×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020022
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010004
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013

Briaglia: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
DestionationGallery-GetPartialView = 0,003003
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0,0020017

Briaglia, sita in una posizione collinare incantevole che si apre su suggestivi panorami alpini e verso la pianura, viene anche definita “paese dai sette colli” in quanto il suo territorio comprende: il bric del Conte, il bric Rovei, il bric Messino, il bric dei Fiori, il bric della Guardia, il bric del Soldo ed il bric dell’Olla.
Le prime tracce di insediamenti risalgono all’89 a.C. ad opera dei Liguri Bagienni, che vennero successivamente conquistati dai Romani.
Atti ufficiali documentano che il territorio nel 901 fu sottoposto alla signoria del Vescovo di Asti e successivamente al feudo di Vico. Gli eventi che interessarono la storia di Mondovì e del Monregalese sono anche quelli di Briaglia che partecipò attivamente alle lotte per l’indipendenza ed alla guerra del sale nel 1621. Quando il contado di Mondovì fu smembrato, Briaglia fu annessa al comune di Vico e dal 1722 divenne feudo del Giuseppe Derossi di Usseglio.
Napoleone Bonaparte il 21 aprile del 1796 assistette, dal Colle della Guardia, alla battaglia del Bricchetto tra le sue truppe e quelle piemontesi guidate dal generale Colli.
Grazie al lascito patrimoniale del priore don Andrea Borsarelli ed all’intervento diretto del re di Sardegna Vittorio Amedeo, il 4 ottobre 1796 Briaglia divenne comune autonomo: contava 130 famiglie e 700 persone.

Prefisso:
0174
Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
briagliesi
Patrono:
San Magno
Giorno Festivo:
07 settembre
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0,0040038
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Briaglia

monica cervi
Livello 100     2 Trofeo   
Voto complessivo 8
Guida generale : Una realtà abitata da meno di 400 abitanti, posta nella provincia di Cuneo. Io l'ho visitata ad agosto mentre era attiva la Festa di San Magno, il patrono della città che viene celebrato con orgoglio dagli abitanti tramite l'organizzazione di... vedi tutto danze, teatrini, musica e spettacoli, oltre ai prodotti locali che vengono offerti. Camminando per il centro, potrete ammirare la Chiesa Parrocchiale di Santa Croce, la chiesa sconsacrata di San Giovanni.
Da non perdere Festa di San Magno , Chiesa Parrocchiale , Vie del centro
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0110106
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0512854
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Briaglia

HotelSearch-GetPartialView = 0,0100098
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0,0040038
JoinUs-GetPartialView = 0,0020022

Meteo Briaglia

Poco nuvoloso
3 °
Min 3° Max 7°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0,0170153
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
Footer-GetPartialView = 0,0020017
AdvValica-GetPartialView = 0