×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Castel di Tora: cosa vedere, cosa visitare e cosa fare  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Sulle acque del Lago del Turano si specchia Castel di Tora, un borgo inserito tra i più belli d’Italia e che possiamo definire senza indugi da non perdere nella zona del reatino. Ci troviamo infatti nel Lazio, immersi nella Riserva Naturale Monte Navegna e Monte Cervia, una zona importante dal punto di vista naturalistico e storico. Ma cosa vedere a Castel di Tora? Andiamo alla scoperta di questo paesino medievale che conta meno di 300 abitanti.

Cosa vedere a Castel di Tora: 5 cose assolutamente da non perdere

  1. Antico borgo. D’impronta medievale, il centro storico di Castel di Tora è ricco di edifici interessanti ed è un vero piacere passeggiare tra i vicoli e le stradine strette disseminate di archi, collegate con scalinate e piccoli passaggi, grotte e cantine antichissime scavate nella roccia: insomma è possibile respirare un’atmosfera d’altri tempi. In alcune zone del borgo sono visibili anche dei resti romani, come frammenti di colonne, iscrizioni, gradinate e piazzette che affascinano tutti i visitatori.
  2. Antica cinta muraria. I resti delle antiche mura che circondavano Castel Vecchio, così com’era chiamato il borgo fino al 1864, sono ancora visibili insieme alle due torri d’avvistamento e alla torre a base pentagonale della fortezza (ormai perduta), edificata nel XI secolo su una rupe a strapiombo.
  3. Chiesa di San Giovanni Evangelista. In tipico stile barocco, è stata costruita ampliando un edificio romanico nel XVIII secolo; la chiesa è abbellita da affreschi cinquecenteschi di pregio e infatti al suo interno è possibile ammirare la preziosa tela “Madonna col Bambino e i Santissimi Giovanni Evangelista e Anatolia”. Affiancata dal campanile è assolutamente da non perdere.
  4. Fontana del Tritone. Realizzata nel 1898, si trova nella piazza centrale ed è sicuramente una delle cose da vedere a Castel di Tora, non solo per la bellezza in sé, ma anche perché da questo punto è possibile godere di un bellissimo affaccio sul lago e scattare delle foto suggestive. Inoltre nelle vicinanze si trovano diversi buoni ristoranti.
  5. Città perduta di Antuni. Un istmo sul lago del Turano collegata Castel di Tora al borgo di Antuni, uno dei borghi abbandonati del Lazio più affascinanti. Dopo diversi passaggi di proprietà giunse nelle mani dei Del Drago, dei quali ammirare ancora il sontuoso Palazzo (Del Drago) con le sue mura, la mulattiera e la torretta. Oggi questa città fantasma è di proprietà del comune di Castel di Tora e comprende anche l’eremo di San Salvatore posizionato su una parete rocciosa a picco sul lago. Il borgo è visitabile tramite l’associazione “Camminando Con”.

Cosa vedere a Castel di Tora

Cosa vedere a Castel di Tora: gli eventi

La gastronomia è protagonista assoluta in due eventi di Castel di Tora molto importanti per le tradizioni locali: stiamo parlando della Festa del Polentone, classico e tradizionale piatto locale preparato con polenta di farina di mais condita sugo “magro” di aringa, tonno, baccalà e alici, che da secoli segna l’inizio della Quaresima e della penitenza. La festa si svolge infatti la prima domenica di Quaresima e prevede il taglio a fette della polenta con lo spago imbevuto con l’olio extra vergine d’oliva della Sabina.

Appuntamento annuale anche con la Sagra degli Strigolizzi della prima domenica d’ottobre: per tradizione le donne preparano la pasta con uova e farina il sabato precedente per distribuirla poi nella piazza principale durante la festa. Da non perdere anche la Festa di Sant’Anatolia che prevede la processione con la statua della Santa attraverso il lago: percorre infatti il ponte che collega Castel di Tora con Colle di Tora. La festa si conclude ci il “Ballo della Pantasima”, un fantoccio animato tra luminarie e mortaretti.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0,0156253

Attività

Attrattive

Mangiare e bere

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0

Cosa vedere secondo voi



6 risultati filtrati per:
Rank 1# di 6
Rank 2# di 6
2 Voti
Rank 3# di 6
1 Voto
Rank 4# di 6
Rank 5# di 6
Rank 6# di 6
AttractionList-GetPartialView = 0,1562495
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0,0156249
AdvAdSenseSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Castel di Tora
GuideList-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0