×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Terracina: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Terracina è un piccolo scrigno racchiuso tra il Golfo di Gaeta e il promontorio del Circeo. Vanta inoltre una posizione strategica: 100 km circa da Roma e 120 da Napoli.

La piazza del Municipio è il centro della sua storia: qui abbiamo resti del Foro Emiliano, del teatro romano, del capitolium e tratti della Via Appia. Mentre il Medioevo è rappresenato dalla torre dei Rosa (che oggi è sede del Museo Civico), dalla Cattedrale di San Cesareo, dal Palazzo Venditti e dal Castello Frangipane.

Terracina va visitata perchè è un giusto connubio tra mare, cibo, storia e archeologia. Il mare è quello delle spiagge sabbiose del promontorio del Circeo. Per assaggiare il Moscato di Terracina, le fragole e la mozzarella di bufala. Per fare un autentico percorso di arkeotrekking.

Il simbolo di Terracina è lo sperone del Monte Sant’Angelo: da qui è possibile cogliere la vista dei due simboli della città: il mare ed il Tempio di Giove Anxur, ciò che rimane di un complesso monumentale che formava l’intera acropoli, posto sul Monte Sant’Angelo. Qui la vista toglie il fiato, abbracciando le isole Pontine e il Golfo di Gaeta.

Terracina conserva gelosamente tracce della sua storia, materiale prezioso per un turista colto e curioso. Il mistero e il fascino del suo passato si celano già nel nome originario, Anxur che vuol dire Giove fanciullo, venerato sulla cima del Monte Sant’Angelo. Terracina ha accumulato e conservato tracce e pregevoli opere d'arte di diverse epoche che ne fanno un Museo a cielo aperto. Oggi Terracina è suddivisa in un Centro Storico Alto, l'antico centro cittadino con l'acropoli e in un Centro Storico Basso, frutto di una prima espansione in epoca romana.

Procediamo per gradi: dell’antica Terracina rimangono i resti del tempio di Giove Anxur, il pavimento augusteo di piazza del Municipio e i resti del teatro e parti del Capitolium, oltre alle sottostanti mura cittadine. Durante il Medioevo è stata costruita la Cattedrale, (che tuttavia conserva evidenti tracce del tempio pagano su cui fu innalzato), palazzo Venditti e la Torre Frumentaria, oggi sede del Museo archeologico.

Terracina offre al suo turista una delle spiagge più agibili e per questo più frequentate del litorale pontino; non mancano relax e divertimento notturno e diurno. Il litorale è lungo tre chilometri: le spiagge sono tutte attrezzate, mentre a poca distanza dalla spiaggia c'è il porto turistico dove partono traghetti per Ponza. Terracina vanta un vasto patrimonio archeologico di inestimabile valore. In questo, un elemento aggiunto è il fatto che il patrimonio è godibile “ a cielo aperto”, passeggiando per la città: stiamo parlando del Foro Emiliano al centro cittadino e del Tempio di Giove Anxur, che troneggia maestoso sulla cima del Monte Sant’Angelo.

Per chi vuole approfondire l’archeologia, si consiglia una visita al Museo Civico Pio Capponi che custodisce reperti archeologici che partono dal paleolitico superiore (resti di fauna fossile ed industria di pietra emersi in località Riparo Salvini), fino ai più noti di epoca romana.

Ogni giovedì si svolge il mercato settimanale, molto vivo soprattutto nel periodo estivo. Questo perchè in questo periodo l’abbondanza di prodotti ortofrutticoli raggiunge il suo culmine. I banchi del mercato si trovano in viale Europa, nella parte tra via Friuli Venezia Giulia e l’incrocio con via Badino Vecchia.

Essendo una località balneare, il picco del turismo a Terracina (anche notturno), si ha nella calda stagione. Tra le zone più frequentate è la zona del porto, sovente animata da spettacoli pirotecnici, feste, sagre. D'estate i lidi organizzano feste sulla spiaggia e occasioni di ritrovo: non sarà difficile scovarli sul lungomare. Per chi ha voglia di ballare c’è il Ribbon Club e il Beach Open Disco.

Come in tutte le cittadine di mare, il re della cucina di Terracina è il pescato fresco: il turista non avrà difficoltà a scegliere un posto dove mangiare. Per chi ama una cucina più raffinata e sperimentale, suggeriamo Bottega Sarra 1932 nel centro storico. Il locale è formato da tre piccole sale in stile moderno ed elegante e la specialità è l’incrocio tra cucina mediterranea e sapori del territorio. Il secondo è il Grappolo d'Uva, affacciato sul mare ma non lontano dal centro. Molto rinomato per il pesce. Il Vicolo di Mblò un antico edificio di origine gonzaghesca nelle cui stalle è nato un caratteristico ristorante. Degna di nota la carta dei vini, con 500 etichette italiane e non e una consistente offerta di champagne.

Terracina offre al suo turista anche momenti di pieno relax accompagnato da passeggiate in ambienti naturalistici incontaminati. Il primo il sentiero che porta al Tempio di Giove Anxur, sul Monte Sant’Angelo. Questa area, è meta di uccelli come il Germano Reale e il Cormorano. Nell'entroterra segnaliamo la Valle collinare di Campo Soriano e la Madonnina di Monte Leano. All’interno del centro storico una inaspettata oasi verde è il Parco della Rimembranza (così chiamato per il suo essere un monumento della Prima Guerra Mondiale).

Terracina è raggiungibile da Roma in automobile, tramite l’Autostrada del Sole A1 uscita al casello di Frosinone, oppure la SS Appia e Pontina. In treno da Roma, scendendo a Terracina (dove il servizio Cotral assicura il trasporto al centro città). Da Napoli in automobile tramite la SS Flacca fino a Formia, proseguendo sulla Superstrada Formia-Cassino e la SS Domiziana; oppure sempre l'Autostrada del Sole A1 uscita Frosinone. In treno tramite la linea ferroviaria Roma - Napoli dalla Stazione Ferroviaria di Monte San Biagio o Terracina.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

Divertimenti

Mangiare e bere

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



18 risultati filtrati per:
Rank 1# di 18
25 Voti
Rank 2# di 18
11 Voti
Rank 3# di 18
11 Voti
Rank 4# di 18
Rank 8# di 18
Rank 9# di 18
AttractionList-GetPartialView = 0

Conosci Terracina? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0

Cosa vedere vicino a Terracina

AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionListMapMultiplePin-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Terracina

HotelSearch-GetPartialView = 0
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Terracina
GuideList-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0