×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

St Malo: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0,0156263
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0

La città di Saint-Malo (che prende il suo nome da un monaco gallese, Mac Low, venuto per evangelizzare il paese nel VI secolo) sorge dove un tempo si trovava Aleth, città gallo-romana sede della Legione di Marte, poi distrutta con la caduta dell’Impero Romano dagli Alani e dai Sassoni. Nella prossimità di Aleth venne costruita Saint-Malo nel dodicesimo secolo, scegliendo come luogo deputato un isolotto roccioso.

La città fu da subito famosa per i suoi marinai e i suoi navigatori, e fin dal Medioevo fu un importante snodo del commercio marittimo. Nei secoli successivi divenne la più importante città corsara, che ospitava gli avventurieri che lavoravano per conto del re e avevano l’autorizzazione a combattere i nemici. Che, tradizionalmente, erano gli inglesi: basta guardare, ancora oggi, la statua di Robert Surcouf, il celebre corsaro che con la mano indica la direzione dell’Inghilterra, la terra da combattere.

Da Saint-Malo sono partiti numerosi grandi esploratori, come Jacques Cartier, che tentò – come Colombo – di arrivare in Oriente passando da Occidente ma trovò sulla sua strada il Canada, prendendone possesso per conto del Re di Francia Francesco I. Fu nel Cinquecento che Saint-Malo si aprì ancora di più al commercio e alla marineria: in particolare, erano considerate particolarmente pescose, per il merluzzo, le coste di Terranova, vicine al Canada, e molti pescatori si diressero lì. L’abilità di navigatori di Saint-Malo permise loro di raggiungere i quattro angoli del mondo: ad esempio le Falklands, le remote Isole Malvine vicino all’Argentina teatro della guerra tra il paese sudamericano e l’Inghilterra, prendono il nome di “Malvine” proprio perché scoperte da “malouins”, cioè abitanti di Saint-Malo.

La città rimane un po’ tagliata fuori dalla rivoluzione industriale ma torna a crescere nel ventesimo secolo, diventando una rinomata meta turistica. La seconda guerra mondiale, come accadde anche a molti altri centri della Bretagna, inferse gravi ferite e Saint-Malo, che venne quasi distrutta dai bombardamenti americani e poi ricostruita in stile più moderno.

Com’è facile immaginare per una città così legata alla sua identità marina, anche la cucina di Saint-Malo prende molto dal mare. In genere, com’è noto, tutta la Bretagna è il paradiso dei granchi, delle ostriche, delle cozze, degli scampi, dei merluzzi, dei branzini; in particolare il periodo da settembre ad aprile è il migliore per gustare le eccellenti ostriche. Ma ancora più caratteristiche a Saint-Malo sono le celebri capesante, che danno vita a piatti eccellenti e a vassoi di crudo di mare che fanno la gioia degli estimatori. Altri piatti tipici sono le crepes, immancabili e da farcire in mille modo, dolci e salati, e la più spessa galette di grano saraceno. Il martedì e il venerdì mattina a Saint-Malo c’è il tradizionale mercato che consente a tutti di acquistare il pesce delizioso e i molluschi che vengono portati freschi direttamente dalle barche. Altre regioni francesi sono sicuramente molto più note per quanto riguarda i vini, ma qui a Saint-Malo si possono gustare comunque ottime birre bretoni, il sidro, il calvados, e non manca mai il muscadet della Loira da abbinare ai frutti di mare locali.

Per quanto riguarda le personalità che hanno legato il loro nome a Saint-Malo il più famoso è stato sicuramente François-René de Chateaubriand, il padre del Romanticismo francese e tra i massimi scrittori a cavallo tra il diciottesimo e il diciannovesimo secolo.

Saint-Malo ospita un grande numero di eventi durante l’anno, anche se è soprattutto in estate che si moltiplicano gli appuntamenti. Tra questi, il Festival del Fumetto, il Festival della Musica nel Mondo, il Festival Internazionale di Musica Rock e soprattutto moltissime regate.

CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni St Malo

lella
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 6
Guida generale : meravigliosa! severa e affascinante... ristorantini meravigliosi, cozze , ostriche e frutti di mare...le maree sono incantevoli e stupefacenti...spiaggie bellissime... io l'ho vista anche con una mareggiata stupenda...un vero coup de coeur!
Barbara
Livello 9     1 Trofeo   
Voto complessivo 9
Guida generale : Fantastico connubio di arte, storia, cultura e modernità. Davvero una meta imperdibile.
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0,0156257
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

FreeContentHtml-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0