×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Forte dei Marmi: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Elegante, marina, montana, collinare. Forte dei Marmi è un luogo dove rilassarsi tra spiaggia e pinete ma anche dove inseguire una vita da vip, tra boutique e locali alla moda. Con lo sguardo che si allarga nelle località della Versilia e delle vicine Alpi Apuane, in un continuo mosaico di esperienze, sempre tra cielo, terra, mare e boschi, di cui Forte dei Marmi, ben 5 chilometri di spiaggia, è il centro più esclusivo, tra cultura, divertimento, mondanità, natura e riposo.

Forte dei Marmi vale la pena di visitarla per tutte queste ragioni perché regala una vacanza, breve o lunga che sia, diversificata in termini di emozioni ed esperienze, dal relax sulla sabbia o in pineta, alla scoperta di musei e monumenti, agli appuntamenti sportivi periodici, tra maratonine e biciclettate in compagnia. Nome e simbolo, per questa località tirrenica, coincidono perfettamente, visto che è proprio il forte al centro città o meglio, il Fortino a sottolineare la sua doppia identità, visto che a questa struttura si lega uno dei suoi commerci più fruttuosi, il marmo: da qui il nome della città. Altro elemento di identificazione è il Pontile: costruito in cemento armato, diversifica la larghezza nei suoi 275 metri di lunghezza, un tempo punto di imbarco per i grossi blocchi di marmo in partenza per ogni parte del mondo, ora offre uno scorcio inusuale della terraferma così lontana.

Tra le perle che fanno innamorare di Forte dei Marmi, c’è Villa Bertelli, residenza di fine 800, nella frazione Vittoria Apuana, sede di una società adibita alla vendita di esplosivi. Poi fu albergo, in stato d’abbandono e finalmente riportata in vita dal comune che ne ha fatto uno dei luoghi dove si svolgono mostre ed eventi, nonché biblioteca comunale: una magia d’altri tempi che riguarda pure il parco tutto attorno, con sentieri tutti da percorrere. Da assaporare inoltre l’architettura di charme del quartiere chiamato Roma Imperiale dove è possibile visitare le dimore ideate da architetti del calibro di Giò Ponti. Interessante anche il municipio di Forte dei Marmi, in Piazza Dante: una struttura dell’epoca fascista, caratterizzata da una tipica forma a "M", in onore di Mussolini; di fronte, un bel giardino all’italiana nel parco della Rimembranza. Risale agli anni venti del secolo scorso l’edificio sacro dedicato a San Francesco: affacciato sulla piazza principale, attorno al quartiere di Vittoria Apuana. Più piccola e ottocentesca la chiesa di Sant’Ermete Martire.

Lungo la via Provinciale, andando verso il mare, si trova un vecchio edificio in pietra risalente al 1600: utilizzato come deposito di ferro della Magona, dal nome di una istituzione cinquecentesca che si occupava del monopolio del ferro. In giro per la città ci sono diverse statue e monumenti, la Mancina, una gru di ferro massiccio di 12 tonnellate che stava sul pontile caricatore; distrutto dai nazisti, la grù finì in fondo al mare a pezzi, tirati sù solo negli anni ’80 del secolo scorso e collocati su un cubo di marmo bianco alto 1,60 metri, visibile dalla piazza dei lavoratori del mare, nel Parco Falcone e Borsellino. È inoltre possibile ammirare alcuni lavori dello scultore Arturo Dazzi, Marinai con fucile e Giovane con clava e cane lupo, ubicati vicino Piazza Etterbeek e Piazza Polacci, o La Vittoria in Piazza Garibaldi. In via XX settembre, nella piazza a lui dedicata, una scultura-panchina in marmo è stata creata da Rosalda Gilardi per un omaggio a Eugenio Montale. Davanti al Pontile, un bronzo di Anna Chromy, dedicata ai timonieri che navigano verso l’ignoto.Per gli amanti dell’arte, in via Matteo Civitali, il Museo Ugo Guidi, autore nato a Querceta: cinque sale con circa 600 tra sculture, disegni e tempere a testimonianza di uno scultore sensibile e acuto osservatore della natura.

Per quanto riguardo lo shopping a Forte dei Marmi, tra Piazza Garibaldi, Via Roma, Via Mazzini e Piazza Dante, ampia scelta di negozi che propongono i migliori brand italiani e stranieri, dall’abbigliamento ai gioielli, dagli accessori alle calzature. Non mancano prodotti enogastronomici e d’artigianato. Un itinerario entusiasmante.

Il divertimento della cittadina va da locali come La Capannina, famosa al pari della vicina Bussola di Focette a Marina di Pietrasanta. Gettonato anche il Cupido. Spostandosi verso altri luoghi, a Lido di Camaiore c’è Baronette; a Viareggio il night club Piper e la Capannina di Viareggio.

Per i ristoranti a Forte dei Marmi, la scelta è ampia e sempre di ottima qualità, tra pietanze che esaltano la tradizione e altre che strizzano l’occhio alle ricette internazionali. Tutta la città, ma soprattutto la zona tra Pontile e Fortino è terreno di caccia per la gola. Non mancano itinerari ad hoc: le strade del vini o dell’olio, ad esempio, come la via Palatina – Montignoso, verso le colline versiliesi, con terra rossa e roccia calcarea affiorante, tra macchia mediterranea e boschi di lecci, al confine con la zona di produzione del Candia dei Colli Apuani nel comune di Montignoso. Oppure Strettoia e Monte Ripa a Seravezza, ripide colline, cuore storico dei vigneti versiliesi: qui nascono le tipicità dello Strinato e del Monte di Ripa. Verso Castiglione, a ridosso delle Alpi Apuane vengono coltivati con il metodo delle terrazze gli olivi secolari della specie protetta IGP Olivo Quercetano.

Forte dei Marmi è la base ideale per tanti itinerari che possono accompagnarci con stupore verso il sud, toccando sulla costa luoghi come Marina di Pietrasanta o Viareggio, o magari lasciando la riviera, dirigendoci a nord tra Massarosa, Camaiore, Stazzema, Seravezza. Un caleidoscopio di emozioni sulle tracce di Gabriele D’Annunzio o Eleonora Duse, Guglielmo Marconi e persino Giosuè Carducci, la cui casa natale è nella frazione di Valdicastello a Pietrasanta, uno dei paesi più antichi della Versilia con tanto di fortezza longobarda. A Marina di Pietrasanta, oltre che per il piacevole turismo balneare, da non perdere il Parco della Versiliana, eccezionale macchia di pini e lecci nei pressi del litorale di Fiumetto. Sempre lungo la costa, tappa a Viareggio, nata nel 1171, nota per il celebre Carnevale ma anche per la cinquecentesca Torre Matilde e Villa Puccini, a Torre del Lago, paesino sulle sponde del limitrofo Lago di Massaciuccoli, nei cui pressi ci sono anche resti di una villa romana. Verso l’interno, la chiesa romanica di Pieve a Elici e il Parco Naturale di San Rossore, Migliarino e Massaciuccoli. E poi, ai piedi delle Apuane, Camaiore. In questa zona per via delle cave di marmi preziosi e per lo straordinario patrimonio di biodiversità animale e vegetale, protetto dal Parco Naturale delle Alpi Apuane, da gironzolare anche con percorsi di trekking e mountain bike, è ancora possibile ricostruire una filiera completa del pane, nei boschi tra Lunigiana, Garfagnana, alta Versilia in cui vengono fatte essiccare le castagne per certi di tipi di pani scuri, ritrovabili nei paesini limitrofi. Un percorso che si snoda tra Seravezza, Azzano, Pontestazzemese, Ruosina, Querceta, per ritornare a Pietrasanta e a Forte dei Marmi.Per chi ama la bici, ci sono diversi itinerari che partono da Forte dei Marmi, con percorsi ciclabili.

A Forte dei Marmi si arriva o con treni a lunga percorrenza, che fermano a Viareggio, sia con treni regionali: le stazioni utili sono: Pietrasanta e Forte dei Marmi. In auto, in base alla provenienza dei visitatori, ad esempio da Genova percorrendo l’Autostrada A12 direzione sud fino al casello Versilia; da Milano prendendo l’Autostrada A1 direzione sud fino a Fidenza, poi immettersi sulla A15 (Autocamionabile Cisa) fino a La Spezia, dove si prende la A12 direzione sud fino in Versilia. Da Roma percorrendo l’Autostrada A1 fino a Firenze, da qui si prende Autostrada Firenze-mare A11 fino a Lucca dove poi ci si aggancia alla bretella autostradale per Viareggio. Per muoversi in loco ci sono i bus della Vaibus. Previsto in estate, da luglio ad agosto, il servizio bus "Versilia by night" che trasporta nelle diverse località dai locali della movida notturna.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

Divertimenti

Mangiare e bere

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



22 risultati filtrati per:
Rank 1# di 22
9 Voti
Rank 2# di 22
3 Voti
Rank 3# di 22
3 Voti
Rank 4# di 22
3 Voti
Rank 5# di 22
Rank 6# di 22
Rank 7# di 22
1 Voto
Image not found
Rank 8# di 22
Rank 9# di 22
1 Voto
Image not found
Rank 10# di 22

PISCINA TENNIS RAFFAELLI

Indirizzo: 78, V. DELL' ACQUA
Telefono: 058489167
AttractionList-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Forte dei Marmi
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156262
AdvValica-GetPartialView = 0