×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0010013
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

Cirigliano: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
DestionationGallery-GetPartialView = 0,003003
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,003003

Il piccolo borgo di Cirigliano si trova nella provincia di Matera e stando all'estensione territoriale risulta esserne il meno abitato, posto al centro di monti che lo racchiudono e che in passato avevano le funzioni di mura e torri. Tutt’oggi l’abitato è formato da quella parte di terreno che va dal castello alla chiesa Madre. Il comune ha origini antiche che vanno a sfociare nel periodo romano, probabilmente infatti era proprietà di un centurione romano di nome Cerellio dal quale poi deriverebbe anche il toponimo. 

Nel XII secolo il centro abitato entra a far parte dell’Abbazia di Montescaglioso, poi divenne feudo dei Pagano dei Cirigliano e da qui succedettero altre famiglie. Particolare poi fu l'epoca post-risorgimentale che vide Cirigliano luogo di ritrovo di briganti famosi come Carmine Crocco. Testimonianze di questi anni turbolenti si trovano anche sulla grotta della Madonna scavata da un brigante pentito e situata 2 km fuori dal paese, tra gli ulivi e i vigneti. 

L'economia di zona resta marcatamente di tipo agricolo e pastorizio, prodotti tipici che si possono gustare da queste parti sono le letratte, un tipo di pasta fatta in casa, e una frittata a base di rafano nota appunto come rafanata. Molto variegata inoltre l'offerta per il turista che decide di visitare Cirigliano: si va infatti da attrazioni come la fonte d'acqua Furr, indicata anche come cura per l'apparato digerente, fino ad eventi e sagre particolari come il Carnevale all'insegna del mix sacro-profano esaltando le tradizioni dei mesi dell'anno. 


 

Prefisso:
0835
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
ciriglianesi
Patrono:
Giacomo il Maggiore
Giorno Festivo:
25 luglio
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0090094
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010017

Recensioni Cirigliano

Vincenza
Voto complessivo 10
Guida generale : Cirigliano è un piccolo paese della provincia di Matera circondato da una corona di montagne che offrono un orizzonte interessante e significativo. La prima testimonianza scritta dell’esistenza del paese risale al 1060 da una bolla della diocesi di Tricarico. Trae... vedi tutto la sue etimologia da “Caerellius” perché edificato nella proprietà di Cerellio presumibile centurione Romano che distintosi in battaglia gli furono donate queste terre. Si dice infatti, che Cirigliano era un paese di passaggio obbligato per chi da Eraclea doveva recarsi a Potenza o a Tricarico. Tappa obbligata in questo passaggio era la panetteria di Cirigliano e la taverna di Acinello Il centro abitato è situato a 650 m. slm e l’altitudine del territorio varia tra i 500 e 1200 m. slm. Il paese è circondato da torri e mura questo a conferma che trattasi di un borgo medioevale. Nel centro del paese si erge imponente l’antico castello feudale con la sua suggestiva torre ovale e l’annessa cappella dell’Addolorata nella quale si conserva tra l’altro una pietà del 600 incastonata su un tempiato di legno decorato. Il Castello di proprietà dei Coppola (acquistato da questi ultimi per 13.000 ducati dalla famiglia Iannellis 1595) fu acquistato in epoca post-medioevale (1750) dai baroni Formica, che ne conservano ancora oggi la proprietà. Pregevoli dipinti e affreschi sono conservati nella chiesa Madre. Fra la chiesa madre e il castello dei baroni si può ammirare il grazioso ed accogliente centro storico con le sue “strette”, le abitazioni ad archetti e piccole volti nonché antichi palazzi tra cui il palazzo baronale, il palazzo Fanelli (ex proprietà Famiglia Giuncale) attuale sede casa parrocchiale e della casa di riposo per anziani, e si ha memoria grazie ai ruderi ancora visibili di altri palazzi nobiliari di proprietà delle famiglie LA GRECA e ROSSI. Vi sono sul territorio del Comune i resti di 3 mulini ad acqua: - il mulino Santa Maria Vignola costruito nell’anno della carità 1848 dai Formica; - il mulino Don Carmine; - il mulino di Rupicelli riservato solo agli abitanti di quella Contrada. Il paese, dal castello ai palazzi dalle case alle strade è tutto rigorosamente costruito in pietra di Cirigliano a testimonianza dell’antica estrazione contadina della gente. La pietra di Cirigliano, ancora oggi estratta dalle sue cave, costituisce una importante risorsa, è e deve essere occasione di sviluppo dall’artigianato locale attraverso la sua lavorazione e commercializzazione. Esempi evidenti di valorizzazione della pietra sono: la cappella di S. Lucia, la piazza del paese recentemente ristrutturata e un ristorante tutti ricostruiti interamente in pietra locale. A circa due km. dal paese tra il verde degli ulivi e dei vigneti, si può ammirare la grotta dedicata alla Madonna e scavata nella roccia viva da un brigante pentito. Il territorio di Cirigliano prevalentemente montano è ricco di boschi di alto fusto e di sorgenti. La fonte acqua “furr” a 1000 m. slm catalogata come oligominerale è particolarmente indicata per la cura dell’apparato digerente. Nella vicinanze della sorgente acqua “furr” si trova un rifugio montano e un ristorante di proprietà comunale. Vi è poi a 1200m. slm il villaggio turistico “Serra Verde” tra il bosco di montepiano e le Dolomiti lucane. Manifestazioni tradizionali più significative per Cirigliano sono: il carnevale e la torre d’argento. Il carnevale, di antichissima tradizione culturale (1200-1300), rito propiziatorio tra il sacro e il profano rappresenta le stagioni e i mesi dell’anno esaltando per ognuno di essi le colture e le tradizioni proprie. La torre d’argento manifestazione culturale più recente dedica annualmente il premio “torre d’argento” a un personaggio Lucano distintosi oltre i confini regionali nei vari campi della vita sociale. La popolazione ciriglianese, da sempre dedita all’agricoltura e alla pastorizia, ha registrato fin dagli inizi del ‘900 un notevole calo demografico perché coinvolta dal grave fenomeno dell’emigrazione riducendo la popolazione residente intorno alle 500 unità. Cirigliano è il paese ideale per un periodo di vacanza per chi desidera riposarsi, respirare aria pura, bere acqua di sorgente e gustare le specialità culinarie ciriglianesi tra cui le famose le “letratte “. Venite vi aspettiamo.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0170145
DestinationListNear-GetPartialView = 0,057055
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008

Cerca offerte a Cirigliano

HotelSearch-GetPartialView = 0,0100098
AdvValica-GetPartialView = 0,0010004

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020022
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0030029
JoinUs-GetPartialView = 0,0020017

Meteo Cirigliano

Poco nuvoloso
6 °
Min 6° Max 12°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,033032
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013