×
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.
Clicca qui per più informazioni o per negare il consenso a tutti o alcuni cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0,0156244

Cosa visitare a Alcamo  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0

Panoramica per visitare Alcamo al meglio

Città di mare e di collina, di spiaggia e di campagna, Alcamo, un centro dove si trovano chiese che sono veri e propri scrigni d’arte, in cui scoprire capolavori che vanno dagli affreschi agli stucchi, risalenti a un periodo molto fecondo, tra il '500 e il '600, tanto da essere uno dei centri più rinomati della provincia trapanese per storia, cultura e tradizioni.

Alcamo, città balneare, con la sua spiaggia sabbiosa e dorata, lunga tre chilometri e incastonata nel Golfo di Castellammare, Alcamo Marina, distante circa 6 chilometri dal centro della città, l’acqua è cristallina, la spiaggia mostra un percorso tra le dune litoranee che nella stagione calda si riempiono del candore e dei profumi dei gigli selvatici che crescono in un posto idela pure per praticare diversi sport acquatici. Dopo essersi rilassati sulla spiaggia, è possibile curiosare tra i resti di un'antica fornace, in contrada Forgia, risalente al periodo tra il I e il IV secolo d.C.: qui si producevano tegole e mattoni usati dagli antichi Romani.

Il simbolo di Alcamo è il Castello dei Conti di Modica, proprietari del luogo tra il 1410 e il 1812, anche se la struttura massiccia fu costruita alla metà del 1300 dai Chiaramonte. Particolare la sua forma a pianta romboidale, con due torri cilindriche e due quadrate, un cortile interno, uno scalone d'onore in marmo rosso proveniente dalle cave del Monte Bonifato. Oggi il Castello è sede di polo museale e di attività culturali, ospita il Museo Etnico-Agricolo-Pastorale ed Artigiano e tante testimonianze sulla produzione del vino e della cultura locale.

In giro per il centro storico di Alcamo, da visitare la chiesa madre, la Basilica di Santa Maria Assunta, trecentesca anche se la struttura che oggi si ammira risale alla del 1600, con una facciata di fine '700 in stile neoclassico. Al suo interno, protagonista, il marmo rosso del Monte Bonifato e tra le opere, la cappella gotica della Santa Spina, del 1430, e il cinquecentesco trittico marmoreo della Madonna tra i santi Filippo e Giacomo. La scultura è dovuta alla famiglia Gagini, Antonello padre e Antonino e Giacomo, i figli, che hanno operato tra 1400 e 1500. Altri loro lavori si incontrano nella Chiesa di Sant’Oliva (la statua della santa) e nella Chiesa di San Francesco d’Assisi, con le statue di San Marco e di Maria Maddalena.

Da vedere, poi, l’unico monumento di origine araba presente ad Alcamo, ancora perfettamente conservata e agibile, una torre di avvistamento costruita nell’anno 980; nel corso della sua lunga storia è stata pure trasformata in campanile e all'interno si può salire con una scala a chiocciola costruita in pietra con 84 gradini. La Chiesa dell'Annunziata mostra uno stile gotico-catalano, si può ammirare solo l’esterno, è priva di copertura ed è molto affascinante in quello che ancora mostra; è stata edificata nel 1300, successivamente rivisitata nel '600.

Da visitare il Santuario di Maria Santissima dei Miracoli, del 1547. Barocca la Chiesa del Santissimo Crocifisso.

Ritenuta una delle chiese barocche siciliane più belle, la Chiesa dei Santi Cosma e Damiano, visitabile su richiesta. Essa è il risultato di lavori effettuati tra il 1500 e il 1700. Da curiosare pure attorno al Palazzo Rocca, del 1629, in corso VI aprile, con il prospetto in conci di pietra rotta e mensole e portali in pietra intagliata, mentre in via Rossotti si trova Palazzo Rossetti-Chiarelli, costruito nel XVIII secolo, con ringhiere bombate in stile barocco. Gusto neoclassico per il Palazzo del Comune.

La zona di Alcamo presenta, inoltre, acque termominerali, a circa 7 chilometri dalla città, al confine tra Calatafimi e Castellammare di Stabia, usate sin dai tempi più remoti. Hanno una temperatura costante di circa 51° e sono impiegate per fangoterapia, balneoterapia, grotte naturali, cure inalatorie, insufflazioni endotimpaniche, indicate quindi nelle malattie reumatiche croniche, nell'artrosi, nelle nevriti e nevralgie, in alcune malattie croniche della pelle, nonché a scopi estetici. Tanti gli stabilimenti ma da ricordare le Terme Segestane di Castellammare e le Terme Gorga di Calatafimi. Inoltre vi sono i Bagni Liberi di Segesta, detti Polle del Crimiso, affioramenti di acqua termale che sgorga sulle sponde del fiume omonimo. Si fa il bagno nelle piccole anse riparate del fiume, in un panorama unico, tra canneti, tamerici, pareti rocciose di travertino bianco striato di rosa.

Per acquistare i prodotti tipici di Alcamo si gira per il centro, alla ricerca di botteghe e negozi dove poter acquistare il vino d'Alcamo e olio extravergine, oggetti di artigianato tra merletti, ceramiche decorate e dipinte, legno intarsiato, accessori in ferro battuto. Il mercoledì mattina viene allestito il mercato settimanale in cui trovare anche il melone porceddu.

La vita notturna è molto vivace ad Alcamo, soprattutto nel periodo estivo. I posti giusti per tirar tardi si concentrano tra piazza Ciullo e piazza della Repubblica. Alcuni nomi, Alter Ego Pub, in via Tenente Pietro de Blasi, o Cavatappi in piazza Mercato. Sulla spiaggia di Alcamo Marina si trovano svariati locali dove è possibile ascoltare musica dal vivo. La zona centrale della città e il lungomare di Alcamo Marina sono i posti giusti dove mangiare i piatti della tradizione sicula, quasi tutti a base di pesce. Qualche nome, La Funtanazza, vicino al Parco Avventura, aperto solo in primavera ed estate; via Monte per Monte Bonfato, La Taverna del Carrettiere è in Alcamo Marina, La Giara in corso dei Mille.

Arrivando ad Alcamo, percorrendo l'autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo, si trova un imponente edificio, il Castello di Calatubo, dall’arabo Kalata et tub, cioè terra di tufo, posto su un rilievo roccioso, domina il golfo di Castellammare da un lato e l'entroterra, fino al monte Bonifato, dall'altro. Risale probabilmente al periodo tra il X e l’XI secolo. Altro complesso architettonico è il Castello dei Ventimiglia, sul monte Bonifato, di cui si parla già verso la fine dell’anno 1100 anche se il castello visibile risale al XIV secolo: non rimangono che ruderi che dominano l'intero Golfo di Castellammare.

Tra gli itinerari vicini ad Alcamo, da visitare la Riserva Naturale Orientata Bosco di Alcamo, i cui declivi sono colonizzati dall'ampelodesma, arbusto comunemente detto disa, assieme a tanta euforbia, palma nana, sommacco, ginestra, ferula, con un fitto bosco in cui ci sono conifere e specie decidue, casa di molte specie di uccelli. Qui si trova la "funtanazza", grande serbatoio per la raccolta delle acque provenienti da una sorgente sovrastante, edificio medioevale a pianta rettangolare, con una capienza di circa 1200 metri cubi e dalle mura spesse circa 2,20 metri che garantivano l'impermeabilità grazie a un impasto di cocciopesto e malta. A poco più di mezz’ora si può visitare l’area archeologica di Segesta che, fortemente ellenizzata, è stata una delle principali città degli Elimi, un popolo che secondo la tradizione antica proveniva da Troia.

Ad Alcamo centro ci si muove a piedi e ci sono due ampi posteggi per auto in piazza Bagolino e in piazza della Repubblica. Nel comune si arriva da Palermo (e da Trapani) percorrendo l'Autostrada A-29, Palermo-Mazara del Vallo, uscita Alcamo Est. In aereo, si arriva agli aeroporti di Palermo e/o Trapani. Si può arrivare anche con il treno alle stazioni di Alcamo Diramazione o di Castellammare di Stabia, linea ferroviaria Palermo-Trapani. Per gli spostamenti in bus rivolgersi a Segesta Autolinee.

CommonInfoPlaceOverview-GetPartialView = 0

Attività

Attrattive

Divertimenti

AttractionFilter-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
13 risultati filtrati per:
Rank 1# di 13
4 Voti
Rank 2# di 13
3 Voti
Rank 3# di 13
3 Voti
Rank 4# di 13
2 Voti
Rank 5# di 13
Rank 6# di 13
Rank 7# di 13
Image not found
Rank 8# di 13

TERME GORGA S.R.L.

Indirizzo: , DIRAMAZ. STAZIONE
Telefono: 092423842
Image not found
Rank 9# di 13

AREA CINQUANTUNO

Indirizzo: 2, V.LE ITALIA
Telefono: 0924501511
Image not found
Rank 10# di 13

Cinema Esperia Srl

Indirizzo: 19, Corso Sei Aprile
Telefono: 092421766
Rank 11# di 13
Image not found
Rank 12# di 13
Rank 13# di 13
AttractionList-GetPartialView = 0,1562499

Conosci Alcamo? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
ReviewAddReview-GetPartialView = 0,0156249
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0
ContentListPostListSmall-GetPartialView = 0
AttractionListNear_2xN-GetPartialView = 0
DestinationListNear-GetPartialView = 0,0624996
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AttractionListMapMultiplePin-GetPartialView = 0
AttractionFilterListOther-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Alcamo

HotelSearch-GetPartialView = 0
ItineraryListSmall-GetPartialView = 0

La guida da portare con te

Scarica gratis
la guida pdf di Alcamo
GuideList-GetPartialView = 0

La valigia della settimana dal 25-09 al 01-10

WeatherInfoSuggestedClothing-GetPartialView = 0
CommonInfoZoneInfo-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0