×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Friuli Venezia Giulia: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Il Friuli è un territorio che rispecchia il carattere della sua gente: schivo e schietto e al contempo molto generoso con coloro che desiderano scoprirne i segreti. Zona di ottimi vini e particolarità geologiche, il Friuli saprà stupirti sia durante una breve vacanza che in un soggiorno prolungato.

Cosa vedere in Friuli: le 10 cose assolutamente da non perdere

Cividale del Friuli

Cividale del Friuli può vantare un'origine che pochi luoghi, persino in Italia, possono fregiarsi di avere: questa cittadina fu fondata da Giulio Cesare. Cividale del Friuli, il cui nome originario era Forum Iulii, oggi è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'Unesco, che con questa scelta valorizza le tantissime chiese e i palazzi storici che testimoniano un passato glorioso. Uno dei punti di interesse più curiosi è il Ponte del Diavolo, che si narra fu costruito dagli abitanti con l'aiuto proprio del Diavolo, che da loro fu raggirato una volta ottenuti i propri scopi.

Aquileia

Aquileia divenne in epoca romana una delle località più fiorenti, al punto tale da guadagnarsi il soprannome di seconda Roma. Non è un caso dunque che l'architettura ed i resti archeologici rimasti a noi e tuttora perfettamente conservati e visitabili siano di grandissima rilevanza. La basilica patriarcale di Santa Maria Assunta, patrimonio dell'UNESCO, assieme a tutte le rovine splendide dei fasti della città antica, raccontano un'importante tradizione bizantina, con mosaici che lasceranno a bocca aperta.

Grado

Poco lontano da Aquileia, la località balneare di Grado vanta non solo delle splendide spiagge di sabbia e sassi che lambiscono un bell'angolo di Mar Adriatico, bensì un'architettura davvero notevole. Passeggiando per le viuzze di Grado, infatti, sembrerà quasi di trovarsi a Venezia: piccole calli del centro storico culminano in campielli di chiaro rimando all'epoca della Serenissima.

Palmanova

Un'altra cittadina che tradisce in modo chiaro il proprio legame con l'antica repubblica della Serenissima è Palmanova. Caratterizzata da una struttura ad impianto rinascimentale, la cittadella fortificata presenta delle mura tuttora in ottimo stato. Vista dall'alto, Palmanova offre uno spettacolo armonioso: un insieme ordinato di splendidi edifici che formano una stella nella campagna friulana.

Gorizia

Qui l'incontro di culture che caratterizza il Friuli diventa ancor più evidente: tradizione occidentale e orientale vengono sintetizzate alla perfezione nell'architettura e nei luoghi di interesse di Gorizia. Questa città valorizza al meglio tutte le eredità lasciate dai popoli latini, slavi e poi germanici: si tratta di una località cara alla casata d'Asburgo, che perciò hanno contribuito ad abbellirne l'architettura costruendo splendidi palazzi e vasti giardini.

Lignano Sabbiadoro

Si tratta di una delle località balneari più frequentate di tutto il Friuli e dell'Adriatico intero: tantissimi sono infatti i turisti che affollano questa cittadina, attirati dalla sabbia finissima, dal bel mare e da oltre quaranta stabilimenti che rispondono ad ogni esigenza. Oltre ai divertimenti diurni, nel periodo estivo qui si tengono moltissime feste al tramonto che proseguono poi durante la notte. L'offerta copre qualsiasi tipo di esigenza, dalle discoteche con musica house alle proposte più soft per famiglie.

Dolomiti Friulane

Altra popolare meta di vacanza, questa è la zona dove il Friuli incontra il territorio veneto. Qui gli amanti degli sport invernali si riuniscono ogni anno per approfittare degli splendidi paesaggi delle Dolomiti e praticare discesa libera, sci di fondo e lunghe ciaspolate in compagnia.

Castello di Miramare

Perla di rara bellezza e incontro tra opera umana e naturale appena fuori Trieste, questa residenza asburgica si affaccia in maniera drammatica a picco sul Golfo. Raggiungibile in pochissimo tempo partendo dal capoluogo oppure per chi proviene da sud, questo luogo è davvero imperdibile per chi si trova a passare per il Friuli.

Sorgente del Gorgazzo

La sorgente del Gorgazzo è una grotta subacquea a partire dalla quale trae origine il torrente che da essa prende anche il nome. Il carattere evocativo di questo luogo ha contribuito ad ispirare diversi artisti che si sono cimentati nell'immortalare i colori cangianti provocati dai riflessi della luce. Grazie alla loro limpidezza, le acque azzurre consentono di vedere anche dalla riva la statua di Cristo che si trova a quasi dieci metri di profondità.

Lago del Predil

Rimanendo in ambito di bellezze naturalistiche friulane non può mancare una gita in primavera/estate al meraviglioso lago del Predil. Questo bacino d'acqua di origine glaciale situato vicino a Tarvisio può vantare delle acque di color azzurro tendente al verde, alle quali fanno da contorno boschi e monti unici al mondo. Qui l'intera famiglia può divertirsi grazie alle molteplici attrazioni offerte dallo stabilimento che sorge sulle rive.

Cosa vedere in Friuli

Cosa vedere in Friuli... senza perdere tempo!

Cosa fare in Friuli gratis

Per chi è alla ricerca di attività gratuite in Friuli, i trekking costituiscono una valida opzione. Se tu e i tuoi compagni di viaggio siete amanti delle passeggiate naturali, potete percorrere il sentiero di Rainer Maria Rilke, poeta che si narra amasse passeggiare lungo l'altura di Sistiana che si affaccia sul Mar Adriatico.

Cosa fare in Friuli coi bambini

Il lago di Barcis, che si trova a pochi chilometri da Piancavallo, è il contesto ideale per riunire tutta la famiglia all'insegna della vita sana praticata all'aria aperta. Qui infatti è possibile cimentarsi in diversi sport d'acqua, come ad esempio la vela, il surf e la canoa ed al contempo percorrere i sentieri in bici o a piedi alla scoperta di una natura incontaminata e bellissima anche in autunno.

Cosa fare in Friuli alla sera

Se si visita il Friuli nel periodo primaverile o estivo, non possono mancare delle incursioni serali alla scoperta delle tante sagre e feste paesane. Questa terra è da sempre un'area di confine, dove la cultura slovena ed in generale quella mitteleuropea sono tutt'ora molto presenti, come si può vedere anche dalla gastronomia in cui piatti rappresentano sapori tipici dell'Est Europa. Le feste di paese sono l'occasione perfetta per scoprire l'autenticità dell'incontro tra i popoli.

I dintorni del Friuli: cosa non perdere

Scoprire i dintorni del Friuli vuol dire anche avventurarsi in percorsi che esulano dalle classiche mete turistiche. Immergersi nella vita locale significa assaporare dei ritmi più lenti, perfetti per quanti vogliono a assecondare le potenzialità per delle vere e proprie vacanze all'insegna dell'enogastronomia.

Le Colline del Friuli sono il paesaggio ideale in tal senso, poiché puntellate da paesini all'interno dei quali arte e gusto si sposano naturalmente. Ad esempio, nell'area di Fagagna sorgono ben due castelli: l'omonimo di Fagagna e l'altro di Villalta. Dopo una visita culturale si può assaggiare il formaggio locale, realizzato impiegando esclusivamente latte crudo che non viene pastorizzato con un processo artigianale. Infine, organizzare una visita in una delle tante cantine del luogo significa andare alla scoperta di un legame indissolubile, quello tra i friulani e i propri vitigni, che raccontano tutte le peculiarità di questo territorio.

Cosa fare nel periodo natalizio in Friuli

Visitare i paesini del Friuli sotto il periodo natalizio aggiunge fascino a quella che è una terra già ricca di mistero. In particolare, la tradizione del Paquin che si svolge prima e durante la Befana coinvolge moltissime comunità contadine del Friuli, che ogni anno si ritrovano per celebrare questo evento. Ecco dunque che se ti troverai qui verso l'inizio dell'anno potrai scoprire un Friuli inedito, che si ritrova nelle piazze per mantenere vivo il proprio folklore.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156262
AttractionTabSwitcher-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



546 risultati filtrati per:
Rank 1# di 546
79 Voti
Rank 2# di 546
69 Voti
Rank 3# di 546
24 Voti
Rank 5# di 546
17 Voti
Rank 6# di 546
17 Voti
Rank 9# di 546
14 Voti
Rank 10# di 546
14 Voti
AttractionListNSContainer-GetPartialView = 0,1875142
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0156276
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionListMapMultiplePin-GetPartialView = 0,0156258
AdvValica-GetPartialView = 0
Gallery_3xN_Small-GetAsyncComponentContainer = 0

Il meglio secondo voi

HotelListBest_1xN-GetPartialView = 0,1250089
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0