×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Norma: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Arroccata sulla cima di uno sperone sorge Norma, un balcone a picco incastonato tra i Monti Lepini e che s’affaccia sulla Pianura Pontina, offrendo la possibilità di ammirare un panorama meraviglioso fino a Terracina e alle isole pontine. Dall’antica Norba, città distrutta e mai ricostruita, ha preso vita questo piccolo borgo che offre ai visitatori la possibilità di fare una piacevole passeggiata tra i suoi vicoletti, i musei e le chiese. Vediamo nel dettaglio cosa vedere a Norma per non perdersi davvero nulla.

Cosa vedere a Norma: 5 cose assolutamente da non perdere

  1. Centro Storico. Il cuore di Norma può essere diviso in due parti: quella che s’estende lungo il corso e la parte più antica all’interno della cerchia di mura. Passeggiando tra le viuzze del borgo si susseguono vicoli stretti, scalinate e molti elementi medievali come archi e portoni. Da notare la fontana di Largo Caio Cestio realizzata in pietra locale del XIX secolo.
  2. Chiesa della Santissima Annunziata o Madonna del Rifugio. Le prime testimonianze della chiesa risalgono al 1227, quando venne inclusa da Papa Gregorio IX nella diocesi di Velletri. Sorge sul punto più alto del centro storico e, a causa dei numerosi rifacimenti, è ben diversa da quella medievale. Conserva diversi affreschi di pregio e l’affresco della Madonna miracolosa, arrivata a Norma nel 1717, venerata dalla popolazione e portata a spalla per le vie del borgo nella processione a lei dedicata.
  3. Chiesa della Madonna del Carmine o Chiesa Nuova. Si trova agli inizi di piazza Roma e nelle vicinanze della porta principale Taloccio. Edificata nel XVIII secolo come piccola cappella dedicata alla Madonna del Carmine, nel XIX secolo fu ampliata su richiesta di alcuni fedeli per ospitare la Confraternita della Buona Morte. Completata nel 1880 da Michelangelo Caetani, signore di Sermoneta, fu arricchita proprio grazie a una sua donazione con il meraviglioso altare marmoreo con colonne.
  4. I musei di Norma. Il primo è il Museo Archeologico di Norma, situato nel centro storico nei locai della vecchia sede comunale. Qui è possibile fare un vero e proprio tuffo nella storia dell’antica Norba. Al piano seminterrato le cinque sale ospitano un magazzino del ‘700 di conservazione dell’olio davvero suggestivo. Il secondo è il Museo del Cioccolato, realizzato nel 1995 da privati e che racconta la storia del cacao, la sua lavorazione, dalla semina al raccolto e con un reparto dedicato alle evoluzioni delle confezioni del cacao nel tempo.
  5. Antica Norba. A solo un chilometro di distanza c’è il sito archeologico dell’antica Norba, le cui origini risalgono al V secolo a.C. e creata come roccaforte per difendersi dai Volsci. Era circondata, infatti, da grandi mura realizzate con grandi blocchi in calcare, che possiamo ammirare ancora oggi, essendo tra le meglio conservate d’Italia. Oltre alle mura è ci sono numerosi monumenti come basamenti di templi, terme, cisterne, case, botteghe e strade basolate. Sulle colline troviamo due complessi architettonici chiamati “Acropoli maggiore” e “Acropoli Minore”. Il sito è aperto tutti giorni e l’entrata è gratuita, con la guida invece si paga 5 €.

Cosa vedere a Norma: i dintorni e gli eventi

Tutta la zona intono a Norma può essere definita meravigliosa. Merita senz’altro una visita il borgo medievale di Sermoneta con il suo castello, ma nelle immediate vicinanze sorge lo splendido Giardino di Ninfa con la “città morta”: si trova al confine tra Cisterna, Norma e Sermoneta. Sono ancora visibili i resti della città medievale come una parte del castello, le mura, il municipio, le chiese e gli edifici civili, il tutto immerso in un’oasi naturalistica con esemplari di piante e fiori provenienti da ogni parte del mondo. La presenza di un fiume rende l’atmosfera ancora più suggestiva.

Tra gli eventi da vedere a Norma ma soprattutto vivere, la Processione in onore della Madonna del Rifugio e il Norbensis Festival – Il Folklore per la Pace dei Popoli con la parata, le serate di gala con le esibizioni e tanti eventi correlati tra danza, musica, gastronomia e visite culturali guidate.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156262

Attività

Attrattive

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



8 risultati filtrati per:
Rank 1# di 8
Rank 2# di 8
1 Voto
Rank 3# di 8
1 Voto
Rank 4# di 8
Rank 5# di 8
Rank 6# di 8
Rank 7# di 8
Rank 8# di 8
AttractionList-GetPartialView = 0,203141
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Norma
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0