mancano le località di montagna da visitare, anche per chi fa base a Crotone ed è interessato a un tipo di escursionismo forse meno popolare ma in grado di dare molte soddisfazioni: in particolare è ben nota Trepidò, frazione del comune di Cotronei, che fa parte del comprensorio turistico dei paesi silani che si affacciano sul lago Ampollino. Qui sorge il famoso Villaggio Palumbo Sila, che insieme a Villaggio Lopez e Villaggio Baffa rappresenta un modello di villaggio turistico che dagli anni della sua fondazione, nei decenni immediatamente successivi alla seconda guerra mondiale, è andato incontro a un notevole sviluppo, anche con strutture sportive di grande rilevanza regionale.

Per arrivare a Crotone si può utilizzare l'aeroporto Santa Anna, 12 chilometri a sud della città, oppure sfruttare i numerosi collegamenti ferroviari, più lenti però dell'automobile a causa di uno sviluppo della rete delle ferrovie ancora non ottimale. La stazione di Crotone si trova nella parte occidentale di Crotone. Per chi invece arriva in auto, l'arteria principale è naturalmente la Salerno-Reggio Calabria, cioè l'autostrada A3, il più importante collegamento stradale della regione nonché prolungamento naturale dell'Autostrada del Sole. Per quanto riguarda invece la mobilità non autostradale, da ricordare le strade statali 106 e 107, la ionica e la silana. Il porto di Crotone è uno dei più importanti della regione anche da un punto di vista diportistico, e da esso vengono organizzati diversi itinerari per andare alla scoperta delle zone limitrofe. Mentre la parte vecchia di Crotone è molto bella da girare a piedi, soprattutto per il dedalo di vichi che caratterizza il tipico centro storico, la città nuova richiede invece un mezzo proprio oppure l'uso dei trasporti pubblici, con autobus urbani e collegamenti extraurbani che attraersano tutta la città.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

Divertimenti

Mangiare e bere

AttractionFilter-GetPartialView = 0,0156253
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



18 risultati filtrati per:
Rank 1# di 18
14 Voti
Rank 2# di 18
Rank 3# di 18
6 Voti
Rank 4# di 18
Rank 5# di 18
2 Voti
Rank 6# di 18
2 Voti
Rank 7# di 18
Image not found
Rank 8# di 18

FONDAZIONE D'ETTORIS

Indirizzo: 4/D, TRAV. REGINA MARGHERITA
Telefono: 0962908786
Rank 9# di 18
Rank 10# di 18
AttractionList-GetPartialView = 0,1718885
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Crotone
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0