×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020022
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

Trevi: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010009

La città di Trevi è disposta a semicerchio su una collina a ridosso dell’Appennino umbro-marchigiano da cui si può godere di una vista senza pari, chilometri e chilometri di colline che sembrano quasi brillare, grazie alla luce che si infrange sui i suoi ulivi grigio-azzurri.

Il tour di uno dei borghi più belli d’Italia, inizia ancor prima di arrivare in città, lungo il percorso che sale verso il centro storico, spunta in silenziosa sacralità il Santuario della Madonna delle Lacrime, che prende il nome da un evento miracoloso, la lacrimazione di un dipinto raffigurante la Madonna. L’edificio dallo stile rinascimentale custodisce affreschi del Perugino e di Giovanni di Pietro, detto lo Spagna, del XVI secolo.

Una tappa immancabile è la Chiesa di San Francesco, facente parte della “Raccolta d’arte di San Francesco”. In perfetto stile gotico, la chiesa del XIV secolo, fu eretta per onorare il Santo che aveva predicato a Trevi nel 1213. L’interno, custodisce affreschi del XIV e XV secolo, ed un organo a muro del 1509, il più antico dell’Umbria. L’edificio fa parte di un complesso museale che comprende anche l’Antiquarium, il Museo della Città e del Territorio, ed il Museo Regionale della Civiltà dell’Olio, che permette un’interessante viaggio alla scoperta della storia e delle tradizioni della civiltà dell’olio, e della coltivazione e produzione di questo “prodotto principe” di Trevi.

Gli edifici sacri sembrano essere scrigni perfetti che preservano la storia e l’arte di questo antico borgo medievale, la Cappella di San Girolamo, vanta affreschi de lo Spagna e di Tiberio di Assisi, mentre l’adiacente Chiesa di San Martino, del XV secolo, custodisce opere di Pierantonio Mezzastris e dello Spacca; infine la Chiesa di Santa Croce custodisce una tela di Lazzaro Baldi.

Giunti nel centro storico ci si ritrova nell’ampia Piazza Mazzini, sempre sotto il vigile sguardo del Palazzo Comunale, costruito nel XII secolo, e dell’annessa Torre Civica. Percorrendo le piccole stradine che la circondano, si incrociano palazzi nobiliari e case medievali ancora intatte. Tra cui il seicentesco Palazzo Lucarini, che è sede di una delle principali case dell’arte contemporanea in Umbria, l’Associazione Culturale “Palazzo Lucarini Contemporary” dove sono ospitate mostre periodiche di arte contemporanea di livello internazionale; Palazzo Natalucci, dagli inusuali motivi architettonici di arte ebraica; ed infine Palazzo Valenti ospita una collezione archeologica di notevole importanza, raccolta da Paolo Valenti nel Cinquecento.

Merita una visita il Teatro Clitunno, risalente al XIX secolo, un tempo cuore e anima delle attività culturali, del paese. Il teatro vanta uno splendido sipario dipinto da Domenico Bruschi, rappresentante l’imperatore Caligola che offre sacrifici al dio Clitunno, ed ancora oggi ospita numerosi spettacoli durante l’arco dell’anno. In località Bovara si trova l’Olivo di Sant'Emiliano, ritenuto l’olivo più antico dell’Umbria, e censito tra le piante protette. Secondo la tradizione si trova lì da ben 1700 anni, da quando, nei suoi pressi, venne decapitato il patrono e primo vescovo di Trevi, Sant’Emiliano.

Altrettanto suggestive le passeggiate lungo il “sentiero degli ulivi” o “sentiero francescano”, alla scoperta del territorio, e tra le “case sparse olivate”, insediamenti rurali risalenti al 1400, che testimoniano la cultura dell’olivo e la storia del posto.

Il centro di Trevi brulica di cittadini e turisti ogni qualvolta viene allestito il Mercato del Contadino, dove gli agricoltori locali propongono le proprie produzioni stagionali, un’ottima idea per fare un regalo genuino a chi si vuol bene. I collezionisti si recheranno invece al Mercato delle Pulci, fatto di artigiani e antiquari, pronti a guidare chi lo vorrà, tra piccole occasioni. Altri invece si recheranno nel vicino Centro Commerciale PiazzaUmbra, (a soli 10 minuti di macchina), o si fermeranno nei graziosi negozi e botteghe di artisti che colorano il centro storico.

Lo stesso antico e stoico centro storico si anima al calar della sera, con le luci dei vari bar che invitano a passare una serata in compagnia magari sorseggiando un birra artigianale o degustando un Trebbiano, accompagnato da una tagliere di ottimi formaggi e miele. Chi volesse dedicarsi al divertimento notturno, può trovare nella vicina Perugia (a soli 40 minuti di auto) una serie di offerte tra locali alla moda e discoteche aperte fino all’alba.

Dopo tanto girovagare, la cosa migliore è di certo fermarsi in uno dei tanti ristoranti, osterie, o agriturismi della città per rifocillarsi con i piatti della tradizione locale, come gli strangozzi al tartufo e sedano nero, oppure i ravioli e la zuppa di farro, le costine di maiale alla brace su crema di sedano, e per concludere un buon vino rosso della casa. L’Umbria è di certo un territorio ricco di tesori, chi volesse continuare il tour tra paesaggi naturali mozzafiato e preziose testimonianze storiche, non ha che l’imbarazzo della scelta.

Un’ottima meta per una gita fuori porta (6 km) sono le Fonti del Clitunno, sulla via Flaminia, fra Spoleto e Foligno, un parco naturalistico che custodisce le sorgenti sotterranee dell’omonimo fiume, vera oasi naturalistica per diverse specie animali. A soli 18 km si trova Foligno, con il suo straordinario insieme architettonico costituito dal Duomo, il palazzo Comunale e il Palazzo Trinci, ed il suo verdeggiante Parco dei Canapè. Ed ancora Spoleto (32 km) con un antico Teatro Romano risalente al I secolo dopo Cristo, e il noto Museo Archeologico Statale. Ed infine le più note Perugia, ed Assisi, romantica e golosa la prima, luogo di pellegrinaggio e forte spiritualità la seconda.

Passeggiare a piedi
per uno dei borghi più belli d’Italia è di sicuro un piacere, ma per chi volesse accorciare i tempi, Trevi è servita dal servizio urbano “Umbria TPL e Mobilità SPA”, inoltre è possibile noleggiare delle bici o degli scooter. Per arrivare a Trevi si può utilizzare l’auto: al Km 143 della Strada Statale Flaminia, Roma-Fano. Uscita dall’A1 a Val di Chiana (90 Km) per Perugia, Foligno, Trevi oppure uscita a Orte (80 Km) per Terni, Spoleto, Trevi. Il treno: la stazione ferroviaria di Trevi dista 3 km dal centro, sulla linea Orte Falconara. L’aereo: dall’Aeroporto di Perugia Sant'Egidio (40 Km). Ed infine l’autobus: collegamento con le frazioni e comuni limitrofi e linea diretta per Foligno “SSIT - Società Spoletina di Imprese Trasporti”.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0250238

Attrattive

Shopping

AttractionFilter-GetPartialView = 0,009009
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0,0010009

Cosa vedere secondo voi



8 risultati filtrati per:
Rank 1# di 8
Rank 2# di 8
Rank 3# di 8
Image not found
Rank 5# di 8
Image not found
Rank 6# di 8
1 Voto
Rank 7# di 8
Rank 8# di 8
AttractionList-GetPartialView = 0,2132046
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0050042
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,0140136
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0020022

Cerca offerte a Trevi

HotelSearch-GetPartialView = 0,0130141
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0,0020017

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Trevi
GuideList-GetPartialView = 0,0010013
JoinUs-GetPartialView = 0,0010009
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0,0020021
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009