×
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Accetta | Leggi altro
HeaderMain-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderContext-GetPartialViewNoCache = 0
HeaderBreadcrumb-GetPartialViewNoCache = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Rouen: la guida completa e aggiornata  

HeaderPageTitle-GetPartialViewNoCache = 0
DestionationGallery-GetPartialView = 0
GuidePdfAppDownloadRow-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Rouen, capitale della Normandia, si trova nella bassa valle della Senna, che attraversa la città; il mare – cioè la Manica, che separa la Francia dall’Inghilterra – è distante circa 60 chilometri, mentre Parigi è a 130 km.

La città di Rouen ha una grande importanza per la storia di Francia, e numerosi eventi di grande rilievo sono avvenuti proprio qui. Fondata dai celti Veliocassi, venne poi rifondata dai romani con il nome di Rotomagus, quando Giulio Cesare conquistò la Gallia. Rotomagus crebbe fino a diventare la seconda città di tutta la Gallia, seconda solo a Lugdunum, cioè Lione.

Nel quarto secolo dopo Cristo cominciarono però le invasioni barbariche, fin quando il re Carlo III di Francia, nel 911, non fu costretto a cedere al re dei Vichinghi Rollone tutta l’Alta Normandia in cambio di un giuramento di vassallaggio e dell’impegno da parte degli invasori a cristianizzarsi con il battesimo.

Nacque quindi il ducato di Normandia, con Rouen come capitale, che prosperò e divenne, grazie alla Senna, un importantissimo porto commerciale nei traffici con Parigi. Nel 1066, per opera di Guglielmo il Conquistatore, i duchi di Normandia diventano anche re d’Inghilterra. Il Ducato di Normandia tornò a fare parte del regno di Francia nel 1204, quando Filippo Augusto conquistò Rouen dopo 40 giorni di assedio. Anche con il cambiamento di sovranità la città rimase molto ricca, in particolare per i prodotti della manifattura tessile.

Per Rouen comunque i travagli non erano finiti, visto che nel 1419 Enrico V d’Inghilterra, durante la Guerra dei Cent’anni, la riconquistò riattaccandola alla corona inglese. In questi anni venne anche catturata e bruciata sul rogo Giovanna d’Arco. La città continuò a crescere anche durante il Rinascimento, e molti dei più bei palazzi di Rouen risalgono proprio a questo periodo: la manifattura laniera e la metallurgia continuavano ad essere settori di grande ricchezza, insieme alla pesca.

Coinvolta nelle guerre di religione nel sedicesimo secolo, Rouen attraversò un nuovo periodo di grande prosperità nell’Ottocento. Malgrado tutti i principali monumenti siano sopravvissuti ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, questi furono molto violenti, in particolare nella “settimana rossa” del 1944.

La valle della Senna da queste parti è importante soprattutto per il settore agricolo, alimentare, chimico, petrolchimico, ed è di grande importanza anche il porto fluviale di Rouen.

Fra gli eventi più interessanti di Rouen ricopre sicuramente un ruolo molto importante l’Armada, un grande raduno che si tiene ogni 5 anni a giugno dove arrivano i più grandi velieri del mondo, barche militari, battelli di ogni tipo. Rouen celebra poi Giovanna d’Arco ogni anno, a fine maggio e inizio giugno, con un mercato medievale nella piazza della Cattedrale e con diverse attività in costumi d’epoca, con celebrazioni religiose e con concerti.

A marzo si tiene anche un interessante festival del cinema nordico, a settembre invece c’è la Fete du Ventre et de la Gastronomie. Per quanto riguarda i piatti tipici di Rouen, sono quelli che più caratterizzano la cucina normanna. In particolare una delle specialità più popolari è senza dubbio il Caneton Rouennais, che ha anche una sua associazione di cuochi specializzati, l’Ordre des Canadiers: l’anatra – che viene letteralmente strozzata per la realizzazione di questo piatto, di certo non adatto ad amanti degli animali o vegetariani – è pressata e cotta al forno insieme a una salsa al vino rosso dove vengono cotti anche fegato, cuore e sangue.

Meno macabri sono i dolci come les larmes de Jeanne d’Arc, mandorle tostate e glassate al caramello o al cioccolato. Tra le persone che più hanno legato la loro vita a Rouen Giovanna d’Arco, che qui venne arsa viva, il grande tragediografo Pierre Corneille, che a Rouen nacque e trascorse gran parte della sua vita, Gustave Flaubert, il celebre scrittore, nato qui come figlio secondogenito del chirurgo Achille-Cléophas Flaubert (per chi fosse interessato all’infanzia di Flaubert il consiglio è di visitare in città il Musée Flaubert et d’Histoire de la Médicine).

Fuso Orario:
UTC+1
Nome Abitanti:
Rouennais
CommonInfoPlaceIntro-GetPartialView = 0

Valutazione generale

14
Media
4
Ottimo
3
Buona

Chi c'è stato

Tutti
4
Famiglie
3
Coppie
3
Giovani e single
2
Turisti maturi
1

Indicatori

mangiare e bere
Accoglienza
Accessibilità
Sicurezza
Attrattive
shopping
Alloggio
convenienza
Intrattenimento
Trasporti
Servizi ai turisti
attività
IntroInfographicGenericContainer-GetPartialView = 0
CommonPluginEuropeAssistence-GetPartialView = 0

Recensioni Rouen

Conosci Rouen? Lascia il tuo giudizio

Il tuo contributo può essere utile per altri turisti
Sposta il cursore verso l' aggettivo che meglio rappresenta questa destinazione
Generale:
Orrenda
Meravigliosa
Roberto
Voto complessivo 9
Guida generale : Città estremamente piacevole ed accogliente. Bellissima architettura nel centro storico con negozi, antiquari, gallerie di sicuro interesse. Splendido lo spettacolo di Luci e Suoni in piazza della Cattedrale (periodo estivo, fino a tutto settembre). Da visitare il Museo delle Belle... vedi tutto Arti, interessante anche sotto il profilo architettonico.
Andrea Veronese
Livello 0     0 Trofeo   
Voto complessivo 4
Guida generale : Città da vedere se si sta facendo il giro della Normandia. Da non tralasciare anche tutto il territorio attorno alla città, in piena campagna e foresta, e il tratto lungo la Senna. Architetture normanne caratteristiche: Abbazia e Cattedrale, Via dell'Orologio... vedi tutto (Rue du gros horloge). Mangiare la tipica galette normanna di grano nero.
Voto complessivo 7
Guida generale : Città deliziosa e ricca di fascino. Le persone sono molto gentili!
Voto complessivo 7
Guida generale : come tutte le capitali ha il suo fascino, Rouen è considerata la capitale dell'alta Normandia
Giorgio
Voto complessivo 5
Guida generale : Bellissima,ci siamo stati nel 1994, a maggio!
Horacio Teodoro Parenti
Voto complessivo 3
Guida generale : Una de las ciudades màs bellas de Francia y, por lo tanto, della Europa
IntroReviewListContainer-GetPartialView = 0

Destinazioni vicine a Rouen

DestinationListNear-GetPartialView = 0
VideoListGuideNewsletter-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0

Cerca offerte a Rouen

HotelSearch-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0





FreeContentHtml-GetPartialView = 0

Tipi di vacanza

Arte e cultura
Enogastronomia
Shopping
Mete romantiche
Avventura
Sport
Studenti
DestinationListExperience-GetPartialView = 0
AttractionListBest_1xN-GetPartialView = 0
JoinUs-GetPartialView = 0

Meteo Rouen

Sereno
17 °
Min 316° Max 3051°
WeatherInfoForecastSmall-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0
Footer-GetPartialView = 0
AdvValica-GetPartialView = 0