×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,003003
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010009
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

Comacchio: guida completa e cosa vedere  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0010008
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

Comacchio, provincia di Ferrara, città tra laguna e mare, tra monumenti ed enogastronomia, tra canali e ponti, è perla tra arte e storia, in un perfetto equilibrio tra terra e acqua che caratterizza tutto lo straordinario territorio del Parco del Delta del Po.

Anche detta la piccola Venezia, Comacchio è la capitale del Delta, che con tutti i suoi ambienti vallivi salmastri sparsi in questa area, rappresenta uno specialissimo ecosistema. Una città lagunare nata su 13 dossi proprio all’interno delle valli, lì dove c’era maggiore possibilità di pescare e utilizzare il sale che vi si formava naturalmente. 22mila abitanti e sette lidi con vaste spiagge tra le foci del Reno e del Po di Volano: Lido di Spina, Lido degli Estensi, Porto Garibaldi, Lido degli Scacchi, Lido di Pomposa Lido delle Nazioni, Lido di Volano.

Paesaggi unici, da visitare in ogni periodo dell’anno, considerando che è possibile trovarvi una certa umidità nei mesi autunnali e invernali. Ma il luogo anzi, ‘i’ luoghi di Comacchio e le sue valli sono da scoprire in tutte le stagioni, in pieno sole o mirabilmente ‘acquarellati’ in una malinconica stupenda nebbia. In un paesaggio in continuo mutamento dovuto al progressivo avanzamento della linea costiera, per via dell’accumularsi dei depositi del Po, e dalle evidenti potenzialità in termini di cibo, pesca e coltivazioni, arrivano attorno al VI secolo avanti Cristo genti etrusche, che fondano la città di Spina la quale, sembra, avesse rapporti con i greci come mostrerebbero certi manufatti di tale popolo rinvenuti in zona.

Spina decade presto però, già nel III secolo non ha più un abitato. Bisogna aspettare i Romani per una rivitalizzazione dei luoghi, con valli bonificate e ville fino all'età tardo-romana. In questo senso, a località Valle Ponti è stata rinvenuta un'imbarcazione romana di epoca augustea, la Fortuna Maris, con tutto il suo carico a bordo.

Ciò lascerebbe supporre la presenza di uomini e attività in tutta l’area attorno a Comacchio, la cui esistenza (come insediamento fortificato lungo il fiume per proteggersi dai Longobardi) risalirebbe al VII-VIII secolo dopo Cristo, periodo al quale afferisce il Capitolare di Liutprando, un insieme di accordi commerciali proprio con i Longobardi cui si faceva pagare un dazio per il passaggio delle loro barche lungo il Po.

Con la caduta dell' Impero Romano d'Occidente, Comacchio passa sotto il dominio dell’Esarcato di Ravenna e quindi del Ducato di Ferrara. Carlo Magno, che sconfigge definitivamente i Longobardi, dona Comacchio alla Chiesa. Guerre contro la Repubblica di Venezia per la gestione del commercio del sale, il passaggio a libero comune e poi il dominio dei Duchi d’Este caratterizzano la città, fino a che nel 1598 Comacchio passa allo Stato Pontificio.

Durante la dominazione ecclesiastica Comacchio acquisisce la forma attuale, con la costruzione di edifici che ne valorizzano lo spirito commerciale, come l’imponente Trepponti, entrata monumentale della città di origine seicentesca. Le ribellioni seguite all'arrivo delle truppe napoleoniche nel 1797 portano alla firma del cosiddetto Rogito Giletti, con il quale la Repubblica francese vende alla cittadinanza tutte le valli, documento che ancora oggi sancisce la proprietà del Comune.

Problemi di interramento e di riduzione del pescato rendono necessarie opere di bonifica. Nel 1865 si prosciugano addirittura 20mila ettari di terreno, cui vanno ad aggiungersi gli oltre 8mila nella bonifica del 1913 e i 18mila durante gli anni Sessanta del secolo scorso. Alle acque vengono strappati 60mila ettari di terreno. Proprio le modifiche del territorio sono alla base dell’economia di Comacchio: non più solo pesca ma agricoltura e soprattutto turismo balneare, quello dei suoi setti lidi.

Sempre più forte è il turismo naturalistico, tutto legato al Parco del Delta del Po e ai suoi variegati habitat. Un occhio anche all’artigianato che produce oggetti in giunco, legno, vimini. In un territorio, quello di Comacchio, in cui il gusto è una parte importante delle vite di tutti, la Sagra dell'Anguilla non può che essere l'evento più celebre. Si svolge tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre e con tante iniziative, concerti, gastronomia, cerca di raccontare il mistero di questo animale che percorre migliaia di chilometri per riprodursi nel mar dei Sargassi e poi ritornare nelle valli.

La gastronomia di Comacchio ha come protagonista il pesce, di valle e di mare. Le vongole pescate al limitare delle varie lagune sono sempre ottime, sotto forma di sauté o nei classici spaghetti in bianco. Ma da assaggiare sono pure le linguine con le canocchie, uno degli elementi dei gustosi antipasti a base anche di cozze, cappe sante, astici, peveracci, acquadelle, gamberetti. Però la regina è lei, l’anguilla, che qui viene proposta in tanti modi diversi, spesso accompagnata con una bella fetta di polenta. La si può trovare grigliata, fritta, marinata, a becco d'asino o con le verze, persino tagliata a braciolette, squartata con tanto succo di limone o sotto forma di carpaccio con spezie.

Da provare il tipico brodetto, in cui l’anguilla tagliata a tocchi lunghi un dito è cotta con pomodoro, cipolla, una spruzzata di aceto e una scorza di limone. E da non lasciarsi sfuggire il risotto di anguille che vengono prima cotte con cipolla e sedano, poi spellate e ridotte in poltiglia. E che quindi vengono aggiunte al riso (altro tipico prodotto locale) con una finale generosa porzione di parmigiano grattugiato. Naturalmente, tutto va innaffiato con il vino, magari il Bosco Eliceo DOC Uva d'oro che, nonostante sia rosso, si accorda ad hoc con la cucina di pesce.

Perché Comacchio si chiama così? Vi sono due scuole di pensiero. Per la prima, il nome potrebbe derivare dal greco kuma che indica onda, poi trasformato nell’Alto Medioevo in cumaculum ovvero piccola onda. Per la seconda, la sua origine si troverebbe nel termine commeatulus, cioè raduno di navi oppure di dossi, intesi come isolotti, forse quei 13 su cui la città ebbe inizio. E c’è anche da ricordare Giuseppe Garibaldi, omaggiato con il lido Porto Garibaldi, che si chiamava Magnavacca. Qui l’eroe dei due mondi sbarcò nel 1849, con la moglie Anita malata che morì in località Mandriole.

Comacchio è un luogo magico che va assolutamente conosciuto. Una passeggiata nel suo intimo centro è molto piacevole, a immaginare come dovesse essere il posto prima del 1600, con le sue capanne di legno e di canne, in mezzo a canali e lagune. Un posto ideale per scoprire le bellezze di questo suo strano paesaggio che la circonda, un mix nato dall’intersezione tra uomo e natura, un regalo per gli uccelli che vi vivono tutto l’anno o che vi sostano periodicamente, tra canne palustri e vegetazione ripariale. Un regalo per noi che ne possiamo ammirare le morfologie non antichissime e che possiamo conoscere questi suoi visitatori alati, tra silenzi e anche no. Visto che la riviera dei lidi riserva tanto intrattenimento.

Prefisso:
0533
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
comacchiesi
Patrono:
San Cassiano
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0

Valutazione generale

24
Buona
10
Ottimo
9
Media
1
Bassa

Chi c'è stato

Tutti
16
Famiglie
4
Turisti maturi
3
Coppie
2
Giovani e single
1

Indicatori

Sicurezza
mangiare e bere
Accoglienza
Servizi ai turisti
attività
shopping
Accessibilità
Intrattenimento
convenienza
Attrattive
Alloggio
Trasporti
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0,0010008
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Comacchio

Conosci Comacchio? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Redazione
Livello 100     17 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : Il cuore antico di Comacchio si articola su una serie di isole del delta del Po, collegate tra loro da numerosi ponti che conferiscono alla cittadina un aspetto da favola.Tra i monumenti più importanti di Comacchio ricordiamo:la Loggia dei Mercanti... vedi tutto o del Grano, edificata nel XVII secolo per consentire la vendita dei prodotti di Comacchio; la Torre dell’Orologio, risalente al XIV secolo e ricostruita nel 1824; la Cattedrale di San Cassiano, costruita nel XVII secolo su un precendente edificio di culto del VII secolo, conserva al suo interno numerose opere d’arte; la Chiesa di Santa Maria in Aula Regia, antica chiesa di Comacchio, che si trova nei pressi del Museo Mariano d’Arte Sacra contemporanea; la Pescheria, un edificio del XVIII secolo costruito per ospitare il mercato del pesce (si tiene ancora oggi). Poco fuori dal centro storico della città vi sono i Lidi di Comacchio, famosi per le loro spiagge di sabbia finissima che d’estate sono tra i più frequentati di tutta la riviera romagnola. Le valli di Comacchio, caratteristico paesaggio lagunare che ospita migliaia di uccelli acquatici, costituiscono una grandiosa zona umida di oltre 11 mila ettari; con visite guidate si possono raggiungere vecchi casoni da pesca e lavorieri. A circa 4 chilometri dal centro abitato presso Casone Foce si trova il Museo delle valli di Comacchio, mentre a circa 23 chilometri si trova l’area archeologica di Spina, centro etrusco fiorito dalla fine del VI secolo al III secolo a.C. presso la foce del Po Spinet.
elena
Voto complessivo 8
Guida generale : Comacchio è una bella cittadina peccato che si parli solo di comacchio e non dei suoi paesi anche loro meritano ad esempio Vaccolino minuscolo ma antichissimo è stato il primo paese alle dipendenze di Comacchio, tutti gli altri non esistevano... vedi tutto ancora, vaccolino detentore del vecchio monastero di cella volana sorto intorno al 900 poi a cavallo del 1500 fu, distrutto il grande fiume bagna le terre di Vaccolino sull'argine corre l'antica via del sale oggi ciclabile è un percorso per gli amanti della natura bellissimo dove si incontreranno numerose specie di uccelli e una vegetazione rigoliosa di more mirtilli mele selvatichi vi lustrerete gli occhi dalla vista del secolare campanile di pomposa. In paese una chiesetta del 16000 un gioiellino che vi invito a visitare ...
barbara
Voto complessivo 9
Guida generale : Citta lagunare una piccola venezia con vari ponti di collegamento tra le vie del centro, tanti piccoli ristorantini affacciati sui canali della citta, ovunque si vada si mangia divinamente in particolare l'anguilla ai ferri, a cinque minuti dalla cittadina vi... vedi tutto sono sette lidi accoglienti per il turista con ampie spiaggie di sabbia
Donatella Bruschi
Livello 46     6 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 9
Guida generale : La piccola "Venezia" del Delta del Po, attorniata dal Parco del Delta, con il famoso "Trepponti" ormai pubblicizzato in diverse sfilate di moda trasmesse in tv, i suoi canali, i suoi ristoranti con la famosa e gustosa anguilla, le iniziative... vedi tutto culturali e le feste paesane. Insomma un paese che offre, grazie alla vicinanza del mare una splendida e particolare cornice.
carlo Beccaria
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : C'è tutto: tranquillità, paesaggi, natura, gastronomia, cultura, mare, animali! Piccoli B&B accoglienti e versatili, ristoranti economici e curati, altri più lussuosi, pittoresche vie e ponti senza auto, mare vicino con lunghe spiagge sabbiose, escursioni naturalistiche nelle valli lagunari, a un'ora... vedi tutto o poco più da Venezia, ma essa è una piccola "Venezia"; ad un'ora da Ferrara e Ravenna, con arte e gastronomia!
Da non perdere gita in batana
marco villa
Livello 11     1 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 7
Guida generale : Bellissima città,si mangia bene senza spendere un capitale.consiglio un giro a piedi per la citta vecchia con un giro sulle batane,tipica barca locale.visita museo nave romana,i trepponti,la vecchia pescheria.un ristorante su tutti La Comacina che fa'anche da buon hotel.si puo... vedi tutto visitare vicino l'abbazia di pomposa(bellissima),il capanno di garibaldi,la casa museo Remo Brindisi,la pineta di Volano e i suoi fiumi navigabili.rimarrete senza parole.sembra di essere nel sud est asiatico.poi la viva lido degli Estensi per il divertimento.....
Voto complessivo 7
Guida generale : Raggiungibile dal Bed and Breakfas La corte in circa 40 minuti, ottima meta eno-gastronomica per piatti a base di Pesce ed in particolare, specialita' di Anguilla di cui e' famosa citta' ospitante della relativa sagra settembrina . www.bedbreakfastcorte.it
Donatella Bruschi
Livello 46     6 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 8
Guida generale : E' una piccola "Venezia" adiacente il mare, per cui si abbina bene una visita al paese per poi recarsi ai lidi in spiaggia. Ricca di iniziative, tra l'altro è sede di sfilate di moda ai "Trepponti", offre ottimi ristoranti di... vedi tutto pesce dove gustare la mitica Anguilla!
Da non perdere Le vene di Bellocchio , Il centro storico , Le Valli di Comacchio e l'anguilla
Sabina savelli
Livello 52     3 Trofeo    Viaggia: In coppia
Voto complessivo 9
Guida generale : Città molto romantica ed allo stesso tempo l'ideale per gli amanti dell'arte e della natura. Mi è piaciuta tanto e ci sono tornata una seconda volta nel giro di 6 mesi. Bella! Se ripasserò da quelle parti sicuramente un giretto... vedi tutto ce lo rifarò. Molto bella anche Pomposa che è a poca distanza.
roberto
Livello 9     1 Trofeo    Viaggia: Con la famiglia
Voto complessivo 10
Guida generale : È una bellissima cittadina che ricorda i piccoli paesi olandesi. Inoltre è come una piccola Venezia e dove la cucina è straordinariamente all'altezza di qualsiasi palato. La vicinanza del mare ed il clima aumentano il desiderio di passare splendide giornate... vedi tutto o vacanze all'insegna del paesaggio, della cucina e della ricezione.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0010009
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0010013
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010004

Cerca offerte a Comacchio

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013





FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Enogastronomia
Arte e cultura
Sole e Mare
Mete romantiche
Verde e natura
Avventura
Mete per la famiglia
Sport
Cicloturismo
Shopping
DestinationListExperience-GetPartialView = 0,0010008
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0,0010009

Meteo Comacchio

Sereno
25 °
Min 2226° Max 3112°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0