×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0,0020021
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0,0010008
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

Monteriggioni: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0,0010013

Un piccolo tesoro immerso nel cuore della verde Toscana, in questo e in molti altri modi, potrebbe essere descritto Monteriggioni, in provincia di Siena. Tipico esempio di borgo fortificato Monteriggioni ha un centro urbano di modeste dimensioni a causa delle mura che lo cingono, e che misurano perimetralmente 570 metri.

Ciò che rende indimenticabile questo borgo è la storia di cui sembra essere intriso in ogni suo edificio, vicolo o scalinata, contribuiscono anche la cura nei dettagli, dai fiori colorati sulle finestre dei negozi, alla pulizia delle strade, fino a delle graziose porticine dipinte che in realtà non portano in nessun luogo. La suggestiva cornice del castello di Monteriggioni appare come un luogo in cui il tempo si è fermato, con le sue quattordici torri lì ancora intatte, quasi a volerlo proteggere ancora dai pericoli e dagli anni che passano. Lo stesso Dante ne rimase colpito citandolo in un canto dell’Inferno; “Monteriggioni di torri si corona, cos la proda che 'l pozzo circonda”. Lo spettacolo della cerchia muraria - di forma ellittica che avvolge la sommità di un alto colle chiamato Monte Ala - è un biglietto da visita unico. Diventa quindi un’occasione irrinunciabile salire sulle mura e percorrere due tratti degli antichi camminamenti di ronda, dai quali si godono stupendi panorami sul borgo e sulle colline circostanti, dalle pendici coltivate a vigne e olivi.

Il Castello di Monteriggioni nacque con la funzione di fortezza a difesa delle mire espansionistiche della potente Firenze, per questo motivo si cercò di limitare al massimo le porte, punti deboli per eccellenza. La principale a levante, verso Siena, è detta Porta Romea o Franca, l'altra a ponente, che guarda verso Firenze, diametralmente opposta alla prima, è detta Porta San Giovanni o Fiorentina, dalla quale parte una strada sterrata. Entrambe conservano i segni dei cardini e delle buche usate per le stanghe di chiusura. Entrando da Porta Franca, (la porta principale) si raggiunge la grande Piazza Roma, al centro della quale vi è un caratteristico e rudimentale pozzo in pietra, essenziale in antichità per abbeverarsi, con la sue pietre ruvide, i vigneti e gli oliveti e i giardini come sfondo vi sembrerà davvero di essere in un’altra epoca. Sempre sulla piazza si affaccia la piccola e romanica Chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo, di origine duecentesca, al cui interno sono conservate alcune opere di grande valore, tra cui un quadro della Madonna del Vanni, due tabernacoli che risalgono al XV secolo, un Crocifisso ligneo ed una campana donata dalla Repubblica di Siena nel 1298.

Vicino alla chiesa di Monteriggioni possiamo trovare il Museo delle Armature Medievali, che custodisce fedeli riproduzioni di armi e armature medievali e rinascimentali, assieme a modellini che illustrano mezzi e tecniche di assedio. Ogni sala è dedicata a uno specifico momento della storia di Monteriggioni, dove alcuni pannelli esplicativi e un’audioguida multilingue accompagnano il visitatore, inoltre molto apprezzata dalla maggioranza del pubblico è la possibilità di maneggiare e indossare alcune armi e parti di armature.

Monteriggioni è una delle tappe della via Francigena, la 32esima per l’esattezza, e proprio qui è nato lo “Slow Travel Fest”, il primo festival in Italia dedicato alla cultura del viaggio lento, tra incontri, escursioni, arte, musica, cinema e natura. Una manifestazione per tutti i viaggiatori, dai bambini ai più esperti, che nasce per raccontare cosa significa spostarsi in simbiosi col territorio, a piedi o in bicicletta.

Nel pieno rispetto delle tradizioni, chi visita Monteriggioni non può non assistere ad uno Spettacolo di falconeria tenuto in alcuni fine settimana dall'Associazione “Falconieri del Re” per far rivivere la prestigiosa arte della falconeria dando dimostrazione di antiche tecniche di volo e caccia con splendidi esemplari di rapaci. Monteriggioni, non offre solo storia e tradizione, ma da anche spazio allo shopping ed ai souvenir.

Nella piazza centrale è possibile trovare graziosi negozietti molto curati, di cui la maggior parte offrono prodotti tipici, altri sono specializzati in home decor ed abbigliamento. Per chi volesse passare una divertente notte danzante il “Vanilla Disco Club” nei pressi di Monteriggioni, località Casone, è probabilmente la più grande discoteca nella provincia senese a circa 20 minuti da Siena (raggiungibile anche con il servizio navette). La discoteca arredata in stile moderno, organizza diverse serate a tema come balli caraibici e latino americani, con show e spettacoli di varie scuole della zona.

Piazza Roma è anche la sede dei tre ristoranti della città, che con i loro tavolini ben allineati e le caratteristiche insegne si prestano a rifocillare i visitatori, con i piatti della tradizione come Ficattole (antipasti fatti con la pasta di pane avanzata e fritta), Pappardelle con coniglio, i Pici con salsa briciolata (paccheri con salsa di zucchine e salsiccia), e gli Sfratti di Sorano (antico dolce di tradizione ebraica, impastato con miele, scorza d'arancia, noci, semi d'anice e noce moscata).

Sempre in piazza, per chi desiderasse un pranzo più frugale, c’è una gastronomia favolosa che prepara panini al momento. Oppure un osteria, che offre affettati della loro fattoria, pasta fatta in casa e il gustoso piccione. Monteriggioni rappresenta un ottimo punto di partenza per chi volesse scoprire il meraviglioso territorio toscano.

Gli amanti della natura non devono farsi scappare l’occasione di percorrere i sentieri della Montagnola Senese, ampia area verde classificata come Sito di Interesse Comunitario (S.I.C.). A piedi, in bici, o a cavallo il paesaggio offre secolari boschi di lecci alternati a ampi vigneti, con la possibilità, per chi lo desidera, di percorre suggestivi tratti dell’antica Via Francigena per Roma.

Un altro borgo medievale degno di nota è San Gimignano, con le sue tredici torri, rientra nel Patrimonio Culturale e Naturale Mondiale dell’UNESCO. San Gimignano ha una storia antichissima risalente al 929 d.C. ed anche qui troviamo diverse strutture religiose degne di nota come il Duomo, il cui interno è affrescato con Storie del Vecchio e del Nuovo Testamento, attribuite rispettivamente alla scuole di Bartolo di Fredi e Simone Martini. Notevole il Palazzo Comunale, sede della Pinacoteca e dei Musei Civici, con opere di Memmo di Flippuccio e Lippo Memmi. Notevole la raccolta di opere riunite presso il Museo d’Arte Sacra.

Vi è poi il Museo del Vino, dove si degusta e si può scoprire la storia del vino sangimignanese attraverso un itinerario costruito con pannelli, immagini e sensazioni olfattive. Tra i tesori della Toscana va citato anche Colle Val D’Elsa chiamato anche la “Città del Cristallo” per la sua secolare tradizione artigianale che ha portato i suoi cristalli in tutto il mondo. Non si può certo lasciare la Toscana senza aver visitato la città medievale per eccellenza, ossia Siena.

Il borgo di Monteriggioni è di modeste dimensioni, quindi facilmente visitabile a piedi, ma anche la bicicletta può risultare un mezzo molto comodo per riappropriarsi dei ritmi perduti e per vivere a pieno queste magnifiche strade immerse nella natura. Si può noleggiare una bici, magari elettrica, presso uno dei tanti centri di servizio o utilizzare le bici  dei punti bike sharing.

Nei pressi di Monteriggioni ci sono anche due parcheggi dove lasciare l’auto (a 50/250 mt dal Castello), mentre Monteriggioni si può raggiungere facilmente da Firenze, passando per la Superstrada Autopalio in direzione di Siena, uscire a Monteriggioni e seguire le indicazioni per il Castello. Monteriggioni è servita dalla Ferrovia Centrale Toscana attraverso la stazione di Castellina in Chianti - Monteriggioni. L'aeroporto con traffico commerciale più vicino è quello di Firenze.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0060055

Attività

Attrattive

Mangiare e bere

AttractionFilter-GetPartialView = 0,0090085
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



15 risultati filtrati per:
Rank 1# di 15
10 Voti
Rank 2# di 15
7 Voti
Rank 3# di 15
6 Voti
Rank 4# di 15
5 Voti
Rank 6# di 15
Rank 7# di 15
Rank 9# di 15
2 Voti
Rank 10# di 15
2 Voti
AttractionList-GetPartialView = 0,1691624
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0,0010009
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0050047
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0,018017
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010013
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010009

FreeContentHtml-GetPartialView = 0,0010008

Cerca offerte a Monteriggioni

HotelSearch-GetPartialView = 0,0100098
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0,0020017

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Monteriggioni
GuideList-GetPartialView = 0,0010009
JoinUs-GetPartialView = 0,0020021
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0010008
Footer-GetPartialView = 0,0010022
AdvValica-GetPartialView = 0,001
AdvValica-GetPartialView = 0